53.092.947
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ELEZIONI IN OLANDA MERCOLEDI' 15 MARZO: I NAZIONALISTI DI WILDERS IN TESTA NEI SONDAGGI (PANICO A BRUXELLES)

lunedì 13 marzo 2017

AMSTERDAM - L'Olanda si prepara alle elezioni generali di mercoledì, 15 marzo. L'appuntamento elettorale avrà però un risvolto non solo nazionale: si tratta della prima sfida di quest'anno per l'Unione europea, a cui seguiranno le elezioni in Francia e quelle in Germania, nonché i negoziati - ammesso mai vi saranno - della Brexit.

I sondaggi prevedono ottimi risultati il partito del leader nazionalista e anti-islam Geert Wilders, cioè il Partito per la libertà (Pvv), ma i due ex grandi partiti in corsa - popolari e socialisti che hanno perso il 50% del loro elettorato in due anni - si rifiutano di negoziare con lui per la formazione di un eventuale governo di coalizione, definendo le sue posizioni "incompatibili" con i loro programmi elettorali, il che renderà probabilmente complessi gli scenari post voto.

Sempre che il Partito della Libertà non travolta tutto e tutti e vinca con margini clamorosi, come alcuni sondaggi indicano.

L'Olanda, uno dei sei Paesi fondatori dell'Ue, la cui economia è cresciuta intorno al 2% nel 2017 e il cui indice di disoccupazione scenderà fino al 5,2% della popolazione attiva, secondo le previsioni è diventato un potenziale agente destabilizzatore dell'Unione europea.

Non tanto perché Wilders - strenuo sostenitore della de-islamizzazione del Paese e della cosiddetta 'Nexit', cioè dell'uscita dell'Olanda dall'Ue - abbia come ha ottimi risultati nei sondaggi e dopo domani nelle urne. Piuttosto il voto olandese potrebbe essere fonte di destabilizzazione dell'Ue perché i risultati potrebbero creare un effetto 'palla di neve' che potrebbe trascinare anche gli elettori francesi alle presidenziali di primavera, dando magari una spinta elettorale decisiva alla leader del Front National Marine Le Pen.

Quanto al terzo appuntamento elettorale europeo dell'anno, le elezioni del 24 settembre in Germania, non è assicurata la vittoria della cancelliera tedesca Angela Merkel che tenterà il rinnovo dopo 12 anni in carica in quanto i sondaggi danno al momento avanti il principale rivale, il socialdemocratico Martin Schulz, europeista convinto.

Ma, nonostante il partito di destra Alternativa per la Germania (AfD) non superi al momento il 10%, per quando si andrà alle urne Bruxelles sarà immersa nei negoziati sulla Brexit, con effetti difficilmente prevedibili.

In Olanda il premier liberale Mark Rutte, che attualmente guida un governo di coalizione insieme ai laburisti del PvdA, ha annunciato che le sue preferenze sarebbero per una coalizione con il partito Democratici 66 (D66) e Appello cristiano democratico (Cda). "Wilders, ovviamente, non finirà lì", cioè nella coalizione, ha detto Rutte, che è il leader del Partito popolare per la libertà e la democrazia (Vvd).

Dal canto suo Wilders promette battaglia: "Non si possono voltare le spalle a 2,5 milioni di elettori. Se questo avviene, guiderò una rivoluzione nelle strade. È antidemocratico", ha ribattuto il leader nazionalista. Nonostante secondo alcuni sondaggi di area di sinistra nelle ultime settimane il sostegno al suo partito di destra Pvv sia sceso, in altre rilevazioni  indipendenti Wilders continua a essere in testa nelle intenzioni di voto, seguito dal partito di Rutte, e potrebbe ottenere  dal 25% fino al 40% dei voti, cioè fra 27 e 60 seggi sui 150 da cui è composto il Parlamento.

Mentre Democratici 66 e Cda a cui guarda Rutte, sempre stando ai sondaggi, otterrebbero rispettivamente 18 e 16 seggi. Porta chiusa a Wilders, naturalmente, anche dai laburisti del PvdA e dal Partito socialista (Ps), che hanno scelto come eventuali partner di governo i verdi di GroenLinks.

Il PvdA, secondo i sondaggi potrebbe perdere fino a 25 seggi, a vantaggio proprio del Pvv e dei socialisti. Per Wilders, dunque, le uniche opzioni resterebbero Unione cristiana e 50Plus, quest'ultimo partito più concentrato sui diritti degli anziani. "Immaginate se otteniamo 30, 40 o 50 seggi e ci voltano le spalle. Non sto minacciando nessuno di cose pericolose, ma mi piacerebbe occupare Malieveld", ha detto Wilders riferendosi al campo in cui si tengono le principali proteste all'Aia.

Per i sondaggi, dopo il 15 marzo ci sarebbe bisogno di una coalizione fra cinque o sei partiti per garantire una legislatura in grado di governare nei quattro anni successivi, cioè una ammucchiata "cani e porci".

Ma si fanno sempre più insistenti le voci che dubitano che Wilders cercherà realmente di diventare premier e ipotizzano un eventuale appoggio tattico a un futuro esecutivo, come già ha fatto fra il 2010 e il 2012, bloccando diversi progetti di legge.

Il fattore che va tenuto in considerazione, tuttavia, è quello della fallibilità dei sondaggi, ricordando che gli istituti demoscopici non erano riusciti a prevedere la vittoria della Brexit né, dall'altra parte dell'Atlantico, la vittoria di Donald Trump contro la democratica Hillary Clinton nella corsa per la Casa Bianca. 

Ad ogni modo, il 15 marzo sera chi è debole di cuore eviti di guardare la tv...

Redazione Milano


ELEZIONI IN OLANDA MERCOLEDI' 15 MARZO: I NAZIONALISTI DI WILDERS IN TESTA NEI SONDAGGI (PANICO A BRUXELLES)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

WILDERS   ELEZIONI   OLANDA   BRUXELLES   ITALIA SEGGI   DESTRA   NAZIONALISTA   NO ISLAM   PVV   GERMANIA   AFD   FRANCIA   LE   PEN    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

domenica 22 ottobre 2017
"Questa campagna apre prospettive esaltanti, ne sono certo, ma un risultato l'ha gia' ottenuto: far sapere a tutti che la Lombardia e' davvero una regione speciale". Roberto Maroni ha affidato il suo
Continua
 
TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA

TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE

mercoledì 18 ottobre 2017
Sono state arrestate  nove persone nell'ambito dell'operazione coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla Guardia di finanza che ha stroncato un vasto traffico di gasolio dalla Libia
Continua
SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE SIA UN DISASTRO

SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE

mercoledì 18 ottobre 2017
BRUXELLES  - Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell'Ue, ma l'Italia e' diventata lo Stato membro dove il minor numero di persone ritiene che l'appartenenza al progetto
Continua
 
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
 
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA UE INTRODUCE LA ''REGOLA 165'' CHE AUTORIZZA LA CENSURA DI QUALSIASI PARLAMENTARE UE CHE ATTACCHI LA STESSA UE

LA UE INTRODUCE LA ''REGOLA 165'' CHE AUTORIZZA LA CENSURA DI QUALSIASI PARLAMENTARE UE CHE
Continua

 
VISTO DA VICINO / GEERT WILDERS, L'UOMO CHE DOMANI POTREBBE SFERRARE IL COLPO DEL KO ALL'UNIONE EUROPEA

VISTO DA VICINO / GEERT WILDERS, L'UOMO CHE DOMANI POTREBBE SFERRARE IL COLPO DEL KO ALL'UNIONE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

BERLUSCONI: ''SE NON AVRO' LA MAGGIORANZA, MI RITIRO, ME NE VADO''

14 ottobre - ISCHIA - ''Se non avro' la maggioranza mi ritiro, me ne vado, perche' e'
Continua

IL CAPO DELLA POLIZIA HA REVOCATO IL PROVVEDIMENTO DI DESTITUZIONE

14 ottobre - PALERMO - Il capo della Polizia Gabrielli ha revocato oggi il
Continua

STRATEGA COMUNICAZIONE DI TRUMP: I SOCIAL SONO SOLO STRUMENTI DI

14 ottobre - Il guru dei social di Donald Trump boccia le strategie di social media
Continua

TRE SENEGALESI SPACCIATORI DI DROGA ARRESTATI SI FINGONO MINORENNI

14 ottobre - TORINO - Tre cittadini senegalesi, arrivati in Italia coi barconi dalla
Continua

IL MAROCCO NON VUOLE IN DIETRO I MAROCCHINI ANDATI IN LIBIA PER

14 ottobre - Alcuni migranti marocchini, trattenuti nei centri di detenzione in Libia
Continua

CENTO TAGLIAGOLE DELL'ISIS SI ARRENDONO A RAQQA. STATO ISLAMICO

14 ottobre - Almeno 100 jihadisti dell'Isis si sono arresi ai ribelli siriani che
Continua

BARCONE DI ALGERINI ARRIVA IN SARDEGNA, 34 RINTRACCIATI.

14 ottobre - CAGLIARI - Proseguono senza sosta gli sbarchi di africani in Sardegna.
Continua

AFRICANO TIRA SASSI A DUE AUTOBUS, VETRO ESPLODE RAGAZZA INVESTITA

12 ottobre - Intervento dei carabinieri mercoledi' sera attorno alle 20 in via
Continua

L'ITALIA HA IL PREZZO DEL GAS PIU' ALTO D'EUROPA E CALENDA PROVA AD

12 ottobre - L'Italia potrebbe non essere piu' il paese europeo dai prezzi del gas
Continua

ISTITUTO DELL'ECONOMIA TEDESCA: BERLINO E' UNA PALLA AL PIEDE, PER

12 ottobre - Le capitali dell'Unione europea di solito contribuiscono al benessere
Continua
Precedenti »