89.508.668
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FUGGITE ADESSO PERCHE' ENTRO IL 2015 ITALIA FUORI DALL'EURO

Lo scrive addirittura il Sole 24 Ore, non l'euroscettico Nord che state leggendo: "Tra due anni, con la recessione, il rapporto debito-Pil salirà al 140%. Rischio di uscire dall'euro".  Se addirittura il quotidano di Confindustria si spinge ad affermare che l'italia è avviata all'uscita dalla moneta unica europea, la situazione è molto ma molto più grave di quanto si sappia e di quanto soprattutto telegiornali e maggiori quotidiani dicano. 

Intanto, una facile considerazione: dal dicembre 2011 al dicembre 2012 il debito pubblico gestito dal "tecnico bocconiano" Mario Monti è lievitato a 2000 miliardi di euro da 1910 qual era. Nei primi tre mesi del 2013 è salito di altri 22 miliardi. 

Ieri, il governo decaduto e senza maggioranza di Monti ha scritto il decreto legge che prevede il pagamento di 40 miliardi di debiti arretrati - la maggior parte da oltre un anno - dello Stato con i  fornitori privati. E come fa lo Stato a trovare i soldi? Semplice: con altro debito pubblico, cioè emettendo Bot e Btp. Quindi, i 2022 miliardi di avantieri ieri sono diventati 2062 miliardi di debito statale. 

E mentre questo enorme vulcano di soldi a ufo continua a eruttare "pagherò" dello Stato, dette anche cambiali marchiate Btp-Cct-Bot e chi più ne ha - di sigle e siglette - ne metta, il prodotto interno lordo italiano tracolla sotto i colpi di maglio della recessione senza fine. Risultato? Se il dividendo diminuisce e il divisore aumenta rapidamente s'arriverà a quella fatidica soglia del 140% che ha fatto esplodere nell'ordine: Grecia, Cipro, tra poco Slovenia, e subito dopo l'italia. 

Il Pil del 2013, infatti, è previsto scenda di un altro 1,7%. Il debito pubblico non ha previsioni di sorta, per la sua salita: potrebbe crescere perfino di altri 100 milairdi da oggi. 

E in tutto questo, un governo non c'è, e gli accordi sottoscritti dall'italia apponendo la firma in calce al documento denominato Fiscal Compact, prevedono che per questo 2013 il debito pubblico scenda di 20 miliardi dal valore del 2012 e il disavanzo resti inferiore al 3%.

Un delirio. Un delirio che però ha una fine: il 2015, quando arrivati al 140% l'italia deflagherà e con essa l'euro che l'ha ammazzata. Un semplice consiglio del Nord ai lettori: se avete ancora da parte risparmi, fuggite dal'euro. Adesso.

max parisi


FUGGITE ADESSO PERCHE' ENTRO IL 2015 ITALIA FUORI DALL'EURO




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SE DEVE PAGARE UNA ASL, LA BANCA NON ANTICIPA PIU' LA FATTURA ALL'AZIENDA

SE DEVE PAGARE UNA ASL, LA BANCA NON ANTICIPA PIU' LA FATTURA ALL'AZIENDA

 
LA COMMISSIONE EUROPEA ORDINA AI PORTOGHESI DI MORIRE DI FAME. L'ALTA CORTE DI LISBONA DICE NO!

LA COMMISSIONE EUROPEA ORDINA AI PORTOGHESI DI MORIRE DI FAME. L'ALTA CORTE DI LISBONA DICE NO!


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

ZINGARETTI: ''IMPOSSIBILE QUALSIASI GOVERNO CON ITALIA VIVA,

14 gennaio - ''C'è un dato che non può essere cancellato dalle nostre analisi. Ed
Continua

IL PD HA DECISO CONTE DEVE VENIRE IN PARLAMENTO: VOTO DI FIDUCIA O

14 gennaio - MONTECITORIO - ''Come gruppo dei democratici vogliamo che la crisi venga
Continua

PD: ''I COSIDDETTI RESPONSABILI NON CI SONO, RISCHIO CONCRETO

14 gennaio - ''I cosiddetti responsabili non ci sono, la maggioranza dopo lo strappo
Continua

MATTEO SALVINI: ''L'UNICA STRADA SONO LE ELEZIONI''

14 gennaio - ''O trovano una nuova maggioranza, affidandosi ai Mastella, oppure la
Continua

FRATELLI D'ITALIA: ''CONTE RIMETTA IL MANDATO E SI VOTI''.

14 gennaio - ''L'atto conclusivo di questa esperienza fallimentare del governo Conte
Continua

GDF DI BERGAMO NEGLI UFFICI DI ALTI DIRIGENTI DEL MINISTERO DELLA

14 gennaio - La Guardia di Finanza di Bergamo sta acquisendo documenti anche negli
Continua

GDF BERGAMO DENTRO MINISTERO SALUTE E ISS A ROMA: INCHIESTA SUL

14 gennaio - BERGAMO - La Gdf di Bergamo, oltre che negli uffici del Ministero della
Continua

LEGA: MATTARELLA EVITI DI DARE INCARICO A CONTE CON MAGGIORANZE

14 gennaio - ''Non è possibile fingere che nulla sia accaduto e aspettare che Conte
Continua

PIU' EUROPA INTIMA A CONTE DI VERIFICARE SUBITO SE HA ANCORA

14 gennaio - ''La crisi deve essere immediatamente parlamentarizzata: Conte vada
Continua

GERMANIA CON I CONTI IN ROSSO: DISAVANZO PUBBLICO CHIZZA AL 4,8%

14 gennaio - BERLINO - Con la crisi pandemica e le relative contromisure, nel 2020 la
Continua

FONTANA: LOMBARDIA PRIMA PER NUMERO VACCINATI E SOMMINISTRAZIONI

13 gennaio - MILANO - Lombardia ha superato le 100.000 vaccinazioni Anti Covid. Con
Continua
ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

13 gennaio - VARESE - ''Finalmente sono tornato. Ringrazio il prof. Paolo Ferroli e
Continua

MATTEO SALVINI: ''SIAMO DISGUSTATI DA CONTE E RENZI, DAI LORO

13 gennaio - ''Siamo disgustati. Da settimane l'Italia è in balia dei capricci di
Continua

ROBERTO MARONI DIMESSO DAL BESTA DOPO L'INTERVENTO: CONDIZIONI

12 gennaio - MILANO - L'ex governatore della Lombardia, ed ex ministro dell'Interno,
Continua

FINANCIAL TIMES PREMIA PROGETTI DI REGIONE LOMBARDIA. MIGLIORI AL

12 gennaio - fDi Intelligence - servizio del Financial Times, il quotidiano di
Continua

TOTI: PARLAMENTARI DI CAMBIAMO NON DARANNO MAI VOTI A QUESTO GOVERNO

12 gennaio - ''In queste condizioni, i parlamentari di Cambiamo non daranno una mano
Continua

LA MINISTRA BELLANOVA TIRA UNA LEGNATA A CONTE: HA LA MAGGIORANZA?

12 gennaio - Da Palazzo Chigi fanno sapere che Conte non intende portare avanti la
Continua

ASSESSORE CATTANEO ACCUSA CONTE: NIENTE FONDI PER MIGLIORARE ARIA

12 gennaio - ''Nella bozza di Piano nazionale di ripresa e ripartenza non c'è nessun
Continua

MINISTRO ECONOMIA FRANCIA: TWITTER PARTE DI PERICOLOSISSIMA

11 gennaio - PARIGI - ''Quello che trovo scioccante è che sia Twitter che chiuda''
Continua

GOVERNATORE FONTANA: NON ESISTE GARA A CHI VACCINA PRIMA.

11 gennaio - MILANO - In merito alla campagna di vaccini contro il Coronavirus in
Continua
Precedenti »