59.857.389
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

martedì 12 dicembre 2017

BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente viceranno le elezioni convocate d'imperio dal governo spagnolo per il prossimo 21 dicembre.

Con il President Carles Puigdemont in esilio e il suo vice Oriolo Junqueras in carcere a Madrid, gli indipendentisti riusciranno a riconquistare la maggioranza assoluta nel Parlamento catalano e ad assestare un sonoro schiaffo politico al governo spagnolo che li ha destituiti manu militari il mese scorso?

E' il grande interrogativo della anomala campagna elettorale catalana a 9 giorni dal cruciale voto del 21 dicembre, "il piu' importante nella storia del paese" secondo il presidente deposto Carles Puigdemont.

Ma a questo interrogativo rispondono i sondaggi, molti sondaggi e l'ulrimo è di ieri e la risposta è stata sì, vinceranno ancora

I sondaggi, probabilmente per la fortissima tensione e le spaccature interne della societa' catalana dopo gli ultimi mesi da brivido, non sono più incerti.

L'ultimo, pubblicato ieri, da' una maggioranza assoluta di 70-73 seggi su 135 alle tre liste secessioniste - JxCat di Puigdemont, Erc del vicepresidente Oriol Junqueras - e la sinistra della Cup. Ed è una maggioranza molto forte.

I tre partiti unionisti (Cs, Psc e Pp) sarebbero a quota 51-59. Podemos, alleato con il sindaco di Barcellona Ada Colau, fuori dai due blocchi, avrebbe 9-11 seggi.

L'unico sondaggio avverso alla loro vittoria  è stato pubblicato da La Vanguardia due giorni fa e dava gli indipendentisti in minoranza. Ma La Vanguardia è un quotidiano schierato apertamente con Madrid.

Mentre un altro ancora, per El Periodico, li vedeva in maggioranza assoluta di un seggio.

Un terzo degli elettori appare ancora incerto, o per meglio dire non gli intervistati dai sondaggisti non hanno voluto rendere noto per chi voteranno. Le previsioni di un'affluenza alta, attorno all'82%, non complicano le stime, anzi rendono charo il fatto che la repressione spagnola in Catalogna non ha raggiunto l'obbiettivo che si prefiggeva Rajoy, ovvero spaventare i catalani e al tempo stesso indire subito le nuove elezioni per approfittare di questo che Rajoy pensava fosse un vantaggio nelle urne.

Nel campo unionista cresce la lista di Ciutadanos guidata da Ines Arrimadas, che con 32 seggi lotta per il primo posto di questa parte politica vampirizzando il Pp di Rajoy, che scenderebbe da 10 a 3-6 deputati, che sarebbe la più cocente delle sconfitte, a parte la vittoria degli indipendentisti.

Intanto, la tensione con Madrid e' salita ulteriormente con il trasferimento da parte della Guardia Civil spagnola, per ordine di un giudice e con il via libera del governo del premier spagnolo Rajoy, che commissaria la regione ribelle dalla destituzione di Puigdemont un mese fa, delle 44 opere d'arte del monastero di Sijena, in Catalogna, per portarle in Aragona.

Davanti al museo di Lleida, che le ha "acquistate" benchè la Catalogna ovviamente non volesse affatto venderle, la polizia ha caricato violetemente i manifestanti catalani che si opponevano al trasferimento forzoso delle opere in Aragona.

Puigdemont da Bruxelles ha accusato lo Stato spagnolo di favorire il saccheggio "in totale impunita'" del patrimonio catalano. La vicenda avrà un forte impatto sul voto. Dal carcere madrileno intanto - nel quale si troverebbe anche Puigdemont se non avesse scelto la 'fuga' in Belgio - Junqueras ha chiesto al Tribunale Supremo spagnolo di essere immediatamente liberato per poter partecipare almeno agli ultimi giorni di campagna. Junqueras e' in carcere da oltre un mese, accusato di 'ribellione' per avere portato avanti il progetto politico dell'indipendenza,

Secondo il rapporto di un costituzionalista consultato dal suo partito, se Erc arrivera' primo il 21 dicembre Junqueras potrebbe essere eletto presidente della Catalogna anche se si trovera' in un carcere spagnolo.

Sarebbe qualcosa di molto simile a uan dichiarazione di "guerra" alla Spagna come all'epoca del franchismo e del generale Carrero Blanco.

Il 21 dicembre è sta 9 giorni. 

Redazione Milano 


CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CATALOGNA   SONDAGGI   VITTORIA   INDIPENDENTISTI   CATALANI   PUIGDEMONT   RAJOY   SCONFITTA   LOTTA   GUERRA   FRANCO   FRANCHISMO   CARRERO   BLANCO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL GOVERNO SPAGNOLO GETTA LA MASCHERA E APPARE IL VOLTO DEL DITTATORE ''FRANCO'': ARRESTATI TUTTI I LEADER CATALANI

IL GOVERNO SPAGNOLO GETTA LA MASCHERA E APPARE IL VOLTO DEL DITTATORE ''FRANCO'': ARRESTATI TUTTI I

sabato 24 marzo 2018
MADRID  - Il governo spagnolo sta mostrando senza alcun dubbio un tratto sempre più antidemocratico  e contrario ai principi base della convivenza civile in Europa. Questa Spagna non
Continua
 
BREVE STORIA DI UN EUROBUROCRATE AVIDO E RICCHISSIMO. ESEMPIO DI CHI SIANO DAVVERO GLI OLIGARCHI DELLA COMMISSIONE UE

BREVE STORIA DI UN EUROBUROCRATE AVIDO E RICCHISSIMO. ESEMPIO DI CHI SIANO DAVVERO GLI OLIGARCHI

lunedì 26 febbraio 2018
LONDRA - Per capire perche' e' importante uscire dalla UE non occorre altro che guardare quanto costa ai contribuenti Miguel Arias Canete. Basta e avanza per rendersi conto che la Ue è un vero
Continua
CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC. SOSPETTI DI SPIONAGGIO

CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC.

venerdì 23 febbraio 2018
WASHIGTON - I regolatori statunitensi hanno bloccato l'acquisizione da parte di un fondo cinese appoggiato dallo Stato della Cina dell'azienda texana Xcerra, produttrice di apparecchiature per il
Continua
 
ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO GOVERNO DI CENTRODESTRA

ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO

mercoledì 21 febbraio 2018
ROMA - Matteo Salvini  ha "lanciato" oggi Umberto Rapetto, ex generale della Guardia di Finanza, per un ruolo di "super manager" della sicurezza informatica nel prossimo governo. Non un ruolo da
Continua
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
 
TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA. GOVERNERA' DA SOLA

TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA.

lunedì 11 dicembre 2017
AJACCIO - I nazionalisti in Corsica hanno stravinto le elezioni amministrative e, con in mano le chiavi della nuova "collettività territoriale unica" chiedono ora al governo di "fare bene i
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO
Continua

 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!