57.629.381
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

I TERRORISTI ISLAMICI HANNO UN ALLEATO, LA BCE: PER RISPETTARE IL FISCAL COMPACT TAGLIATE LE SPESE PER LA SICUREZZA.

lunedì 12 gennaio 2015

Non e' certo inaspettato l'allarme dei servizi segreti Usa (Cia e Nsa) e di quelli israeliani (Mossad) su Roma e la Santa Sede come possibili prossimi bersagli del terrorismo islamico. Del resto anche gli apparati di sicurezza italiani ne sono consapevoli e, piu' o meno ufficiosamente, ne parlano da tempo. Pero' si tratta al momento di uno "scenario", cioe' di un'ipotesi probabile, non suffragata al momento (o per lo meno non ancora) da riscontri concreti, sul campo.

L'allarme era scattato gia' nell'estate 2014 quando il 29 giugno Abu Bakr al-Baghdadi, califfo dello Stato islamico della Siria e dell'Iraq, disse in un audiomessaggio "Se Iddio vorra' conquisteremo Roma e il mondo intero". Le strutture dell'Isis - e del suo equivalente Is (Islamic state) fuori dal Medio Oriente - sono impegnate in operazioni militari, di guerra. Ma le cellule jihadiste agiscono spesso per emulazione, come a Parigi, ancora piu' con la concorrenza in corso tra Califfato e al Qaeda. E di certo c'e' la situazione esplosiva, oltre che in Siria, anche in Nigeria e Libia, in quest'ultimo caso a poche miglia marine dall'Italia e dall'Europa. Questo fa certamente di Roma e del Vaticano un obiettivo ideale, sensibile, e almeno in apparenza non particolarmente protetto. 

Ora, all'indomani della grande manifestazione di Parigi tutti i governi discutono di come conciliare privacy, liberta' di movimenti e sicurezza; esempio tipico i contrasti in atto sul trattato di Schengen che finora ha garantito gli spostamenti all'interno dell'Unione europea. L'Italia e' contraria a sospendere il trattato, mentre e' d'accordo sul tracciamento dei codici di prenotazione delle compagnie aeree. Cosi' come sull'istituzione di una procura nazionale antiterrorismo. Ma gli sbarchi dei clandestini - aumentati in maniera esponenziale nel 2014 - e la stessa conferma di come essi si spostino anche con modalita' diverse viste nella vicenda del traghetto Norman Atlantic, rendono tutto piu' complicato e oggettivamente favoriscono la penetrazione di terroristi e peggio: offrono ai terroristi una sterminat abase di massa per il reclutamento. Non solo: le cellule fondamentaliste sembrano particolarmente radicate tra chi e' gia' o risiede in Italia, come la cellula francese composta da immigrati di un paio di generazioni. E gli spostamenti tra Europa e Medio Oriente per arruolarsi e tornare dalla Siria e dintorni sono saltati fuori ora, a cose fatte.

Tutto questo porta a una conclusione. Se l'Europa vuole seriamente difendersi dal terrorismo non bastano la coscienza della minaccia, la volonta' e uno scambio di informazioni. Occorrono strumenti tecnologici di intelligence, analisti specializzati, strutture, agenti sul campo, infiltrati (che vanno pagati). E dunque soldi. Dopo l'11 settembre gli Usa hanno impiegato anni per modificare radicalmente la loro sicurezza interna, mentre nel frattempo combattevano in Iraq e poi in Afghanistan. Tutto questo ha richiesto ingenti finanziamenti pubblici, anche limitandoci ai soli aspetti di sorveglianza e controllo, tralasciando l'impegno militare all'estero. Il reclutamento (non solo tra i militari, ma anche nelle universita'), il controllo evoluto dei sistemi informatici, compresi i movimenti di denaro, soprattutto l'elaborazione dei dati e le eventuali contromisure, i droni, gli agenti sul campo, le armi evolute, costano miliardi di euro e di dollari; in aggiunta ovviamente a cio' che Italia ed Europa spendono gia' oggi. Cosi' come costa tappare le falle di leggi e di norme che bloccano il coordinamento tra forze dell'ordine, di sicurezza e magistratura. Finora, tutte ipotesi incompatibile con i parametri rigoristi europei. Al punto che la spending review aveva gia' imposto il taglio di 1.250 militari in servizio nelle strade, operazione poi revocata dopo le stragi in Francia. 

Certo, non sara' con le assunzioni nella Forestale che ci si difende dagli attentati, e la riorganizzazione delle forze dell'ordine resta attuale, anche come esigenza di maggior sicurezza. Ma al salto di qualita' del terrorismo l'Europa non puo' che rispondere con un analogo salto di qualita' e di livello. Che, appunto, richiede investimenti massicci, possibilmente coordinati tra i vari governi e paesi. Incompatibili con i problemi di retribuzioni, straordinari, armamenti, scarsezza di veicoli che affliggono polizia, carabinieri e forze speciali. Per adeguarsi sul piano interno - anche escludendo le guerre all'estero - gli Stati Uniti hanno sfiorato il default del bilancio pubblico. Fino ad oggi l'Europa si e' mossa in senso opposto, preoccupandosi del fiscal compact e dei decimali di deficit. Ora non si tratta di tornare alle mani bucate ma di prendere sul serio questa minaccia, e dopo le ottime parole e intenzioni, agire con i fatti.

Redazione Milano.


I TERRORISTI ISLAMICI HANNO UN ALLEATO, LA BCE: PER RISPETTARE IL FISCAL COMPACT TAGLIATE LE SPESE PER LA SICUREZZA.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC. SOSPETTI DI SPIONAGGIO

CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC.

venerdì 23 febbraio 2018
WASHIGTON - I regolatori statunitensi hanno bloccato l'acquisizione da parte di un fondo cinese appoggiato dallo Stato della Cina dell'azienda texana Xcerra, produttrice di apparecchiature per il
Continua
 
VINCERE, E POI? PRIMO: CANCELLARE LA FOLLIA DEL FISCAL COMPACT E L'ASSURDO 3% DEBITO-PIL. L'ALTERNATIVA? LASCIARE LA UE

VINCERE, E POI? PRIMO: CANCELLARE LA FOLLIA DEL FISCAL COMPACT E L'ASSURDO 3% DEBITO-PIL.

giovedì 22 febbraio 2018
Uno dei punti principali dei partiti sovranisti riguarda la rinegoziazione degli accordi che reggono la ue e la sua profonda struttura antidemocratica o l’uscita del paese dall’unione
Continua
ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO GOVERNO DI CENTRODESTRA

ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO

mercoledì 21 febbraio 2018
ROMA - Matteo Salvini  ha "lanciato" oggi Umberto Rapetto, ex generale della Guardia di Finanza, per un ruolo di "super manager" della sicurezza informatica nel prossimo governo. Non un ruolo da
Continua
 
SQUADRACCIA ROSSA MASSACRA DI BOTTE MASSIMO URSINO, DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. IN 10 CONTRO 1 L'HANNO LEGATO E MASSACRATO

SQUADRACCIA ROSSA MASSACRA DI BOTTE MASSIMO URSINO, DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. IN 10 CONTRO 1

mercoledì 21 febbraio 2018
PALERMO - Almeno sei persone hanno accerchiato a Palermo il responsabile provinciale di Forza Nuova, Massimo Ursino, legandolo mani e piedi con nastro adesivo da imballaggio e pestandolo a sangue. E'
Continua
CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI

CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE

lunedì 19 febbraio 2018
LONDRA - Il mese di maggio potrebbe rappresentare l'inizio della fine della UE visto che in questa data si decidera' il bilancio comunitario per il periodo 2021-2027 e i conti davvero non
Continua
 
ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL VERTICE DELLA BCE

ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL

lunedì 19 febbraio 2018
La pesantissima accusa di corruzione si abbatte sulla principale istituzione finanziaria della Lettonia, ma allo stesso tempo sul vertice della Bce. Il Governatore della Banca centrale Ilmars
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GENTILONI: ''L'ITALIA DEVE ENTRARE IN GUERRA CONTRO L'ISIS IN IRAQ ILLUDERSI DI FRONTEGGIARLO SENZA COMBATTERLO E' FOLLE''

GENTILONI: ''L'ITALIA DEVE ENTRARE IN GUERRA CONTRO L'ISIS IN IRAQ ILLUDERSI DI FRONTEGGIARLO SENZA
Continua

 
L'EX GIUDICE DAMBRUOSO DENUNCIA ''TRA ASSOCIAZIONI ISLAMICHE RICONOSCIUTE DAL COMUNE DI MILANO, ALCUNE NELLE BLACK LIST''

L'EX GIUDICE DAMBRUOSO DENUNCIA ''TRA ASSOCIAZIONI ISLAMICHE RICONOSCIUTE DAL COMUNE DI MILANO,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

BERLUSCONI: QUESTA COALIZIONE SI BASA SU UN PROGRAMMA DA RISPETTARE

20 febbraio - Silvio Berlusconi 'rassicura' gli imprenditori di Assolombarda sulla
Continua

NELL'INTERO 2010 CON IL GOVERNO BERLUSCONI MENO AFRICANI CHE IN

19 febbraio - ''I migranti sbarcati in poco piu' di un mese con la sinistra sono piu'
Continua

SALVINI: RISPETTO I PATTI, SE FORZA ITALIA PRENDE PIU' VOTI, SCELGA

19 febbraio - ''Io rispetto i patti. Se Forza Italia prende un voto più di noi,
Continua

MAROCCHINO DI 30 ANNI MASSACRA DI BOTTE UNA RAGAZZA DI 24

19 febbraio - MILANO - Un marocchino di 30 anni e' stato arrestato dalla polizia per
Continua

MATTEO SALVINI: CHE LA LEGA NON VOGLIA INCIUCI LO SANNO TUTTI. MAI

19 febbraio - TRIESTE - ''Ieri veniva prima mia figlia...'' Ha risposto cosi' Matteo
Continua

ARRESTATI DUE MAROCCHINI CON PIU' DI MEZZO QUINTALE DI DROGA

15 febbraio - MILANO - Due marocchini di 45 e 46 anni sono stati arrestati dai
Continua

DUE NIGERIANI TRUFFATORI PRESI CON DOLLARI FALSI (UNO RIMPATRIATO,

15 febbraio - ROMA - All'interno di un trolley avevano 24 mazzette confezionate con
Continua

EUROZONA VA MALE NELL'EXPORT: -10% RISPETTO IL 2016 (ALLA FACCIA

15 febbraio - Chi sostiene che la l'eurozona stia andando bene sulle esportazioni,
Continua

MARINE LE PEN: SU UE LEGA M5S HANNO NOSTRE POSIZIONI SU MIGRANTI

15 febbraio - PARIGI - ''Sulle regole dell'Unione europea, le critiche dei Cinque
Continua

KOSOVO, FRUTTO MARCIO DELLE POLITICHE DI AGGRESSIONE USA E UE ALLA

15 febbraio - Al decimo anniversario della dichiarazione unilaterale di indipendenza,
Continua
Precedenti »