47.214.902
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6% (+44,4 MLD IN 12 MESI)

martedì 16 maggio 2017

Il Pil italiano ristagna allo 0,2% nel primo timetre 2017 con una proiezione annua da incubo, allo 0,6%. L'eurozona nel medesimo trimestre ha segnato +0,5%. Nella classifica degli Stati membri dell'euro, peggio dell'Italia fa solo la Grecia con un -0,1%.

Nel IV trimestre del 2016 il Pil italiano era cresciuto dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dell'1% su base annua. La variazione acquisita per il 2017 e' pari solo allo 0,6%, ripetiamo.

La variazione congiunturale del primo trimestre dell'anno, ha spiegato oggi l'Istat mostrando questi dati, e' la sintesi di una diminuzione degli utili nel comparto dell'industria e di un aumento sia in quello dell'agricoltura, sia in quello dei servizi. che però non bilanciano affatto la caduta.

Dal lato della domanda, vi e' un contributo positivo della componente nazionale e un apporto negativo della componente estera netta, come a dire che le esportaziooni precipitano. Confcommercio parla di crescita debole che "conferma quanto gia' emerso dagli altri indicatori congiunturali e perfettamente coerente con la modesta dinamica che contraddistingue l'economia italiana del dopo crisi".

Anche secondo Confesercenti il dato di oggi "dimostra che la strada per consolidare la ripresa e' ancora lunga e tortuosa". Andrea Goldstein, Managing Director di Nomisma, sottolinea che l'economia italiana "e' ancora in difficolta' e la luce della ripresa su basi solide e ampie e' sempre distante". Infine secondo Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor, i numeri "non sono positivi" e "procedendo con i tassi di crescita attuali il ritorno del Pil italiano ai livelli ante-crisi non avverra' invece prima del 2025".

Ma il dato molto più allarmante di tutti quelli fin qua scritti è un altro e non è stato - pensiamo volutamente - rilanciato dai media italiani, per non mettere in estrema difficoltà il governo Pd con l'opinione pubblica, che potrebbe davvero essere preda del panico: il rapporto debito/pil dell'Italia alla luce dei dati di oggi schizza a un mostruoso 137,6%. Un dato da bancarotta. 

E non basta: il vero allarme arriva dal fatto che il debito pubblico da aprile 2016 ad aprile 2017 è aumentato di 44,4 miliardi di euro arrivando a 2.260,4 miliardi di euro. In pratica, durante l'ultimo governo Renzi crollato dopo la pesantissima sconfitta referendaria del dicembre 2016 e a seguire nei primi quattro mesi del governo Gentiloni, il debito pubblico è cresciuto del 2,7% ed è una vera follia. 

Follia alla quale va aggiunta la notizia che simmetricamente è anche aumentato il gettito fiscale! Come a dire che il governo Pd nonostante sprema gli italiani come limoni con tasse su tasse non solo non riesce a far abbassare il debito pubblico, ma al contrario lo fa aumentare con percentuali pazzesche. 

A tutto ciò, va ancora aggiunto quanto segue:

1) Il governo Pd spende 4,6 milirdi di euro l'anno per mantenere in Italia orde immani di africani che non hanno alcun diritto d'asilo e infatti la Ue non li accetta per il "ricollocamento" in Europa e tutti gli stati Ue hanno sbarrato le frontiere ai "migranti" presenti sul suolo italiano. 4,6 miliardi di euro l'anno compongono più del 10% dell'aumento del debito pubblico prima descritto (44,4 miliardi di euro negli ultimi 12 mesi)

2) La Ue non intende riconoscere la spesa-africani come spesa eccezionale e quindi fuori dal patto di stabilità

3) La Ue non intendere elargire fondi per la ricostruzione delle zone terremotate italiane, e non solo: non riconosce tale spesa come straordinaria. Si tratta di non meno di 12 miliardi di euro. 

4) La Ue impone all'Italia il rispetto del malefico "pareggio di bilancio" per il quale il disavanzo debito/pil deve calare all'1,8% quando invece con questa crescita ridicola allo 0,6% resa nota oggi non c'è dubbio schizzerà di nuovo vicino al 3%.

Questi numeri non ammettono "interpretazioni" e conducono a una sola conclusione: l'Italia e la Ue sono in rotta di collisione. Se il governo Pd la vuole impedire, deve preparare una "rapina" vera e  propria ai danni degli italiani con una catastrofica patrimoniale per contanti sui conti correnti e depositi d'ogni genere dell'importo di non meno di 60 miliardi di euro. E dovrà farla entro l'autunno di quest'anno. 

Se non sarà patriomoniale, sarà bancarotta, preceduta dalla "procedura d'infrazione" che causerà difficoltà sempre maggiori per raccogliere capitali tramite Btp e ogni altro genere di titolo di stato italiano, innalzamento dello spread, e colpo di grazia finale dato dalla Bce che nei primi mesi del 2018 terminerà la droga del Quantitative Easing, ovvero l'acquisto a mani basse - come sta facendo ora - per 60 miliardi di euro al mese di titoli di stato dell'eurozona sul mercato secondario, quello che determina gli spread. 

Siamo davvero a un passo dalla catastrofe.

Redazione MIlano


ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6% (+44,4 MLD IN 12 MESI)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

PIL   ITALIA   ISTAT   DATI   BANCAROTTA   PATRIMONIALE   FISCAL   COMPACT   RENZI   GENTILONI   PD   GOVERNO   TASSE   AFRICANI   TERREMOTATI   DRAGHI   BCE   EURO   UE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua
 
CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento
Continua
SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO L'USO DEL MOUSE

SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO

venerdì 19 maggio 2017
PADOVA - Ricercatori dell'Università di Padova hanno messo a punto una tecnica che, analizzando le traiettorie percorse dal mouse, è in grado di indicare se chi è al computer
Continua
 
SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese:
Continua
SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E' RIMASTO CONTRARIO

SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E'

giovedì 18 maggio 2017
LONDRA - E' passato quasi un anno da quando il 52% dei cittadini britannici ha votato per far uscire la Gran Bretagna dalla UE, ma sarebbe un grave errore pensare che molti si siano pentiti di aver
Continua
 
ANCHE IL NUOVO MINISTRO DELL'ECONOMIA DI MACRON ''TIENE FAMIGLIA'' (HA ASSUNTO LA MOGLIE IN PARLAMENTO COME FECE FILLON)

ANCHE IL NUOVO MINISTRO DELL'ECONOMIA DI MACRON ''TIENE FAMIGLIA'' (HA ASSUNTO LA MOGLIE IN

mercoledì 17 maggio 2017
Il parlamento francese potrebbe essere soprannominato il club delle mogli. Lo scandalo di François Fillon, che ha ingaggiato la sua sposa Penelope come assistente parlamentare, pagandola circa
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ, OGGI ALLA NORMALE DI PISA: ''ITALIA ESCA DALL'EURO PER POTERE CRESCERE'' (BOOM!)

PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ, OGGI ALLA NORMALE DI PISA: ''ITALIA ESCA DALL'EURO PER POTERE
Continua

 
DATI AGGHIACCIANTI DIVULGATI OGGI: IN ITALIA DA GENNAIO A MARZO SONO FALLITE O HANNO CHIUSO 221 AZIENDE OGNI GIORNO

DATI AGGHIACCIANTI DIVULGATI OGGI: IN ITALIA DA GENNAIO A MARZO SONO FALLITE O HANNO CHIUSO 221
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SUPER BOOM DELLE VENDITE AL DETTAGLIO IN GRAN BRETAGNA: +4% SU BASE

18 maggio - LONDRA - La Brexit ogni mese che passa aumenta i suoi effetti benefici
Continua

INPS: CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO -7,4% RISPETTO IL 2016

18 maggio - Nei primi tre mesi del 2017 sono stati attivati quasi 400.000 contratti
Continua

FUGA DI CAPITALI DALLE BORSE EUROPEE, LE GRANDI BANCHE D'AFFARI USA

18 maggio - Borse europee in deciso rosso a meta' giornata con l'indice d'area che
Continua

LA UE AGGREDISCE L'UNGHERIA: PER GLI OLIGARCHI UE NON E' UNA

17 maggio - Il Parlamento Ue ha dato oggi il via alla procedura di attivazione
Continua

IL FRONT NATIONAL CAMBIA VOLTO: ALLE POLITICHE, 86% CANDIDATI NUOVI

17 maggio - PARIGI - Il Front National cambia volto. Il partito di Marine Le Pen
Continua

BOOM DEL LAVORO IN GRAN BRETAGNA: DISOCCUPAZIONE CALA AL 4,6% (COME

17 maggio - LONDRA - E per fortuna che la Brexit avrebbe dovuto ''distruggere''
Continua

GOVERNO POLACCO: ''MEGLIO LE SANZIONI UE CHE ACCETTARE MIGRANTI IN

17 maggio - VARSAVIA - POLONIA - Accettare rifugiati sarebbe ''certamente peggio''
Continua

FARAGE: ''JUNCKER E' UN PREPOTENTE, MA CON LA GRAN BRETAGNA NON

17 maggio - STRASBURGO - ''Juncker sembra ragionevole ma il suo atteggiamento e' da
Continua

PIL ROMANIA 1° TRIMESTRE 2017 +5,7% SU BASE ANNUA ALMENO +4%

16 maggio - Il prodotto interno lordo (Pil) della Romania e' cresciuto del 5,7% come
Continua

MATTEO SALVINI: ''LA LEGA NON E' DI DESTRA NE' DI SINISTRA, E'

16 maggio - MILANO - Il segretario della Lega, Matteo Salvini, torna sulle critiche
Continua
Precedenti »