52.920.840
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ANCHE L'ALGERIA NON NE PUO' PIU' DI IMMIGRATI CENTRO AFRICANI: ARRESTI ED ESPULSIONI DI MASSA VERSO SUD (ADDIO ORDE)

lunedì 12 dicembre 2016

LONDRA - In Italia nessuno sa esattamente quanti sono gli immigrati clandestini - anche se certamente si tratta di non meno di 250.000 individui, tutti africani - ma quello che si sa per certo e' che creano problemi enormi di ordine pubblico e costano alla collettivita' miliardi di euro all'anno per colpa delle folli politiche "d'accoglienza" targate Pd che portano allo sperpero di immense somme di denaro in contanti per questi africani lasciando gli italiani in balia della povertà e della miseria. Basta un dato per tutti: 11 milioni di italiani, ha scritto l'Istat non più tardi di 15 giorni fa, non riesce più a curarsi perchè non ha i soldi per medicine, ticket e quant'altro.

Tutti coloro che sono stufi e disgustati da questa situazione sicuramente saranno felici di sapere che ci sono paesi che usano il buon senso cercando di espellere i clandestini africani una volta per tutte. E a tale proposito proprio in questi giorni il governo algerino sta usando il pugno di ferro per cacciare via 150mila immigrati clandestini che vivono in Algeria.

Negli ultimi anni nel paese nordafricano tanti immigrati economici sono giunti da Camerun, Guinea, Niger, Nigeria e Mali prevalentemente per arrivare in Europa attraverso il Marocco o la Libia, ma molti di essi sono rimasti nelle periferie della grandi citta' algerine attratti dal relativamente alto tenore di vita che l'Algeria puo' offrire.

Al momento solo 7000 hanno ottenuto lo status di rifugiati dal governo algerino mentre tutti gli altri sono rimasti lì illegalmente ed evidentemente questa situazione non era piu' gestibile e cosi' dall'inizio di novembre le autorita' algerine hanno deciso di porre fine all'immigrazione illegale procedendo all'arresto di migliaia di clandestini.

Alcuni di essi sono stati trasferiti in campi di detenzione vicino ad Algeri ma moltissimi altri sono stati condotti con la forza pubblica a Tamanrasset, 2000 chilometri a sud della capitale per poi essere espulsi.

Questa iniziativa del governo algerino e' stata fortemente criticata da Amnesty International e da altre organizzazioni umanitarie ma per ora non ci sono cambiamenti di rotta e il governo algerino sta continuando per la sua strada.

Ovviamente non si puo' biasimare l'Algeria per voler proteggere i propri confini e garantire la sicurezza interna e questo spiega come mai questa notizia e' stata completamente censurata dalla stampa italiana asservita al potere del Pd al governo.

Ovviamente noi non ci stiamo e abbiamo deciso di divulare questa notizia perche' vogliamo che anche l'Italia faccia lo stesso.

Per chi fosse interessato qui c'e' il link originale di questa storia:

http://www.ibtimes.co.uk/algeria-goes-hunt-black-man-its-latest-expulsion-illegal-immigrants-1595327

 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra 


ANCHE L'ALGERIA NON NE PUO' PIU' DI IMMIGRATI CENTRO AFRICANI: ARRESTI ED ESPULSIONI DI MASSA VERSO SUD (ADDIO ORDE)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA

TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE

mercoledì 18 ottobre 2017
Sono state arrestate  nove persone nell'ambito dell'operazione coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla Guardia di finanza che ha stroncato un vasto traffico di gasolio dalla Libia
Continua
 
SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE SIA UN DISASTRO

SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE

mercoledì 18 ottobre 2017
BRUXELLES  - Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell'Ue, ma l'Italia e' diventata lo Stato membro dove il minor numero di persone ritiene che l'appartenenza al progetto
Continua
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
 
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua
 
RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO SCHIAVISMO CON L'OK DELLA UE

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO

sabato 14 ottobre 2017
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CONTINUA IL BOOM ECONOMICO BRITANNICO, INDICI DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE SALGONO COME MAI PRIMA D'ORA. E' BREXIT BOOM

CONTINUA IL BOOM ECONOMICO BRITANNICO, INDICI DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE SALGONO COME MAI PRIMA
Continua

 
FINANCIAL TIMES: L'EUROZONA E' VICINA ALL'AUTODISTRUZIONE. IL PIU' GRANDE DEFAULT DELLA STORIA DISTRUGGERA' LA GERMANIA

FINANCIAL TIMES: L'EUROZONA E' VICINA ALL'AUTODISTRUZIONE. IL PIU' GRANDE DEFAULT DELLA STORIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!