44.154.380
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

NAZIONALIZZARE, SALVARE E RIVENDERE MPS, CARIGE, BANCHE VENETE, BANCA ETRURIA & SORELLE E' UN GRANDE AFFARE PER L'ITALIA

martedì 6 dicembre 2016

Ricordate le previsioni degli analisti “qualificati” prima del referendum qualora avesse vinto  il NO? Crollo della borsa, spread alle stelle, siccità, carestia, morte dei primogeniti e per finire inabissamento dell’Italia nel Mediterraneo come una novella atlantide. Permetteteci la battuta, perché per l’ennesima volta, dopo brexit ed elezioni USA, le previsioni terroristiche degli analisti sono state brutalmente smentite dai fatti.

Un solo esempio: alle ore 12.35 del 6 dicembre, lo spread BTp bund è di poco superiore a 157 punti, contro i 187 del 2 dicembre.  Guarda un po’: anziché salire in caso di vittoria del NO, è sceso. E la borsa? Alla stessa ora segna un +1,53%.

I catastrofisti filo Ue, persa anche questa battaglia, si sono ora concentrati sul “problema banche” e sul rischio di bail in di MPS, dato che al momento l’aumento di capitale è stato congelato. Un intervento dello stato viene visto come molto probabile, magari a supporto della conversione delle obbligazioni subordinate, che dovrebbe comunque essere obbligatorio.

La Ue e la germania premono per una soluzione di mercato, leggasi tosatura di obbligazionisti e correntisti, dimenticandosi a che suo tempo le banche tedesche hanno beneficiato di aiuti statali ben maggiori di quelli concessi dallo stato italiano: per essere precisi, il salvataggio delle banche tedesche è costato alla Germania qualcosa come il 10% del Pil! Ma, si sa, i tedeschi sono più uguali degli altri e quello che è consentito a loro deve essere negato agli altri, nella Ue formato IV reich.

Ora, immagino già le lamentele dei sacerdoti del libero mercato contro un eventuale intervento pubblico a salvataggio delle banche italiane infarcite di crediti deteriorati, frutto per la maggior parte della crisi innescata dalle folli politiche attuate dagli ultimi tre governi: “il mercato deve autoregolarsi, è la selezione naturale, non si può vincolare il libero mercato” e via di questo passo.

Peccato per loro che proprio nella patria del libero mercato, il Regno Unito che ha dato i natali ad Adam Smith, le banche siano state nazionalizzate dal governo, risanate e successivamente rimesse sul mercato con un guadagno per le casse pubbliche di 14 miliardi di sterline. Sì, avete letto bene: lo stato inglese ha guadagnato 14 miliardi di sterline a seguito della vendita delle banche precedentemente nazionalizzate per evitarne il fallimento.

Analogo discorso è avvenuto negli USA, dove il governo federale  spese 426,4 miliardi di dollari per salvare banche ed assicurazioni e ne incassò 441,7 con un guadagno di 15!

Ma tu guarda, gli stati liberisti per definizione hanno nazionalizzato (parola tabù per i neoliberisti in salsa ue) le banche per evitarne il fallimento, le hanno risanate e le hanno vendute guadagnandoci.

Quindi, cosa ci sarebbe di così scandaloso se lo facesse anche lo stato italiano con le banche messe in difficoltà dai crediti incagliati che, è bene ricordarlo, in larga misura sono diretta conseguenza delle stesse politiche economiche dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni?

Certo, le norme Ue ce lo vietano, ma è altrettanto utile ricordare che queste norme sono state fatte DOPO che la Germania ha messo in sicurezza le proprie banche con un pesantissimo intervento di denaro pubblico, ben maggiore, in termini di percentuale del pil, di quello che sarebbe necessario in Italia, ovvero solo 1%.

A questo punto non si capisce perché lo stato italiano non dovrebbe fare ciò che ha fatto la Germania, senza chiedere permesso a nessuno e, soprattutto, senza chiedere l’intervento del fondo salva stati che consegnerebbe il paese nelle mani della troika.

Il buon senso ci dice che lo stato deve intervenire nazionalizzando le banche in difficoltà, risanarle e poi rimetterle sul mercato, vediamo se la politica saprà seguire il medesimo percorso virtuoso compiuto da USA e Regno Unito o se per l’ennesima volta sarà succube dei diktat tedeschi.

E adesso, parliamo di soldi. Quanto varrebbe MPS se fosse risanata? E' una delle pochissime banche sistemiche nazionali, è ben presente in tutta Italia, soprattutto al centro-nord produttivo, e se fosse liberata dal pericolo dei crediti marci, ovvero con una nazionalizzazione che la farebbe diventare al 100% dello stato - ora lo è solo al 10% - sarebbe facilmente cedibile ad un prezzo prossimo ai 20 miliardi du euro. L'operazione oggi costerebbe allo stato non più di 5 miliardi per la ricapitalizzazione e altrettanti per la garanzia di una cessione tranquilla e con assoluto margine di recupero degli NPL. Volendo proprio esagerare, lo stato potrebbe investirci fino a 15 miliardi in totale con la ragionevole certezza di recuperare e guadagnare dopo il salvataggio almeno quanto speso.

Ora passiamo alle altre banche che secondo il  Financial Times col NO referendario vittorioso sarebbero fallite immediatamente. Non è accaduto, ma non è questo il punto. Il punto è che Carige, Pop.Bari e le banche venete aggiungendovi anche le 4 asfittiche banche "rinnovate" dopo il disastro Etruria & sorelle - tutte assieme - volendo nazionalizzarle cancellando il rischio crediti marci equivarrebbero a una spesa per lo stato non superiore ai 5 miliardi a cui aggiungerne 5 di garanzie sugli NPL. Tutte queste banche - risanate - varrebbero mediamente 2 miliardi l'una, cedute al 100%. E sarebbero un ottimo affare per lo stato.

Ecco, quindi la messa in sicurezza dell'intero comparto bancario italiano NON avrebbe costo per lo stato se segue lo schema suddetto, che è il medesimo che fu seguito da Germania, Gran Bretagna, ma anche Olanda e Belgio, rimanendo in Europa.

E allora basta ricatti, basta minacce delle oligarchie parassitarie di Bruxelles che hanno in pugno la Ue. Facciamolo e che non se ne parli più. La Ue cosa potrebbe fare per impedirlo? Ci manda Juncker da sobrio? O la troika dei gangster? Ci ricatta con lo spread? Non scherziamo. Questi signori hanno capito che il 60% che ha detto NO a Renzi è lo stesso 60% che è così incazzato, ma così incazzato con la Ue che è pronto a polverizzarla. 

State ben attenti a quello che fate, cari "signori" di Bruxelles. Molto, molto attenti.

Luca Campolongo e Max Parisi

Fonti:

http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2016/12/6/NOTIZIE-MPS-In-borsa-attesa-per-le-news-Aumento-di-capitale-Lme-fino-a-1-028-miliardi-di-euro/736475/

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2015-06-14/salvare-banche-affare-gli-stati-081335.shtml?uuid=ACyBvY

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2016-01-05/salvare-banche-tedesche-e-costato-7percento-pil-080353.shtml?uuid=ACcIoK4B


NAZIONALIZZARE, SALVARE E RIVENDERE MPS, CARIGE, BANCHE VENETE, BANCA ETRURIA & SORELLE E' UN GRANDE AFFARE PER L'ITALIA




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
 
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua
 
LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI, LI USANO GLI OVER 45''

LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI,

lunedì 20 febbraio 2017
PARIGI - Se in Italia trovare lavoro fisso e' molto difficile, non e' cosi' per i contratti da stagista il cui numero e' letteralmente esploso: e' questo l'aspetto degli ultimi dati sul mercato del
Continua
INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1° PERICOLO MIGRANTI ISLAMICI

INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1°

lunedì 20 febbraio 2017
LONDRA - Che l'opposizione all'Unione Europea sia in crescita e' un dato di fatto riconosciuto anche dai parassiti di Bruxelles ma come stanno realmente le cose? Alcuni giorni fa il centro studi
Continua
 
INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI EUROPEI SENZA EURO

INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI

venerdì 17 febbraio 2017
I media di regime continuano a propagandare il mito che “fuori dall’euro c’è solo miseria, povertà disoccupazione”, unito al mantra che il Regno Unito sta
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'INTERVISTA / ROBERTO MARONI: PERSONALMENTE, VORREI TORNASSE IL MATTARELLUM, UN'OTTIMA LEGGE ELETTORALE MAGGIORITARIA

L'INTERVISTA / ROBERTO MARONI: PERSONALMENTE, VORREI TORNASSE IL MATTARELLUM, UN'OTTIMA LEGGE
Continua

 
NEL SILENZIO PIU' ASSOLUTO DELL'INFORMAZIONE ITALIANA, LA NOTIZIA DI 15.000 AFRICANI RISPEDITI IN ITALIA DALLA SVIZZERA

NEL SILENZIO PIU' ASSOLUTO DELL'INFORMAZIONE ITALIANA, LA NOTIZIA DI 15.000 AFRICANI RISPEDITI IN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

OGGI SI VOTA A STRASBURGO PER IL CETA (LIBERO SCAMBIO COL CANADA)

15 febbraio - STRASBURGO - ''No all'ennesimo favore alle multinazionali, no alla
Continua

LA ROMANIA CRESCE IL DOPPIO DELLA GERMANIA: PIL 2016 +4,8%

15 febbraio - BUCAREST - Il Prodotto interno lordo della Romania e' aumentato del 4,8
Continua

GRAN BRETAGNA E' IN PIENA OCCUPAZIONE E AUMENTANO GLI STIPENDI

15 febbraio - LONDRA - La disoccupazione nel Regno Unito, a dicembre, si è confermata
Continua

PROTEZIONE CIVILE COMUNICA ALLA UE: TERREMOTI HANNO FATTO 23,5

15 febbraio - La sequenza sismica che dal 24 agosto ha colpito il centro Italia ha
Continua

RUSSIA APRIRA' SITO WEB PER DENUNCIARE LE NOTIZIE FALSE DEI MEDIA

15 febbraio - MOSCA - Il ministero degli Esteri russo aprira' presto sul proprio sito
Continua

GRAN BRETAGNA ATTIVERA' LA BREXIT TRA L'11 E IL 31 MARZO 2017

14 febbraio - LONDRA - Il Regno Unito attiverà l'articolo 50 del Trattato di Lisbona
Continua

FIDUCIA DELLE PICCOLE IMPRESE USA SALE ALLE STELLE (VALORE PIU'

14 febbraio - Continua ad aumentare la fiducia delle piccole imprese americane, in
Continua

SCHIANTA L'INDICE ZEW (FIDUCIA DEGLI INVESTITORI) IN GERMANIA: DA

14 febbraio - BERLINO - Calo molto più marcato del previsto sul clima di fiducia
Continua

IL GUARDIAN: LA UE STA PREPARANDO LA RAPPRESAGLIA CONTRO I

14 febbraio - BRUXELLES - Un documento interno della commissione Affari legali del
Continua

GIORGIA MELONI: CON RENZI L'ITALIA ULTIMA IN EUROPA, BATTUTA ANCHE

14 febbraio - ROMA - ''La Commissione europea ha pubblicato le previsioni di crescita
Continua
Precedenti »