48.362.763
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

Brevi, quasi brevi? Brevissime!

11:26 24-06
POPOLARE VICENZA E VENETO BANCA SONO IN STATO DI INSOLVENZA

La Banca popolare di Vicenza e Veneto Banca ''saranno sottoposte alle procedure italiane di insolvenza''. Lo afferma la Bce, secondo cui ''entrambe le banche stavano fallendo o erano vicine al fallimento''. L'Eurotower ha ''informato il Single Resolution Board (Srb), che ha concluso che non ci sono le condizioni per un'azione di risoluzione''. Sono in stato di insolvenza.

11:17 24-06
LA BCE DICHIARA LA POP. VICENZA E VENETO BANCA ''IN FALLIMENTO O COME FALLITE''

Banche venete al centro della giornata di oggi. Il Governo, infatti, ha garantito in questo fine settimana un intervento finanziario con cui assicurare continuità operativa e tutela dei risparmiatori dopo che l'autorità di vigilanza della Banca Centrale Europea ha dichiarato che Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca sono in una condizione definita ''failing or likely to fail''. (fallite o come fallite). Si attende quindi la riunione del Consiglio dei ministri. Intanto sono in 32 milioni gli italiani che si apprestano a partire per le ferie estive, e come si a le peggiori notizie finanziarie arrivano proprio quando la gente è distratta dalle vacanze, nel caso al mare, viste le temeprature. La notizia della dichiarazione di fallimento della Popolare di Vicenza e di Veneto Banca fatta dalla Bce come certo gli italliani hanno ora scoperto, non è stata data con tutta la sua gravità. Lnedì saranno aprtti gli sportelli? E chi lo sa.

10:21 23-06
SALVINI: SE GRILLO SOSTIENE NOSTRE BATTAGLIE DI GIUSTIZIA, E' BENVENUTO

''Se Grillo sostiene alcune battaglie di giustizia della Lega, se ci aiuta a limitare l'immigrazione clandestina, a chiudere i campi Rom, a cambiare questa Europa, a ridurre la tassazione che in Italia ormai per chi ha un negozio, per chi produce, un agente di commercio, un libero professionista, arriva al 70%; io cosa devo dire 'no ai Cinque Stelle, sono il male assoluto, sono brutti, cattivi e puzzolenti?'. No: se uno mi da' una mano a risolvere i problemi di questo Paese e' benvenuto'': cosi' il segretario della Lega Nord Matteo Salvini questa mattina a Radio Anch'io.

09:23 23-06
NUOVE ACCUSE E NUOVA INCHIESTA SU SALA, SINDACO DI MILANO (SIAMO A DUE...)

MILANO - Il sindaco di Milano Giuseppe Sala risulta indagato dalla Procura generale di Milano che gli contesta l'ipotesi di turbativa d'asta in relazione ad una fornitura di alberi ad Expo. Il fatto è riportato dal Corriere della Sera. Il primo cittadino del capoluogo lombardo - aggiunge il quotidiano - era già stato iscritto nel registro degli indagati per l'ipotesi di falso materiale e ideologico in relazione all'appalto sulla Piastra dell'Esposizione universale del 2015. Ora si è in attesa delle reazioni del sindaco, dato che questa è una nuova accusa che aggiunge gravità alla sua posizione personale. Se Sala mostrasse coerenza, ora dovrebbe ''autosopendersi'' e lasciare l'incarico di sindaco a qualcuno non sotto inchiesta per questi gravi reati.

16:36 22-06
VIKTOR ORBAN: NON ACCETTEREMO MAI LE QUOTE MIGRANTI CHE VORREBBE IMPORRE LA UE

''Non potremo mai dare il nostro accordo'' alle quote per ripartire i migranti, ha avvertito il primo ministro ungherese, Viktor Orban, prima del Consiglio europeo in corso a Bruxelles. Secondo Orban, e' ''facile'' trovare un accordo tra i 28 sulla dimensione esterna della questione migratoria. ''Siamo d'accordo sul fatto che dobbiamo andare in Libia, costruire dei campi di rifugiati li', separare i rifugiati e i migranti economici e condurre 'in loco' le procedure legali'', ha spiegato il premier ungherese. ''Ma i paesi dell'Europa occidentale vogliono liberarsi dei migranti illegali ridistribuendoli con le quote'', ha aggiunto, ''nei paesi che si proteggono e non li lasciano entrare. Su questa questione non potremo mai dare il nostro accordo'', ha detto Orban.

13:56 22-06
GLI AFRICANI S'IMPEGNANO, QUANDO CI GUADAGNANO (SPACCIANDO DROGA) CHIUSO LOCALE

TORINO - Era diventato una base logistica per lo spaccio degli stupefacenti: per questo la polizia ha chiuso per tre mesi il circolo privato 'AfricanDream' in lungo Dora Napoli a Torino. La licenza era gia' stata sospesa nell'ottobre 2015 e nel dicembre 2016. Dai controlli degli scorsi mesi e' emerso che il locale continuava ad essere frequentato da pusher e ricettatori. Un senegalese e' stato arrestato perche' trovato con 46 involucri di cocaina ed eroina e altri suoi due connazionali sono stati denunciati per ricettazione di alcuni telefoni e di un i-pad. Numerosi tossicodipendenti sono stati fermati dopo aver comprato della droga e i residenti avevano piu' volte segnalato schiamazzi, liti e situazioni di degrado.

13:48 22-06
MATTEO SALVINI: AI BALLOTTAGGI POSSIAMO FARE CAPPOTTO

Ad Asti si vince; a Padova è difficile perchè tutta la sinistra è unita ma Bitonci ce la fa; a Genova sivince per la prima volta, a Spezia anche, a Catanzaro non lo so. A Lecce si vince; a Verona si vince, contro l'alleanza uinnaturale tra Renzi e Tosi. Riservo il giudizio su alcuni comuni lombardi, perchè bisogna vedere quanta gente avrà a votare: scuole chiuse, 40 gradi all'ombra. Se va a votare il 50% della gente possiamo fare cappotto''. Sono le previsioni di Matteo Salvini, leader della Lega, in vista dei ballottaggi per le amministrative di domenica. Ospite del videoforum di repubblica.it, Salvini ha poi spiegato: ''A Parma non ci siamo, io non ho detto nulla per rispetto degli elettori: sceglieranno loro''.

13:40 22-06
RIVOLTA DEI CLIENTI RAPINATI DI POPOLARE VICENZA E VENETO BANCA

TREVISO - L'associazione ''Noi che credevamo nella banca Popolare di Vicenza e in Veneto Banca'' ha annunciato oggi di essere pronta ad ''azioni forti'' qualora l'operazione prospettata di ingresso di Intesa Sanpaolo nelle due ex popolari venete dopo lo scorporo degli asset in una parte profittevole e una bad bank non tutelasse ''i piccoli risparmiatori''. Questi ultimi, spiegano le fonti dell'associazione, resterebbero ''senza garanzie proprio ora che stanno arrivando molte sentenze favorevoli di risarcimento danni''. ''Vogliamo gridare alle istituzioni - e' la conclusione - che se ci lascerete senza garanzie e diritti di vederci risarcito il maltolto siamo pronti ad azioni forti''.

13:18 22-06
ALLO STATO COSTERA' 3,5 MILIARDI AI CLIENTI 1,5 MILIARDI (VENDITA BANCHE VENETE)

Il costo per lo Stato, e dunque per i contribuenti, della bad bank in cui verranno fatti confluire tutti gli asset problematici della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca potrebbe essere di almeno 3,5 miliardi di euro. E' quanto stimano alcuni analisti finanziari commentando l'offerta di Intesa Sanpaolo. L'incognita maggiore sull'operazione - giudicata molto conveniente per Ca' de Sass (Mediobanca stima un aumento del 6% dell'utile per azione e ''virtualmente'' zero rischi) - resta l'atteggiamento dell'Europa nei confronti dell'utilizzo di risorse pubbliche per liquidare la bad bank. Cosa sulla quale è molto probabile cadrà il veto della Commissione Ue e conseguenza lo scontro che lascerà segni nelle relazioni con Bruxelles.

17:16 21-06
BANCA INTESA OFFRE 1 EURO PER ALCUNI ''PEZZI'' DELLE DUE BANCHE VENETE IN CRISI

Scatto di Intesa Sanpaolo a Piazza Affari dove, dopo aver condotto gran parte della seduta in territorio negativo, si avvia nell'ultima fase con un robusto rialzo: +2,8% a quota 2,6040 euro per azione. L'andamento rialzista coincide con l'ufficializzazione che il cda della Ca' de Sass ha votato all'unanimita' l'acquisto (''a un prezzo simbolico'') di ''alcune attivita' e passivita''' delle banche venete, a condizione che non pregiudichi i coefficienti patrimoniali e la politica del dividendo del gruppo, con l'esclusione dunque di un eventuale aumento di capitale da varare nell'ambito di questa operazione. La disponibilita' di Intesa Sanpaolo riguarda l'acquisizione di un perimetro segregato che esclude i crediti deteriorati (sofferenze, inadempienze probabili e esposizioni scadute), i crediti in bonis ad alto rischio e le obbligazioni subordinate emesse, nonche' partecipazioni e altri rapporti giuridici considerati non funzionali all'acquisizione.

15:13 20-06
M5S NON DA' ALCUNA INDICAZIONE DI VOTO PER I BALLOTTAGGI DI DOMENICA

Ai ballottaggi delle elezioni amministrative domenica prossima, dove M55 non corre, ''daremo massima libertà ai nostri elettori e non ci permetteremo ma di dire cosa votare, per cui anche stavolta nessun sostegno e nessun endorsement''. Lo ha detto Luigi Di Maio (M5S), vicepresidente della Camera, rispondendo ai giornalisti a margine di un'iniziativa a Firenze per il Restitution Day del gruppo consiliare M5S in Regione Toscana. ''Sapranno i cittadini cosa votare perchè gli elettori vanno trattati con rispetto e chi crede di potergli dire cosa debbano votare è una persona che gli manca di rispetto'', ha aggiunto.

15:07 20-06
TUTTE LE BANCHE DI SAN MARINO IN FORTE CRISI DI LIQUIDITA' (OVVERO INSOLVENTI)

Il settore bancario di San Marino ''risulta essere in una situazione di forte crisi reddituale, patrimoniale e di liquidita'''. Lo afferma la Banca centrale di San Marino in uno studio condotto sulla situazione del sistema bancario della Repubblica del Titano. ''Nel 2016 il sistema bancario, con un totale di attivi superiore a 5 miliardi di euro, risulta essere in forte difficolta', anche a fronte di un livello di npl superiore ai 2 miliardi di euro lordi, inclusivi di 700 milioni di euro circa che Cassa di Risparmio di San Marino detiene nei confronti del Gruppo Delta, e che minano la capacita' di generare profittabilita' a Conto Economico del sistema''.

14:46 20-06
UN'INCHIESTA GIUDIZIARIA COINVOLGE MACRON (QUAND'ERA MINISTRO) GUAI IN ARRIVO

PARIGI - Perquisizioni questa mattina nella sede del gruppo di pubblicita' Havas e dell'agenzia nazionale Business France nel quadro dell'inchiesta sull'organizzazione di un viaggio nel gennaio 2016 a Las Vegas dell'allora ministro dell'Economia - e oggi presidente - Emmanuel Macron. Lo si apprende da fonti degli inquirenti. Il presidente per ora non e' direttamente coinvolto, benchè l'inchiesta lo riguardi, dato che trasse grandi benefici da quel viaggio. L'inchiesta e' stata aperta a marzo dalla procura di Parigi per favoritismo. Nel mirino, una serata organizzata il 6 gennaio 2016 a Las Vegas, alla quale partecipo', acclamatissimo da una platea di centinaia di imprenditori, il ministro Macron. Un ''pacchetto'' che - tutto compreso - stando alle notizie del Canard Enchaine', costo' 381.759 euro, di cui 100.000 soltanto per l'hotel. Il tutto, a quanto sembra, senza gara d'appalto.

12:52 20-06
LO STATO ITALIANO NON STA PAGANDO 50 MILIARDI DI EURO AI FORNITORI!

''Ritardi nei pagamenti: intendo farla rispettare, l'ho fatto come presidente di Commissione e lo faro' come presidente del Parlamento. La procedura d'infrazione a carico dell'Italia va mantenuta perche' non paga le imprese, c'e' un ritardo di 50 miliardi''. Lo ha detto - formulando questa grave e circostanziata accusa - il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani all'Assemblea di Confartigianato riferendosi ai debiti commerciali della Pa verso le imprese fornitrici di beni e servizi, ricordando che ''la flessibilita' concessa all'Italia non e' stata utilizzata e Merletti lo sa bene perche' era stato scelto come advisor. Ha ragione quando dice che la direttiva impone anche alle grandi imprese di rispettare le stesse regole valide per la Pa nel pagare le piccole imprese''

12:41 20-06
CALDEROLI: 400.000 CLANDESTINI IN DUE ANNI E MEZZO, DI CUI SOLO 11.400 RIFUGIATI

''Oggi e' la giornata mondiale del Rifugiato ma in Italia possiamo giustamente non celebrarla, visto che la questione non ci tocca''. Lo afferma il senatore Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato e responsabile organizzazione e territorio della Lega Nord. ''Secondo i dati del Ministero dell'Interno gli immigrati a cui e' stato riconosciuto lo status di rifugiato tra il 2015 e il 2016 sono stati circa 11.400 su un totale di oltre 331.800, appena il 3,5%, mentre il restante 96,5%, ovvero circa 320.400 immigrati li stiamo mantenendo al costo giornaliero per ognuno di loro di 35 euro, ovvero di 1050 euro mensili, ovvero 12.600 euro l'anno ciascuno, in alberghi, pensioni, strutture di accoglienza, con telefonino, internet, pocket money da 2,5 euro al giorno ecc. E ovviamente dobbiamo aggiungere i quasi 70mila immigrati sbarcati da inizio 2017, con cui andiamo a sfiorare quota 400mila in due anni e mezzo. Manteniamo quasi 400mila clandestini a fronte di appena 11.400 rifugiati''.

12:19 19-06
GASPARRI: MACRON CONTROLLA PARLAMENTO E ELISEO CON 15% DI VOTI. E' MOSTRUOSO

Gasparri: ''Macron, avendo preso il 15 per cento dei voti reali dei francesi, controlla Parlamento ed Eliseo, dimostrando quanto sia antidemocratica una legge elettorale a doppio turno come quella francese. Del resto Macron deve la sua ascesa agli errori dei gollisti che, se avessero accantonato Fillon per un qualsiasi altro candidato, oggi controllerebbero Presidenza della Repubblica e Parlamento. Si conclude poi in maniera poco gloriosa il ciclo della Le Pen dopo una serie di sconfitte alle regionali, alle presidenziali e alle legislative, e si conferma che non esiste una legge elettorale perfetta. Questa francese e' pero' mostruosa, perche' una piccolissima minoranza di cittadini manda al potere un ogm dalle caratteristiche tutte da comprendere, espressione di burocrazie, di mondi finanziari svincolati da un consenso e da un radicamento reale nel Paese. Speriamo che la Francia si liberi presto di questa inquietante presenza e ritorni a una vera democrazia a base popolare''.

12:12 19-06
CONFESERCENTI: CONSUMI 2016 -4,8% RISPETTO IL 2007 (-47 MILIARDI)

''Nonostante due anni di fragile ripresa, i consumi finali degli italiani sono ancora abbondantemente al di sotto dei livelli registrati prima della recessione: al netto dell'inflazione, nel 2016 i consumi sono ancora inferiori del -4,8% ai livelli pre-crisi (2007), per circa 47 miliardi di euro in meno in valori assoluti''. Il dato emerge da uno studuio realizzato da Cer Eures per Confesercenti in occasione dell'assemblea annuale della confederazione. ''La ripresa dei consumi, insomma'' sottolinea Confesercenti, ''non e' ancora arrivata: continuando ai ritmi attuali, torneremo ai livelli di consumi del 2007 solo, forse, nel 2020. La differenza di dinamismo tra esportazioni e consumi e' ancora piu' eclatante se si esamina il differenziale di crescita tra i due: dal 2008 a oggi, l'aumento delle esportazioni ha sopravanzato quello della spesa delle famiglie di quasi 13 punti, e tocchera' i 21 punti nel 2019''.

15:54 15-06
PASTA DI SESAMO FATTA CON SESAMO AFRICANO ''RICCO'' DI SALMONELLA: EPIDEMIA IN UE

E' causata dalla pasta di sesamo prodotta da un'azienda greca l'epidemia di Salmonella che da marzo 2016 ha colpito cinque paesi europei: Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Lussemburgo e Regno Unito. In totale, dall'anno scorso fino a maggio 2017 sono stati segnalati 47 casi, come riporta il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc). Questi casi di Salmonella enterica sono causati da un nuovo sierotipo di batterio (gia' 2400 quelli finora conosciuti). I primi pazienti sono stati registrati in Grecia, dove e' stata prodotta la pasta di sesamo causa dell'epidemia. I semi di sesamo usati dall'azienda greca sono stati importati da un paese africano. La stessa impresa ha anche analizzato un lotto di semi di sesamo importati da un altro paese africano, che sono poi risultati positivi alla salmonella. Dopo il ritiro della pasta di sesamo tra marzo e aprile, non sono stati riportati altri casi.

15:43 15-06
NON C'E' NIENTE DA FARE: ENTRATE DERIVATE DA TASSE +1,9% MA DEBITO +10 MILIARDI

Le entrate tributarie e contributive nel periodo gennaio-aprile 2017 evidenziano nel complesso un aumento dell'1,9% (+3.667 milioni di euro) rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente. Lo comunica il Mef, precisando che il dato tiene conto dell'aumento dell'1,3% (+1.648 milioni di euro) delle entrate tributarie e della crescita delle entrate contributive del 2,8% (+2.019 milioni di euro). L'importo delle entrate tributarie include anche le poste correttive (compensazioni delle imposte dirette, indirette e territoriali, vincite lotto) e le entrate degli enti territoriali, quindi integra il dato gia' diffuso il 5 giugno. Tuttavia, nonostante questo forte aumento delle entrate dello Stato per mezzo della pressione fiscale, il debito pubblico è a sua volta aumentato di 10 miliardi nell'ultimo mese.

12:04 15-06
DUE ''RISORSE'' RUBANO 100 CHILI DI RAME. ARRESTATI DAI CARABINIERI SUBITO DOPO

Due nomadi di origini slave di 20 e 29 anni, entrambi nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, sono stati arrestati dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma con l'accusa di rapina impropria. I due ladri sono stati scoperti mentre si stavano allontanando dall'isola ecologica dell'Ama di via Cassino, zona Ponte Mammolo, con un'auto a bordo della quale avevano caricato 100 Kg di rame appena trafugato. I nomadi hanno ingaggiato un inseguimento con la ''gazzella'' dei militari, intervenuti in tempi rapidi grazie ad una segnalazione giunta al Numero Unico di Emergenza ''112'', che si è concluso in via delle Messi d'Oro dove i fuggitivi sono stati bloccati nonostante uno strenuo tentativo di resistenza. L'intero carico di rame è stato recuperato e restituito al responsabile dell'isola ecologica mentre i predoni di ''oro rosso'' sono stati trattenuti in caserma dove attenderanno di essere messi a disposizione dell'Autorità Giudiziaria per la celebrazione del rito direttissimo.

11:24 15-06
SCONTRI POLIZIA CASAPOUND (CHE MANIFESTA CONTRO IUS SOLI) DAVANTI AL PARLAMENTO

ROMA - PIAZZA DEL PARLAMENTO - Tensione al sit-in di CasaPound nei pressi del Senato contro la legge sullo Ius soli che oggi arriva a Palazzo Madama. Secondo quanto si e' appreso da fonti di polizia, i partecipanti avrebbero tentato di forzare lo sbarramento delle forze dell'ordine per raggiungere il Senato ma sono stati bloccati. In quelle fasi e' stato usato anche l'idrante. ''Le forze dell'ordine schierate in assetto anti-sommossa per impedire che la manifestazione arrivasse sotto Palazzo Madama sono intervenute anche con idranti e manganelli, ferendo due manifestanti - denuncia CasaPound in una nota -. Dopo qualche minuto di scontri, la situazione si e' calmata''. Ora il sit in prosegue in piazza delle Cinque Lune.

11:17 15-06
MARONI: SE SENATO APPROVA IUS SOLI, FAREMO RICORSO ALL CORTE COSTITUZIONALE

MILANO - Una ''aberrazione'' contro cui la Regione Lombardia e' pronta a ''fare ricorso alla Corte Costituzionale''. In questi termini si esprime il presidente Roberto Maroni rispondendo a una domanda sul disegno di legge sullo Ius soli che, si augura, sia respinto in Senato''. In caso contrario - spiega a margine dell'assemblera di Anie-Confindustria - ''saremo pronti a fare ricorso''. ''Stiamo preparando le nostre obiezioni - aggiunge - per opporci a una legge sbagliata''. Il ricorso alla Corte Costituzionale contro lo Ius soli da parte di Regione Lombardia è consentito dalle leggi, quindi è praticabile.

11:47 14-06
SALVINI A GRILLO: ALLE PAROLE SEGUANO I FATTI.

''A me interessa che alla parole seguano i fatti. La Raggi dice basta immigrati, Grillo dice basta campi rom, vediamo se alle parole seguiranno i fatti, qui non si tratta di essere leghisti o grillini, si tratta di chiedere un po' di ordine e un po' di tranquillita' ai cittadini''. Cosi' il leader della Lega, Matteo Salvini a Radio Cusano Campus. ''Io guardo i risultati, non le etichette. Anche se ho qualche dubbio, visto che M5s non ha fatto vedere fino ad ora grandi miglioramenti a Roma e a Torino. Comunque, se dovesse essere, meglio tardi che mai''.

11:44 14-06
BUNDESBANK: EUROBOND? EUROPEAN SAFE BOND? SCORDATEVELI! MAI!

BERLINO - Il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, boccia l'idea della commissione europea di creare un nuovo strumento di emissione di debito comune. Questo tipo di obbligazione emessa da un'istituzione europea, denominata ''European Safe Bond'', ha avvertito il banchiere centrale tedesco in occasione di una tavola rotonda per i 60 anni della Bundesbank, ''potrebbe essere interpretata come un passo verso gli Eurobond, e cioe' uno strumento di mutualizzazione del debito''. Secondo Weidmann, ''per evitare questa percezione, gli European Safe Bond dovrebbe essere concepiti da attori di mercato''. Il numero uno della Bundesbank ha aggiunto che limitare l'esposizione al debito sovrano dei bilanci delle banche sarebbe uno strumento piu' efficace per diversificare i rischi e contribuire alla stabilita' finanziaria. Il no secco della Bundesbank alla condivisione del debito nell'eurozona rispecchia, ovviamente, il pensiero del governo Merkel.

11:38 14-06
IUS SOLI SERVE AL PD PER AVERE NUOVI ELETTORI (PAOLO GRIMOLDI - LEGA LOMBARDA)

MILANO - ''Qualcuno riesce a spiegarmi quale necessita' ha l'Italia, un Paese che l'anno scorso ha concesso 205mila nuove cittadinanze italiane, di approvare una legge per regalare la cittadinanza a due milioni e mezzo di immigrati con il combinato disposto delle ius soli e dello ius culturae? Certo vedendo i disastrosi risultati ottenuti dal Pd e dalla sinistra alle elezioni comunali di domenica comprendo che da parte loro ci sia un'urgente necessita' elettorale di regalare la cittadinanza, con annessi diritti elettorali, a due milioni e mezzo di probabili nuovi elettori... Ma lo ius soli serve solo a questo, ad accelerare la 'sostituzione etnica' in corso in Italia''. Lo dichiara Paolo Grimoldi, Segretario della Lega Lombarda e deputato della Lega Nord.

15:08 13-06
BCE IMPONE A CARIGE VIOLENTO AUMENTO DI CAPITALE E CESSIONE CREDITI MARCI

La Bce ha chiesto (leggi: imposto) a Banca Carige di presentare un piano definitivo sull'aumento di capitale e la cessione dei crediti deteriorati (marci) entro il 23 giugno. La scadenza, anticipata dal Sole 24 Ore, e' stata confermata stamani da fonti vicine al dossier. La richiesta era arrivata nel corso della conference call svoltasi subito prima del consiglio di amministrazione che venerdi' scorso ha deliberato la sfiducia all'ad Guido Bastianini. Resta quindi solo una manciata di giorni per mettere nero su bianco il piano, con l'ammontare dell'aumento, che si dice potrebbe salire dai 450 milioni previsti inizialmente fino a 800 milioni, e la costituzione della societa' veicolo per la cessione della seconda tranche di crediti deteriorati con fortissime perdite per la banca, dato che devono essere ceduti d'urgenza per ordine della Bce.

15:03 13-06
LA REGIONE VENETO IMPUGNA IL DECRETO VACCINI DAVANTI ALLA CORTE COSTITUZIONALE

VENEZIA - Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha annunciato oggi la decisione di impugnare davanti alla Corte costituzionale il decreto legge che estende il numero dei vaccini obbligatori. 'Non siamo ne' siamo mai stati contro i vaccini, che non ci sogniamo di mettere in discussione. Siamo anzi preoccupati - spiega Zaia - che il decreto voluto dalla ministra della Salute Lorenzin diventi un incentivo all'abbandono. Perche' scegliere la strada della coercizione su un tema cosi' delicato, dove la strada da seguire e' quella della formazione, dell'informazione alle famiglie e dell'organizzazione dei servizi, e' una carta perdente. Che in piu' rischia di fare arretrare un modello vincente come quello adottato in Veneto da dieci anni a questa parte e diffuso i 15 tra i principali Paesi europei, dalla Gran Bretagna alla Spagna, dalla Germania al Nord Europa'.

14:46 13-06
GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE UNGHIE A SOROS

BUDAPEST - Il Parlamento ungherese ha approvato una legge molto dura nei confronti delle organizzazioni non governative finanziate dall'estero, nonostante le critiche internazionali, specie della Ue, che vorrebbe che Soros - principale finanziatore delle Ong a livello mondiale - avesse le mani libere per organizzare la propaganda tesa alla caduta del governo Orban, democraticametne eletto. La legge è stata vista come un nuovo colpo tirato il miliardario statunitense George Soros, acerrimo nemico del premier Viktor Orban. La legge è stata votata con 130 sì e 44 no e obbligherà tutte le ong che ricevono più di 24mila euro all'anno dall'estero a registrarsi come ''organizzazioni sostenute da stranieri'' o chiudere i battenti.

14:16 13-06
CDA INTESA SAN PAOLO DECIDE DI NON INTERVENIRE NELLE BANCHE VENETE. FALLIRANNO?

MILANO - Il cda di Intesa Sanpaolo non ha assunto alcuna delibera sul dossier delle banche venete. Lo hanno sottolineato alcuni consiglieri lasciando la sede di Ca' de Sass. ''No'' si e' limitato a dire un consiglieri rispondendo alle domande dei cronisti. ''Non si poteva deliberare'', ha spiegato un altro membro del board che, a chi gli chiedeva un commento alle dichiarazioni del ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan (che questa mattina ha definito ''prossima'' la soluzione del dossier), si e' limitato a replicare: ''Abbiamo letto anche noi le parole di ministro''.

14:10 13-06
SALVINI: CON LA LEGA AL GOVERNO, CONFINI BLINDATI E CULLE PIENE

STRASBURGO - ''Dati Istat, in Italia sempre piu' immigrati e sempre meno bimbi nati. Le politiche di sostituzione etnica studiate a Bruxelles e applicate dal Pd continuano a dare i loro sporchi frutti. Con la Lega al governo, culle piene e confini blindati''. Cosi' il segretario della Lega ed europarlamentare Matteo Salvini a margine dei lavori a Strasburgo. Secondo l'Istat, continua inarretabile dal 2008 il calo delle nascite degli italiani. Per il secondo anno di fila, i nuovi nati sono stati, al 31 dicembre 2016 secondo il bilancio demografico dell'Istat, meno di mezzo milione (473.438, -12 mila sul 2015), di cui piu' di 69 mila stranieri (il 14,7% del totale), anch'essi in diminuzione. Il movimento naturale della popolazione ha registrato un saldo (nati meno morti) negativo per 142mila unita'. Il saldo naturale e' positivo per i cittadini stranieri (quasi 63 mila unita'), mentre per i residenti italiani il deficit e' molto ampio e pari a 204.675 unita'.

 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

I più Letti