70.563.359
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

REPORTAGE DALL'IRLANDA / LA FALSA RIPRESA, LA NUOVA BOLLA IMMOBILIARE E IL SUCCESSO DELLO SINN FEIN (NO UE) ALLE EUROPEE

giovedì 5 giugno 2014

DUBLINO - La settimana scorsa, si faceva un gran parlare di questo o quel politico, ma in verità, queste persone – anche se per lo più benintenzionate – non contano nulla in termini di economia. Tutti i principali partiti irlandesi credono nella stessa ortodossia economica, quindi in un certo senso sono irrilevanti. Ricordiamocelo: è stata l’ortodossia economica che ci ha infilati in questo pasticcio, quindi è difficile che questa possa tirarcene fuori. 

Il destino di un politico dipende dall’economia, non il contrario. Se i politici avessero sposato una visione economica e fossero pronti ad agire di conseguenza, allora le cose cambierebbero, ma essi non hanno una tale visione. (vale per l'Irlanda, ma anche per l'Italia - ndr) 

Incredibilmente, i politici irlandesi si sono messi in una posizione tale per cui la cartina tornasole del loro successo o del loro fallimento dipende dal deficit di bilancio che diminuisce o aumenta. Però il deficit di bilancio è un risultato di contabilità – ha molto poco a che fare con l’economia. E’ un numero che va al di là dei modelli di contabilità nazionale. E’ il punto di arrivo, non il punto di partenza.

Come tale, dice molto poco riguardo a quel che sta succedendo. La poca importanza di questo valore è resa ancora più evidente dal fatto che l’altra variabile politica che viene presentata come indicativa è il rendimento dei bond. Ma il rendimento dei bond è soltanto un giudizio istantaneo espresso da quegli infallibili mercati finanziari che hanno prestato miliardi nei primi anni del nuovo millennio, che non hanno previsto l’avvento della crisi e che non sono in grado di prezzare correttamente il rischio.

Perciò cosa sta succedendo? Perché la gente vota il partito Sinn Féin - che ha vinto le europee ed è anti Ue e anti euro - se siamo in ripresa, e se siamo in ripresa, voi ve ne siete accorti? Oppure questa è un’altra chimera, trainata da un’altra bolla immobiliare artificiale?

Vediamo insieme cosa sta succedendo nell’economia reale. I dati rivelano che, anche se l’inflazione scende, i salari stanno scendendo ancora più rapidamente dei prezzi, e ciò significa che il potere d’acquisto della gente in realtà sta diminuendo, non aumentando.

Il dato chiave da considerare sono i salari reali. Questi sono i vostri salari meno il tasso di inflazione. I numeri mostrano che, anche se la disoccupazione in Irlanda è scesa negli ultimi 2 anni, lo stesso hanno fatto i salari reali. Ecco il motivo per cui vi sentite più poveri, non più ricchi, nonostante tutti dicano che è in corso una ripresa. Perché l’economia possa davvero prosperare, i salari reali devono essere in crescita ma ora stanno diminuendo, e lo stanno facendo fin dal 2011.

Senza una crescita dei salari reali, non ci possono essere prospettive di una domanda di beni sostenibile. Senza una domanda sostenibile, non ci può essere una discesa sostenibile della disoccupazione. Quel che sappiamo dagli ultimi dati, pubblicati la scorsa settimana dal CSO (Istituto statale di statistica) è che la crescita dell’occupazione si è fermata.

Nel periodo tra gennaio e aprile 2014, il numero di persone al lavoro è aumentato di sole 1700 unità, ossia lo 0,1% rispetto al trimestre precedente, mentre l’aumento dell’ultimo trimestre del 2013 era stato di 10600 unità. La mancanza di lavoro e di domanda ha continuato a far scendere il tasso di inflazione. Possiamo vederlo dai dati ufficiali he ci mostrano il tasso di variazione generale dei prezzi da una parte, e i prezzi delle case dall’altra. Questo andamento è molto preoccupante, perché ci fa vedere che i prezzi in generale sono in trend decrescente, mentre i prezzi delle case stanno andando alle stelle.

Perché questo è un problema? Lo è perché i vostri salari sono legati ai prezzi generali, perciò mentre i salari continuano a muoversi al ribasso, i prezzi delle case vanno in alto. Ciò significa che le case diventano sempre più care, e l’unico modo in cui una persona normale possa permettersi una casa è quello di prendere in prestito quanto più denaro possibile, perché i salari e i redditi non tengono il passo con i prezzi delle case. Ci siamo già passati, in Irlanda. Non vi ricordate la pazzia che abbiamo vissuto?

Forse ora iniziate a farvi un’idea complessiva. Ma c'è di molto peggio: è  l’impatto dei prezzi delle case sulla fiducia dei consumatori.

Vediamo che quando i prezzi delle case aumentano, lo stesso fa la fiducia dei consumatori, e ciò dimostra l’impatto fenomenale che la ricchezza immobiliare esercita sul modo in cui le persone percepiscono il proprio futuro. Possiamo vedere che quando i prezzi delle case sono scese, la confidenza dei consumatori è scesa di pari passo. A un certo punto, una delle due variabili influenza l’altra. Allora, nel 2012, i prezzi delle case hanno ricominciato a salire lentamente, e lo stesso ha fatto la fiducia dei consumatori.

Negli ultimi mesi, mentre la febbre immobiliare ha ricominciato a salire, la fiducia dei consumatori è anch’essa andata alle stelle. Ma cos’altro fa aumentare la fiducia?
La creazione di posti di lavoro sta rallentando, quindi non può essere questo. I salari reali diminuiscono e l’inflazione – il prezzo a cui le piccole imprese irlandesi riescono a vendere i loro prodotti – sta scendendo.
L’unica cosa che sta trainando la fiducia irlandese è il mercato immobiliare. Eccoci di nuovo. Sette anni dopo che la bolla immobiliare ha quasi distrutto il paese, siamo ancora allo stesso punto e ci sono abbastanza persone che si avvantaggiano degli effetti positivi di questo piccolo boom immobiliare per far sì che il tutto prosegua.
Questo non è un modello economico sostenibile. Stiamo tornando indietro al punto in cui gli Irlandesi si vendono e comprano l’Irlanda tra di loro, prendendo a prestito i soldi da qualcun altro, cioè le banche, e sostengono di essere in ripresa.
Mentre aumentano i prezzi in alcune zone, le persone che vivono e possiedono casa in quelle zone si sentono più ricche. Sentono di poter spendere. Magari diminuiscono i propri risparmi che avevano messo da parte, e la fiducia dei consumatori sale.
Altro punto cruciale: l’aumento dei prezzi delle case aiuta coloro che hanno un patrimonio netto negativo (situazione in cui l'ammontare del mutuo su un immobile supera il suo valore sul mercato, ndr),  ma sfortunatamente i posti dove i prezzi delle case salgono  non sono le aree che hanno patrimonio netto negativo.
Mentre i prezzi delle case crescono in certe zone, e una grossa fetta del sud di Dublino diventa il Knightsbridge o il Chelsea irlandese, tutti gli altri vengono lasciati indietro e sentono di essere esclusi dal cosiddetto boom.
I mezzi d’informazione gonfiano il boom, perché i giornali e le stazioni radio fanno profitti con le pubblicità immobiliari, e questo rinforza ulteriormente la divisione “noi e loro”.
E’ sorprendente allora che in un contesto simile, la gente rifiuti i partiti mainstream e voti Sinn Féin? Se i salari stessero salendo e le case avessero prezzi abbordabili, ci sarebbe un contesto politico radicalmente differente. Ma le cose non stanno così.
Finché i politici e i partiti mainstream si accontentano di gestire un’economia così sbilanciata, che ha per conseguenza una società segmentata, i politici radicali diventeranno il nuovo mainstream… e i politici mainstream diventeranno inutili.
Tratto dall'articolo scritto da David McWilliams - giornalista economico irlandese - tradotto da Voci dall'Estero - che ringraziamo.

REPORTAGE DALL'IRLANDA / LA FALSA RIPRESA, LA NUOVA BOLLA IMMOBILIARE E IL SUCCESSO DELLO SINN FEIN (NO UE) ALLE EUROPEE




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI ITALIANI NON NE PUO' PIU'.

SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI

martedì 13 agosto 2019
LONDRA - Come ogni anno la commissione europea pubblica i risultati del cosiddetto Eurobarometro, un sondaggio fatto a livello europeo per conoscere il livello di popolarita' dell'Unione
Continua
 
SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA E SALVINI PREMIER!

SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA

venerdì 9 agosto 2019
Governo al capolinea, si va verso la parlamentarizzazione della crisi, con il premier Giuseppe Conte che potrebbe andare in Senato, per la fiducia, con un calendario ancora da decidere. Intanto ieri
Continua
CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA BASTIGLIA S'AVVICINA

CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA

lunedì 5 agosto 2019
LONDRA - I guai sembrano non finire mai per il presidente francese Emmanuel Macron. Non bastassero i gilet gialli adesso ci sono anche i contadini che protestano vivamente contro l'inquilino
Continua
 
ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA L'ITALIA, SEMPRE!

ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA

lunedì 5 agosto 2019
La politica è entrata ufficialmente in vacanza e l’augurio è che sia estremamente vantaggiosa ai 5S per raccogliere le idee ed uscire dal tunnel dell’opposizione interna
Continua
FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE LA BREXIT NEL MONDO

FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE

lunedì 29 luglio 2019
LONDRA - Nigel Farage e' veramente determinato a far uscire la Gran Bretagna dalla UE e lo dimostra il fatto che da molti anni sia in politica con questo scopo prima tramile lo UKIP e adesso col
Continua
 
LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO +13% CREMONA +13,2%

LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO

giovedì 25 luglio 2019
MILANO - Dal cioccolato ai formaggi, dal buon cibo al latte sino alle biciclette, alle barche e agli articoli sportivi. Cresce in maniera esponenziale l'export di prodotti legati al turismo dalla
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''IL RISCHIO VERO E' CHE L'EURO SOPRAVVIVA PER I PROSSIMI 5 ANNI. SAREBBE TERRIBILE PER LE NAZIONI EUROPEE'' (PRITCHARD)

''IL RISCHIO VERO E' CHE L'EURO SOPRAVVIVA PER I PROSSIMI 5 ANNI. SAREBBE TERRIBILE PER LE NAZIONI
Continua

 
NON SOLO L'ITALIA, ANCHE LA FRANCIA FREGA MILIARDI DI ''FONDI UE PER L'AGRICOLTURA'' (ORA DEVE RENDERE 1,8 MILIARDI!)

NON SOLO L'ITALIA, ANCHE LA FRANCIA FREGA MILIARDI DI ''FONDI UE PER L'AGRICOLTURA'' (ORA DEVE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!