72.782.279
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

STRAORDINARIA INTERVISTA AL PROFESSOR ALBERTO BAGNAI: ''FINCHE' C'E' L'EURO IN ITALIA IL PAESE E' CONDANNATO ALLA ROVINA''

mercoledì 29 gennaio 2014

«Finché c’è l’euro, un eventuale aumento del potere d’acquisto degli italiani andrebbe a beneficio delle importazioni e non delle nostre imprese. Ottenere che l’Italia sfori il tetto deficit/Pil del 3% è solo una soluzione tampone che non cura il vero problema alla radice». Ne è certo Alberto Bagnai, professore di Politica economica all’Università G. D’Annunzio di Pescara.

Il riordino dei conti pubblici del nostro Paese, con il rapporto deficit/Pil ridisceso al di sotto del 3%, non si è tradotto in una crescita dell’economia nazionale. Tanto che il segretario del Pd, Matteo Renzi, ha lanciato la sua proposta: “Non perdiamo più tempo, si può sforare il tetto del 3% sul deficit/Pil”. Anche perché altri Stati, indicati dalla Germania come paesi virtuosi e modelli da seguire, continuano a infischiarsene della regola del 3%, spendendo a deficit per sostenere imprese e terziario. Il Regno Unito lo ha fatto per il 6,1%, l’Irlanda per il 7,6% e la Spagna per il 6,7% 

Professor Bagnai, l’Italia non può fare altrettanto perché il nostro debito è più alto? 

Con le politiche di austerità del governo Monti il rapporto debito/Pil è cresciuto di quasi dieci punti in poco più di un anno. Rinunciare all’austerità farebbe quindi scendere il rapporto debito/Pil. A contare effettivamente sono i rapporti, non i valori assoluti. Chi vuole fare politiche contro lo Stato sociale ricorre all’espediente retorico di usare il valore assoluto del debito. A contare non è però il suo ammontare complessivo, ma i redditi che la collettività nazionale può dedicare al servizio del debito stesso. 

Qual è la spirale viziosa innescata dall’austerità? 

L’austerità, nel momento in cui taglia il debito, taglia gli imponibili, quindi taglia il gettito fiscale, e così di fatto inceppa il meccanismo di rifinanziamento anche degli stessi interessi sul debito. Per rientrare da un debito ingente, le terapie migliori sono quelle graduali, mentre terapie d’urto basate sui tagli sono sempre controproducenti. 

Quindi hanno ragione Renzi e Prodi che propongono lo sforamento del 3%? 

Il fatto oggettivo è che l’austerità ha fallito, ma questo fatto non deve trarci in inganno. Molte persone, tra cui Romano Prodi, pensano che se rimuovessimo i vincoli di carattere fiscale come il rapporto deficit/Pil del 3%, improvvisamente si avrebbe una maggiore crescita e questa metterebbe fine a tutti i problemi. In realtà, mantenendo il cambio fisso determinato dall’euro, una maggiore crescita si scaricherebbe in maggiori importazioni di prodotti stranieri. Ciò rimetterebbe l’Italia in mano ai mercati esteri. 

Insomma, non si risolverebbe nulla? 

La mia sensazione è che quando si chiede che anche l’Italia possa superare il 3%, ciò rappresenti un continuo aggiungere di cicli in un sistema che mette la terra al centro dell’universo come il vecchio sistema tolemaico. Come ha detto anche Kenneth Rogoff al Forum di Davos, il cambio fisso è un colossale errore. Invece di continuare a porre dei tamponi a valle, curiamo direttamente il vero problema che è l’euro. 

Perché però lo sforamento del 3% è consentito ad altri paesi e non all’Italia? 

Il dato oggettivo è che l’Italia ha un rapporto debito/Pil alto. La Germania sta però applicando clausole di maggior favore ai paesi verso i quali è più esposta in quanto ha prestato di più, cioè Francia e Spagna. Consente quindi loro degli sforamenti che favoriscono la crescita, proprio perché vogliono rientrare dei loro soldi. L’Italia ha al contrario una situazione che dal punto di vista strategico è diversa. 

In che senso? 

Siamo meno indebitati nei confronti della Germania, ma d’altra parte siamo dei concorrenti molto più temibili perché abbiamo posizionamenti sui mercati che prima della crisi erano molto simili a quelli di Berlino. 

Quali sono state le conseguenze? 

Con la scarsa capacità di difendere gli interessi nazionali della nostra classe politica, leadership più consapevoli di alcune strategie di mercato hanno messo l’Italia alle corde imponendole l’assurdo rispetto di regole che hanno fatto peggiorare i nostri problemi. Sono al contrario stati molto più indulgenti verso Spagna e Francia perché questo permetteva alle elite del nord di risolvere il loro problema, cioè di riavere i indietro i crediti erogati. 

 

Intervista al Prof. Bagnai è di Pietro Vernizzi 

Fonte notizia: ilsussidiario.net


STRAORDINARIA INTERVISTA AL PROFESSOR ALBERTO BAGNAI: ''FINCHE' C'E' L'EURO IN ITALIA IL PAESE E' CONDANNATO ALLA ROVINA''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Alberto Bagnai   Italia   debito Pil   Germania   euro   uscita dall'euro   austerità   Mario Monti    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE IENE SBUGIARDANO CONTE E MOSTRANO CARTE INOPPUGNABILI, ADESSO PER L'AVVOCATO ''DEL POPOLO'' SONO VERI GUAI

LE IENE SBUGIARDANO CONTE E MOSTRANO CARTE INOPPUGNABILI, ADESSO PER L'AVVOCATO ''DEL POPOLO'' SONO

martedì 10 dicembre 2019
Il sito web de 'Le IENE', con Antonino Monteleone e Marco Occhipinti, torna sul caso del concorso universitario del 2002 che ha fatto diventare Giuseppe Conte professore ordinario di diritto privato
Continua
 
ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI, CONSOLIDAMENTO INEVITABILE''

ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI,

martedì 10 dicembre 2019
BERLINO - Nubi di tempesta finanziaria si stanno addensando sulle banche tedesche. Per le banche della Germania, il consolidamento - ovvero una forte ricapitalizzazione - e' "inevitabile" perche' si
Continua
SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU' (IN LITUANIA IL 51%)

SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU'

lunedì 9 dicembre 2019
LONDRA - Ogni anno l'Unione Europea fa un sondaggio per vedere quanto e' popolare la moneta unica e quest'anno il risultato e' piuttosto sorprendente. A prima vista le 17mila e 500 persone
Continua
 
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
 
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL GRANDE ECONOMISTA FRANCESE JACQUES SAPIR SMONTA TUTTE LE OBIEZIONI DI CHI E' CONTRARIO ALL'ABBANDONO DELL'EURO

IL GRANDE ECONOMISTA FRANCESE JACQUES SAPIR SMONTA TUTTE LE OBIEZIONI DI CHI E' CONTRARIO
Continua

 
ECCO COSA SARA' LA ''FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES'': SEDE LEGALE IN OLANDA FISCALE IN INGHILTERRA OPERATIVA  A DETROIT

ECCO COSA SARA' LA ''FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES'': SEDE LEGALE IN OLANDA FISCALE IN INGHILTERRA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SALVINI: SCUDO ARCELORMITTAL NOI AL GOVERNO L'AVEVAMO RIMESSO,

19 novembre - La questione dello 'scudo' per ArcelorMittal ''era uno dei motivi delle
Continua

M5S SI RIBELLA A CONTE E INTIMA A DI MAIO DI CONVOCARE VERTICE DI

19 novembre - ''Il Parlamento aveva dato un preciso mandato al Presidente del
Continua

IN ARRIVO ALTA MAREA ECCEZIONALE A VENEZIA: 160 CENTIMETRI ALLARME

15 novembre - VENEZIA - L'ultimo bollettino (ore 8:15) del Centro maree di Venezia ha
Continua

DI MAIO HA PAURA E MINACCIA I SUOI: ''CHI FA POLEMICHE SE NE VADA''

14 novembre - Il capo politico dell'M5s sente odore di scissione e attacca: ''Chi fa
Continua

GOVERNATORE FONTANA: BRUTTO EPISODIO CHE NON RAPPRESENTA LA REALTA'

14 novembre - MILANO - ''Non sono preoccupato, perche' non credo che esista questo
Continua

SONDAGGI/ SUPERMEDIA YOUTREND: CENTRODESTRA 50,6% CON LEGA 33,5%

14 novembre - Buona la performance di Fratelli d'Italia che sfiora il 10%, salendo al
Continua

PIL TERZO TRIMESTRE 2019 EUROZONA: GERMANIA E ITALIA APPAIATE NEL

14 novembre - BRUXELLES - Nel terzo trimestre 2019 il Pil e' salito dello 0,2%
Continua

LAURA COMI E PAOLO ORRIGONI AI DOMICILIARI, ZINGALE IN CARCERE

14 novembre - VARESE - I finanzieri del Nucleo Polizia economico-finanziaria di Milano
Continua

SONDAGGIO: CENTRODESTRA AL 50,2% LEGA AL 33%

14 novembre - Secondo un sondaggio EMG Acqua presentato oggi ad Agora', il programma
Continua

GOOGLE ENTRA NEL SETTORE BANCARIO: OFFRIRA' A BREVE CONTI CORRENTI

13 novembre - Google è pronta a entrare nel settore bancario. Il prossimo anno,
Continua

RENZI LO METTE PER ISCRITTO: IL MIO OBBIETTIVO E' ANNIENTARE IL PD

13 novembre - Lo mette pure per iscritto. Matteo Renzi vuole annientare il Pd.
Continua

IL GOVERNO TEDESCO DI SPACCA SULL'UNIONE BANCARIA: SPD A FAVORE CDU

13 novembre - BERLINO - Il governo tedesco vacilla sempre piu. Raggiunto faticosamente
Continua

GOVERNO SI SPACCA SU EMENDAMENTO PER RIPRISTINO SCUDO LEGALE ALL'EX

13 novembre - ''Lo stop in commissione alla Camera degli emendamenti che ripristinano
Continua

TOTI: GRANDE DOLORE PER CHI HA PERSO LA VITA IN VENETO PER MALTEMPO

13 novembre - GENOVA - ''Grande dolore per chi ha perso la vita in Veneto a causa del
Continua

GOVERNATORE FONTANA OFFRE UOMINI E MEZZI A BASILICATA E VENETO PER

13 novembre - MILANO - ''Questa mattina ho chiamato i governatori di Veneto e
Continua

DIRETTORE ASSOCIAZIONE VENEZIANA ALBERGATORI: UNA DEVASTAZIONE E

13 novembre - VENEZIA - ''E' una devastazione: i danni sono ingentissimi e purtroppo
Continua

MATTEO SALVINI: GOVERNO DEVE DARE 1 MILIARDO A VENEZIA PER I DANNI

13 novembre - ''Un patrimonio dell'umanita' che il governo non puo' ignorare: per i
Continua

SONDAGGIO: LEGA SALE ANCORA, CENTRODESTRA A UN SOFFIO DAL 50%

13 novembre - La Lega si conferma il primo partito e cresce al 32,6% dal 32% dei
Continua

GOVERNATORE FONTANA: PROVENZANO PROVA ACRIMONIA VERSO UNA PARTE

13 novembre - MILANO - ''Provenzano ha espresso concetti sbagliati e mi stupisco che
Continua

LA UILM DI TARANTO: ''NON ACCETTEREMO NEPPURE UN SOLO ESUBERO

11 novembre - TARANTO - ''Chiunque verra', Stato o non Stato, noi non possiamo
Continua
Precedenti »