71.613.434
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SENTENZA STORICA DELLA CORTE COSTITUZIONALE (37/2015): DEFINITIVAMENTE NULLE LE CARTELLE EQUITALIA SENZA FIRMA DIRIGENTE

giovedì 19 marzo 2015

Dopo la sentenza di due giorni fa della Corte Costituzionale (C.Cost.sent.n.37 del 17.03.2015)  che ha sostanzialmente dichiarato l’illegittimità della legge “sanatoria” del 2012, con cui erano state “convalidate” le nomine dei funzionari dell’Agenzia delle Entrate a ruolo di dirigenti senza però un pubblico concorso, è legittimo chiedersi quale sarà la fine degli avvisi di accertamento firmati da tale personale e, con essi, delle conseguenti cartelle esattoriali emesse da Equitalia, sulla scorta di tali atti - scrive l'avvocato Angelo Greco sul suo ottimo sito web "La legge per tutti".

Partiamo da un punto ormai fermo per la giurisprudenza: gli atti dell’Agenzia delle Entrate devono essere firmati dal direttore dell’ufficio e non da altri soggetti, a meno che non siano muniti di procura (e quest’ultima venga prodotta agli atti). In passato è capitato più volte che gli avvisi di accertamento dell’Agenzia delle Entrate siano stati firmati da funzionari privi dei poteri previsti dalla legge o sprovvisti della delega da parte del direttore dell’ufficio. In tutti questi casi, la Cassazione e i giudici di merito non hanno fatto altro che ribadire l’illegittimità dell’atto.

In pratica, se la sottoscrizione non è quella del capo dell’ufficio titolare, incombe all’amministrazione finanziaria dimostrare il corretto esercizio del potere sostitutivo da parte del sottoscrittore e la presenza della delega in caso di contestazione.

Ora la medesima questione, sotto il profilo di diritto, si pone oggi: perché alla situazione in cui il funzionario sia sprovvisto di delega da parte del capo ufficio è perfettamente equiparabile quella (oggetto della sentenza della Corte Costituzionale) in cui il dirigente sia, in realtà, un funzionario “facente funzioni”, temporaneamente adibito al ruolo di dirigente, ma con rinnovi periodici, tanto da farlo ritenere, nei fatti, “a tempo indeterminato”.

Insomma, se è nullo l’accertamento firmato dal funzionario privo di procura o dei poteri, non può che esserlo quello del dirigente che, in realtà, non è dirigente, ma semplice funzionario perché la sua nomina è stata ritenuta illegittima.

Il punto, ora, è quanto questa circostanza possa influire sugli avvisi di accertamento mai impugnati e sulle conseguenti cartelle esattoriali.

Innanzitutto, ci sentiamo di suggerire ancora un atteggiamento prudente che, in questi casi, è sempre necessario e opportuno, specie quando una sentenza – così come quella di avantieri – potrebbe avere una portata tanto dirompente da mettere in crisi l’erario.

Si pensi infatti che, ad essere coinvolti nello scandalo, sono più della metà dei dirigenti attualmente in ruolo: il che significa che oltre il 50% delle cartelle esattoriali, notificate sulla scorta di un avviso dell’Agenzia delle Entrate, sarebbero illegittime.

Secondo le stime delle sigle sindacali di settore, sarebbero circa 1.200 incarichi dirigenziali affidati a funzionari senza concorso tra agenzia delle Entrate e Dogane a fronte di meno di 400 dirigenti di ruolo in via di estinzione per pensionamento.

Il secondo aspetto è quello dei “tempi” del ricorso.

La giurisprudenza ha sempre detto che quando l’atto è firmato da un soggetto privo dei poteri, si configura una causa di inesistenza (che è, tra tutti i vizi, la categoria più grave e insanabile). Risultato: l’inesistenza può essere fatta valere in ogni stato e grado del giudizio e anche d’ufficio.

Il che significa che quanti non hanno mai impugnato la cartella esattoriale o l’atto dell’Agenzia, e hanno lasciato scadere i termini, dovrebbero essere ancora in tempo per far valere tale eccezione. Così come chi ha già intrapreso il ricorso, ma sulla scorta di ulteriori e differenti contestazioni, potrebbe sempre allargare il tema della decisione anche al difetto del potere del dirigente.

Insomma, uno scenario che apre dei profili sconvolgenti per i contenziosi con Equitalia e l’Agenzia delle Entrate. Né è possibile pensare, al momento, a una nuova legge che sani questa situazione, posto che anch’essa, come la prima, sarebbe incostituzionale.

In pratica, la sentenza della Corte dichiara incostituzionale l’articolo 8, comma 24, del Dl 16/2012, che consentiva alle Agenzie delle Entrate di coprire, in attesa dei concorsi, le posizioni dirigenziali con il ricorso a contratti individuali di lavoro a termine stipulati con funzionari interni. Il risultato è che tali soggetti, ormai desautorati con effetto retroattivo dei relativi poteri, non potevano neanche firmare gli accertamenti fiscali che, pertanto, sarebbero non nulle bensì del tutto inesistenti. Anche le cartelle esattoriali subirebbero la stessa sorte.

Premessa - quindi -  la dovuta e necessaria prudenza (nel nostro Paese, l’entusiasmo per le applicazioni “meccaniche” e scontate del diritto non ha mai premiato), anche alla luce del fatto che la giurisprudenza ancora non si è pronunciata sulla questione e non ha chiarito se, e in quale misura, la pronuncia di incostituzionalità potrà determinare conseguenze anche sulle cartelle di Equitalia, proponiamo qui di seguito una bozza di “eccezione” da sollevare nel caso in cui si voglia ricorrere contro la cartella di Equitalia.

Attenzione: l’eccezione, basandosi su un difetto di potere da parte del dirigente dell’Agenzia delle Entrate, potrà essere fatta valere solo nei confronti delle cartelle di Equitalia che sono la diretta conseguenza di atti appunto dell’Agenzia stessa. Non potrà, quindi, essere utilizzata per il caso di recupero di sanzioni amministrative, contributi previdenziali dell’Inps, imposte locali, ecc.

Ecco, dunque, la formula che potrà essere inserita all’interno dell’atto di ricorso, insieme ad eventuali ed ulteriori eccezioni, da presentare alla Commissione Tributaria provinciale.

 

CARENZA DI POTERI DI FIRMA DEL “DIRIGENTE” CHE HA SOTTOSCRITTO L’ATTO  

Violazione ed eccesso di potere in relazione all’art. 42, comma 1 – DPR 600/1973 e dell’art. 7 – L. 212/2000: inesistenza giuridica dell’atto impositivo per carenza del potere dirigenziale del delegante o di chi ha sottoscritto l’avviso di accertamento, in mancanza della sua qualifica di dirigente.  

Il ricorrente contesta l’assenza di poteri in capo al dirigente, dott. _________, che ha sottoscritto l’atto prodromico (avviso di accertamento del _______ ) dal quale è scaturita l’impugnata cartella esattoriale. Questi, infatti, non sembra essere dotato dei necessari poteri per sottoscrivere gli atti dell’Agenzia delle Entrate con effetti sul contribuente, poiché semplicemente “incaricato di funzioni dirigenziali” e non “dirigente” a seguito di concorso pubblico, così come risulta da istanza di accesso agli atti effettuata dal ricorrente (all. n. 1).

A seguito della sentenza della Corte Costituzionale n. 37/2015, che ha dichiarato illegittimo il D.L. n. 16/2012 (Disposizioni urgenti in materia di semplificazioni tributarie, di efficientamento e potenziamento delle procedure di accertamento), la nomina a dirigente del dott. _______ che ha firmato l’atto prodromico deve ritenersi nulla con effetto retroattivo. Ne consegue che, alla data in cui è stato formato e firmato l’atto prodromico, il dott. _______ era privo dei poteri per poter impegnare e rappresentare l’Ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate.

Per come più volte chiarito dalla giurisprudenza unanime, l’avviso di accertamento è nullo se non reca la sottoscrizione del capo dell’ufficio o di altro impiegato della carriera direttiva dal medesimo delegato (articolo 42 del Dpr 600/1973). Se la sottoscrizione non è quella del capo dell’ufficio titolare, incombe all’amministrazione finanziaria dimostrare il corretto esercizio del potere sostitutivo da parte del sottoscrittore e la presenza della delega in caso di contestazione (così Cass. sent. n. 14942/2013).

Peraltro, in caso di imposte sui redditi e Iva (cfr. rinvio all’articolo 42 del Dpr 600/1973 operato dall’articolo 56 del Dpr 633/ 1972) deve essere invece dichiarata la nullità dell’avviso di accertamento, se non reca la sottoscrizione del capo dell’ufficio o di altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato (Cassazione 18758/2014).

In questo contesto, ora la sentenza 37/2015 della Consulta dichiara incostituzionale l’articolo 8, comma 24, del Dl 16/2012, che consentiva alle Agenzie fiscali di coprire, in attesa dei concorsi, le posizioni dirigenziali con il ricorso a contratti individuali di lavoro a termine stipulati con funzionari interni.

La conseguenza è che l’atto prodromico è inesistente perché emesso da soggetto privo di qualifica e di poteri. L’inesistenza dell’atto prodromico trascina con sé anche l’inesistenza della conseguente cartella esattoriale oggi impugnata. Circostanza che il giudice dovrà dichiarare anche d’ufficio, stante la sentenza della Corte Costituzionale che qui si allega (all. n. 2).

Nota.

I testi pubblicati in questo articolo provengono tutti dal sito web "La legge per tutti" dell'avvocato Angelo Greco - che ringraziamo vivamente per l'ottimo lavoro d'informazione e approfondimento svolto.

link: www.laleggepertutti.it/


SENTENZA STORICA DELLA CORTE COSTITUZIONALE (37/2015): DEFINITIVAMENTE NULLE LE CARTELLE EQUITALIA SENZA FIRMA DIRIGENTE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

EQUITALIA   SENTENZA   CORTE   COSTITUZIONALE   DIRIGENTI   CARTELLE   ESATTORIALI   NULLE   ANNULLAMENTO   RICORSO   CONTRO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA DANIMARCA SOSPENDE SCHENGEN E RIPRISTINA I CONTROLLI DEI DOCUMENTI ALLA FRONTIERA CON LA SVEZIA. PERICOLO ISLAMICI.

LA DANIMARCA SOSPENDE SCHENGEN E RIPRISTINA I CONTROLLI DEI DOCUMENTI ALLA FRONTIERA CON LA SVEZIA.

lunedì 14 ottobre 2019
LONDRA - Mentre in Italia la coalizione giallorossa ha iniziato a favorire l'invasione da parte di immigrati del Terzo Mondo, per la maggior parte africani, in Danimarca il governo di sinistra ha
Continua
 
CORAGGIOSO SINDACO DI UN PICCOLO COMUNE IN PROVINCIA DI PADOVA DIFFIDA MINISTRA DELL'INTERNO DALL'INVIARE CLANDESTINI

CORAGGIOSO SINDACO DI UN PICCOLO COMUNE IN PROVINCIA DI PADOVA DIFFIDA MINISTRA DELL'INTERNO

giovedì 10 ottobre 2019
E' probabile che la maggior parte degli italiani non conosca il signor Tiberio Businaro. E' il sindaco di un piccolo comune in provincia di Padova, Carceri. E invece dovrebbero stringersi attorno a
Continua
PARTITI NAZIONALISTI IN DECLINO IN EUROPA? BALLE DELLA STAMPA ITALIANA: IN SVEZIA FINLANDIA E DUE TERZI UE SONO PRIMI

PARTITI NAZIONALISTI IN DECLINO IN EUROPA? BALLE DELLA STAMPA ITALIANA: IN SVEZIA FINLANDIA E DUE

lunedì 7 ottobre 2019
A sentire i giornali di regime i partiti nazionalisti dopo aver raggiunto l'apice del loro successo adesso sono in declino ma ovviamente le cose non stanno affatto cosi' ed e' interessante notare gli
Continua
 
M5S & PD ODIANO IL CETO MEDIO E IL GOVERNICCHIO CONTE NE E' LA PROVA: TAGLIO DELLE DETRAZIONI E AGGREDITE LE PARTITE IVA

M5S & PD ODIANO IL CETO MEDIO E IL GOVERNICCHIO CONTE NE E' LA PROVA: TAGLIO DELLE DETRAZIONI E

lunedì 7 ottobre 2019
Il governo camalecontico sta assumendo un colore ben definito: rosso. Per la precisione il rosso del sangue degli italiani, che si troveranno per l’ennesima volta le mani in tasca dal governo
Continua
L'EURO DISTRUGGE L'EUROPA, IL BENESSERE DEI CITTADINI, LE BANCHE (MARK FRIEDERICK E MATTHIAS WEIK, ECONOMISTI)

L'EURO DISTRUGGE L'EUROPA, IL BENESSERE DEI CITTADINI, LE BANCHE (MARK FRIEDERICK E MATTHIAS WEIK,

lunedì 30 settembre 2019
Londra - Nonostante i giornali di regime non facciano che ripetere che l'euro e' stato un grosso successo la realta' e' che la moneta unica e' stata un grosso fallimento e lo dimostra il fatto che
Continua
 
LA LEGA HA PRESENTATO IN CASSAZIONE LA RICHIESTA DI REFERENDUM PER IL MAGGIORITARIO: OTTO REGIONI HANNO VOTATO A FAVORE

LA LEGA HA PRESENTATO IN CASSAZIONE LA RICHIESTA DI REFERENDUM PER IL MAGGIORITARIO: OTTO REGIONI

lunedì 30 settembre 2019
Se quello l'ha chiamato 'Porcellum', questo come lo chiamiamo? "Io lo chiamerei Popolarellum, visto che lo decidera' il popolo". Roberto Calderoli, senatore leghista di lungo corso, grande esperto di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL GIUBILEO PROCLAMATO A SORPRESA DA PAPA FRANCESCO E' IL BERSAGLIO PERFETTO PER TERRORISTI ISLAMICI (ALLARME GLOBALE)

IL GIUBILEO PROCLAMATO A SORPRESA DA PAPA FRANCESCO E' IL BERSAGLIO PERFETTO PER TERRORISTI
Continua

 
VENERDI' PROSSIMO, IN VENETO, INCONTRO PUBBLICO CON MAX PARISI: LA BANDA DELLA MAGLIANA, IERI E OGGI. (E MOLTO ALTRO)

VENERDI' PROSSIMO, IN VENETO, INCONTRO PUBBLICO CON MAX PARISI: LA BANDA DELLA MAGLIANA, IERI E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CONTE PARLA DI ''BONUS BEFANA'' MA NON SPIEGA COME FARA' A TROVARE

30 settembre - L'aumento dell'IVA, previsto dalle cosiddette ''clausole di
Continua

POLIZIA FERMA AFRICANO ALLA STAZIONE DI FIRENZE E SCOPRE CHE HA 1,2

30 settembre - FIRENZE - Fermato per un controllo alla stazione ferroviaria di Santa
Continua

CALDEROLI: NEANCHE HANNO LETTO IL QUESITO REFERENDARIO E GIA'

30 settembre - ''E' incredibile vedere nei lanci di agenzia che alcuni 'esperti' si
Continua

CAMERE PENALI DICHIARANO 5 GIORNI DI SCIOPERO IN TUTTA ITALIA

30 settembre - ''E' ormai imminente il termine di entrata in vigore della norma che di
Continua

SONDAGGIO TRA I CITTADINI: ROMA GRAVEMENTE SPORCA E BUS-TRAM

30 settembre - ROMA - Una citta' gravemente sporca, con i rifiuti che rimangono per
Continua

I PARTITI PRO IMMIGRAZIONE NEL PARLAMENTO UE NON TOLLERANO

30 settembre - BUDAPEST - I partiti ''pro immigrazione nel Parlamento Europeo non
Continua

CLASS ACTION IN GERMANIA CONTRO LA VOLKSWAGEN: 450.000 RICHIESTE DI

30 settembre - Si e' aperta oggi in Germania la prima maxi-class action contro
Continua

AFRICANO MOLESTA RAGAZZINA DI 15 ANNI SULLA BANCHINA DELLA METRO.

30 settembre - Ha approfittato della ressa alla banchina della metro, in occasione
Continua

FEDERALBERGHI: SE CONTE AUMENTA L'IVA SARA' UN DISASTRO PER IL

30 settembre - ''L'aumento dell'Iva sulle imprese alberghiere e della ristorazione
Continua

623 EURO AL MESE DI REDDITO DI CITTADINANZA ALL'ASSASSINA DI

30 settembre - I capigruppo della Lega di Senato e Camera, Massimiliano Romeo e
Continua

MARA CARFAGNA: MA CONTE DOVE LI TROVEREBBE 23 MILIARDI PER STOPPARE

30 settembre - ''Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha annunciato di 'aver
Continua

GOVERNATORE FONTANA: QUESTO GOVERNO NON SI OCCUPA DELLE REGIONI DEL

30 settembre - MILANO - ''Questo Governo non ha minimamente evidenziato i problemi
Continua

2.386 AFRICANI FATTI ARRIVARE DAL GOVERNO CONTE IN ITALIA NEL MESE

30 settembre - ''Piu' di 7 mila sbarchi dall'inizio dell'anno, di cui 2.386 solo a
Continua

COLDIRETTI: NON ALL'AUMENTO DELL'IVA! SENZA SE E SENZA MA!

30 settembre - ''Con i consumi stagnanti occorre scongiurare ogni ipotesi di aumenti
Continua

CODACONS: AUMENTO IVA ESCE DALLA PORTA E RIENTRA DALLA FINESTRA,

30 settembre - ''L’aumento dell’Iva esce dalla porta per rientrare dalla finestra,
Continua

CONFCOMMERCIO: AUMENTO IVA PUNISCE I POVERI E I PIU' DEBOLI. E'

30 settembre - L'aumento dell'Iva ''dal punto di vista economico spalancherebbe le
Continua

CONTE E IL MINISTRO BELLACIAO VOGLIONO AUMENTARE L'IVA. RENZI & DI

30 settembre - ''Abbiamo fatto un governo per mandare a casa Salvini e per non
Continua

SALVINI: GOVERNO DI FALSARI: AUMENTA L'IVA E AUMENTA LE TASSE

30 settembre - ''Sono dei falsari, hanno detto che questo governo nasceva unicamente
Continua

GIORGIA MELONI: ''CHI AMA LA PATRIA DIFENDE L'AMBIENTE'' (ESATTO!)

27 settembre - ''Bello vedere oggi in piazza migliaia di giovani battersi per il futuro
Continua

VIKTOR ORBAN: ATTACCO CODARDO DELLA UE ALL'UNGHERIA (LA LEYEN

27 settembre - BUDAPEST - Il premier ungherese Viktor Orban ha definito la sospensione
Continua
Precedenti »