69.204.579
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA LUI) SALVATO MACRON POTRA' AIUTARLO?

mercoledì 12 dicembre 2018

BRUXELLES - Per tentare di soddisfare le rivendicazioni dei gilet gialli e provare a porre fine alla loro protesta,Macron è stato costretto, pena una vera "rivoluzione" di piazza in tutta la Francia,  a tagliare le tasse sui carburanti che aveva deciso e varare un grande piano di aiuti finanziari in soccorso dei francesi poveri.

Con questo, "la Francia aumentera' il rapporto tra deficit e Pil al 3,5 per cento. L'Italia puo' approfittare delle ultime decisioni del presidente francese Emmanuel Macron in politica economica per giustificare il proprio disavanzo nella disputa con la Commissione europea sulla legge di stabilità per il 2019".

E' quanto sostiene il quotidiano tedesco "Sueddeutsche Zeitung", secondo cui, a seguito degli ultimi sviluppi in Francia, il governo italiano ha acquisito "una migliore posizione negoziale" nel confronto con l'Ue sulla legge di bilancio. E', dunque, particolarmente significativo quanto dichiarato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, alla Camera dei deputati. In particolare, il capo del governo italiano ha affermato che, al suo incontro di oggi con il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker sulla legge di stabilita', non si presentera' con un "libro dei sogni", ma con "le riforme che i cittadini italiani chiedono con assoluta urgenza" all'esecutivo.

"Siamo la barriera contro la violenza della piazza", ha evidenziato Conte, alludendo agli scontri tra gilet gialli e forze dell'ordine a Parigi come altrove in Francia. Uno scenario che potrebbe replicarsi in Italia, pare essere sottinteso alle affermazioni del presidente del Consiglio Conte, qualora l'Ue richiedesse una sostanziale modifica della legge di stabilita' pur di non avviare la procedura di infrazione per disavanzo eccessivo nei confronti dell'Italia, richiesta dalla Commissione europea, conclude il quotdiano tedesco.

Ma la vera questione al centro dello scontro sono le "regole della Ue" sul disavanzo. O valgono per tutti o non devono valere per nessuno. E invece, pare non sia così.

"Il superamento da parte della Francia della soglia del 3 per cento nel rapporto deficit-Pil per il 2019 dovra' essere limitato, temporaneo ed eccezionale". E' quanto affermato dal commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici, in un'intervista rilasciata oggi a "Le Parisen" e ripresa da "Les Echos".

Moscovici ha definito "indispensabili" le misure annunciate dal presidente Emmanuel Macron lunedi' sera per calmare la protesta dei gilet gialli. Il costo dei provvedimenti dovrebbe aggirarsi attorno ai 10 miliardi di euro, una cifra che, secondo le stime, porterebbe il deficit francese al 3,5 per cento del Pil, ha dovuto ammettere.

"La situazione sara' seguita con molta attenzione dalla Commissione europea", ha poi aggiunto l'ex ministro dell'Economia francese Moscovici. "Les Echos" nota che questa "mansuetudine" mostrata nei confronti di Macron e quindi della Francia suscitera' la collera dell'Italia, richiamata all'ordine per aver previsto un deficit al 2,4 per cento per il prossimo anno.

Tuttavia, Moscovici rifiuta ogni accusa di "indulgenza" nei confronti di Parigi. "Sono le nostre regole, nient'altro che le nostre regole. Non facciamo come se ci fosse da un lato una severita' eccessiva e dell'altro non so quale lassismo", ha detto il commissario europeo, ricordando che il debito italiano e' sotto osservazione da diversi anni. 

Ma proprio le regole che Moscovici invoca dicono con chiarezza e senza possibilità di interpretazione che è vietato per ogni stato della Ue superare in un solo anno il limite del 3,5% debito-Pil. Esattamente quello che viceversa la Francia farà e non solo, che ha sempre fatto da 15 anni a questa parte. Mai, nella sua storia, la Francia ha rispettato il limite del rapprto debito-Pil al 3% annuo. Addirittura, ha superato per anni il 4,5%. 

Alla luce di questa clamorsa disparità di trattamento da parte tra Francia e Italia del commissario Ue Moscovici, il vice premier Salvini ha dichiarato: "Sono assolutamente fiducioso del fatto che a Bruxelles prevalga il buon senso, anche alla luce delle dichiarazioni di qualche commissario europeo che dice che la Francia può fare come gli pare e l'Italia è sotto attenzione. Inizio a essere stufo dei due pesi e due misure, non si capisce perchè qualcuno può infrangere le regole e per l'Italia c'è la lente di ingrandimento sullo 0,0. Se c'è un pregiudizio sull'Italia mentre con altri si chiudono occhi e orecchie la musica cambia". 

Al riguardo della presa di posizione di Moscovici apertamente benevola nei confronti della Francia e specialmente di Macron, viene fatto notare, in ambienti finanziari di Parigi, che Moscovici tra pochi mesi sarà disoccupato e in ogni caso è noto che nessuna forza politica francese lo candiderà al Parlamento europeo, quindi dovrà trovarsi un'occupazione in Francia. Chi più dell'amico - e salvato - Macron potrà offrirgliela? 

Redazione Milano.


MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA  LUI) SALVATO MACRON POTRA' AIUTARLO?


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MACRON   MOSCOVICI   FRANCIA   INFRAZIONE   PIL   ITALIA   SALVINI   GOVERNO   CONTE   REGOLE   BRUXELLES   UE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE RISERVATE'': E' UNA NUOVA P2

LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE

giovedì 13 giugno 2019
Luca Lotti voleva silurare il pm che indagava sulla famiglia Renzi. E' l'elemento che emerge dall'inchiesta di Perugia, contenuto in un servizio pubblicato dalla 'Verità', da cui risulta che
Continua
 

GIULIO CENTEMERO REPLICA PUNTO PER PUNTO A REPORT: ''RICOSTRUZIONE TANTO LONTANA DALLA REALTA' E'

martedì 11 giugno 2019
"Nella serata di ieri, in una breve pausa dai lavori sul ddl Crescita, ho avuto la riprova che alcune cose in Italia non cambieranno mai. I primi a non riuscire a cambiare, a crescere direi, sono i
Continua
INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO DEL DEBITO PUBBLICO

INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO

lunedì 10 giugno 2019
Negli scorsi giorni, la Camera dei deputati all’unanimità ha approvato i cosiddetti minibot. Una volta tanto i sinistrati del piddì ne hanno fatto una giusta, salvo poi rendersi
Continua
 
FOLLIA E DELIRIO DELLA COMMISSIONE UE: VUOLE DENUNCIARE TUTTI I PAESI UE PER NON AVERE ''LIBERALIZZATO'' I SERVIZI

FOLLIA E DELIRIO DELLA COMMISSIONE UE: VUOLE DENUNCIARE TUTTI I PAESI UE PER NON AVERE

lunedì 10 giugno 2019
LONDRA - I burocrati della commissione europea che nessuno ha eletto amano spesso intraprendere azioni legali contro governi democraticamente eletti e questo spiega il crescente euroscetticismo da
Continua
SALVINI E DI MAIO RISPONDONO ALLA UE: QUOTA 100 E PENSIONI NON SI TOCCANO, TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI PER IL LAVORO

SALVINI E DI MAIO RISPONDONO ALLA UE: QUOTA 100 E PENSIONI NON SI TOCCANO, TAGLIO TASSE E

mercoledì 5 giugno 2019
"Noi siamo persone serie, l'Italia è un paese serio, che rispetta la parola data. Quindi andremo in Europa e ci metteremo seduti al tavolo con responsabilità, non per distruggere, ma
Continua
 
LO SCANDALO DEL CSM ASSOMIGLIA SEMPRE DI PIU' ALLO SCANDALO DELLA P2 DI LICIO GELLI: ACCORDI SEGRETI POLITICI & GIUDICI

LO SCANDALO DEL CSM ASSOMIGLIA SEMPRE DI PIU' ALLO SCANDALO DELLA P2 DI LICIO GELLI: ACCORDI

mercoledì 5 giugno 2019
Incontri "segreti" in hotel, durante le cene o a casa: 7 giorni, dal 9 al 16 maggio, di "trattative per le nomine degli uffici giudiziari", in particolare quelli di Roma, Perugia e Brescia. E' quello
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO DI BILANCIO PRESENTATO''

LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO
Continua

 
SPETTRO DELLE ELEZIONI ANTICIPATE IN GERMANIA: ''GROSSA COALIZIONE'' STA PER CROLLARE, ALLE URNE PROBABILMENTE IN GIUGNO

SPETTRO DELLE ELEZIONI ANTICIPATE IN GERMANIA: ''GROSSA COALIZIONE'' STA PER CROLLARE, ALLE URNE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!