63.983.726
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

311.000 SBARCATI DALLA LIBIA IN ITALIA DA GENNAIO 2014 A OGGI! OLTRE L'80% VA ESPULSO, NON SONO PROFUGHI (CATASTROFE)

giovedì 5 novembre 2015

MILANO - "Abbiamo ricevuto i dati ufficiali del Ministero degli Interni: in Italia, in meno di due anni, sono sbarcati piu' di 300.000 immigrati. Un record assoluto". Queste le parole con cui Simona Bordonali, assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia ha comunicato i dati relativi agli sbarchi registrati in Italia dal 1 gennaio 2014 al 2 novembre 2015.

"Per la precisione siamo a quota 311.139, di cui 170.100 nel 2014 e 141.039 nei primi 11 mesi del 2015. Questi numeri - ha aggiunto Bordonali - certificano il totale fallimento del Governo Renzi in materia di immigrazione e di gestione del problema. Soprattutto perche' e' lo stesso Governo a dire che coloro che saranno confermati come clandestini, statisticamente la maggioranza assoluta dei richiedenti asilo, non potranno essere rimpatriati per mancanza di accordi bilaterali con i Paesi d'origine e queste persone diventeranno giocoforza manovalanza per macro e microcriminalita'".

"Tra le Regioni, in termini di accoglienza, al primo posto c'e' la Lombardia. Il nostro territorio - ha concluso Bordonali - viene accusato di scarsa collaborazione dal Governo centrale, ma, nei fatti, e' il piu' penalizzato. Al momento nelle strutture lombarde sono presenti 12.932 richiedenti asilo, il 13 percento del totale nazionale. Altre Regioni tanto buone e accoglienti a parole, nei fatti ne ospitano meno della meta'. Queste persone costano ai Lombardi 452.620 euro al giorno, il che significa 14 milioni di euro al mese e 165 milioni all'anno".

"Attendiamo che il premier Matteo Renzi venga sul territorio lombardo - ha concluso l'assessore - per annunciare che investira' la stessa cifra per consentire ai Comuni e alla Regione di mettere in sicurezza il territorio e proteggere le persone da frane e alluvioni".

C'è da osservare  - inoltre - che a fronte di più di 311.000 persone sbarcate in Italia con i barconi provenienti dalla Libia, gli aventi diritto allo status di rifugiato e quindi con la concreta possibilità di ottenere asilo nell'Unione Europa della quale l'Italia fa parte, non superano il 20% - ed è una stima molto larga - di tutti gli arrivati sul suolo nazionale. Prova ne è - ad esempio - l'assenza quasi totale di profughi (solo 3) tra gli ospitati a Cara Mineo, a Catania, che risulta essere anche il più grande centro d'accoglienza italiano, con molte migliaia di presenti. 

Senza voler prendere il caso Cara Mineo come dato statistico complessivo, rimane però del tutto chiaro che di 311.000 arrivati, non meno di 250.000 dovranno essere espulsi. Da qui, anche la frenata imposta dal ministro dell'Interno Alfano alla realizzazione dei cosiddetti "hot spot" decisi in sede Ue. Infatti, una volta allestiti, avrebbero il compito di selezionare chi ha diritto all'asilo, facilitandone l'ottenimento, da chi va rimpatriato, che dovrebbe rimanere in custodia negli stessi "hot spot". E' evidente che tali stutture dovrebbero quindi essere allestite per contenere decine di migliaia di persone, numeri alla mano quasi 5 volte l'attuale popolazione carceraia italiana.

Ecco perchè è un vero fallimento la politica "migratoria" del governo Renzi. Ed ecco perchè è irrealizzabile quanto la Ue vorrebbe che l'Italia facesse. Queata è una catastrofe. Punto e basta.

Redazione Milano.


311.000 SBARCATI DALLA LIBIA IN ITALIA DA GENNAIO 2014 A OGGI! OLTRE L'80% VA ESPULSO, NON SONO PROFUGHI (CATASTROFE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

REGIONE   LOMBARDIA   PROFUGHI   MIGRANTI   MINISTERO   INTERNO   ALFANO   LIBIA BARCONI   HOT SPOT   RENZI   GOVERNO   BORDONALI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco
Continua
 
PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI IMPRENDITORI SONO D'ACCORDO)

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI

lunedì 15 ottobre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di attacchi e critiche al governo sul DEF e sull’abolizione della legge fornero. Ovviamente lo spread ha iniziato a salire (ma siamo ancora a poco
Continua
SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è
Continua
 
GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione
Continua
GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA'' (OLIMPIADI INVERNALI 2026)

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA''

giovedì 11 ottobre 2018
MOSCA - "Finché non avremo catturato l'orso, non saremo sicuri: incrociamo le dita". Così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, a margine di un incontro con il
Continua
 
COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO CRISI BANCARIE''

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO

giovedì 11 ottobre 2018
NEW YORK - La decisione del governo di fissare il rapporto deficit/Pil al 2,4 per cento ha colto di sorpresa quei fondi esteri che a settembre avevano comprato BTp sulla scommessa che l'esecutivo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BANCA MARCHE - A UN PASSO DAL FALLIMENTO - MAGGIOR DISASTRO BANCARIO DA CALVI E SINDONA (CORRENTISTI PERDERANNO TUTTO)

BANCA MARCHE - A UN PASSO DAL FALLIMENTO - MAGGIOR DISASTRO BANCARIO DA CALVI E SINDONA
Continua

 
LUCA ZAIA: ''IL GOVERNO GESTISCE I MIGRANTI CON LA STRATEGIA DEI GHETTI, VERI BUBBONI DI CRIMINALITA' E DEGRADO. BASTA!''

LUCA ZAIA: ''IL GOVERNO GESTISCE I MIGRANTI CON LA STRATEGIA DEI GHETTI, VERI BUBBONI DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!