52.978.078
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA GERMANIA E LA SVEZIA HANNO INIZIATO I RIMPATRI FORZATI IN AFGHANISTAN DEI MIGRANTI (MENTRE IN ITALIA ARRIVANO A ORDE)

venerdì 16 dicembre 2016

BERLINO -  Ridistribuzione dei "profughi" (che profughi non sono, trattandosi di 250.000 africani senza diritto d'asilo) come chiede l'Italia? Neanche per idea: la Germania ha deciso tutto al contrario di rispedirli a casa loro. E ha iniziato a farlo.

Il ministro dell'Interno tedesco, Thomas de Maizière della Cdu di Angela Merkel ha difeso ieri l'espulsione di 34 afghani, rimpatriati in aereo dalla Germania dopo che le autorita' del paese hanno respinto le loro richieste di asilo. Un terzo di loro si era macchiato di crimini.

"La loro espulsione e' stata valutata attentamente e  portata a termine con correttezza e responsabilita'", ha detto il ministro. Inizialmente, gli afgani da rimpatriare erano 50. L'aereo e' atterrato regolarmente a Kabul, e gli occupanti sono stati accolti dal rappresentante locale per i rifugiati del Ministero, da quelli di organizzazioni non governative e da assistenti sociali.

"La situazione in Afghanistan", ha detto de Maizière, "rimane complicata, tuttavia molte zone sono state messe in sicurezza e cio' ha permesso il rimpatrio". Il volo charter era partito da Francoforte mercoledi' sera ed e' atterrato nella notte a Kabul.

Centinaia di attivisti di sinistra avevano protestato contro il rimpatrio dei richiedenti asilo. Critiche erano arrivate anche dall'opposizione e da organizzazioni non governative come "Pro Asyl" che per altro ottiene sostanziosi finanziamenti per "accoglienza" dei presunti profughi.

Il capogruppo dei Verdi presso il Bundestag, Anton Hofreiter, ha definito quello del ministro de Maizière "un gioco spietato", ma l'avvio delle epulsioni forzate non è un'iniziativa personale del ministro dell'Interno tedesco, è avallata dal governo Merkel.

Il capo della Csu, Horst Seehofer, si e' invece augurato, in un'intervista alla rete televisiva "Ard", che il rimpatrio non costituisca un caso unico. In Germania vivono, secondo il ministero dell'Interno federale, circa 12.500 afghani a rischio espulsione. In passato i rimpatri non erano possibili per via delle difficolta' sul territorio afghano; quest'anno, pero', la Ue ha concluso accordi con Kabul per rendere possibili i rimpatri, e altrettanto ha fatto autonomamente la Germania il 2 ottobre scorso.

Da notare che il governo italiano è perfettamente al corrente della possibilità d'espellere i migranti afghani dopo l'accordo fatto dalla Ue con l'Afghanistan, ma se ne guarda bene dal farlo.

Anche la Svezia ha effettuato i primi rimpatri forzati degli afghani il 13 dicembre, espellendone decine allo stesso modo della Germania, ma questo genere di notizie in Italia non "arriva" e quindi non viene reso pubblico, data la censura "buonista" che impera nel Paese.

In ogni caso, il ministro dell'Interno tedesco De Maizière ha osservato che gia' 2.300 afghani erano tornati volontariamente in patria dalla Germania quest'anno. Il Governo federale promuove il rimpatrio volontario, e ha messo a disposizione a tal fine 40 milioni di euro. Nel rimpatrio di mercoledi' sono stati coinvolti solo gli Stati del Baden-Wuerttemberg, Baviera, Amburgo, Assia, Nord Reno-Westfalia e Saarland. "Si spera che in futuro partecipino anche gli altri Stati", ha detto il Ministro. 

E mentre questo accade in Germania, in Italia nell'ultima settimana sono arrivati altri mille africani che si vanno ad aggiungere ai 250.000 già soggiornanti mantenuti completamente a carico delle casse - vuote - dello stato italiano. 

Redazione Milano


LA GERMANIA E LA SVEZIA HANNO INIZIATO I RIMPATRI FORZATI IN AFGHANISTAN DEI MIGRANTI (MENTRE IN ITALIA ARRIVANO A ORDE)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA

TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE

mercoledì 18 ottobre 2017
Sono state arrestate  nove persone nell'ambito dell'operazione coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla Guardia di finanza che ha stroncato un vasto traffico di gasolio dalla Libia
Continua
 
SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE SIA UN DISASTRO

SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE

mercoledì 18 ottobre 2017
BRUXELLES  - Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell'Ue, ma l'Italia e' diventata lo Stato membro dove il minor numero di persone ritiene che l'appartenenza al progetto
Continua
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
 
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua
 
RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO SCHIAVISMO CON L'OK DELLA UE

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO

sabato 14 ottobre 2017
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MENTRE GLI OLIGARCHI DELLA COMMISSIONE UE IMPONGONO ''L'AUSTERITY'' ALL'EUROPA SPENDONO 321 MILIONI PER LA LORO NUOVA SEDE

MENTRE GLI OLIGARCHI DELLA COMMISSIONE UE IMPONGONO ''L'AUSTERITY'' ALL'EUROPA SPENDONO 321 MILIONI
Continua

 
GOVERNO MERKEL TAGLIA GLI ASSEGNI FAMILIARI AI LAVORATORI UE OCCUPATI IN GERMANIA (COME HA FATTO LA GRAN BRETAGNA)

GOVERNO MERKEL TAGLIA GLI ASSEGNI FAMILIARI AI LAVORATORI UE OCCUPATI IN GERMANIA (COME HA FATTO LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!