54.147.129
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

venerdì 10 novembre 2017

Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse provenienze e aspirazioni, dal laureato con master e il manager, al giovane in cerca di qualsiasi occupazione, purché sia lavoro, a intere famiglie che si mettono in viaggio sperando di trovare un modo degno di sbarcare il lunario.

Un flusso composito, caratterizzato da crescente precariato, che toglie risorse umane e competenze all'Italia e sottrae diritti e tutele ai nuovi emigrati italiani. E che quindi va gestito con nuovi strumenti e nuove capacità istituzionali nel mondo dell'associazionismo. Questo il quadro descritto e discusso oggi a Roma al convegno "Emigrare in tempo di crisi: necessità, opportunità. Più diritti, più tutele" promosso dal Faim, il Forum delle associazioni italiane nel mondo, che raccoglie le maggiori federazioni italiane ed estere in rappresentanza di oltre 1.500 associazioni nel mondo. E che oggi prende atto del fatto che l'esodo in corso è un fenomeno complesso - una "nebulosa", è l'immagine usata da Enrico Pugliese, il coordinatore del comitato scientifico Faim - che difficilmente sarà fermato dal relativo miglioramento delle dinamiche economiche italiane.

I NUMERI

In base ai dati dell'Aire (Anagrafe Italiani residenti all'estero) gli italiani che vivono all'estero nel 2006 erano poco più di 3 milioni e oggi sono cinque milioni circa.

Ma i dati reali sono molto più alti, hanno spiegato oggi gli intervenuti al convegno Faim, perchè "non tutti si registrano all'Aire", ha evidenziato Giuseppe Tabbì del Consiglio direttivo Faim, Acli Baden-Wuttenberg". In Germania, ad esempio, a fronte dei 17.299 italiani emigrati recensiti dall'Istat nel 2015, l'istituto equivalente tedesco ne stimava 57.171. Una dinamica riscontrata in tutti i Paesi che sono le principali mete della nuova emigrazione.

CHI SONO I NUOVI EMIGRATI

Sono "una nebulosa" che contiene di tutto: giovani altamente scolarizzati, ma anche - e sempre di più - persone senza titoli o particolari competenze, intere famiglie che cercano nuove prospettive lavorative, oppure anziani attratti da costi o condizioni di vita più gestibili. Pugliese ha portato come esempio "il paradosso della Lombardia", che oggi è la principale regione di emigrazione italiana. "Da questa regione partono al contempo giovani altamente qualificati, spesso destinati ad occupazioni qualificate, ma accanto a loro sono partiti, così come avvenuto anche in Veneto, giovani e meno giovani operai che hanno perso il loro lavoro in settori industriali negli anni della crisi", ha spiegato.

Insomma c'è il giovane che ha fatto l'Erasmus e vuole continuare a vedere come va all'estero, c'è chi varca la frontiera in cerca di un nuovo stile di vita, magari con in tasca una laurea della Bocconi, ma c'è anche chi parte per disperazione.

LE PRINCIPALI METE

I Paesi principali mete del nuovo flusso di emigranti italiani sono la Germania, ma anche l'Inghilterra, la Francia, la Svizzera e in parte la Spagna e pure il Belgio. In pratica "in grande misura i Paesi delle grandi migrazioni intra-europee del dopo guerra" ha sottolineato Pugliese del comitato scientifico Faim. "Si tratta di un fenomeno interno all'Unione, accelerato dalle politiche di apertura nei confronti degli altri europei, realtà messa in discussione dalla Brexit. E poi c'è l'Australia".

L'ASSOCIAZIONISMO

Le associazioni sono sempre meno frequentate dagli "italiani nel mondo", da una parte perché si tratta di una emigrazione sempre più "individuale", è stato rilevato, e poi perché, in particolare i giovani, si associano in modo decisamente diverso da quanto accadeva in passato, preferendo i social network, che offrono legami e frequentazioni più effimeri, ma più immediati. Per questo, ha evidenziato Mattero Bracciali, responsabile internazionale Acli, "la rete associativa che abbiamo oggi andrà in esaurimento" e "vanno trovate alcune forme, anche organizzative, che permettano di stare dentro le nuove realtà".

Addio circolo dove si gioca a carte. I nuovi emigranti arrivano agli sportelli delle associazioni all'estero per chiedere contatti con gli istituti esteri, i giovani si danno appuntamento su Facebook, le famiglie arrivano con indirizzi di amici di loro amici. Quindi, ha suggerito Bracciali, "la questione oggi è anche come costruire una emigrazione solidale, cosa persa con le grandi migrazioni del passato". 

E mentre due milioni di italiani sono scappati all'estero per cercare lavoro e dignità progessionale, che hanno fatto i governi italiani? Hanno imbarcato mezzo milione di africani analfabeti, senza alcuna qualifica professionale, senza alcun sapere linguistico, tutti in Italia e per di più mantenuti di vitto alloggio e denaro contante dallo stato per volere dei governi Pd di questi anni. Opportunità che gli italiani andati all'estero ovviamente non hanno mai avuto, dall'Italia.

Redazione Milano


DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ITALIA   MIGRANTI   EMIGRATI   ESTERO   EUROPA   UE   GERMANIA   GRAN   BRETAGNA   AIRE   LONDRA   BERLINO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A PORTARLA ALLO SFACELO

ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A

martedì 21 novembre 2017
Il vertice del Monte dei Paschi di Siena ha messo in atto "un insieme di attivita' dolose" facendo "di tutto per occultare le operazioni e soprattutto le perdite realizzate". Il direttore generale
Continua
 
PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN CAMBIO? NIENTE!)

PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN

martedì 21 novembre 2017
LONDRA - Tutti coloro che soffrono per le politiche di austerita' imposte dalla UE saranno furiosi di sapere che questa istituzione malefica costa ogni anno 140 miliardi di euro (280mila miliardi
Continua
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua
 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
 
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO

giovedì 9 novembre 2017
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO
Continua

 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CHI TROPPO VUOLE, NULLA STRINGE: VERONICA LARIO DEVE RENDERE 60

16 novembre - MILANO - Si potrebbe dare la notizia citando il famoso proverbio: chi
Continua

GUIDA MICHELIN TIRA UN BRUTTO SCHERZO A CARLO CRACCO: PERDE UNA

16 novembre - MILANO - Se non è una bocciatura, di sicuro uno smacco. Perchè vero è
Continua

LITE TRA AFRICANI IN CENTRO ''ACCOGLIENZA'', STACCATA A MORSI

16 novembre - Stacca con un morso una falange del mignolo della mano destra ad un
Continua

PROGRAMMA M5S: GIU' LE TASSE, COME CON LA RIFORMA FISCALE DI DONALD

16 novembre - ''Mi hanno chiesto in molti che legami abbiamo con i partiti di estrema
Continua

INIZIATO L'ATTACCO SPECULATIVO ALLE BANCHE ITALIANE: MPS -3,44%

16 novembre - MILANO - Piazza Affari gira in calo nei primi minuti di contrattazioni
Continua

INTERROGAZIONE PARLAMENTARE DELLA LEGA SULL'AGGRESSIONE A BRUMOTTI

15 novembre - ''Quanto accaduto alla troupe di Striscia a Bologna e' inaccettabile.
Continua

SEI DAI DEL ''CICCIONE'' AL DITTATORE COMUNISTA KIM JONG-UN,

15 novembre - KOREA DEL NORD - A dare del ''ciccione'' al dittatore coreano si
Continua

LOMBARDIA: PRODUZIONE INDUSTRIALE +3,2% DISOCCUPAZIONE CALATA AL

15 novembre - MILANO - La produzione industriale in Lombardia e' cresciuta del 3,2%
Continua

MATTEO SALVINI: FA PIU' DANNI LA LEGGE FORNERO, DI UN SALUTO AL DUCE

15 novembre - ''Il ragazzo di Marzabotto? Che dobbiamo fare radiarlo? Metterlo in
Continua

PUGNO DURO AUSTRIACO: +50,7% RIMPATRI FORZATI DI CLANDESTINI (5.788

15 novembre - VIENNA - In Austria sono in forte calo le richieste d'asilo, mentre si
Continua
Precedenti »