51.917.936
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

Macron sulla tolda del Titanic eurozona

lunedì 8 maggio 2017

Quando un'azienda fallisce, ci sono solo due possibilità: la prima, che l'imprenditore sia un incapace (trascuro l'ipotesi farabutto), la seconda, che il business dell'azienda sia sbagliato e cioè che non produca reddito ma perdite. 

La Ue e nello specifico la zona euro, basandoci unicamente sui dati ed escludendo quindi opinioni - per altro pessime - che abbiamo rispetto la sua stessa esistenza, è come un'azienda fallita: produce povertà, è stretta dentro una morsa fatta di tasse e crescita ridicola, è zavorrata da disoccupazione di massa e ha preso una direzione economica e finanziaria a dir poco nefasta, tanto è vero che la Bce ha portato sotto lo zero il tasso di interesse e costantemente aquista a colpi da 60 miliardi al mese titoli di stato dell'eurozona che altrimenti per essere venduti dovrebbero pagare interessi insopportabili. 

Quindi, delle due, l'una: l'eurozona è in queste condizioni perchè governata da incapaci, nello specifico la Commissione Ue e la direzione della Bce, ovvero Draghi, oppure il "business" su cui basa la sua esistenza, ovvero la moneta unica europea, è sbagliato.

Escludo categoricamente che Draghi sia un incapace. Anzi, Draghi ha compiuto tutte le mosse, sempre più disperate, per tentare di fare sopravvivere l'eurozona, ovvero l'euro. Credete che sia normale, che il denaro non renda nulla anzi costi a chi lo possiede? E credete sia normale che una banca centrale spenda 120.000 miliardi di vecchie lire ogni mese per evitare la bancarotta di intere nazioni che usano la "merce finanziaria" che lei produce, cioè il denaro denominato euro?

Se lo pensate, siete pazzi. Pazzi o ignoranti come pali. Sono due anomalie mostruose. E anche la Commissione europea, tolto lo sgangherato Juncker, è formata da tecnocrati preparati, ma anche loro sono disperati quanto Draghi: non sanno più che fare, per mantenere in piedi l'azienda fallita denominata "eurozona". Proprio così: da una parte, non possono permettere allentamenti di bilancio (che in Italia vengono chiamati "flessibilità") perchè l'azionista di maggioranza dell'azienda eurozona - la Germania - assolutamente non vuole. Dall'altra non possono costringere la Bce a stampare moneta e inflazionare davvero l'euro perchè ancora una volta l'azionista di maggioranza, sempre quello, lo vieta.

Rimangono solo le tasse, e le tasse non producono crescita, ma depressione dell'economia. E infatti è il risultato che continuano ad ottenere. Pensate che fuori dall'eurozona e rimanendo nella Ue, tutte le nazioni che non usano l'euro hanno una previsione di crescita nel 2017 superiore alla Germania. Vale per l'Albania, quanto per la Romania, per non dire dell'Ungheria, della Polonia, della Repubblica Ceca, perfino della Slovacchia e non ultimi gli stati del Nord Europa esclusa la Finlandia che ha l'euro e va malissimo.

Ora, in questo quadro che come avrete notato non c'entra un accidenti con le elezioni in Francia piuttosto che in Germania, è arrivato il signor Macron all'Eliseo. Il quale, al di là del fatto che sia stato votato dalla minoranza dei francesi e anche sorvolando sul personaggio che sarebbe personalmente e professionalmente parecchio discutibile, ha in programma - pensate - di far spendere 50 miliardi di euro allo stato con investimenti pubblici, ha in programma di tagliare le tasse alle famiglie, alle imprese e ai lavoratori. 

Questo programma è una bufala di dimensioni epiche, e infatti i "mercati" della zona euro non hanno brindato a Macron, al contrario hanno segnalato sofferenza, a partire dalla Borsa di Parigi in profondo rosso. Non solo: il governo tedesco si è affrettato a 12 ore dalla sua elezione a dichiarare che non permetterà la creazione degli eurobond, unica possibilità per Macron di spendere a piene mani soldi pubblici e tagliare le tasse senza far esplodere il debito pubblico francese, già molto oltre il limite nel rapporto col Pil. E la Germania ha anche precisato che non esiste alcun piano "franco-tedesco" di investimenti pubblici. In aggiunta, sempre a 12 ore dall'elezione di Macron, anche Juncker s'è sentito in dovere di dire che lo stato francese "spende troppo e male". Un altro avviso chiaro per Macron.

Morale della favola: non c'è modo di far continuare un'impresa fallita se le ragioni del fallimento sono immodificabili. Non c'è altro da dire. Macron incluso. 

Max Parisi

 



 
Ultimi articoli pubblicati

SOLIDARNOSC SCENDE IN PIAZZA A VARSAVIA CONTRO LA UE: GIU' LE MANI DALLA POLONIA! ABBIAMO GIA'

SOLIDARNOSC SCENDE IN PIAZZA A VARSAVIA CONTRO LA UE: GIU' LE MANI DALLA POLONIA! ABBIAMO GIA' BATTUTO L'URSS, ATTENTI!
lunedì 18 settembre 2017
LONDRA - Probabilmente nessuno e' a conoscenza del fatto che sabato scorso migliaia di polacchi hanno protestato davanti l'ufficio di rappresentanza della Commissione europea a Varsavia e la cosa non deve sorprendere visto che nessuno in Italia ha riportato questa notizia. Il motivo di questa
Continua
 

UN SIRIANO (ARRIVATO DALL'ITALIA) E UN IRAKENO, I TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO TENTATO LA STRAGE A

UN SIRIANO (ARRIVATO DALL'ITALIA) E UN IRAKENO, I TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO TENTATO LA STRAGE A LONDRA NELLA TUBE
lunedì 18 settembre 2017
LONDRA - Ha un nome e un volto, almeno sulla stampa britannica, un dei due arrestati per la bomba sulla metropolitana di Londra di venerdì: si tratta di Yahya Faroukh, 21 anni, rifugiato siriano, che ha vissuto in Surrey con i genitori affidatari, i pensionati Penelope e Ronald Jones, la cui
Continua

LA FRANCIA DICHIARA GUERRA AI MOTORI DIESEL DI AUTO E CAMION, SUPER INQUINANTI: NUOVA TASSA FINO A

LA FRANCIA DICHIARA GUERRA AI MOTORI DIESEL DI AUTO E CAMION, SUPER INQUINANTI: NUOVA TASSA FINO A 10.500 EURO-ANNO
lunedì 18 settembre 2017
PARIGI - La Francia dichiara guerra ai motori diesel. Il governo francese prevede un inasprimento della tassa "bonus-malus" sulle emissioni inquinanti degli scarichi delle automobili, soprattutto di quelle diesel: lo scrive il quotidiano economico "Les Echos" ricordando come gia' ora in Francia
Continua
 

DAL PALCO - PER LA PRIMA VOLTA BLU, COLORE DEL NAZIONALISMO - MATTEO SALVINI LANCIA IL ''NEW DEAL''

DAL PALCO - PER LA PRIMA VOLTA BLU, COLORE DEL NAZIONALISMO - MATTEO SALVINI LANCIA IL ''NEW DEAL'' DELLA NUOVA LEGA
domenica 17 settembre 2017
PONTIDA - Da Pontida, Matteo Salvini ha lanciato messaggi chiari: law and order per il Paese, e un new deal - un nuovo corso - per giustizia, economia, sociale, Europa. "Mano libera alla Polizia", ha detto, e con questo si è riferito alla assoluta mecessità di liberare l'Italia da
Continua

LA CATALOGNA DISOBBEDISCE AL GOVERNO SPAGNOLO, MADRID VUOLE USARE LA FORZA PER IMPEDIRE IL

LA CATALOGNA DISOBBEDISCE AL GOVERNO SPAGNOLO, MADRID VUOLE USARE LA FORZA PER IMPEDIRE IL REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA
venerdì 15 settembre 2017
BARCELLONA - "A meno di 20 giorni dal referendum qualcuno crede davvero che non voteremo?". E' la frase con cui il presidente della Catalogna Carles Puigdemnt "sfida" il governo di Madrid, sottolineano i media spagnoli presentando l'affollato via alla campagna elettorale che si e' tenuto ieri a
Continua
 

CAOS AFRICANI: SPAGNA SCHIERA L'ESERCITO, BARCONI BLOCCATI IN MARE DA MILIZIE, POLONIA MINACCIATA

CAOS AFRICANI: SPAGNA SCHIERA L'ESERCITO, BARCONI BLOCCATI IN MARE DA MILIZIE, POLONIA MINACCIATA DI ESPULSIONE DALLA UE
giovedì 14 settembre 2017
LONDRA - "La Spagna - riferisce il prestigioso quotidiano britannico The Times - sta rafforzando le sue difese alla frontiera per contrastare l'aumento dell'afflusso di migranti dal nord Africa, mentre il governo italiano e' stato costretto ad accantonare il disegno di legge sulla cittadinanza per
Continua

CONFINDUSTRIA SCATTA LA FOTO DEL DISASTRO DISOCCUPAZIONE DEI GIOVANI: 260.000 ANDATI ALL'ESTERO

CONFINDUSTRIA SCATTA LA FOTO DEL DISASTRO DISOCCUPAZIONE DEI GIOVANI: 260.000 ANDATI ALL'ESTERO (LAUREATI QUASI TUTTI)
giovedì 14 settembre 2017
La fuga dei giovani all'estero, legata alla mancanza di lavoro, altro che "aumento dell'occupazione" come invece sbandiera il governo Pd, costa all'Italia un punto di Pil all'anno, circa 14 miliardi di euro. E negli ultimi sei anni - tutti di governi a maggioranza Pd - il fenomeno ha subito
Continua
 

WALL STREET JOURNAL: ''LA UE NON HA IMPARATO NULLA DALLA BREXIT: AVANTI COSI' E ALTRI STATI

WALL STREET JOURNAL: ''LA UE NON HA IMPARATO NULLA DALLA BREXIT: AVANTI COSI' E ALTRI STATI LASCERANNO L'UNIONE''
giovedì 14 settembre 2017
NEW YORK - Il Wall Street Journal, principale quotidiano economico mondiale, dedica un duro editoriale pubblicato oggi in prima pagina al discorso sullo stato dell'Unione europea del presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker. "Nel corso del suo intervento, ieri, Juncker ha illustrato le
Continua

NORVEGIA VIRA A DESTRA: DOPO 30 ANNI VINCE DI NUOVO IL CENTRODESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICO E

NORVEGIA VIRA A DESTRA: DOPO 30 ANNI VINCE DI NUOVO IL CENTRODESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICO E ANTI MIGRANTI
martedì 12 settembre 2017
OSLO - La coalizione di centrodestra, nazionalista e contraria all'invasione di migranti in Europa, guidata dalla premier uscente Erna Solberg ha vinto le elezioni legislative in Norvegia. A scrutinio ultimato, il blocco guidato dalla premier uscente ha ottenuto 89 dei 169 seggi, una maggioranza
Continua
 

CRISI FINANZIARIA A BREVE (IN ITALIA) PER SVALUTARE L'EURO MA LA GERMANIA NON RIDE: 40% CON MENO DI

CRISI FINANZIARIA A BREVE (IN ITALIA) PER SVALUTARE L'EURO MA LA GERMANIA NON RIDE: 40% CON MENO DI 50 EURO IN BANCA
venerdì 8 settembre 2017
Dalla Germania è ripreso l’uso dell’artiglieria pesante contro Draghi ed il QE, ovvero l’acquisto di titoli (soprattutto di debito pubblico) da parte della BCE e della sua politica di tassi a zero. Ad intervenire a gamba tesa, oltre i soliti Schauble e il governatore della
Continua

PRIMA I LAVORATORI BRITANNICI, POI TUTTI GLI ALTRI: ECCO LA BREXIT (SERVIRA' ANCHE IL PASSAPORTO,

PRIMA I LAVORATORI BRITANNICI, POI TUTTI GLI ALTRI: ECCO LA BREXIT (SERVIRA' ANCHE IL PASSAPORTO, PERMANENZA 3-6 MESI)
mercoledì 6 settembre 2017
LONDRA - Il quotidiano britannico "The Guardian" pubblica oggi un documento di 82 pagine trapelato - ma meglio è dire lasciato trapelare - dal ministero dell'Interno del Regno Unito, che risale allo scorso mese di agosto, contenente dettagliate proposte sulla gestione dell'immigrazione dopo
Continua
 

LA ''GUERRA DEI ROMPIGHIACCIO'' AL POLO NORD: ASSALTO DI CINA RUSSIA E STATI UNITI ALLE RISORSE DI

LA ''GUERRA DEI ROMPIGHIACCIO'' AL POLO NORD: ASSALTO DI CINA RUSSIA E STATI UNITI ALLE RISORSE DI UN LUOGO INCONTAMINATO
martedì 5 settembre 2017
Il rompighiaccio della Guardia costiera statunitense Uscgc Healy da 16.400 tonnellate di dislocamento, uno dei due soli rompighiaccio polari in servizio nelle Forze armate Usa, manovra al centro di una regione che si prefigura sempre piu' come teatro di primo piano nell'arena geopolitica
Continua

INCHIESTA ESPLOSIVA DEL FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG SULLA LIBIA: RAPPORTI TRA MILIZIE ISLAMICHE,

INCHIESTA ESPLOSIVA DEL FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG SULLA LIBIA: RAPPORTI TRA MILIZIE ISLAMICHE, ISIS E ITALIA
martedì 5 settembre 2017
La stampa tedesca con il suo principale quotidiano, il Frankfurter Allegemeine Zeitung, vuole vederci chiaro, sull'improvviso blocco degli africani in Libia che ora non partono più verso l'Italia e oggi la FAZ pubblica in prima pagina un vasto - quanto spaventoso - reportage. "Il Sindaco di
Continua
 

LA MERKEL E SCHULZ CONTRO L'ENTRATA DELLA TURCHIA NELLA UE E SCATTA L'ALLARME SULLE COMUNITA'

LA MERKEL E SCHULZ CONTRO L'ENTRATA DELLA TURCHIA NELLA UE E SCATTA L'ALLARME SULLE COMUNITA' ISLAMICHE IN GERMANIA
martedì 5 settembre 2017
BERLINO - L'annuncio, durante il dibattito tra i candidati alla Cancelleria tedesca Angela Merkel e Martin Schulz, che entrambi intendono interrompere i negoziati di adesione della Turchia all'Unione europea, ha suscitato una reazione quasi immediata da parte del portavoce del presidente turco
Continua

DOPO LA TOYOTA ANCHE LA NISSAN INVESTE FORTI CAPITALI IN GRAN BRETAGNA GRAZIE ALLA BREXIT:

DOPO LA TOYOTA ANCHE LA NISSAN INVESTE FORTI CAPITALI IN GRAN BRETAGNA GRAZIE ALLA BREXIT: PRODURRA' 600.000 AUTO L'ANNO
lunedì 4 settembre 2017
LONDRA - Da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE tutti i giornali di regime non hanno fatto altro che sottolineare come questa decisione finira' per danneggiare l'economia britannica. Peccato che i dati dimostrino il contrario visto che le cose non sono mai andate meglio
Continua
 

LA MERKEL E SCHULZ PRESENTANO I PROGRAMMI ELETTORALI CON IN COMUNE UNA NUOVA LEGGE SUI MIGRANTI SU

LA MERKEL E SCHULZ PRESENTANO I PROGRAMMI ELETTORALI CON IN COMUNE UNA NUOVA LEGGE SUI MIGRANTI SU MODELLO AUSTRALIANO!
domenica 3 settembre 2017
BERLINO - Mentre in Italia si discute, senza risultati, sulla legge elettorale e i partiti tengono ancora nascoste le carte da giocare in campagna elettorale che porterà molto probabilmente alle elezioni nella prossima primavera, in Germania si è agli sgoccioli per il voto. Il
Continua
 

 
Editoriali

L'Italia finirà nella primavera del 2018

Cos'è il cu-e che si scrive QE? Se state leggendo questo giornale, significa che sapete rispondere alla domanda, ma la domanda giusta è un'altra:

Berlusconi diventa nazionalista?

"Serve una nuova moneta per riprenderci la sovranità monetaria. Conservare l'euro per le importazioni e le esportazioni e con una nuova moneta interna

UE A DUE VELOCITA' = DUE EURO DIFFERENTI

La Germania propone - ma si può scrivere tranquillamente: impone - l'dea della Ue a due velocità. Una Ue, quindi, che si divide in due gruppi di

Due parole per Salvini, Meloni e Grillo

Posso dirlo con franchezza? Ma chi se ne frega, della legge elettorale. Non esiste una "buona" legge elettorale, perchè sarà sempre "buona" per

Vogliamo cambiare il futuro dell'Italia

Cari amici, cari lettori, la ragione del silenzio del Nord.it iniziato prima di Natale dell'anno scorso è presto detta: abbiamo fatto nascere - ed

Mi sento come Sarah Connor.

Più si avvicina la data, no, non del referendum, del fallimento - pardon, del bail in - di Mps e più mi viene in mente Sarah Connor quando disse

La lezione di Donald Trump per Matteo Salvini.

Donald Trump ha vinto perchè lo hanno votato tutti gli americani. Bella forza, direte, è ovvio. No, non è così ovvio: lo hanno

L'italiano medio e la troia...

L'italiano medio non ha neppure la vaga idea, di quanto accadrà da qui a un mese alle banche italiane. Pensa - ammesso ci abbia mai pensato almeno una

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IL SINDACO DI MILANO GIUSEPPE SALA SARA' PROCESSATO PER FALSO (EXPO)

19 settembre - MILANO - L'attuale sindaco di Milano andrà a processo. La Procura
Continua

BUTTANO NEL CESSO DECINE DI MIGLIAIA DI EURO E LO INTASANO, ARRIVA

19 settembre - Dovete far sparire migliaia di euro e non volete che si risalga a voi?
Continua

GIORGIA MELONI: INTOLLERABILE QUANTO FATTO ALLA LEGA

19 settembre - Tengo molto alla presenza di Matteo Salvini perche' ritengo
Continua

SALVINI SCRIVE AI MILITANTI: GRAZIE PER LA DIMOSTRAZIONE DI

19 settembre - MILANO - Matteo Salvini ha inviato ieri sera una lettera di
Continua

5 AFRICANI ''RICHIEDENTI ASILO'' METTONO IN PIEDI UN FIORENTE

19 settembre - Cinque immigrati africani - provenienti da Gambia, dal Camerun e dal
Continua

MACRON SEMPRE MENO GRADITO AI FRANCESI: 56% LO GIUDICA NEGATIVAMENTE

19 settembre - PARIGI - La popolarità di Emmanuel Macron continua a scendere, con un
Continua

SONDAGGIO SICILIA: MUSUMECI 42% CANCELLIERI 25% FAVA 25% MICARI 8%

18 settembre - ''Un sondaggio dell'Istituto Piepoli, commissionato da noi, danno Nello
Continua

ASSOCIAZIONE ANTIUSURA A PARMA PER EVADERE LE TASSE: 8 ARRESTI, 26

18 settembre - La guardia di finanza di Parma, dopo oltre due anni di indagini, ha
Continua

VIOLENTATA E RAPINATA A VILLA BORGHESE DONNA TEDESCA DI 57 ANNI

18 settembre - ROMA - Una donna di 57 anni e origini tedesche è stata trovata questa
Continua

PAGANO (NCS): ALLARME AFRICANI, SBARCHI FANTASMA NELL'AGRIGENTINO

18 settembre - ''C'e' o no una nuova rotta tunisina di clandestini verso la Sicilia? Il
Continua
Precedenti »