74.182.816
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PRONTI CONTRO TERMINE E CONTI DEPOSITO: LO SAPETE CHE POTRESTE PERDERE TUTTO SENZA RIMBORSI?

giovedì 20 febbraio 2014

La cosiddetta “finanza ombra”, ovvero la possibilità da parte delle banche di creare denaro dal nulla attraverso la vendita dei finanziamenti erogati ai propri clienti a società di comodo per concederne di nuovi senza avere materialmente denaro in cassa per poterlo fare, non è un affare riservato agli squali della finanza, per cui basterebbe proibirla per ritornare ad un mercato più sano, anzi.

La finanza ombra, con i suoi prodotti strutturati, è penetrata anche nel salvadanaio dei piccoli risparmiatori tradizionalmente poco inclini ad assumersi rischi di perdita di capitale per avere rendimenti alti. E si sono intrufolati con gli strumenti apparentemente più innocui e sicuri per la classica famiglia risparmiatrice.

Stiamo parlando dei conti deposito e dei pronti contro termine.

Sia chiaro, non vogliamo creare inutili allarmismi, ma far comprendere ai lettori come anche strumenti all’apparenza semplici possano nascondere al loro interno strutture estremamente complicate e come il voler semplicemente cancellare i prodotti derivati con un colpo di penna potrebbe avere implicazioni estremamente gravi sul risparmio reale dei cittadini.

I conti deposito sono considerati dei “parcheggi” per la liquidità delle famiglie che in cambio di un vincolo normalmente breve (dai 6 ai 18 mesi), offrono una remunerazione maggiore rispetto al classico conto corrente. Tale vincolo deriva dal fatto che le somme vengono investite in prodotti finanziari da parte della banca che hanno a loro volta una scadenza e che nel corso della loro durata offrono un tasso d’interesse come contropartita. Una parte del tasso viene trattenuta dalla banca ed una parte erogata al cliente del conto deposito. In molti casi, questi investimenti vengono effettuati su strumenti derivati anche ad alto rischio, normalmente su cartolarizzazioni di debiti “ballerini” o su obbligazioni della stessa banca emittente. In caso di fallimento o azzeramento dei titoli sottostanti, il conto deposito è garantito “teoricamente” fino a 100.000 euro. Diciamo teoricamente perché se dovessimo trovarci in presenza di un fallimento sistemico dei prodotti derivati, il fondo di garanzia ben difficilmente sarebbe in grado di coprire tutte le perdite.

Analogo discorso vale per i pronti contro termine, dove il rischio è ancora più elevato perché non esiste alcuna garanzia di restituzione del capitale.

Normalmente l’operazione funziona in questo modo: la banca cede la proprietà di alcuni titoli che ha in portafoglio ad alcuni investitori per un breve arco di tempo (3, 6, 12 mesi), ed alla scadenza li riacquista ad un tasso prefissato, che rappresenta il guadagno per il risparmiatore.

Per lungo periodo i pronti contro termine utilizzavano come sottostante, titoli di stato considerati sicuri per definizione; poi, nel corso del tempo, le banche hanno iniziato ad usare obbligazioni e prodotti strutturati, specie verso fine anno. Per quale motivo? Semplice, cedendo temporaneamente la proprietà del titolo a ridosso del 31/12, le banche hanno così la possibilità di scaricare sui risparmiatori titoli considerati rischiosi, migliorando i propri parametri di qualità e solvibilità in bilancio, dato che quei titoli “per magia” sono scomparsi dal loro patrimonio, per poi ritornarvi tra gennaio e febbraio.

La cosa ancora più sconcertante è che la maggior parte degli interessi di questi prodotti strutturati non viene riconosciuta all’investitore, che si accolla il rischio, ma non il guadagno, se non in parte limitata.

Naturalmente questi prodotti il più delle volte godono delle famose doppie o triple A delle società di rating, quindi considerati assolutamente sicuri, anche se la realtà ha dimostrato l’esatto contrario.

Ribadiamo, non vogliamo scatenare alcun panico ingiustificato, ma evidenziare che alcuni investimenti considerati “sicuri” in realtà lo sono di meno e vanno considerati con maggiore attenzione.

Del pari, dobbiamo necessariamente segnalare che l’opera di bonifica dell’economia dalla finanza ombra e dai suoi prodotti non può essere condotta con repentine cancellazioni ed azzeramenti di titoli, perché questo comporterebbe l’azzeramento del risparmio di milioni di famiglie che tutto possono essere considerate tranne che speculatori incalliti.

L’operazione di “bonifica” dovrebbe partire con gradualità, ponendo divieti a nuove emissioni di strumenti derivati su determinate tipologie di prodotti, passando successivamente per una “emersione” dei veicoli finanziari utilizzati ed infine con la netta separazione tra banche d’investimento e banche generiche, con chiare limitazioni all’uso di strumenti strutturati da parte di queste ultime.

La cancellazione repentina dei vari strumenti derivati, tutto sommato, farebbe più comodo alle banche che ai risparmiatori, in quanto potrebbero eliminare il rischio di insolvenza scaricando l’azzeramento del valore dei prodotti su milioni di piccoli e medi risparmiatori. Infatti le società che emettono i prodotti derivati, pur essendo emanazione delle banche, non compaiono nei loro bilanci, per cui le banche, in caso di azzeramento in forza di legge degli strumenti derivati, non avrebbero obblighi nei confronti dei risparmiatori e le loro società situate nei paradisi fiscali si limiterebbero a chiudere i battenti. Tuttavia, l’azzeramento dei prodotti provocherebbe l’azzeramento del sottostante di molti pronti contro termine (privi di garanzia per i risparmiatori) e di conti depositi (garantiti teoricamente dal fondo di garanzia fino a 100.000), ovvero di strumenti d’investimento prediletti da milioni di piccoli risparmiatori e non certo dai grandi squali della finanza che preferiscono operare su mercati non regolamentati o con transazioni private.

Come sempre, è necessario prestare la massima attenzione  a non gettare il bambino con l’acqua sporca, perché uno simile shock potrebbe rappresentare la fine del mondo occidentale così come lo conosciamo e milioni di persone ridotte alla povertà più assoluta.

Luca Campolongo 

www.sosimprese.info

consulenza@sosimprese.info


PRONTI CONTRO TERMINE E CONTI DEPOSITO: LO SAPETE CHE POTRESTE PERDERE TUTTO SENZA RIMBORSI?




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
UN VELISTA ITALIANO ''PRIGIONIERO'' DENTRO L'EPICENTRO DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS RACCONTA L'INFERNO CHE HA ATTORNO

UN VELISTA ITALIANO ''PRIGIONIERO'' DENTRO L'EPICENTRO DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS RACCONTA

martedì 18 febbraio 2020
Il racconto di un "prigioniero" italiano che ri trova dentro l'epicentro dell'epidemia di coronavirus Uscite di sicurezza dell'hotel sbarrate con catena e lucchetto e ingresso unico, mascherina
Continua
 
LA SITUAZIONE DELLA CINA E' MOLTO PIU' GRAVE DI QUANTO VENGA RACCONTATO DAI MEDIA IL VIRUS STA UCCIDENDO L'ECONOMIA

LA SITUAZIONE DELLA CINA E' MOLTO PIU' GRAVE DI QUANTO VENGA RACCONTATO DAI MEDIA IL VIRUS STA

martedì 18 febbraio 2020
L'epidemia causata dal nuovo ceppo di coronavirus Covid-19, originata nella Cina centrale e poi diffusasi a livello internazionale, ha posto la diplomazia di Pechino in una situazione di stress senza
Continua
INCHIESTA / L'ALTRA FACCIA DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS: IL TRACOLLO DELL'ECONOMIA A LIVELLO PLANETARIO

INCHIESTA / L'ALTRA FACCIA DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS: IL TRACOLLO DELL'ECONOMIA A LIVELLO

mercoledì 29 gennaio 2020
La Cina e la comunita' internazionale osservano con crescente preoccupazione le ricadute della propagazione del nuovo ceppo di coronavirus sull'economia del paese asiatico, che potrebbe rallentare
Continua
 
''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE CANCELLARE ISRAELE E' ANTISEMITA

''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE

giovedì 16 gennaio 2020
A dieci giorni dalla ricorrenza del Giorno della Memoria in omaggio alle vittime dell'Olocausto, la Lega ha organizzato a Roma il convegno 'Le nuove forme dell'antisemitismo'. A Palazzo Giustiniani,
Continua
UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL BUCO-BREXIT DI 15 MLD/ANNO

UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL

lunedì 13 gennaio 2020
LONDRA - Pochi giorni fa, il parlamento britannico ha approvato a larga maggioranza la legge che stabilisce che la Gran Bretagna lascera' definitivamente l'Unione Europea il 31 Gennaio del 2020. Al
Continua
 
CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI E FORMARE FAMIGLIE

CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI

martedì 7 gennaio 2020
LONDRA - Negli ultimi anni, in diversi Paesi e' aumentato il numero di coloro che sono contrari al libero movimento delle persone all'interno della UE in quanto questa politica ha visto le nazioni
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MILTON FRIEDMAN (PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA) SCRIVE ''L'EURO E' UN SOVIET: BRUXELLES E FRANCOFORTE AL POSTO DEL MERCATO''

MILTON FRIEDMAN (PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA) SCRIVE ''L'EURO E' UN SOVIET: BRUXELLES E FRANCOFORTE
Continua

 
DIBATTITI / IL PREMIO NOBEL STIGLITZ ''CON LE ELEZIONI EUROPEE VA RIDATA AUTONOMIA AI POPOLI, LA UE NON FUNZIONA

DIBATTITI / IL PREMIO NOBEL STIGLITZ ''CON LE ELEZIONI EUROPEE VA RIDATA AUTONOMIA AI POPOLI, LA UE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA BCE: UNICA MONETA A CORSO LEGALE E' IL DENARO CONTANTE (DITELO A

9 gennaio - ''La Bce ricorda agli incompetenti del governo Pd-M5S che l'unica moneta
Continua

MATTEO SALVINI: CONTE NON SI AZZARDI A FAR RIPARTIRE LA MISSIONE

8 gennaio - ''L'Ue non tocca palla ne' in Libia ne' in Medio Oriente, ma ora
Continua

CROLLANO GLI ORDINI INDUSTRIALI IN GERMANIA: -6,5% NEL 2019 (MAI

8 gennaio - BERLINO - A novembre gli ordinativi all'industria manifatturiera sono
Continua

LA FAMIGLIA RIVA AVEVA FATTO ENORMI INVESTIMENTI NELL'EX ILVA 1 MLD

7 gennaio - MILANO - Nella gestione dell'Ilva di Taranto da parte della famiglia
Continua

CROLLA L'INFLAZIONE NEL 2019 IN ITALIA (DA 1,2% A 0,6%) STAGNAZIONE

7 gennaio - Il tasso d'inflazione per il 2019 si attesta allo 0,6%, un valore
Continua

TERRORISTA ISLAMICO ACCOLTELLA 4 PERSONE A PARIGI, LA POLIZIA SPARA

3 gennaio - PARIGI - Almeno quattro persone sono rimaste ferite a Villejuif, nella
Continua

SALVINI: ''ELIMINATO PERICOLOSO E SPIETATO TERRORISTA ISLAMICO.

3 gennaio - ''Donne e uomini liberi, alla faccia dei silenzi dei pavidi dell'Italia
Continua

DUE ABBANDONI IN DUE ORE: LASCIA L'M5S ANCHE IL DEPUTATO GIANLUCA

3 gennaio - ''Lascio il M5S e passo al Gruppo Misto perche' non e' piu' tollerabile
Continua

M5S PERDE UN ALTRO PEZZO: IL DEPUTATO NUNZIO ANGIOLA LASCIA I 5S E

3 gennaio - Il deputato pugliese Nunzio Angiola lascia il M5S e va al Gruppo Misto.
Continua

MAROCCHINO UBRIACO E DROGATO CAUSA INCIDENTE STRADALE: RAGAZZA 23

3 gennaio - L'AQUILA - E' risultato positivo ai test su alcol e droga il marocchino
Continua

BORSE VERSO IL CROLLO PER LE MINACCE DI GUERRA CHE PUO' COINVOLGERE

3 gennaio - Le Borse europee peggiorano con i venti di guerra in Medio Oriente dopo
Continua

COL VOTO SULL'IMPEACHMENT AUMENTATE DONAZIONI PER CAMPAGNA

2 gennaio - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, gongola su Twitter per le
Continua

L'EGITTO REAGISCE DURAMENTE ALL'INVIO DELL'ESERCITO TURCO IN LIBIA

2 gennaio - L'Egitto esprime ''una forte condanna'' al voto di approvazione da parte
Continua

ALLA FACCIA DEGLI INTELLETTUAL-PD-SINISTRI, TOLO TOLO CAMPIONE

2 gennaio - Checco Zalone si conferma campione di incassi e si proietta verso nuovi
Continua

SALVINI: SOLIDARIETA' AI VIGILI DEL FUOCO AGGREDITI DAI CENTRI

2 gennaio - MILANO - ''Anno nuovo, i soliti vecchi idioti dei centri sociali,
Continua

CROLLO DELLA PRODUZIONE IN GERMANIA: INDICE PMI MANIFATTURIERO CADE

2 gennaio - BERLINO - Giù il Pmi manifatturiero tedesco nell'ultimo mese del 2019.
Continua

AUTOSTRADA TORINO-AOSTA CHIUSA PER PERICOLO FRANA PAZZESCO L'ITALIA

2 gennaio - TORINO - la rete autostradale italiana cade a pezzi, adesso anche la
Continua

M5S CACCIA IL SENATORE PARAGONE, ALTRI SENATORI 5S PRONTI A LASCIARE

2 gennaio - ''Gianluigi Paragone e' e resta un mio collega. Fino a quando, e sono
Continua

SALVINI: ITALIA FUORI DA TUTTO IN LIBIA, CI SIAMO FATTI FREGARE

2 gennaio - ''È inesistente. Noi in Libia siamo fuori da tutti i giochi, abbiamo
Continua

TRUFFA AI RISPARMIATORI: DECINE DI DENUNCE A BARI CONTRO LA POP.BARI

19 dicembre - BARI - Decine di nuovi fascicoli d'inchiesta con l'ipotesi di truffa
Continua
Precedenti »