53.108.830
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FINANCIAL TIMES: L'EUROZONA E' VICINA ALL'AUTODISTRUZIONE. IL PIU' GRANDE DEFAULT DELLA STORIA DISTRUGGERA' LA GERMANIA

lunedì 12 dicembre 2016

LONDRA - "L'incapacita' di distinguere cio' che e' probabile da cio' che e' auspicabile si e' rivelata una tragedia nel 2016; questa tendenza vale anche per l'Italia" osserva l'editorialista del Financial Times Wolfgang Munchau.

"Si dice che il Belpaese sia bravo a cavarsela in qualche modo, che il suo sistema politico aggiustera' la legge elettorale per prevenire la vittoria di un partito estremista, che la sua Costituzione non permette un referendum sull'euro e che quindi l'uscita dall'unione monetaria non avverra'. Non e' detto che sia cosi'. Il divario nelle performance economiche italiane e tedesche e' enorme. Gli squilibri nel sistema di pagamenti Target 2 hanno raggiunto il livello piu' alto dalla crisi del 2012: la Germania ha un surplus di 754 miliardi di euro; l'Italia un deficit di 359 miliardi".

"In teoria si potrebbe continuare a ignorare tutto cio', ma solo ad alcune condizioni. La prima e' una convergenza tra i due paesi: l'Italia dovrebbe attuare riforme della giustizia e della pubblica amministrazione, tagliare le tasse e investire in tecnologie che aumentino la produttivita'. La seconda e' che gli Stati membri del nord accettino trasferimenti di risorse verso il Sud. La terza e' che l'Unione Europea crei un'autorita' politica federale col potere di prelievo fiscale. La quarta e' che la Banca centrale europea trovi il modo di finanziare indefinitamente il debito pubblico e privato italiano. La quinta e' che Roma continui a sostenere l'appartenenza all'euro".

"Una sola di queste condizioni sarebbe sufficiente, ma ciascuna e' molto improbabile. Le riforme economiche di Matteo Renzi - prosegue l'articolo del Financial Times di oggi  - non sono state significative, a parte il modesto pacchetto sul lavoro. L'ex presidente del Consiglio ha preferito concentrarsi su controverse riforme politiche e ha perso il referendum costituzionale. Un altro governo riformista non e' in vista e l'esecutivo di Paolo Gentiloni, probabilmente breve, non cambiera' le cose".

"Escludendo che sia la Germania a salvare l'eurozona e che gli altri Stati settentrionali accettino trasferimenti fiscali, ammettendo che l'intervento della Bce sia utile ma non risolutivo, resta da considerare la politica italiana. Solo uno dei tre blocchi principali, il Partito democratico, e' pro euro. Il Pd potrebbe anche tornare a vincere, ma certo non restera' sempre al potere. Un giorno il paese sara' guidato da un partito anti euro. La posizione italiana nell'area dell'eurozona e le elezioni presidenziali francesi rappresentano le due minacce piu' gravi per l'area monetaria e per l'Ue".

"Se l'Italia vuole continuare a usare l'euro, deve mandare un chiaro avvertimento alla Germania: l'eurozona e' sulla strada dell'autodistruzione, se non cambieranno i parametri, questo dovrebbe dire il governo italiano a quello tedesco. Il prossimo presidente del Consiglio dovra' dire al cancelliere tedesco, probabilmente Angela Merkel, che la scelta non sara' tra l'unione politica o no, ma tra l'unione politica o il ritiro dell'Italia dall'euro".

"La seconda ipotesi implicherebbe il piu' grande default della storia: il sistema bancario tedesco rischierebbe il collasso e la piu' grande potenza economica europea perderebbe tutti i vantaggi competitivi accumulati negli ultimi quindici anni di euro. Evitare questo confronto necessario - conclude Munchau - e' stato il fallimento storico degli ultimi governi italiani a guida Pd, una strategia su cui si dovrebbe riflettere".

Redazione Milano 


FINANCIAL TIMES: L'EUROZONA E' VICINA ALL'AUTODISTRUZIONE. IL PIU' GRANDE DEFAULT DELLA STORIA DISTRUGGERA' LA GERMANIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FINANCIAL   TIMES   GERMANIA   PD   GOVERNO   RENZI   EURO   EUROZONA   DEFAULT   REFERENDUM   MERKEL   BERLINO   BCE   ITALIA   STATI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

domenica 22 ottobre 2017
"Questa campagna apre prospettive esaltanti, ne sono certo, ma un risultato l'ha gia' ottenuto: far sapere a tutti che la Lombardia e' davvero una regione speciale". Roberto Maroni ha affidato il suo
Continua
 
TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA

TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE

mercoledì 18 ottobre 2017
Sono state arrestate  nove persone nell'ambito dell'operazione coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla Guardia di finanza che ha stroncato un vasto traffico di gasolio dalla Libia
Continua
SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE SIA UN DISASTRO

SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE

mercoledì 18 ottobre 2017
BRUXELLES  - Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell'Ue, ma l'Italia e' diventata lo Stato membro dove il minor numero di persone ritiene che l'appartenenza al progetto
Continua
 
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
 
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ANCHE L'ALGERIA NON NE PUO' PIU' DI IMMIGRATI CENTRO AFRICANI: ARRESTI ED ESPULSIONI DI MASSA VERSO SUD (ADDIO ORDE)

ANCHE L'ALGERIA NON NE PUO' PIU' DI IMMIGRATI CENTRO AFRICANI: ARRESTI ED ESPULSIONI DI MASSA VERSO
Continua

 
WALL STREET JOURNAL: ''MA QUALE PERICOLO RUSSIA! IL PERICOLO PER GLI USA SONO LA CRISI DELL'ITALIA E L'EURO'' (BOOM!)

WALL STREET JOURNAL: ''MA QUALE PERICOLO RUSSIA! IL PERICOLO PER GLI USA SONO LA CRISI DELL'ITALIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!