45.171.224
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ELEZIONI IN OLANDA MERCOLEDI' 15 MARZO: I NAZIONALISTI DI WILDERS IN TESTA NEI SONDAGGI (PANICO A BRUXELLES)

lunedì 13 marzo 2017

AMSTERDAM - L'Olanda si prepara alle elezioni generali di mercoledì, 15 marzo. L'appuntamento elettorale avrà però un risvolto non solo nazionale: si tratta della prima sfida di quest'anno per l'Unione europea, a cui seguiranno le elezioni in Francia e quelle in Germania, nonché i negoziati - ammesso mai vi saranno - della Brexit.

I sondaggi prevedono ottimi risultati il partito del leader nazionalista e anti-islam Geert Wilders, cioè il Partito per la libertà (Pvv), ma i due ex grandi partiti in corsa - popolari e socialisti che hanno perso il 50% del loro elettorato in due anni - si rifiutano di negoziare con lui per la formazione di un eventuale governo di coalizione, definendo le sue posizioni "incompatibili" con i loro programmi elettorali, il che renderà probabilmente complessi gli scenari post voto.

Sempre che il Partito della Libertà non travolta tutto e tutti e vinca con margini clamorosi, come alcuni sondaggi indicano.

L'Olanda, uno dei sei Paesi fondatori dell'Ue, la cui economia è cresciuta intorno al 2% nel 2017 e il cui indice di disoccupazione scenderà fino al 5,2% della popolazione attiva, secondo le previsioni è diventato un potenziale agente destabilizzatore dell'Unione europea.

Non tanto perché Wilders - strenuo sostenitore della de-islamizzazione del Paese e della cosiddetta 'Nexit', cioè dell'uscita dell'Olanda dall'Ue - abbia come ha ottimi risultati nei sondaggi e dopo domani nelle urne. Piuttosto il voto olandese potrebbe essere fonte di destabilizzazione dell'Ue perché i risultati potrebbero creare un effetto 'palla di neve' che potrebbe trascinare anche gli elettori francesi alle presidenziali di primavera, dando magari una spinta elettorale decisiva alla leader del Front National Marine Le Pen.

Quanto al terzo appuntamento elettorale europeo dell'anno, le elezioni del 24 settembre in Germania, non è assicurata la vittoria della cancelliera tedesca Angela Merkel che tenterà il rinnovo dopo 12 anni in carica in quanto i sondaggi danno al momento avanti il principale rivale, il socialdemocratico Martin Schulz, europeista convinto.

Ma, nonostante il partito di destra Alternativa per la Germania (AfD) non superi al momento il 10%, per quando si andrà alle urne Bruxelles sarà immersa nei negoziati sulla Brexit, con effetti difficilmente prevedibili.

In Olanda il premier liberale Mark Rutte, che attualmente guida un governo di coalizione insieme ai laburisti del PvdA, ha annunciato che le sue preferenze sarebbero per una coalizione con il partito Democratici 66 (D66) e Appello cristiano democratico (Cda). "Wilders, ovviamente, non finirà lì", cioè nella coalizione, ha detto Rutte, che è il leader del Partito popolare per la libertà e la democrazia (Vvd).

Dal canto suo Wilders promette battaglia: "Non si possono voltare le spalle a 2,5 milioni di elettori. Se questo avviene, guiderò una rivoluzione nelle strade. È antidemocratico", ha ribattuto il leader nazionalista. Nonostante secondo alcuni sondaggi di area di sinistra nelle ultime settimane il sostegno al suo partito di destra Pvv sia sceso, in altre rilevazioni  indipendenti Wilders continua a essere in testa nelle intenzioni di voto, seguito dal partito di Rutte, e potrebbe ottenere  dal 25% fino al 40% dei voti, cioè fra 27 e 60 seggi sui 150 da cui è composto il Parlamento.

Mentre Democratici 66 e Cda a cui guarda Rutte, sempre stando ai sondaggi, otterrebbero rispettivamente 18 e 16 seggi. Porta chiusa a Wilders, naturalmente, anche dai laburisti del PvdA e dal Partito socialista (Ps), che hanno scelto come eventuali partner di governo i verdi di GroenLinks.

Il PvdA, secondo i sondaggi potrebbe perdere fino a 25 seggi, a vantaggio proprio del Pvv e dei socialisti. Per Wilders, dunque, le uniche opzioni resterebbero Unione cristiana e 50Plus, quest'ultimo partito più concentrato sui diritti degli anziani. "Immaginate se otteniamo 30, 40 o 50 seggi e ci voltano le spalle. Non sto minacciando nessuno di cose pericolose, ma mi piacerebbe occupare Malieveld", ha detto Wilders riferendosi al campo in cui si tengono le principali proteste all'Aia.

Per i sondaggi, dopo il 15 marzo ci sarebbe bisogno di una coalizione fra cinque o sei partiti per garantire una legislatura in grado di governare nei quattro anni successivi, cioè una ammucchiata "cani e porci".

Ma si fanno sempre più insistenti le voci che dubitano che Wilders cercherà realmente di diventare premier e ipotizzano un eventuale appoggio tattico a un futuro esecutivo, come già ha fatto fra il 2010 e il 2012, bloccando diversi progetti di legge.

Il fattore che va tenuto in considerazione, tuttavia, è quello della fallibilità dei sondaggi, ricordando che gli istituti demoscopici non erano riusciti a prevedere la vittoria della Brexit né, dall'altra parte dell'Atlantico, la vittoria di Donald Trump contro la democratica Hillary Clinton nella corsa per la Casa Bianca. 

Ad ogni modo, il 15 marzo sera chi è debole di cuore eviti di guardare la tv...

Redazione Milano


ELEZIONI IN OLANDA MERCOLEDI' 15 MARZO: I NAZIONALISTI DI WILDERS IN TESTA NEI SONDAGGI (PANICO A BRUXELLES)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

WILDERS   ELEZIONI   OLANDA   BRUXELLES   ITALIA SEGGI   DESTRA   NAZIONALISTA   NO ISLAM   PVV   GERMANIA   AFD   FRANCIA   LE   PEN    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA UE INTRODUCE LA ''REGOLA 165'' CHE AUTORIZZA LA CENSURA DI QUALSIASI PARLAMENTARE UE CHE ATTACCHI LA STESSA UE

LA UE INTRODUCE LA ''REGOLA 165'' CHE AUTORIZZA LA CENSURA DI QUALSIASI PARLAMENTARE UE CHE
Continua

 
VISTO DA VICINO / GEERT WILDERS, L'UOMO CHE DOMANI POTREBBE SFERRARE IL COLPO DEL KO ALL'UNIONE EUROPEA

VISTO DA VICINO / GEERT WILDERS, L'UOMO CHE DOMANI POTREBBE SFERRARE IL COLPO DEL KO ALL'UNIONE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MINISTRO DELLA GIUSTIZIA ORLANDO: ''TEMO ALTRE SCISSIONI NEL PD''

16 marzo - ''Non vorrei che la dinamica che ha portato alla scissione ne possa
Continua

LA TURCHIA INSULTA LA GERMANIA E I SUOI GIORNALI: ''DIFFAMANO

16 marzo - ISTANBUL - Anche dopo il voto in Olanda, non si placano le polemiche tra
Continua

GRECIA: IL DEBITO PUBBLICO E' INSOSTENIBILE, VA RADICALMENTE

15 marzo - La Grecia si trova in una spirale di recessione a causa del livello del
Continua

HACKER TURCHI ATTACCANO GIORNALI E ISTITUZIONI IN GERMANIA, FRANCIA

15 marzo - Hacker russi? No, turchi! Non solo Amnesty international, Unicef Usa e
Continua

OLANDA, URNE APERTE. WILDERS: E' RIVOLUZIONE PATRIOTTICA

15 marzo - AMSTERDAM - ''Qualunque sia il risultato delle elezioni di oggi, il
Continua

MARZO COL BOTTO: DEBITO PUBBLICO ITALIANO DECOLLA A 2.250 MILIARDI

15 marzo - ROMA - Torna a crescere il debito pubblico italiano. A gennaio, secondo
Continua

CALDEROLI: ''GOVERNO STIMA 250.000 ALTRI AFRICANI DALLA LIBIA NEL

15 marzo - Il Governo stima per il 2017 l'arrivo di 250mila immigrati dalla Libia.
Continua

IL CAPO DELLA GANG-PPE AL PARLAMENTO UE VUOLE TAGLIARE I FONDI AGLI

14 marzo - STRASBURGO - ''Questo piccolo sfogo mostra come sono realmente disperati
Continua

MAY: SAREMO UNA GRAN BRETAGNA FORTE, CON LE PROPRIE LEGGI E

14 marzo - LONDRA - ''Stiamo rispettando la tabella di marcia che ho fissato sei
Continua

TRUMP HA DECISO DI TAGLIARE DEL 50% I FINANZIAMENTI ALL'ONU (E FA

14 marzo - L'amministrazione del presidente Donald Trump ha chiesto al Dipartimento
Continua
Precedenti »