91.941.147
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

STUDIO DELL'UNIVERSITA' CATTOLICA DI MILANO: IL FISCO HA DISTRUTTO LA CAPACITA' DI RISPARMIO (IL REDDITO HA PERSO IL 25%

lunedì 7 ottobre 2013

Milano - Un tempo erano le formiche d'Europa. Oggi le famiglie italiane pagano al fisco il prezzo più alto della crisi che ha colpito l'area euro. Nel corso degli ultimi vent'anni l'aumento della pressione fiscale infatti ne ha assottigliato la capacità di risparmio in termini "reali", cioè al netto dell'inflazione, con il risultato che il reddito medio lordo disponibile fra il 2012 e il 1991 ha subito un calo del -25%. Un onere pesante quello stimato da Luigi Campiglio, docente di Politica economica nella facoltà di Economia dell'Università Cattolica, che ha condotto uno studio su pressione fiscale e famiglia, presentato alla 47ª Settimana Sociale dei Cattolici italiani.

«Gran parte di tale diminuzione è stata la conseguenza di un aumento della pressione fiscale in occasione di due crisi economiche, quelle del 1992 e del 2012, nonché dello sforzo fiscale richiesto al paese nel 1998 per l'ingresso nell'euro, senza un adeguato riequilibrio successivo», spiega l'economista. Una pressione fiscale che nel 2012 ha raggiunto il suo massimo storico del 44% rispetto al Prodotto interno lordo, con un ulteriore e sensibile aumento rispetto al 42,6% del 2011 e il 38,3% del 1990, e che alle famiglie consumatrici è costato 402 miliardi di euro tra tasse, dirette, indirette e contributi sociali. La conseguenza economica più rilevante? La riduzione del tasso di risparmio delle famiglie. «Il suo valore - afferma Campiglio - è passato dal 24% all'inizio degli anni '90 all'8% nel 2012: quei risparmi finanziavano, attraverso le banche, sia gli investimenti delle imprese sia il debito pubblico, e la loro drastica diminuzione oggi obbliga le imprese e lo Stato a rivolgersi in modo vincolante ai mercati finanziari internazionali, con i problemi che ne derivano».

La diminuzione della capacità di risparmio dei nuclei familiari si è così riflessa in una diminuzione del risparmio lordo per l'intera economia e, dunque, sulle sue opportunità di investimento e crescita con finanziamento interno. «Se nel 1995 il risparmio delle famiglie consumatrici rappresentava il 62% del risparmio totale dell'economia - precisa Campiglio -, nel 2012 tale quota è caduta al 32%: a ciò è corrisposto un simmetrico aumento dei profitti per le società, finanziarie e non, e per le famiglie produttrici (le piccole imprese) oltre che per il settore pubblico, salvo il peggioramento nel periodo 2007-2012 come conseguenza della crisi».

All'interno di questo quadro, sono soprattutto le famiglie monoreddito le più penalizzate dal fisco italiano. Il professor Campiglio ha elaborato una doppia simulazione calcolando il meccanismo di imposizione fiscale per due famiglie "Rossi" e due "Bianchi" di Milano, soggette alle stesse addizionali regionali e comunali, tutte con un figlio a carico e con redditi annui  di 56 mila e 28mila euro. In un caso si tratta di famiglie monoreddito; nell'altro bireddito, con entrambi i genitori che lavorano e partecipano ciascuno per metà al reddito familiare. Il sistema fiscale è quello in vigore nel 2013, oggetto della dichiarazione dei redditi nel 2014.

«L'analisi dei due casi - dice Campiglio - offre numerose indicazioni, di cui la principale è l'eccesso di pressione tributaria sulle famiglie monoreddito rispetto a quelle bireddito: la maggiore pressione è stimata in circa 10 punti e circa 5.500 euro nel caso di un reddito di 56.000 euro (vedi allegato 1) ed è pari a 7 punti di maggiore pressione e circa 1.900 euro nel caso di un reddito di 28.000 euro (vedi allegato 2)». Poiché in entrambi i casi si tratta di famiglie con un figlio, continua Campiglio, è legittimo domandarsi se questo divario riveli un problema di equità. Per la famiglia bireddito la somma delle detrazioni di lavoro dipendente è più elevata di circa 1.900 euro rispetto alla famiglia monoreddito per entrambi i livelli di reddito ed è di poco maggiore la somma delle detrazioni per un figlio e dell'importo dell'assegno familiare (da 140 a 280 euro). L'apparente vantaggio, a parità di reddito e figli, delle famiglie bireddito rispetto a quelle monoreddito non è tuttavia scontato. «Il vantaggio economico di 1.900 euro è solo apparente - chiarisce l'economista - se la famiglia bireddito è obbligata a pagare un asilo nido, non potendo disporre di adeguate strutture pubbliche a prezzo davvero ridotto: in questo caso l'equità  orizzontale richiede un intervento preliminare e cioè che i costi per l'asilo siano deducibili. L'obiettivo dell'equità orizzontale richiede perciò una definizione più accurata, che consideri non solo il numero di componenti e loro età, ma anche altri aspetti, come le condizioni di offerta del welfare».

Il professor Campiglio ipotizza una manovra di riduzione del divario d'imposizione fiscale fra famiglie monoreddito e bireddito, con una clausola di salvaguardia iniziale, cioè quella di diminuire gradualmente la pressione fiscale sulle famiglie monoreddito senza aumentarla su quelle bireddito. «Per almeno metà delle famiglie italiane il sistema tributario presenta caratteristiche regressive o, al meglio, di proporzionalità, che possono essere riequilibrate solo in questo modo: diminuire la disuguaglianza con maggiori opportunità di lavoro, introdurre un vincolo di equità basato sul reddito familiare e un efficiente sistema di protezione sociale, con un mix di prestazioni monetarie e in natura che minimizzino l'evasione e il rischio di sprechi».

da: Studi e Ricerche - Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano - Cattolica News. 


STUDIO DELL'UNIVERSITA' CATTOLICA DI MILANO: IL FISCO HA DISTRUTTO LA CAPACITA' DI RISPARMIO (IL REDDITO HA PERSO IL 25%




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL GOVERNO HA UN ''PICCOLO PROBLEMA'': AD OGGI, C'E' GIA' UN BUCO DI 30 MILIARDI NEL BILANCIO DELLO STATO (A FINE ANNO 60)

IL GOVERNO HA UN ''PICCOLO PROBLEMA'': AD OGGI, C'E' GIA' UN BUCO DI 30 MILIARDI NEL BILANCIO DELLO
Continua

 
LA COSIDDETTA ''RIDUZIONE DEL CUNEO FISCALE'' E' ASSOLUTAMENTE IRRILEVANTE (CON LE PERCENTUALI CHE LETTA HA ANNUNCIATO)

LA COSIDDETTA ''RIDUZIONE DEL CUNEO FISCALE'' E' ASSOLUTAMENTE IRRILEVANTE (CON LE PERCENTUALI CHE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

GIORGIA MELONI: CONTRASTARE L'ANTISEMITISMO IN OGNI SUA FORMA, MAI

27 gennaio - ''Ricordare per onorare. Ricordare per contrastare l’antisemitismo in
Continua

GOVERNATORE EMILIA ROMAGNA BONACCINI SOTTO INCHIESTA PER ABUSO

27 gennaio - BOLOGNA - Il presidente dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini risulta
Continua

FORZA ITALIA: GOVERNO DI UNITA' NAZIONALE O ELEZIONI

26 gennaio - ''La crisi è aperta, ci rimettiamo alla saggezza del capo dello Stato.
Continua

ATTILIO FONTANA: CHIEDEREMO IMMEDIATI RISTORI PER ERRORE GOVERNO SU

26 gennaio - MILANO - E' ''un momento difficile'' per il quale ''chiederemo anche gli
Continua

MELONI: ELEZIONI IN PORTOGALLO DIMOSTRANO CHE SI PUO' VOTARE COL

25 gennaio - ''Ieri in Portogallo si e' votato per le elezioni presidenziali.
Continua

SALVINI: CONTE AVREBBE GIA' DOVUTO DIMETTERSI

25 gennaio - ''CONTE si dimettera'? Avrebbe gia' dovuto farlo, non ha i numeri'' e
Continua

SALVINI: MEGLIO DUE MESI PER VOTARE CHE DUE ANNI A TIRARE A CAMPARE

25 gennaio - ''Meglio investire due mesi per ridare la parola agli italiani che non
Continua

BIDEN SEGUE ALLA LETTERA LA POLITICA ECONOMICA DI TRUMP! AMERICA

25 gennaio - WASHINGTON - Ci credeva che il nuovo presidente Usa avrebbe ribaltato le
Continua

OTTIMO RISULTATO DELLA DESTRA ALLE ELEZIONI PRESIDENZIALI IN

25 gennaio - ''Congratulazioni all'alleato e amico André Ventura e al suo partito
Continua

L'ECONOMIA DELLA GERMANIA SPROFONDA: DATI PESSIMI (LEGGERE)

25 gennaio - L'indice Ifo e' crollato ai minimi da sei mesi a gennaio. ''La seconda
Continua

LA LOMBARDIA DEVE STARE IN ZONA ARANCIONE, I DATI LO DIMOSTRANO

22 gennaio - ''La Lombardia deve essere collocata in zona arancione. Lo evidenziano i
Continua

SALA PARAGONA LA THUNBERG AD ANNE FRANK DEPORTATA AD AUSCHWITZ, NON

22 gennaio - ''Paragonare Greta Thunberg ad Anne Frank e' un oltraggio alla memoria.
Continua

FDI: COME, I 5S NON VOGLIONO CESA MA SI TENGONO ZINGARETTI, ANCHE

22 gennaio - ''Il ragionamento del Movimento 5 Stelle sia simmetrico: se non si
Continua

131.090 PERSONE HANNO PRESO IL COVID SUL POSTO DI LAVORO (LO SCRIVE

22 gennaio - Le infezioni da nuovo Coronavirus di origine professionale denunciate
Continua

CIAMPOLILLO, LA TRAGEDIA DI UN SENATORE RIDICOLO

20 gennaio - ''Altro che Conte ter, benvenuti nel governo Ciampolillo I. Ammesso al
Continua

LA RUSSIA CHIEDE ALLA UE LA REGISTRAZIONE DEL VACCINO ANTI COVID

20 gennaio - MOSCA - Il Fondo russo per gli investimenti diretti (Rdif) ha presentato
Continua

E' UFFICIALE: L'EUROZONA E' IN DEFLAZIONE, LE NAZIONI UE SENZA EURO

20 gennaio - A dicembre 2020, il tasso di inflazione annuo dell'eurozona si e'
Continua

CONFCOMMERCIO: PIL GENNAIO 2021 -0,8% E -10,7% DA GENNAIO 2020

19 gennaio - Confcommercio stima per gennaio un calo congiunturale del Pil, al netto
Continua

UDC: NO UNANIME ALLA FIDUCIA A CONTE AL SENATO

18 gennaio - ''La segreteria nazionale Udc, che si e' riunita nel pomeriggio, alla
Continua

AL CENTRODESTRA NON FU PERMESSO DA MATTARELLA FORMARE UN GOVERNO DI

18 gennaio - “Governo di minoranza accettabile? No, nel 2018 non fu permesso a
Continua