48.369.114
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA LEGA VINCE E CONVINCE.

lunedì 12 giugno 2017

Gli jettatori sono serviti: la Lega di Salvini vince e convince gli elettori italiani, chiamati in quasi dieci milioni alle amministrative di domenica 11 giugno in tutta Italia, da Nord a Sud. Il risultato forse più emblematico Salvini lo ha ottenuto in Liguria: la Lega è il primo partito del centrodestra a Genova, e trascina il candidato sindaco unitario Marco Bucci - ottima persona - al primo posto al ballottaggio. 

Non era mai avvenuto in tutta la ormai trentennale storia del Carroccio. E Noi con Salvini aiuta e non poco molti candidati del centrodestra ad arrivare al ballottaggio in Centro Italia e Meridione. Il fatto che Salvini vincesse la sfida delle amministrative non era dato per scontato, anzi, qualcuno ha perfino tirato un colpo basso a pochi giorni dal voto, con un sedicente movimento "grande nord" alla cui presentazione a Milano era presente addirittura Umberto Bossi. 

L'aspetto centrale dell'affermazione della Lega di Salvini sta nell'avere dimostrato che con un'alleanza nel centrodestra nella quale la Lega ha un ruolo protagonista, ma non di unico protagonista, il centrodestra vince. E che non è affatto vero che le posizioni chiare e nette della Lega di Salvini su invasione africana, euro e Ue spaventino l'elettorato. Al contrario, lo catalizzano e portano alla vittoria l'alleanza.

Ma è proprio il "laboratorio ligure" a dimostrare che sia possibile e auspicabile l'alleanza Lega Forza Italia là dove il leader ormai in primo piano sulla scena del partito fondato da Silvio Berlusconi finalmente c'è e si chiama Giovanni Toti.  Il Governatore della Liguria ha dimostrato d'avere la caratura per ambire a prendere il posto di Berlusconi, che in questa campagna elettorale è stato non a caso assente. Non voglio arrivare a dire che l'abbia fatto apposta sperando in un flop della "cordata" Toti-Salvini-Meloni, ma di sicuro quanto accaduto di positivo - ed è rilevante - in Liguria non è merito di Berlusconi, ma di Toti e Salvini e Meloni assieme 

Per il resto, la conferma della buona salute della Lega di Salvini in Lombardia e Veneto è, come dire, scontata, anche se in politica di scontato non c'è mai nulla. Non mi aspettavo di sicuro una caduta della Lega nei suoi territori di nascita, la vera scommessa che Matteo Salvini ha vinto non era questa. La vera scommessa era vincere e convincere dell'esistenza non episodica e sporadica della Lega fuori da queste due regioni del Nord. E Matteo c'è riuscito mettendo in gioco tutto, ad iniziare da sè stesso, dato che si è speso senza limiti fino allo sfinimento in questa campagna elettorale proprio per far vincere questa sua visione della Lega partito nazionale, prima che nazionalista o "sovranista" che dir si voglia.

Ora ci saranno i ballottaggi, e potranno arrivare altre soddisfazioni o anche qualche delusione, ma non ha più importanza, perchè la vera battaglia è stata combattuta l'11 giugno e questo 11 giugno 2017 segna la conferma della linea politica di Salvini nei fatti, e non solo nei congressi, con tutto rispetto per i congressi, ovviamente. 

La lezione che deriva da queste elezioni riguarda anche la legge elettorale. Gli italiani vogliono far vincere un'alleanza, non un partito. Significa che la legge elettorale già c'è e porta il nome del Presidente della Repubblica. Potrebbe essere introdotta una quota proporzionale magari leggermente maggiore, e magari anche con uno sbarramento leggermente più alto, al 5% anzichè al 4%. 

Ad ogni modo, adesso Matteo Salvini deve - deve - dare ascolto alle ragioni della concretezza: la gente, gli elettori, vogliono il centrodestra unito. Perchè lo sia, Matteo ricordi la regola del "primus inter pares". Fece funzionare per secoli la Repubblica di Venezia. Può portare al governo del Paese il centrodestra, se Matteo Salvini si porrà primus inter pares nella ritrovata nuova coalizione. 

Forza, è l'ora di vincere. 

Max Parisi

 



 
Ultimi articoli pubblicati

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI
giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si legge che: “Il cda di Intesa Sanpaolo ha deliberato con voto unanime la disponibilità
Continua
 

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)
mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul sistema bancario. Il provvedimento è stato approvato all'unanimità con 426 voti
Continua

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE
lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle finanze Padoan continua ad ostentare ottimismo, ma se non si dovessero trovare i fondi per la
Continua
 

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)
lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo che ospita il parlamento europeo a Bruxelles per costruirne uno ancora piu' grande. E sì,
Continua

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA
giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le Figaro" che addirittura avanza l'ipotesi di imminenti dimissioni. La tempesta nasce dallo scandalo
Continua
 

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA
martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal, rilevando che il vettore italiano rischiava di perdere l'accesso allo scalo JFK a causa di mancati pagamenti
Continua

LA UE SI SPACCA SUI MIGRANTI: POLONIA, UNGHERIA, SLOVACCHIA E REPUBBLICA CECA SI ALLEANO CONTRO LE

LA UE SI SPACCA SUI MIGRANTI: POLONIA, UNGHERIA, SLOVACCHIA E REPUBBLICA CECA SI ALLEANO CONTRO LE MINACCE DI BRUXELLES
lunedì 12 giugno 2017
Il ministro dell'Interno polacco, Mariusz Blaszczak, ha annunciato che i governi di Polonia, repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria, hanno rifiutato qualsiasi sanzione imposta da Bruxelles ai Paesi che non accetano i rifugiati - ovvero i richiedenti asilo che a orde di decine di migliaia al mese
Continua
 

LA CORTE DEI CONTI ACCUSA DIRETTAMENTE IL GOVERNO MONTI DI AVERE PROVOCATO UN DANNO ALLO STATO DI

LA CORTE DEI CONTI ACCUSA DIRETTAMENTE IL GOVERNO MONTI DI AVERE PROVOCATO UN DANNO ALLO STATO DI 4,1 MILIARDI DI EURO!
giovedì 8 giugno 2017
Vi ricordate il pianto di cooccodrillo in diretta di Elsa Fornero mentre massacrava le pensioni? Ricordate la sventagliata di tasse messe dal governo presieduto da Monti, le sue costanti bacchettate sulle dita degli italiani colpevoli (a suo dire) di aver vissuto al di sopra delle loro
Continua

I POTERI FORTI EUROPEI VOGLIONO STRANGOLARE DI TASSE GLI ITALIANI: L'OCSE ''CONSIGLIA'' UNA

I POTERI FORTI EUROPEI VOGLIONO STRANGOLARE DI TASSE GLI ITALIANI: L'OCSE ''CONSIGLIA'' UNA PATRIMONIALE SULLA PRIMA CASA
mercoledì 7 giugno 2017
PARIGI -  I poteri forti vogliono che gli italiani siano strangolati da nuove onerose tasse. L'Ocse taglia le stime sull'Italia e "consiglia" il governo Pd di rimettere l'Imu sulla prima casa. La crescita per il 2018 e' vista a +0,8% a fronte del +1% indicato a marzo. Confermata, invece, a +1%
Continua
 

TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA REALIZZATA DA ITALIANI: LA TRASMISSIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA SENZA FILI

TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA REALIZZATA DA ITALIANI: LA TRASMISSIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA SENZA FILI (IDEA DI TESLA)
martedì 6 giugno 2017
Rete elettrica addio: non piu' tralicci, cavi, piloni che impattano sul paesaggio e sull' ambiente, non piu' spine e prese elettriche in casa, il futuro dell'energia e' "senza fili", in un prossimo scenario, sara' infatti una nuova formula legata all'energia e alla massa a trasportare
Continua

LES ECHOS: ''ITALIA RISCHIA DI FINIRE COME LA REPUBBLICA DI WEIMAR'' E IL TIMES: ''L'ITALIA FARA'

LES ECHOS: ''ITALIA RISCHIA DI FINIRE COME LA REPUBBLICA DI WEIMAR'' E IL TIMES: ''L'ITALIA FARA' CROLLARE LA UE''.
martedì 6 giugno 2017
PARIGI - La coalizione di governo in Italia e' sull'orlo di una crisi di nervi: lo scrive il quotidiano economico francese "Les Echos" in un lungo  documentato reportage  pubblicato oggi in prima pagina, in cui il suo corrispondente da Roma, Olivier Tosseri, analizza la situazione
Continua
 

GDF E GICO SMANTELLANO ORGANIZZAZIONE TUNISINA CHE FACEVA ARRIVARE IN ITALIA TERRORISTI ISLAMICI E

GDF E GICO SMANTELLANO ORGANIZZAZIONE TUNISINA CHE FACEVA ARRIVARE IN ITALIA TERRORISTI ISLAMICI E CLANDESTINI
martedì 6 giugno 2017
PALERMO - Dall'alba di questa mattina i Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Palermo, con la collaborazione degli uomini della Compagnia della Guardia di Finanza di Marsala, stanno eseguendo in tutta Italia, al termine di indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di
Continua

BLOOMBERG: LA ROBOTICA CANCELLERA' - E LO STA GIA' FACENDO - CENTINAIA DI MILIONI DI POSTI DI

BLOOMBERG: LA ROBOTICA CANCELLERA' - E LO STA GIA' FACENDO - CENTINAIA DI MILIONI DI POSTI DI LAVORO IN ASIA E IN EUROPA
lunedì 5 giugno 2017
NEW YORK - "Bloomberg" torna ad affrontare il tema del reddito minimo universale, oggetto di un recente studio dell'Ocse, tramite un editoriale a firma di Yuval Noah Harari. Il progresso della robotica e dell'intelligenza artificiale, esordisce l'autore, produrra' quasi certamente un drammatico
Continua
 

IL FUTURO PRIMO MINISTRO DELLA REPUBBLICA CECA: ''L'EURO NON PORTA NIENTE DI BUONO, NE RESTERMO

IL FUTURO PRIMO MINISTRO DELLA REPUBBLICA CECA: ''L'EURO NON PORTA NIENTE DI BUONO, NE RESTERMO FUORI''
lunedì 5 giugno 2017
LONDRA - Probabilmente nessuno ha mai sentito parlare di Andrej Babis e la cosa non deve sorprendere, visto che nessun giornale italiano ha mai parlato di lui. Nato in Slovacchia, questo signore e' stato ministro delle finanze della Repubblica Ceca e i sondaggi lo danno favorito per diventare nel
Continua

TRE TAGLIAGOLE ISLAMICI ATTACCANO A LONDRA: UCCIDONO SEI PERSONE IN STRADA PRIMA CHE LA POLIZIA LI

TRE TAGLIAGOLE ISLAMICI ATTACCANO A LONDRA: UCCIDONO SEI PERSONE IN STRADA PRIMA CHE LA POLIZIA LI AMMAZZI
domenica 4 giugno 2017
LONDRA - I tagliagole islamici lo hanno rifatto, hanno aggredito persone inermi in pieno centro a Londra. A soli 4 giorni dalla elezioni anticipate, il terrorismo torna a colpire al cuore la Gran Bretagna. Un commando composto da 3 tagliagole islamici armati di coltelli ma che indossavano
Continua
 

GIORNALI ECONOMICI FRANCESI: DUE BANCHE ITALIANE A UN SOLO PASSO DAL FALLIMENTO (IL BAIL IN

GIORNALI ECONOMICI FRANCESI: DUE BANCHE ITALIANE A UN SOLO PASSO DAL FALLIMENTO (IL BAIL IN SCATTERA' IL 30 GIUGNO)
giovedì 1 giugno 2017
PARIGI - Si fa sempre piu' stretta la porta per il salvataggio delle banche venete in difficolta': lo scrive il quotidiano economico francese "Les Echos" oggi in prima pagina in una analisi in cui il suo corrispondente da Roma Olivier Tosseri spiega come Popolare di Vicenza e Veneto Banca non siano
Continua
 

 
Editoriali

Renzi se ne può fregare, della lettera della Commissione europea. Ben altro,

E così, alla fine la lettera è arrivata, da Bruxelles, e Renzi e Padoan l'hanno ricevuta compiendo nel contempo un gesto inedito: l'hanno resa

Il gioco grande: stiamo per far nascere un altro quotidiano online...

Sono, siamo, noi de ilNord.it, inguaribilmente innamorati del giornalismo. Sono, siamo dei sognatori probabilmente, dei visionari, chi lo sa. Sta di fatto, che

Lettera aperta a Beppe Grillo e Matteo Salvini.

Comincio da qui: "Il referendum consultivo si puo' fare. Per poterlo indire e' necessario approvare una legge costituzionale ad hoc come avvenuto nel 1989

Dodici letti per fermare l'apocalisse dell'ebola in Italia.

Le agenzie stampa internazionali hanno messo in rete la seguente notizia: "L'epidemia di ebola rappresenta la sfida piu' grande dalla comparsa dell'Aids: e'

Agli italiani è morto il futuro.

Non penso che agli italiani faccia impressione o crei malumore l'arroganza di Renzi, la sua manifesta ignoranza in Economia seconda solo a quella della

Il turbo capitalismo all'italiana: via le tutele a tutti.

Oltre il 90% delle aziende italiane ha meno di 15 dipendenti, e per loro l'articolo 18 non vale, quindi nessuna possibilità d'essere tutelati contro il

Oggi, la Scozia vota per l'indipendenza, oggi il Pd ha votato per cancellare

In Scozia si vota per l'Indipendenza, a Roma in commissione il Pd ha votato per la cancellazione dell'Articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Tutto nello

Il piano segreto della Germania per eliminare Draghi con l'aiuto di Renzi.

Com'era prevedibile, le ultime mosse - ultime in ogni senso - di Draghi non hanno funzionato. L'obbiettivo era deprezzare l'euro ed è stato mancato per

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!