63.996.922
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA UE PUR DI COMBATTERE PUTIN E' PRONTA A COMPRARE GAS DA DUE DEI PEGGIORI REGIMI DITTATORIALI (E CORROTTI) DEL PIANETA

lunedì 23 febbraio 2015

BERLINO - Alla luce del conflitto tra l'Ucraina e la Russia, la Commissione europea vorrebbe avviare al piu' presto le trattative per l'importazione di gas dalle ex Repubbliche Sovietiche dell'Azerbaijan e del Turkmenistan, puntando cosi' su soluzioni politiche alquanto discutibili: e' quanto emerge dalla bozza della cosiddetta unione energetica europea, scrive "Der Spiegel". Perchè per non comprarlo da Putin, sarebbe disposta a comprarlo da due conclamati dittatori.

Quest'anno dovrebbe essere siglato un memorandum d'intesa tra l'Unione Europea e gli ex Stati dell'Unione Sovietica. L'accordo sarebbe parte di un pacchetto che la Ue intende sviluppare entro il 2016 per aumentare la sicurezza e la diversificazione dell'approvvigionamento di gas europeo.

Lo scorso dicembre il settimanale tedesco aveva riferito che la Ue intende raddoppiare la capacita' di un gasdotto dall'Azerbaijan: il paese potrebbe presto consegnare al Vecchio continente fino a 20 miliardi di metri cubi di gas all'anno.

Da diverso tempo, inoltre, la Turchia si sta impegnando per far arrivare il gas turkmeno in Europa. Finora il gas naturale turkmeno e' stato immesso solo raramente nelle condutture che dalla Russia arrivano in Ucraina.

"L'Unione Europea utilizzera' tutti gli strumenti di politica estera per creare dei partenariati energetici strategici con i paesi di produzione e di trasporto del gas", si legge nel progetto sull'unione energetica. Tra questi si contano anche l'Algeria, la Turchia, l'Azerbaijan e il Turkmenistan.

L'obiettivo dell'Ue e' anche quello di rafforzare la cooperazione con la Norvegia, con gli Stati Uniti e il Canada. In una precedente versione del documento, risalente al mese scorso, tra i potenziali partner energetici strategico della Ue era citato anche l'Iran, ma il riferimento ,scrive il settimanale tedesco, non compare nell'ultima versione della bozza.

Al suo posto si legge che la Ue "prende in considerazione altri potenziali fornitori". L'Europa cerca quindi di diversificare le sue fonti, anche se alcuni dei partner strategici rimangono alquanto controversi, a dir poco.

Il Turkmenistan detiene uno dei maggiori giacimenti di gas al mondo, ma l'ex Stato sovietico e' tutto fuorche' democratico e, secondo Transparency International, e' uno dei dieci paesi piu' corrotti del globo.

L'Azerbaijan occupa il 162esimo posto su 180 nella lista di Reporter Senza Frontiere sulla liberta' di stampa. Attualmente la Ue copre circa i due terzi del suo consumo di gas grazie alle importazioni: la Russia e' il maggiore esportatore e consegna quasi un terzo del gas utilizzato in Europa.

Quindi, la democratica Ue, bastione della libertà, pur di non comprare più il gas dall'odiata Russia, è disposta a comprarlo da due tra i più corrotti e dittatoriali regimi del pianeta Terra.

Sarebbe interessante sapere che ne pensa l'Italia, di tutto ciò. 

Redazione Milano.


LA UE PUR DI COMBATTERE PUTIN E' PRONTA A COMPRARE GAS DA DUE DEI PEGGIORI REGIMI DITTATORIALI (E CORROTTI) DEL PIANETA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GAS   UE   RUSSIA   TURKMENISTAN   AZERBAIJAN   DITTATURE   REGIMI   CORROTTI   EX USSR   BRUXELLES   ACCORDI   FORNITURE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco
Continua
 
PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI IMPRENDITORI SONO D'ACCORDO)

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI

lunedì 15 ottobre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di attacchi e critiche al governo sul DEF e sull’abolizione della legge fornero. Ovviamente lo spread ha iniziato a salire (ma siamo ancora a poco
Continua
SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è
Continua
 
GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione
Continua
GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA'' (OLIMPIADI INVERNALI 2026)

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA''

giovedì 11 ottobre 2018
MOSCA - "Finché non avremo catturato l'orso, non saremo sicuri: incrociamo le dita". Così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, a margine di un incontro con il
Continua
 
COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO CRISI BANCARIE''

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO

giovedì 11 ottobre 2018
NEW YORK - La decisione del governo di fissare il rapporto deficit/Pil al 2,4 per cento ha colto di sorpresa quei fondi esteri che a settembre avevano comprato BTp sulla scommessa che l'esecutivo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BOMBA FINANCIAL TIMES: ''SERVONO NUOVE VALUTE ASSIEME ALL'EURO, OPPURE GREXIT E DEFAULT SONO INEVITABILI'' (ANZI: CERTI)

BOMBA FINANCIAL TIMES: ''SERVONO NUOVE VALUTE ASSIEME ALL'EURO, OPPURE GREXIT E DEFAULT SONO
Continua

 
IN IRLANDA LA GENTE SI RIBELLA E SCENDE IN PIAZZA CONTRO L'AUSTERITY E LA NUOVA FOLLE TASSA SULL'ACQUA POTABILE

IN IRLANDA LA GENTE SI RIBELLA E SCENDE IN PIAZZA CONTRO L'AUSTERITY E LA NUOVA FOLLE TASSA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MATTEO SALVINI: ''CHI SCOMMETTE CONTRO L'ITALIA CHE SALTA PERDERA'''

10 ottobre - ''Pochi personaggi scommettono su un'Italia che salta, ma non sara'
Continua

NESSUNA SOGLIA DI SPREAD FARA' CAMBIARE LA MANOVRA FINANZIARIA DEL

10 ottobre - ''Non c'è soglia'' di spread che possa far scattare una modifica della
Continua

ARRIVANO I ''CONTI INDIVIDUALI RISPARMIO'' (MENO TASSE A CHI COMPRA

10 ottobre - I CIR, i conti individuali risparmio, ''c'erano nel contratto di governo
Continua

PMI LOMBARDE: PRODUTTIVITA' +23,3% RISPETTO LA MEDIA NAZIONALE

9 ottobre - Le piccole imprese lombarde registrano una produttività di 46.200 euro
Continua

MATTEO SALVINI: SULLA RIFORMA LEGGE FORNERO NON CI FERMERA' NIENTE

9 ottobre - ''Sulla riforma della Fornero niente e nessuno ci potrà fermare.
Continua

MEMBRI COMMISSIONE BILANCIO APPLAUDONO TRIA ALLA FINE

9 ottobre - Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, termina la sua relazione sul
Continua

MINISTRO TRIA: DISOCCUPAZIONE A LIVELLI INACCETTABILI 17 MILIONI IN

9 ottobre - ''L'Italia si trova in una situazione di ritardo nella crescita
Continua

IL GOVERNO FRANCESE SI PREPARA ALLE DIMISSIONI IN BLOCCO QUESTA

9 ottobre - PARIGI - Il premier francese Édouard Philippe è arrivato stamani poco
Continua

IL PRESIDENTE DEL FONDO SALVA STATI ''RILASCIA'' UN'INTERVISTA A

8 ottobre - ''In questo momento vedere il presidente del Fondo salva-Stati fare
Continua

ISABELLA ADINOLFI (M5S): ''DOMBROVSKIS JUNKER MOSCOVICI SCATENANO

8 ottobre - ''Gli attacchi di Dombrovskis, Moscovici e Juncker scatenano spread e
Continua
Precedenti »