68.274.213
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IN FINLANDIA SI PREPARA IL REFERENDUM PER USCIRE DALL'EURO! POTREBBE ESSERE INDETTO GIA' NELLA PRIMAVERA DEL 2016

martedì 17 novembre 2015

LONDRA - Il 2016 potrebbe essere un anno particolarmente interessante, visto che la Finlandia potrebbe uscire dall'eurozona.

Infatti, proprio in questi giorni 50mila cittadini finlandesi hanno sottoscritto un referendum per chiedere se rimanere o no nell'euro e il parlamento finlandese dovra' discutere l'anno prossimo, tra febbraio e marzo, questa iniziativa di legge popolare.

Anche se non e' chiaro se l'approvera', in realtà sarebbe la prima volta in cui un referendum popolare richiesto - come in questo caso - a termini di legge, viene bocciato. E già molti commentatori hanno detto che non accadrà. Il referendum si farà.

Al momento i sondaggi in Finlandia dicono che il 64% dei cittadini vorrebbe rimanere nell'euro, ma cresce molto rapidamente il numero di coloro che vogliono uscirne. Basti pensare che a gennaio i favorevoli alla valuta unica europea erano il 69%  e un anno fa sarebbe stato addirittura impossibile perfino raggiungere le 50mila firme referendarie, mentre ora sono state raccolte in brevissimo tempo perche' molti finlandesi adesso credono che solo cosi' si possa rilanciare l'economia del Paese.

Infatti, ad alimentare questo forte euroscetticismo montante c'e' il dato incontrovertibile per il quale dal 2008 ad oggi la "cugina" Svezia - che e' fuori dall'euro - e' cresciuta dell'8% mentre l'economia finlandese si e' contratta del 6% e da tre anni e' in recessione e visto che non si possono chiedere altri sacrifici ai cittadini o abbassare gli stipendi come in Grecia perchè scoppierebbe una vera rivolta popolare, sempre più gente pensa che l'unica soluzione sia riavere la valuta nazionale e svalutarla.

Un recente rapporto di un centro studi finlandese ha calcolato che uscire dall'eurozona costerebbe 20 miliardi di euro, ma tali costi verrebbero subito recuperati dall'export e comunque il rilancio dell'economia farebbe avere dei guadagni nel medio termine dei 5 anni. 

D'altra parte, dopo ben 7 anni di arretramento, con un drammatico calo del Pil del 6%, l'idea che fra 5 anni senza più l'euro ci sarà una forte crescita economica non solo non spaventa più nessuno in Finlandia, ma anzi fa proselitismo per l'uscita dall'eurozona.

Sara' interessante vedere come andra' a finire, ma quel che e' certo e' che in Italia un dibattito di questo tipo non sarebbe mai tollerato dal nostro governo, tant'e' che ogni proposta di referendum in materia e' stata censurata dalla stampa di regime, come pure e' stata censurata questa notizia che vi sfidiamo a trovare pubblicata su altri giornali, lasciando pur perdere "l'informazione" televisiva italiana che è degna solo della Bulgaria del Patto di Varsavia.

Per ora possiamo solo sperare che questo referendum avra' successo, perche' questo scatenerebbe un effetto domino che distruggerebbe la zona euro e cambierebbe il corso della storia.

Vi terremo informati.

 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra


IN FINLANDIA SI PREPARA IL REFERENDUM PER USCIRE DALL'EURO! POTREBBE ESSERE INDETTO GIA' NELLA PRIMAVERA DEL 2016


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FINLANDIA   EURO   REFERENDUM   VIA DALL'EURO   ECONOMIA   UE   EUROZONA   PARLAMENTO   LEGGE   INIZIATIVA   POPOLARE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MENTRE UNICREDIT FALCIA 18.200 DIPENDENTI (6.900 IN ITALIA) IL FONDO DI GARANZIA DEI C/C SOTTO I 100.000 EURO E' VUOTO!

MENTRE UNICREDIT FALCIA 18.200 DIPENDENTI (6.900 IN ITALIA) IL FONDO DI GARANZIA DEI C/C SOTTO I
Continua

 
IL WALL STREET JOURNAL, IL PIU' IMPORTANTE QUOTIDIANO ECONOMICO DEL MONDO, ACCUSA DRAGHI: PORTERA' L'EUROPA ALLA ROVINA

IL WALL STREET JOURNAL, IL PIU' IMPORTANTE QUOTIDIANO ECONOMICO DEL MONDO, ACCUSA DRAGHI: PORTERA'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

BCE PREVEDE ANNI MAGRI E MAGRISSIMI DA QUI AL 2021 PER LA ZONA EURO

13 dicembre - FRANCOFORTE - La Bce se non vede nero, per il futuro, vede grigio scuro.
Continua

ANTONIO MEGALIZZI RESTA IN CONDIZIONI GRAVISSIME.

13 dicembre - STRASBURGO - Sono avvolti nel dolore i familiari di Antonio Megalizzi,
Continua

MOSCOVICI, OGGI: ''LA FRANCIA PUO' SFORARE. CON L'ITALIA NON CI

13 dicembre - PARIGI - Il commissario europeo agli Affari economici e Monetari, Pierre
Continua

SONDAGGIO: LEGA 1° PARTITO AL 32,1% M5S 2° AL 26,4% (FORZE

13 dicembre - Secondo un sondaggio EMG Acqua presentato oggi ad Agorà, se si votasse
Continua

SPREAD PRECIPITA A 266 PUNTI BASE, BORSA MILANO +1,3% (MIGLIORE

13 dicembre - MILANO - BORSA - Partenza con slancio per Piazza Affari con le banche in
Continua

SPREAD CALA A 275 PUNTI BASE INTERESSE SCENDE SOTTO SOGLIA DEL 3%

12 dicembre - Nuovi calmieramenti sui titoli di Stato dell'Italia, con i rendimenti
Continua

ARRESTATI DUE AFRICANI CON L'INTESTINO PIENO DI DROGA (1 HG. EROINA

12 dicembre - DOMODOSSOLA - La guardia di finanza di Domodossola, nel
Continua

IL GOVERNO SPAGNOLO VARA L'AUMENTO DEL SALARIO MINIMO (IL PIU'ALTO

12 dicembre - MADRID - Anche la Spagna, dopo la Francia con l'annuncio ufficiale di
Continua

GIORNALISTA ITALIANO FERITO IERI DAL TERRORISTA ISLAMICO A

12 dicembre - STRASBURGO - E' tra i feriti più gravi il giovane italiano rimasto
Continua

QUESTA SERA VOTO DI SFIDUCIA A THERESA MAY ALLA CAMERA DEI COMUNI

12 dicembre - LONDRA - Dopo il caos in cui è precipitato il governo britannico dopo
Continua
Precedenti »