63.971.153
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

Riforma della giustizia? Ecco alcune proposte, neanche troppo originali...

martedì 6 agosto 2013

Le ragioni per le quali la casta della magistratura non vuole alcuna riforma della giustizia sono così evidenti che si corre il rischio di considerarle banali.

Senza la pretesa di "scrivere una riforma" con questo articolo, offro alcuni spunti d'analisi. E alcune proposte.

Inizio dalla struttura dell’apparato giudiziario, riferito al penale. Tre gradi di giudizio, tempi inenarrabili, costi proibitivi (per l’imputato) per arrivare alla Cassazione. Riforma: cancellazione di due dei tre gradi. Sentenza in giudicato al primo (e unico grado) di giudizio. Conseguenze: licenziamento dei due terzi dei magistrati attualmente in servizio. 

Riforma: separazione netta tra accusa e corte giudicante, trasformazione dei pubblici ministeri in “avvocati dell’accusa” su modello americano o anglosassone. Conseguenze: nessuna carriera incrociata tra quella accusatoria (pubblico ministero cioè avvocato dell’accusa) e carriera giudicante.

Riforma: cambiamento del concetto di “corte di giustizia”. Su modello americano, la corte è unicamente popolare. Il giudice dovrà solo “promulgare la pena” e non decidere se l’imputato è innocente o colpevole. Il giudice – uno solo per ogni processo penale – potrà respingere la sentenza della corte e rinviare il processo a una nuova corte, ma dovrà motivare l’atto, che verrà valutato. Se il nuovo processo dovesse confermare la precedente sentenza respinta, il giudice dovrà sottostare ad apposito giudizio valutativo.  Conseguenze: azzeramento delle attuali carriere in magistratura e ulteriore riduzione degli organici, non più necessari.

Riforma: potenziamento dei tribunali con Corti di giustizia grazie alla semplificazione e allo snellimento ottenuti con le riforme appena enumerate. Conseguenze: velocizzazione dei processi con riduzione dei tempi di attesa e di giudizio, ma anche aumento delle giornate lavorative dei magistrati, che diventeranno di 8 ore (obbligatorie) per 11 mesi l’anno, salvo necessità d’urgenza. Le ferie non potranno superare i 25 giorni lavorativi l’anno. 

Riforma: gli stipendi dei magistrati, ovvero dei giudici, saranno aumentati fino alla retribuzione netta di euro 10.000 mensili. Gli stipendi degli “avvocati dell’accusa” saranno allineati a quelli dei giudici, meno il 30%.  Conseguenze: data la forte riduzione di organici, la macchina della giustizia italiana ridurrebbe i costi per lo Stato del 50% fino a un massimo del 70% a regime. 

Ora, domandatevi: perché la magistratura non vuole alcuna riforma della macchina giudiziaria? 

Dal mio punto di vista, i motivi hanno ben poco a che vedere con la difesa della giustizia in quanto tale, e molto a che fare con carriere garantite - pensate, il "criterio" oggi è quello dell'anzianità di servizio. Pazzesco - succulenti stipendi in rapporto alle poche giornate lavorative annuali (45 giorni di ferie, al minimo) e alle poche ore lavorate (mai più di 6 al giorno). Quindi, si tratta di difesa corporativa della casta? D'altra parte, l'abolizione di due gradi di giudizio, l'eliminazione dell'attuale CSM e la trasformazione della Cassazione in Corte Suprema al cui ricorso la legge dovrà dare connotati ben precisi e limitativi, senza per altro bloccare l'esecuzione della sentenza del primo e unico grado di giudizio, è certo che disintegrerà la casta della magistratura italiana. Unica al mondo - nel consesso dei Paesi Occidentali - a godere di così tanti privilegi per così poco lavoro svolto. 

max parisi



 
Ultimi articoli pubblicati

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO
lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio che partecipa in Lussemburgo al Consiglio europeo dei Ministri dell'Agricoltura e della
Continua
 

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI IMPRENDITORI SONO D'ACCORDO)
lunedì 15 ottobre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di attacchi e critiche al governo sul DEF e sull’abolizione della legge fornero. Ovviamente lo spread ha iniziato a salire (ma siamo ancora a poco meno della metà di quanto raggiunto sotto il governo del “salvatore” monti ndr), la
Continua

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE
lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è controllato politicamente dalla sinistra -  fanno a gara per accusare di razzismo e ignoranza chiunque
Continua
 

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''
domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione Lega è ormai una realtà, e quanto prima si diceva a mezza voce per non urtare
Continua

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA''

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA'' (OLIMPIADI INVERNALI 2026)
giovedì 11 ottobre 2018
MOSCA - "Finché non avremo catturato l'orso, non saremo sicuri: incrociamo le dita". Così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, a margine di un incontro con il governatore della regione di Mosca Andrej Vorobiov, che secondo le parole dello stesso Fontana "è
Continua
 

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO CRISI BANCARIE''
giovedì 11 ottobre 2018
NEW YORK - La decisione del governo di fissare il rapporto deficit/Pil al 2,4 per cento ha colto di sorpresa quei fondi esteri che a settembre avevano comprato BTp sulla scommessa che l'esecutivo avrebbe adottato una linea prudente in tema di conti pubblici. Ma se in questi giorni alcuni
Continua

PULLMAN CADDE DAL VIADOTTO DELLA A16 DI AUTOSTRADE PER L'ITALIA: CHIESTI 10 ANNI PER GLI ATTUALI

PULLMAN CADDE DAL VIADOTTO DELLA A16 DI AUTOSTRADE PER L'ITALIA: CHIESTI 10 ANNI PER GLI ATTUALI VERTICI DELLA SOCIETA'
mercoledì 10 ottobre 2018
AVELLINO - Fu una strage immane, che precedette il massacro del ponte di Genova di cinque anni, ma con un bilancio di morti terribilmente simile. Ora, si è arrivati alla fine del processo con le richieste di condanna a carico dei vertici di Autostrade per l'Italia Spa, controllata dalla
Continua
 

DOMENICA 14 OTTOBRE VOTO IN BAVIERA: SPD CROLLERA' CSU CALERA' AL 35% AFD PRONTO AL PRIMO GOVERNO

DOMENICA 14 OTTOBRE VOTO IN BAVIERA: SPD CROLLERA' CSU CALERA' AL 35% AFD PRONTO AL PRIMO GOVERNO DI DESTRA IN GERMANIA
martedì 9 ottobre 2018
MONACO DI BAVIERA - Le elezioni nei land tedeschi non sono mai un evento locale, figuriamoci se questa volta alle urne va la potente e popolosa Baviera. Nove milioni di elettori bavaresi sono chiamati alle urne domenica 14 ottobre per il rinnovo del parlamento. Il voto nel Land più ricco
Continua

IN SVEZIA IL PARTITO NAZIONALISTA ANTI IMMIGRATI DOPO IL TRIONFO DEL 9 SETTEMBRE ALLE POLITICHE,

IN SVEZIA IL PARTITO NAZIONALISTA ANTI IMMIGRATI DOPO IL TRIONFO DEL 9 SETTEMBRE ALLE POLITICHE, ELEGGE ANCHE SINDACI
martedì 9 ottobre 2018
LONDRA - E' passato già un mese dalle elezioni svedesi che hanno visto il trionfo del partito anti-immigrati degli Sweden Democrats che hanno raggiunto il 18%. Al momento le trattative per formare un nuovo governo sono ancora in corso, ma nel frattempo gli Sweden Democrats possono
Continua
 

SPACCIATORI DI DROGA MAROCCHINI MINACCIANO DI MORTE IL SINDACO CHE COMBATTE LO SPACCIO DI

SPACCIATORI DI DROGA MAROCCHINI MINACCIANO DI MORTE IL SINDACO CHE COMBATTE LO SPACCIO DI STUPEFACENTI NEL SUO PAESE
lunedì 8 ottobre 2018
MONTORIO ROMANO (ROMA) - Minacciato di morte per aver dichiarato guerra aperta agli spacciatori che hanno gettato la sua piccola comunita' nel caos, creando un allarme mai visto prima in un paese di 1800 abitanti. E' accaduto a Domenico Di Bartolomeo, sindaco di Montorio Romano, piccolo Comune a
Continua

CLAMOROSO: ANCHE IN SPAGNA NASCE IL PARTITO DELLA NUOVA DESTRA NAZIONALISTA ANTI INVASIONE AFRICANA

CLAMOROSO: ANCHE IN SPAGNA NASCE IL PARTITO DELLA NUOVA DESTRA NAZIONALISTA ANTI INVASIONE AFRICANA E UE DEI BANCHIERI
lunedì 8 ottobre 2018
MADRID - Nasce in Spagna il partito della nuova destra nazionalista, senza legami col passato franchista. Si chiama Vox, la nuova formazione guidata da Santiago Abascal, che ha dimostrato ieri, in un gremito Palazzo di Vistalegre a Madrid, di non volere piu' essere un'alternativa marginale per un
Continua
 

AMBROSE EVANS PRITCHARD SUL TELEGRAPH: ''L'ITALIA NON E' COME LA GRECIA, JUNCKER RISCHIA DI FAR

AMBROSE EVANS PRITCHARD SUL TELEGRAPH: ''L'ITALIA NON E' COME LA GRECIA, JUNCKER RISCHIA DI FAR CROLLARE EURO E UE''
giovedì 4 ottobre 2018
LONDRA  - Il braccio di ferro ingaggiato sul bilancio statale italiano tra la Commissione europea di Bruxelles ed il governo di coalizione formato a Roma dai partiti populisti Movimento 5 stelle e Lega rischia di andare fuori controllo: e' questa l'opinione espressa dal quotidiano conservatore
Continua

NUOVO FARMACO PER IL TRATTAMENTO DELLA SCLEROSI MULTIPLA: UNA SOLA INIEZIONE OGNI SEI MESI. GRANDI

NUOVO FARMACO PER IL TRATTAMENTO DELLA SCLEROSI MULTIPLA: UNA SOLA INIEZIONE OGNI SEI MESI. GRANDI RISULTATI TERAPEUTICI
mercoledì 3 ottobre 2018
E' disponibile in Italia a carico del Sistema sanitario nazionale un nuovo farmaco che rappresenta una nuova soluzione terapeutica per il trattamento della Sclerosi multipla: si tratta di ocrelizumab, efficiente sia per il rallentamento della progressione della patologia sia per un miglioramento
Continua
 

IL MINISTRO SAVONA, VALENTISSIMO ECONOMISTA, ANALIZZA LE CONDIZIONI DELLA UE E LA MIOPIA DEI SUOI

IL MINISTRO SAVONA, VALENTISSIMO ECONOMISTA, ANALIZZA LE CONDIZIONI DELLA UE E LA MIOPIA DEI SUOI VERTICI ATTUALI
mercoledì 3 ottobre 2018
Il ministro per gli Affari europei, Paolo Savona, in un suo intervento su "Milano Finanza" scrive che si sente ripetere che la Francia puo' programmare un deficit di bilancio per il 2,8 per cento del suo Pil, mentre l'Italia non potrebbe, perche' il suo debito pubblico e' inferiore al nostro:
Continua

CARTE DI IDENTITA' FALSIFICATE MATRIMONI SIMULATI: COSI' IL SINDACO DI RIACE HA FAVORITO

CARTE DI IDENTITA' FALSIFICATE MATRIMONI SIMULATI: COSI' IL SINDACO DI RIACE HA FAVORITO L'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA
martedì 2 ottobre 2018
"Ha violato la legge con una allarmante naturalezza". Così si è espresso il procuratore di Locri, Luigi D'Alessio, parlando del sindaco di Riace, Domenico Lucano, finito agli arresti domiciliari con le accuse di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e fraudolento
Continua
 

MARINE LE PEN SUPERA MACRON NEI SONDAGGI PER LE EUROPEE (E INTANTO IL TRIBUNALE RENDE I SOLDI AL

MARINE LE PEN SUPERA MACRON NEI SONDAGGI PER LE EUROPEE (E INTANTO IL TRIBUNALE RENDE I SOLDI AL RASSEMBLEMENT NATIONAL)
lunedì 1 ottobre 2018
LONDRA - Quando lo scorso Luglio una sentenza del tribunale ordino' il sequestro di 2 milioni di euro di fondi appartenenti al Rassemblement National (questo e' il nuovo nome del Front National di Marine Le Pen) i mezzi di informazione hanno parlato di imminente fine di uno dei piu' importanti
Continua
 

 
Editoriali

Il signor Weidmann e gli italiani. Il futuro visto da un pessimista.

Naturalmente posso pensare che alla maggior parte degli italiani il cognome Weidmann risulti sconosciuto. Figuriamoci, alle prese con il proprio posto di

La Stangata.

Matteo Renzi sa benissimo che per salvare le banche italiane dal fallimento servono dai 50 ai 70 miliardi di euro in contanti e che nessuno, a parte lo Stato,

Renzi ha vinto: ha distrutto la Ue e ora gli chiediamo un altro miracolo...

L'agosto dell'anno scorso, scrissi che Renzi stava per farcela a distruggere la Ue con l'immigrazione selvaggia che aveva favorito e aiutato spalancando le

L'Italia che conta da 24 ore è nel panico.

Ieri sera, è accaduto qualcosa che ha fatto sobbalzare l'Italia che conta, facendole passare una notte insonne e una giornata, quella di oggi, da

Due righe per Matteo Salvini.

Che la Lega di Matteo Salvini sia cosa politica ben differente da quella di Umberto Bossi e di Roberto Maroni, è chiaro. Dal grande sogno della Padania

Segnali dal futuro dell'Italia e dell'Europa.

Dentro una serie di straordinari eventi, il 23 giugno prossimo i britannici voteranno per restare o abbandonare la Ue. Il quotidiano filo-renziano e "Ueista"

Dovete decidere, cari italiani: volete soffrire voi, o far soffrire i banchieri

Guardate, il ragionamento è molto semplice: se le banche italiane non contabilizzano in tutto o in parte come perdite quelle che si ostinano a definire

La Commissione europea scrive che tutte le banche italiane hanno i giorni

Chi ha un conto corrente attivo in una banca italiana, sappia che l'Unione europea ha dichiarato ufficialmente - scritto nero su bianco - che è "a

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!