74.156.058
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ANALISI / LA BORSA ITALIANA E' GONFIA COME UNA ZAMPOGNA E POTREBBE ESPLODERE DA UN MOMENTO ALL'ALTRO. (USCITENE)

mercoledì 16 aprile 2014

Abbiamo preso in esame l’andamento dei mercati borsistici americani, tedeschi ed italiani dal momento del picco della crisi. Per i mercati tedeschi ed americani esso è coinciso con il 2009, mentre per l’Italia il picco al ribasso si è avuto in concomitanza con le azioni del governo Monti, quindi è spostato di circa due anni.

In tutti i casi, comunque, ciò che balza agli occhi è come gli indici, dopo aver toccato i minimi, abbiano iniziato una crescita estremamente veloce ed elevata, contraddistinta da poche correzioni al ribasso, giustificabili con le cosiddette “prese di realizzo” (ovvero chi ha guadagnato decide di monetizzare i propri risultati).

Ciò che è sconcertante è che né l’andamento dei risultati delle aziende, né tanto meno l’economia reale, giustificano tali performance dei corsi azionari, anzi. Com’è possibile, quindi che le borse siano cresciute così tanto in presenza di bassi tassi di crescita dell’economia globale o, come nel caso dell’Italia, addirittura di PIL negativi?

Il motivo è semplice, come ben espresso anche in un articolo del Times della scorsa settimana: le migliaia di miliardi generate dalle banche centrali, anziché a sostegno dell’economia reale sono finite a gonfiare i corsi azionari su precisa volontà dei grandi fondi speculativi e delle banche.

E’ bene ricordare, ad esempio, come le svariate operazioni LTRO messe in atto dalla BCE (denaro prestato alle banche al tasso dell’1% e anche meno) fatte per sostenere le imprese, siano in realtà state usate dalle beneficiarie per acquistare titoli di stato (speculando sul differenziale di interessere erogato) ed in operazioni sui mercati borsistici, con migliaia e migliaia di aziende rimaste senza possibilità di accedere al credito e quindi impossibilitate a proseguire l’attività.

In sostanza, le banche, dopo aver portato il mondo sull’orlo del collasso con lo scandalo dei subprime e della finanza derivata, anziché sostenere l’economia reale come da desiderio delle banche centrali, si sono buttate nuovamente a capofitto in operazioni speculative totalmente svincolate dalla realtà, andando a comprare e sostenere i corsi delle azioni come fossero le figurine dei calciatori e non rappresentassero, invece, quote di società che operano su mercati reali con clienti in carne ed ossa.

Naturalmente, come tutte le bolle speculative, prima o poi sono destinate ad esplodere e questo potrebbe essere il momento, dato che la FED ha iniziato a ridurre progressivamente la quantità di dollari che immette nel sistema mensilmente. Naturalmente si troverà una giustificazione all’esplosione della bolla che nulla ha a che vedere con la speculazione (nel 2001 si diede la colpa del crollo all’attentato delle torri gemelle, peccato che l’ondata ribassista fosse già iniziata da tempo). Pretesti e scusanti al riguardo oggi ce ne sono a volontà: dall’economia cinese che rallenta, alla crisi ucraina, fino alle imminenti elezioni europee. 

Ecco, le elezioni europee potrebbero rappresentare l’alibi perfetto per l’ennesima tosatura del “parco buoi”, in quanto applicabile sia in caso di vittoria degli euroscettici che di trionfo degli europeisti. Nel primo caso si potrebbe far scatenare il panico ribassista dicendo che il futuro dell’eurozona sarebbe messo a rischio, assieme a quello della moneta unica, dall’ondata vittoriosa degli eusoscettici, per cui i mercati impauriti si scatenerebbero nelle vendite. In caso di trionfo degli europeisti, la scusante sarebbe che il prolungarsi delle politiche di austerità volute dalla Germania ed avvallato dal voto europeo, porterebbe ad una lunga stagnazione del continente con conseguente crisi di produzione e di crescita delle aziende, arrivando alle stesse conclusioni di prima: vendite massicce.

In definitiva, chi ancora è presente con i propri risparmi sui mercati finanziari farebbe bene a ritirarsi il prima possibile, perché, come insegna la storia dei mercati finanziari, la borsa sale dai gradini, ma scende dalla tromba delle scale.

Luca Campolongo

consulenza@sosimprese.info

www.sosimprese.info

 


L'ANALISI / LA BORSA ITALIANA E' GONFIA COME UNA ZAMPOGNA E POTREBBE ESPLODERE DA UN MOMENTO ALL'ALTRO. (USCITENE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Borsa   bolla   speculativa   esplosione   crac   perdite   fuga   massicce   Germania   Mibtel   FED    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
INCHIESTA / L'ALTRA FACCIA DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS: IL TRACOLLO DELL'ECONOMIA A LIVELLO PLANETARIO

INCHIESTA / L'ALTRA FACCIA DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS: IL TRACOLLO DELL'ECONOMIA A LIVELLO

mercoledì 29 gennaio 2020
La Cina e la comunita' internazionale osservano con crescente preoccupazione le ricadute della propagazione del nuovo ceppo di coronavirus sull'economia del paese asiatico, che potrebbe rallentare
Continua
 
''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE CANCELLARE ISRAELE E' ANTISEMITA

''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE

giovedì 16 gennaio 2020
A dieci giorni dalla ricorrenza del Giorno della Memoria in omaggio alle vittime dell'Olocausto, la Lega ha organizzato a Roma il convegno 'Le nuove forme dell'antisemitismo'. A Palazzo Giustiniani,
Continua
UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL BUCO-BREXIT DI 15 MLD/ANNO

UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL

lunedì 13 gennaio 2020
LONDRA - Pochi giorni fa, il parlamento britannico ha approvato a larga maggioranza la legge che stabilisce che la Gran Bretagna lascera' definitivamente l'Unione Europea il 31 Gennaio del 2020. Al
Continua
 
CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI E FORMARE FAMIGLIE

CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI

martedì 7 gennaio 2020
LONDRA - Negli ultimi anni, in diversi Paesi e' aumentato il numero di coloro che sono contrari al libero movimento delle persone all'interno della UE in quanto questa politica ha visto le nazioni
Continua
GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA (CRISI IN ARRIVO)

GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO

martedì 7 gennaio 2020
BERLINO - In vista delle elezioni che si terranno in Germania nel 2021, e' necessario "un rimpasto e un ringiovanimento" del governo federale, attualmente formato dalla Grande coalizione tra Unione
Continua
 
EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA, GOVERNICCHIO CONTE S'AFFLOSCIA

EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA,

giovedì 2 gennaio 2020
Il dodici dicembre 2019 - archiviato molto in fretta dalla solita stampa serva ue italiana -  sarà festeggiato negli anni a venire come il giorno del trionfo della democrazia sulle elites
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DER SPIEGEL: ''L'ATTUALE CAMBIO EURO-DOLLARO PER LA GERMANIA E' PERFINO DEBOLE. MA PER SALVARE L'EURO DEVE CALARE A 1,18''

DER SPIEGEL: ''L'ATTUALE CAMBIO EURO-DOLLARO PER LA GERMANIA E' PERFINO DEBOLE. MA PER SALVARE
Continua

 
CON LE TASSE ALLE BANCHE VARATE DA RENZI L'ITALIA SI AVVICINA AL VENEZUELA (MA I BANCHIERI ITALIANI SONO DA TERZO MONDO)

CON LE TASSE ALLE BANCHE VARATE DA RENZI L'ITALIA SI AVVICINA AL VENEZUELA (MA I BANCHIERI ITALIANI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

PRECIPITA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE NELL'AREA DELL'EURO E MALE

15 gennaio - A novembre 2019 la produzione industriale nella zona euro è salita
Continua

LUCIA BORGONZONI: ''IL PD DOVREBBE CHIEDERE SCUSA PER BIBBIANO''

15 gennaio - ''Chi aveva il dovere di controllare e non lo ha fatto dovrebbe chiedere
Continua

FRANCIA: 60% CITTADINI CONDIVIDE LO SCIOPERO A OLTRANZA SULLE

14 gennaio - PARIGI - Sei francesi su dieci appoggiano senza esitazioni le
Continua

MOODY'S AVVERTE L'EUROZONA: 2020 SARA'' PESSIMO.

14 gennaio - L'agenzia di rating Moody's indica una ''prospettiva negativa'' per il
Continua

SALVINI: ANDIAMO AL VOTO COL IL MATTARELUM LEGGE DEL PRESIDENTE

14 gennaio - Tornare al proporzionale? ''No, significherebbe tornare agli anni ’80.
Continua

AMBIENTALISTI DA SALOTTO CON CASA IN CENTRO...

14 gennaio - ''Qua ci sono gli ambientalisti da salotto radical chic, quelli che
Continua

CONFCOMMERCIO: VENDITE E CONSUMI NEL 2019 IN FORTE CALO (2020

13 gennaio - L'ultimo dato sulle vendite conferma la previsione di una fase finale
Continua

CONTE & PD & M5S VOGLIONO ALZARE ANCORA L'ETA' PENSIONABILE

13 gennaio - ''Il governo, il presidente del consiglio, il Pd, annunciano che faranno
Continua

ECCEZIONALE OPERAZIONE ANTIDROGA DELLE FIAMME GIALLE: 333 KG DI

13 gennaio - GENOVA - Eccezionale operazione anti droga delle Fiamme Gialle. La
Continua

GOVERNO BRITANNICO: MOLTO PREOCCUPANTI NOTIZIE MISSILE CONTRO

9 gennaio - Il governo britannico sta esaminando le notizie ''molto preoccupanti''
Continua

PRESIDENTE ORBAN: PRONTI A LASCIARE IL PPE (ADDIO MAGGIORANZA PER

9 gennaio - BUDAPEST - ''Il Ppe, nella sua forma attuale, non interessa al mio
Continua

LA BCE: UNICA MONETA A CORSO LEGALE E' IL DENARO CONTANTE (DITELO A

9 gennaio - ''La Bce ricorda agli incompetenti del governo Pd-M5S che l'unica moneta
Continua

MATTEO SALVINI: CONTE NON SI AZZARDI A FAR RIPARTIRE LA MISSIONE

8 gennaio - ''L'Ue non tocca palla ne' in Libia ne' in Medio Oriente, ma ora
Continua

CROLLANO GLI ORDINI INDUSTRIALI IN GERMANIA: -6,5% NEL 2019 (MAI

8 gennaio - BERLINO - A novembre gli ordinativi all'industria manifatturiera sono
Continua

LA FAMIGLIA RIVA AVEVA FATTO ENORMI INVESTIMENTI NELL'EX ILVA 1 MLD

7 gennaio - MILANO - Nella gestione dell'Ilva di Taranto da parte della famiglia
Continua

CROLLA L'INFLAZIONE NEL 2019 IN ITALIA (DA 1,2% A 0,6%) STAGNAZIONE

7 gennaio - Il tasso d'inflazione per il 2019 si attesta allo 0,6%, un valore
Continua

TERRORISTA ISLAMICO ACCOLTELLA 4 PERSONE A PARIGI, LA POLIZIA SPARA

3 gennaio - PARIGI - Almeno quattro persone sono rimaste ferite a Villejuif, nella
Continua

SALVINI: ''ELIMINATO PERICOLOSO E SPIETATO TERRORISTA ISLAMICO.

3 gennaio - ''Donne e uomini liberi, alla faccia dei silenzi dei pavidi dell'Italia
Continua

DUE ABBANDONI IN DUE ORE: LASCIA L'M5S ANCHE IL DEPUTATO GIANLUCA

3 gennaio - ''Lascio il M5S e passo al Gruppo Misto perche' non e' piu' tollerabile
Continua

M5S PERDE UN ALTRO PEZZO: IL DEPUTATO NUNZIO ANGIOLA LASCIA I 5S E

3 gennaio - Il deputato pugliese Nunzio Angiola lascia il M5S e va al Gruppo Misto.
Continua
Precedenti »