64.009.983
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
+++++ Borsa: Piazza Affari allunga a +2,2% spread cala a 295 punti ++++

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

lunedì 26 marzo 2018

"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini rilancia subito la sfida per vincere la partita vera, quella sul governo, ribadendo su Facebook la propria candidatura alla premiership. Lo fa in un giorno in cui, ieri, all'interno di FI, cresce la tensione tra chi, come Paolo Romani, boccia l'accordo raggiunto sabato sulla presidenza Casellati e chi, invece, lo difende, come Renato Brunetta e Maurizio Gasparri.

Secondo Salvini, a Palazzo Chigi deve quindi andare un esponente del centrodestra, cioe' "la coalizione che ha preso piu' voti e che anche ieri ha dimostrato compattezza, intelligenza e rispetto degli elettori". Ma va ovviamente oltre, ribadendo che lui e' pronto. Salvini ora e' un leader decisamente rilassato, contento di come stanno andando le cose a Roma, e su twitter si è fatto ieri un selfie di saluto ai suoi followers, augurando loro una felice domenica delle palme, sullo sfondo dello "splendido lago di Como".

A dargli manforte anche il suo vice, Giancarlo Giorgetti. Normalmente restio ad apparire in pubblico, l'ex Presidente della Commissione Bilancio, in un faccia a faccia tv con Giovanni Minoli, prevede che Salvini "sara' incaricato". E ricorda che in Parlamento "c'e' tanta gente" che "puo' condividere quello che sara' il programma che la Lega proporra' al governo". Frase che si legge come l'idea di un governo basato sul programma e non sugli accordi "a prescindere" tra politiche in nome dell'ideologia. Quindi si parte dal centrodestra, ma non per un fatto ideologico, ma dal programma di governo, del centrodestra. Che, sui punti principali, ha molte convergenze con il programma dei Cinque Stelle. 

Anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, e' convinta che la coalizione di centrodestra riuscira' a raggranellare una maggioranza: "Il governo sara' nostro, troveremo i voti cercandoli ad uno ad uno, ce ne mancano una cinquantina - annota l'ex ministro - una distanza che si puo' colmare con un appello trasversale ai parlamentari che aderiscono a precisi punti di programma, non ha importanza da che partito provengono. A meno che non ci sia un accordo tra Pd e M5S, non ho motivo di dubitare che Mattarella fara' fare a noi questa esplorazione".

Tuttavia, l'azzurra Licia Ronzulli avverte che Forza Italia non intende appoggiare governi fuori "dal perimetro del centrodestra".

Ad ogni modo, se il fronte cosiddetto sovranista del centrodestra scalda i motori in vista delle consultazioni al Colle, quello moderato-popolare di Forza Italia vive ore molto difficili. Paolo Romani, capogruppo azzurro al Senato, dopo la bocciatura nella corsa per la poltrona lasciata da Pietro Grasso, sfoga tutta la sua amarezza, criticando il suo partito ma anche il Cavaliere. "Al tavolo dei leader - attacca Romani - Berlusconi non ha ottenuto nemmeno il minimo sindacale. Salvini ha vinto su tutta la linea. Non ho perso io, qui non si tratta del mio nome, ma del progetto politico che rappresento e credevo anche Berlusconi perseguisse".

Di parere opposto, il suo collega alla Camera, Renato Brunetta, secondo cui "non c'e' nessuna Opa" della Lega ai danni di Forza Italia e il centrodestra resta "una coalizione plurale". Brunetta nega anche che vi sia un "rapporto privilegiato tra Lega e Cinque Stelle", perche', spiega, "non reggerebbe ne' dal punto di vista interno, ne' da quello internazionale". Maurizio Gasparri parla addirittura di un "bilancio positivo" per la coalizione. Berlusconi e FI - conclude - sono al centro della scena politica. Il resto si vedra', partendo dalla coesione del centrodestra".

Stamattina, però, Ignazio La Russa a in diretta su Radio 1 Rai da dichiarato: "Noi di Fratelli d'Italia dovremo attenuare uno dei nostri due veti: mai al governo con l'M5S e mai con il Pd. Noi siamo contro un governo organico - che nel linguaggio della prima repubblica va inteso come un governo di centro pià la sinistra moderata - ma resta il fatto che vogliamod are un governo all'Italia".  Come dire: potremmo aprire all'M5S... 


MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

LEGA   SALVINI   PROGRAMMA   GOVERNO   M5S   GRILLO   DI MAIO   LA RUSSA   FDI   BRUNETTA   ROMANI   OPA   BERLUSCONI   FORZA   ITALIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IMPORTANTE DISCORSO DEL COMANDANTE GENERALE DELL'ARMA DEI CARABINIERI, GIOVANNI NISTRI, ALLE COMMISSIONI RIUNITE DIFESA

IMPORTANTE DISCORSO DEL COMANDANTE GENERALE DELL'ARMA DEI CARABINIERI, GIOVANNI NISTRI, ALLE

martedì 16 ottobre 2018
ROMA  -  Audizione, oggi, davanti alle Commissioni riunite Difesa, del comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Giovanni Nistri. Il generale ha elencato alcuni dati molto rilevanti,
Continua
 
GIULIO SAPELLI: ''I VERDI CHE HANNO VINTO IN BAVIERA SONO DI DESTRA, NON DI SINISTRA. L'SPD E' DEFUNTO, LA MERKEL LASCI''

GIULIO SAPELLI: ''I VERDI CHE HANNO VINTO IN BAVIERA SONO DI DESTRA, NON DI SINISTRA. L'SPD E'

martedì 16 ottobre 2018
Ma che sinistra. I verdi che vincono in Baviera utilizzano i temi dei conservatori. Lo ha detto in una intervista a "Italia Oggi" Giulio Sapelli, storico dell'economia, in merito al voto in Baviera
Continua
LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco
Continua
 
PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI IMPRENDITORI SONO D'ACCORDO)

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI

lunedì 15 ottobre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di attacchi e critiche al governo sul DEF e sull’abolizione della legge fornero. Ovviamente lo spread ha iniziato a salire (ma siamo ancora a poco
Continua
SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è
Continua
 
GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI CAMERA E SENATO FANNO SCORGERE L'ALBA DI UN GOVERNO LEGA E MOVIMENTO 5 STELLE

LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI CAMERA E SENATO FANNO SCORGERE L'ALBA DI UN GOVERNO LEGA E MOVIMENTO
Continua

 
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!