65.345.695
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA / FONDI COMUNI D'INVESTIMENTO, ASSICURAZIONI, FONDI GESTIONE: AFFIDARE I RISPARMI A LORO E' AD ALTO RISCHIO

giovedì 18 febbraio 2016

Mentre si sta consumando l’ennesimo attacco alla sovranità nazionale per mano del ministro tedesco Schauble, dei suoi gerarchi all’interno della UE e delle quinte colonne italiane alla Monti che invocano un tetto al possesso di titoli di stato da parte delle banche, tetto che se passasse, porterebbe il paese dritto alla bancarotta in meno di 48 ore, i risparmiatori italiani sono alle prese con una minaccia ancora più incombente ed immediata e riguarda il rischio di ristrutturazione delle banche italiane legato ai crediti marci per oltre 200 miliardi di euro che tengono in pancia. Crediti deteriorati che secondo l'autorevole Financial Times viceversa arrivano a 360 miliardi di euro.

Il rischio - comunque - non riguarda solamente gli azionisti, gli obbligazionisti ed i correntisti delle banche esposte, nel caso di "bail in" ma l’intera platea di risparmiatori ed investitori.

Vi starete domandando: perché io, che non ho alcun legame con una banca marcia. potrei perdere i miei soldi?

Il legame è dato dalle obbligazioni di questi istituti di credito pericolanti, obbligazioni che non sono state acquistate esclusivamente dai clienti delle banche che le hanno emesse per fare un investimento di risparmi, ma anche da investitori istituzionali, quali fondi comuni d’investimento, assicurazioni, gestioni separate, tutti operatori dei mercati finanziari che le hanno comprate in quantità enormi per la gestione dei propri portafogli d’investimento.

Prima di spiegare come avverrebbe il contagio, diamo qualche numero, aggiornato a dicembre 2014 (ultimo bilancio disponibile sui siti delle banche) sulle obbligazioni emesse ed in circolazione:

Unicredit: 101.653.726.000 € 

Banco Popolare: 14.644.594.000 €

UBI: 41.600.000.000 €

BPM: 8.650.512.000 €

Si tratta di numeri da capogiro che, appunto sono distribuiti tra piccoli, grandi ed investitori istituzionali.

Ora, veniamo al punto: come potrebbe avvenire il contagio, in caso di bail in di uno di questi istituti di credito?

Si chiarisce con un esempio:

La compagnia di assicurazione X ha acquistato 1 miliardo di obbligazioni della banca Y per garantire il rendimento delle polizze vita dei propri clienti. Questo miliardo, per comodità, ipotizziamo che rappresenti il 50% dell’intero portafoglio investimenti. In caso di bail in che coinvolga anche le obbligazioni della banca Y, l’assicurazione X si troverà a registrare una perdita del 50% del proprio portafoglio che riverserà sui propri clienti (se le polizze vita NON prevedono la garanzia di capitale) o che dovrà fronteggiare con le proprie riserve e patrimonio (se le polizze prevedono invece la garanzia di capitale), mettendo a rischio la propria sopravvivenza e subendo pesanti perdite in conto capitale che si rifletteranno sul valore delle azioni e quindi sul patrimonio degli azionisti, che a loro volta potrebbero essere fondi comuni d’investimento le cui quote sono state vendute a piccoli risparmiatori che vedranno ridursi il valore delle quote del fondo e quindi i propri risparmi.

Come appare chiaro da questo esempio, non è necessario essere obbligazionisti di una banca sottoposta a bail in per rischiare di perdere tutti o buona parte dei propri risparmi.

Il guaio è che l’economia e gli investimenti sono talmente interconnessi, che, parafrasando un noto detto, un bail in tedesco, potrebbe provocare il fallimento di uno stato mediterraneo.

Perché ho citato la Germania? Perché Detusche Bank ha collocato sul mercato obbligazioni proprie assolutamente tossiche per un importo tale che in caso di suo default, provocherebbe il collasso della maggior parte degli investimenti nei Paesi Occidentali, mandando in rovina decine di persone, soprattutto pensionati, perché i prodotti finanziari della Deutsche Bank sono stati acquistati proprio dai fondi pensione, data la presunta “sicurezza” di questo istituto di credito tedesco.

Ora, forse vi risulta più chiaro perché il IV Reich e le sue quinte colonne alla Monti siano così solerti nel cercare di massacrare l’italico stivale: per distogliere l’attenzione dal vero cancro che sta devastando il mondo, ovvero le banche tedesche.

La favola del bue che dà del cornuto all’asino riproposta su scala planetaria.

Un ultimo suggerimento in chiusura: cercate di mantenere più liquidità possibile, fuori dal sistema bancario.

Luca Campolongo

Fonti:

Tutti i valori riportati nel presente articolo sono stati estrapolati dalle relazioni e dai bilanci al 31/12/2014 degli istituti di credito citati, reperibili sui rispettivi siti internet istituzionali.


INCHIESTA / FONDI COMUNI D'INVESTIMENTO, ASSICURAZIONI, FONDI GESTIONE: AFFIDARE I RISPARMI A LORO E' AD ALTO RISCHIO




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RICHIEDENTI ASILO NIGERIANI SPACCIATORI DI DROGA AVEVANO LA BASE DENTRO UN CENTRO ACCOGLIENZA DELLA CROCE ROSSA!

RICHIEDENTI ASILO NIGERIANI SPACCIATORI DI DROGA AVEVANO LA BASE DENTRO UN CENTRO ACCOGLIENZA DELLA

giovedì 6 dicembre 2018
LUCCA - Africani spacciavano, come nulla fosse, addirittura dentro una struttura della Croce Rossa. Gli agenti della questura di Lucca hanno effettuato questa mattina un'operazione contro lo spaccio
Continua
 
IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON DEVE PIU' ACCADERE

IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON

mercoledì 5 dicembre 2018
ROMA -  Il governo italiano è pronto a dare l'alt all'operazione Sophia. Il piano operativo lanciato dall'Unione europea all'indomani dei naufragi avvenuti nell'aprile 2015 con lo scopo
Continua
MACRON CEDE AI GILET GIALLI (6 MESI DI BLOCCO TASSE CARBURANTI) MA NON BASTA PIU': I FRANCESI VOGLIONO CHE SE NE VADA

MACRON CEDE AI GILET GIALLI (6 MESI DI BLOCCO TASSE CARBURANTI) MA NON BASTA PIU': I FRANCESI

martedì 4 dicembre 2018
PARIGI - Macron ha perso, ma i gilet gialli non hanno ancora vinto, dato che ormai chedono a viso aperto le dimissioni del presidente della Repubblica. Sei mesi di sospensione dell'aumento delle
Continua
 
ALLEN SINAI - ECONOMISTA DI FAMA MONDIALE - DA' RAGIONE AL GOVERNO ITALIANO: ''AUSTERITY STRADA SBAGLIATA LA UE HA TORTO''

ALLEN SINAI - ECONOMISTA DI FAMA MONDIALE - DA' RAGIONE AL GOVERNO ITALIANO: ''AUSTERITY STRADA

martedì 4 dicembre 2018
"Insistere con le politiche di austerity e' la strada sbagliata. A maggior ragione quando un Paese sta rallentando la sua crescita deve spendere molto, mettere soldi nelle tasche dei cittadini e
Continua
LA DESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA DILAGA IN SVEZIA: CENTROSINISTRA PERDE LE AMMINISTRATIVE

LA DESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA DILAGA IN SVEZIA: CENTROSINISTRA

lunedì 3 dicembre 2018
LONDRA - Sono passati quasi 3 mesi da quando gli elettori svedesi sono andati alle urne per eleggere il parlamento ma ancora non si e' riusciti a formare un nuovo governo e questo perche' gli
Continua
 
ELEZIONI IN SPAGNA: L'ANDALUSIA, DA 36 ANNI ROSSA, VIRA RADICALMENTE A DESTRA. I SOCIALISTI NON GOVERNERANNO VOX TRIONFA

ELEZIONI IN SPAGNA: L'ANDALUSIA, DA 36 ANNI ROSSA, VIRA RADICALMENTE A DESTRA. I SOCIALISTI NON

lunedì 3 dicembre 2018
MADRID -  Con le elezioni celebrate ieri, domenica, l'Andalusia, la regione piu' popolata della Spagna, compie un passo senza precedenti verso destra, mettendo fine al dominio dei socialisti,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
WALL STREET JOURNAL: ''SISTEMA BANCARIO ITALIANO E' TUTTO SULLA STESSA BARCA, ISTITUTI SANI E IN DISSESTO CADONO INSIEME''

WALL STREET JOURNAL: ''SISTEMA BANCARIO ITALIANO E' TUTTO SULLA STESSA BARCA, ISTITUTI SANI E IN
Continua

 
MARKIT ECONOMICS: ''IL 2016 E' DI STAGNAZIONE E DEFLAZIONE, NELLA ZONA EURO, MALISSIMO LA FRANCIA, DEBOLE LA GERMANIA''.

MARKIT ECONOMICS: ''IL 2016 E' DI STAGNAZIONE E DEFLAZIONE, NELLA ZONA EURO, MALISSIMO LA FRANCIA,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA STABILITA' DEI BTP ITALIANI DANNEGGIA BUND TEDESCHI: RENDIMENTO

27 novembre - BERLINO - I segnali distensivi con la Commissione europea sulla legge di
Continua

INIZIATI LAVORI PER RIAPRIRE LA VIABILITA' VERSO PORTOFINO DA SANTA

26 novembre - PORTOFINO - Questa mattina alle 9:30 e' iniziato il montaggio della
Continua

MOODY'S RICONOSCE IL SUCCESSO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: BOOM

26 novembre - L'agenzia di credito internazionale Moody's ha confermato il rating
Continua

SALVINI: NIENTE ALIBI PER BRUXELLES, ITALIA NON E' OSTAGGIO DI UNO

26 novembre - ''Se a Bruxelles pensano di tenere in ostaggio il governo o sessanta
Continua

PRINCIPALE INDICE ECONOMICO DELLA GERMANIA INDICA PEGGIORAMENTO

26 novembre - BERLINO - Peggiorano le condizioni economiche della Germania. Lo
Continua

PERFINO MPS DECOLLA STAMATTINA: SOSPESO PER ECCESSO DI RIALZO,

26 novembre - Monte dei Paschi di Siena rientra in Borsa dopo una breve sospensione in
Continua

CROLLA IL PIL TEDESCO: DA +2% NEL 2018 E' SCESO A +1,1% (ITALIA FA

23 novembre - BERLINO - L'economia tedesca registra un calo dello 0,2% congiunturale
Continua

OCSE: LA SANITA' PUBBLICA ITALIANA E' LA MIGLIORE DELL'INTERA

22 novembre - Nell'Ue 1,2 milioni di morti l'anno sarebbero evitabili con migliori
Continua

DI MAIO: ''L'ITALIA NON E' ISOLATA, DOPO LE EUROPEE NE VEDREMO

22 novembre - L'Italia non e' isolata in Europa. Lo ha detto, parlando con i cronisti
Continua

LO SPREAD SI SGONFIA E SCENDE A 305 PUNTI, CONTINUA L'EFFETTO CALO

22 novembre - Si restringe lo spread tra Btp e Bund tedeschi e ripiega sotto quota 305
Continua
Precedenti »