55.031.452
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

sabato 5 agosto 2017

Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a crescere le sofferenze delle banche italiane: le rate non pagate da famiglie e imprese sono salite di 2 miliardi nell'ultimo anno, arrivando a quota 202 miliardi con un incremento superiore all'1%. Sono cresciuti di quasi 2 miliardi i finanziamenti non ripagati dalle imprese, arrivati a sfiorare quota 144 miliardi e di 244 milioni quelli delle famiglie che in totale ammontano a quasi 38 miliardi. Il rapporto tra sofferenze e prestiti e' salito dal 14,18% al 14,39%".

Sono i dati principali del rapporto mensile sul credito realizzato dal Centro studi di Unimpresa, secondo il quale non si ferma il credit crunch per le aziende italiane: i prestiti delle banche alle imprese, nel corso dell'ultimo anno anno, sono calati di quasi 17 miliardi (-2%), nonostante l'aumento di oltre 12 miliardi dei finanziamenti a medio termine.

A pesare sul calo e' la diminuzione di oltre 15 miliardi dei finanziamenti a breve e di 13 miliardi di quelli di lungo periodo. In aumento di 10 miliardi, invece, i prestiti alle famiglie, spinti dal credito al consumo (+8 miliardi) e dai mutui (+9 miliardi), comparti che hanno compensato la riduzione di 7 miliardi dei prestiti personali. In totale, lo stock di impieghi al settore privato e' diminuito di 6 miliardi, passando da 1.410 miliardi a 1.404 miliardi.

Mezzo miliardo al mese in meno ad aziende e cittadini.

"Lo stock di crediti marci sui bilanci delle banche e' un ostacolo all'erogazione di nuovi finanziamenti all'economia reale. Recentemente il ministro Padoan e' tornato a parlare di bad bank per agevolare lo smaltimento delle partite deteriorate. Siamo stati sempre favorevoli a questo tipo di intervento, che non aiuta solo gli istituti di credito, ma e' opportuno accelerare" commenta il vicepresidente di Unimpresa, Claudio Pucci. 

Il rapporto dell'associazione, basato su dati della Banca d'Italia, registra un aumento delle sofferenze lorde, cresciute in totale di 2,1 miliardi (+1,06%) dai 199,9 miliardi di maggio 2016 ai 202,1 miliardi di maggio 2017. Il rapporto tra sofferenze lorde e prestiti e' passato dal 14,18% al 14,39%. Sono aumentate di 1,8 miliardi (+1,31%) le rate non pagate dalle aziende, salite da 142,1 miliardi a 143,9 miliardi; in aumento di 244 milioni (+0,65%) anche i crediti deteriorati riconducibili alle famiglie, passati da 37,5 miliardi a 37,7 miliardi, mentre sono calati di 145 milioni (-0,90%) quelli legati alle imprese familiari, calati da 16,08 miliardi a 15,9 miliardi; sono invece risultate in aumento di 166 milioni (+3,88%) le sofferenze della pubblica amministrazione, delle assicurazioni, dei fondi e delle onlus.

Il totale delle sofferenze nette, invece, ovvero quelle non coperte direttamente da garanzie, e' calato di 8,4 miliardi (-9,94%) da 84,9 miliardi a 76,5 miliardi. Il rapporto tra sofferenze nette e prestiti e' passato dal 6,02% al 5,45%.

Quanto al credito, il totale dei prestiti al settore privato e' calato negli ultimi 12 mesi di 6,2 miliardi (-0,44%), passando dai 1.410,8 miliardi di maggio 2016 ai 1.404,5 miliardi di maggio 2017. Nel dettaglio, e' calato di 16,3 miliardi (-2,07%) lo stock di finanziamenti alle imprese passati da 789,8 miliardi a 773,4 miliardi: nel dettaglio, sono calati di 15,2 miliardi (-5,50%) da 276,5 miliardi a 261,3 miliardi i crediti a breve termine (fino a 1 anno); giu' di 13,1 miliardi (-3,63%) i prestiti di lunga durata (oltre 5 anni) scesi da 362,4 miliardi a 349,2 miliardi; sono invece cresciuti di 12,03 miliardi (+7,89%) i finanziamenti di medio periodo (fino a 5 anni) passati da 150,8 miliardi a 162,8 miliardi.

Risultano complessivamente in aumento di 10,08 miliardi (+1,62%) i prestiti alle famiglie, passati da 621,02 miliardi a 631,1 miliardi: in particolare, e' salito di 7,9 miliardi (+9,48%) il credito al consumo (denaro concesso per acquistare elettrodomestici, automobili, televisori e smartphone) passato da 83,6 miliardi a 91,6 miliardi; in aumento anche i mutui di 8,9 miliardi (+2,47%), saliti da 363,5 miliardi a 372,5 miliardi; in calo, invece, i prestiti personali, scesi di 8,9 miliardi (-2,47%) da 173,7 miliardi a 166,9 miliardi.

Redazione Milano

 


RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UNIMPRESA   CREDITI   MARCI   PRESTITI   DATI PIL   ECONOMIA   ITALIANA   CRISI   CLAUDIO   PUCCI   BANCA   D'ITALIA   IMPRESE   FALLIMENTI   CITTADINI   FAMIGLIE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
 
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
 
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua
 
TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA. GOVERNERA' DA SOLA

TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA.

lunedì 11 dicembre 2017
AJACCIO - I nazionalisti in Corsica hanno stravinto le elezioni amministrative e, con in mano le chiavi della nuova "collettività territoriale unica" chiedono ora al governo di "fare bene i
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON
Continua

 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CROLLO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO IN GERMANIA: -1,4% SU BASE ANNUA

30 novembre - BERLINO - La notizia è preoccupante per lo stato dell'economia reale in
Continua

CON LA BREXIT AUMENTATI INVESTIMENTI STUDENTI E TURISTI ITALIANI IN

29 novembre - Dopo l'annuncio di Brexit, ''abbiamo visto un aumento di turisti e di
Continua

MAROCCHINO RAPINA CON SPRAY URTICANTE: ARRESTATO POCO DOPO DAI

29 novembre - TORINO - Derubato del telefonino, si e' subito rivolto ai carabinieri,
Continua

LA BCE PROVA A CONDIZIONARE LE ELEZIONI POLITICHE IN ITALIA IN MODO

29 novembre - I debiti sovrani dell'Eurozona sono oggi piu' sostenibili, ma ''una
Continua

TRA VENERDI' E SABATO ATTESE FORTI NEVICATE AL NORD, ANCHE IN

29 novembre - L'Italia è stata raggiunta da una prima perturbazione, collegata ad una
Continua

ALFA ROMEO TORNA ALLE GARE IN FORMULA 1 DALLA PROSSIMA STAGIONE

29 novembre - TORINO - La notizia potrà far piacere agli appassionati di Formula 1 ma
Continua

BUNDESBANK: ''I PREZZI DELLE CASE IN GERMANIA SOPRAVVALUTATI DEL

29 novembre - BERLINO - ''C'e' il pericolo che i bassi tassi d'interesse e le
Continua

MAROCCHINO DI 41 ANNI ARRESTATO PER VIOLENZA SESSUALE A RAGAZZA DI

29 novembre - BISCEGLIE - Un marocchino di 41 anni, senza fissa dimora, e' stato
Continua

SALVINI: RENZI SI PREOCCUPA DI CONTROLLARE E CENSURARE FACEBOOK? E'

28 novembre - ''Per me siamo alla follia. Che il segretario del partito al governo si
Continua

UNGHERIA DI ORBAN VA A GONFIE VELE: VOLUME INVESTIMENTI +18,3% SU

28 novembre - BUDAPEST - Il volume degli investimenti dell'economia ungherese e'
Continua
Precedenti »