67.734.878
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

COME VOLEVASI DIMOSTRARE / LA MERKEL: ''NON VEDO NECESSITA' DI CAMBIAMENTI NELLA POLITICA EUROPEA''

lunedì 23 settembre 2013

Berlino - Angela Merkel ha confermato oggi che la Cdu ha gia' avuto contatti con la Spd per "formare un governo stabile" ed ha anticipato che non intende modificare la propria politica europea . "Siamo aperti ai negoziati", ha affermato a Berlino. "La Germania - ha aggiunto - ha bisogno di un governo stabile". Gia' ci sono stati "i primi contatti con i vertici della Spd". Tuttavia il partito socialdemocratico ha detto di voler attendere venerdi' quando si riunira' per esaminare i risultati della consultazione, prima di prendere qualunque decisione. "E' totalmente comprensibile", ha affermato la Merkel. Ad una domanda su un'eventuale alleanza con i Verdi, la cancelliera ha detto che non li esclude per la nascita di una coalizione. "Pero' al momento non vi sono informazioni da dare in questa direzione". La formazione del nuovo governo, ha quindi lasciato intendere, non sara' immediata. "Bisogna discutere delle cose".

In materia di politica europea, Angela Merkel ha chiarito: "non vedo necessita' di cambiamenti". "Dieci anni fa eravamo il malato d'Europa e siamo riusciti a diventare un punto di riferimento di stabilita'". "Cio' che abbiamo raggiunto in Germania possono raggiuntgerlo anche gli altri. Il processo non passa solo attraverso il risparmio ma anche attraverso il raggiungimento di una maggiore competitivita' e fiducia da parte degli investitori"."Abbiamo progredito molto lungo questa strada, ma possiamo andare avanti". Quanto infine al suo stato dopo la grande vittoria, la Merkel ha detto di "essersi alzata molto in forma" anche se "non le sarebbe dispiaciuto dormire un'ora di piu'". (Adnkronos)


COME VOLEVASI DIMOSTRARE / LA MERKEL: ''NON VEDO NECESSITA' DI CAMBIAMENTI NELLA POLITICA EUROPEA''




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
UNA GRANDE SPERANZA S'AGGIRA PER L'EUROPA: CHE VINCA ALTERNATIVA PER LA GERMANIA ALLE ELEZIONI TEDESCHE. E' POSSIBILE!

UNA GRANDE SPERANZA S'AGGIRA PER L'EUROPA: CHE VINCA ALTERNATIVA PER LA GERMANIA ALLE ELEZIONI
Continua

 
LA TROIKA VUOLE SBRANARE QUEL CHE RESTA DELLA GRECIA, MA LO STATO SI E' SFALDATO. SCIOPERI GENERALI, DIMISSIONI. CAOS.

LA TROIKA VUOLE SBRANARE QUEL CHE RESTA DELLA GRECIA, MA LO STATO SI E' SFALDATO. SCIOPERI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

BCE PREVEDE ANNI MAGRI E MAGRISSIMI DA QUI AL 2021 PER LA ZONA EURO

13 dicembre - FRANCOFORTE - La Bce se non vede nero, per il futuro, vede grigio scuro.
Continua

ANTONIO MEGALIZZI RESTA IN CONDIZIONI GRAVISSIME.

13 dicembre - STRASBURGO - Sono avvolti nel dolore i familiari di Antonio Megalizzi,
Continua

MOSCOVICI, OGGI: ''LA FRANCIA PUO' SFORARE. CON L'ITALIA NON CI

13 dicembre - PARIGI - Il commissario europeo agli Affari economici e Monetari, Pierre
Continua

SONDAGGIO: LEGA 1° PARTITO AL 32,1% M5S 2° AL 26,4% (FORZE

13 dicembre - Secondo un sondaggio EMG Acqua presentato oggi ad Agorà, se si votasse
Continua

SPREAD PRECIPITA A 266 PUNTI BASE, BORSA MILANO +1,3% (MIGLIORE

13 dicembre - MILANO - BORSA - Partenza con slancio per Piazza Affari con le banche in
Continua

SPREAD CALA A 275 PUNTI BASE INTERESSE SCENDE SOTTO SOGLIA DEL 3%

12 dicembre - Nuovi calmieramenti sui titoli di Stato dell'Italia, con i rendimenti
Continua

ARRESTATI DUE AFRICANI CON L'INTESTINO PIENO DI DROGA (1 HG. EROINA

12 dicembre - DOMODOSSOLA - La guardia di finanza di Domodossola, nel
Continua

IL GOVERNO SPAGNOLO VARA L'AUMENTO DEL SALARIO MINIMO (IL PIU'ALTO

12 dicembre - MADRID - Anche la Spagna, dopo la Francia con l'annuncio ufficiale di
Continua

GIORNALISTA ITALIANO FERITO IERI DAL TERRORISTA ISLAMICO A

12 dicembre - STRASBURGO - E' tra i feriti più gravi il giovane italiano rimasto
Continua

QUESTA SERA VOTO DI SFIDUCIA A THERESA MAY ALLA CAMERA DEI COMUNI

12 dicembre - LONDRA - Dopo il caos in cui è precipitato il governo britannico dopo
Continua
Precedenti »