52.119.906
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

WALL STREET JOURNAL: MPS SARA' NAZIONALIZZATA, MA QUESTO NON RISOLVERA' LA CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO

venerdì 16 dicembre 2016

NEW YORK -  Il settore bancario italiano, scrive Giovanni Legorano sul Wall Street Journal, e' oppresso da un'economia stagnante e da un modello di business ultra-tradizionale, e difficilmente, pertanto, il salvataggio di Monte dei Paschi di Siena bastera' a trarre d'impaccio l'intero settore del credito. La nazionalizzazione di Monte dei Paschi, scrive Legorano, appare ormai sempre piu' probabile; non pochi, a Roma, sollecitano anche il governo a prendere l'iniziativa, cosi' da avviare l'arduo processo di dismissione dei 360 miliardi di euro di crediti deteriorati che gravano sul settore bancario.

Tuttavia, "ad eccezione del possibile supporto un pugno di istituti di credito piccoli e criticamente malati, un intervento esteso all'intero settore appare improbabile". Tanto piu' che la prospettiva di elezioni anticipate il prossimo anno, e l'ascesa delle forze politiche populiste, dissuadera' quasi certamente il nuovo governo di transizione dall'assumere una condotta decisa oltre gli immediati problemi di Mps.

Le banche italiane scontano gravi problemi su piu' fronti, scrive Legorano: "Un'economia quasi ferma al palo - si prevede non crescera' piu' dell'1 per cento nei prossimi anni - e un modello di business ultra-tradizionale che offre poco scampo dai danni dei bassi tassi d'interesse in gran parte del settore finanziario europeo". In Italia i tassi d'interesse sono rimasti perlopiu' stabili nonostante l'aumento di quelli Usa, e cio' ha ridotto al minimo i margini di profittabilita' delle banche. Al contempo, gli scarsi investimenti produttivi grava su una domanda di  credito generalmente debole, che non si muove da oltre due anni.

Dal 2008 ad oggi, le banche italiane hanno visto calare di un terzo il fatturato derivante dall'attivita' di credito. I costi, invece, restano elevati: le banche italiane "danno lavoro a 350 mila persone, e destinano il 64 per cento del loro fatturato alle spese operative, contro il 50 per cento delle banche spagnole e il 60 di quelle greche". Le rigidita' contrattuali e del mercato del lavoro rallentano e ostacolano i piani di riduzione dei costi, che nell'arco di un anno sono calati del 2 percento.

Il risultato, conclude Legorano, e' che il return on equity, ovvero la capacita' di remunerare il capitale di rischio, misura della profittabilita' delle banche, era del 4,8 per cento lo scorso anno, contro il 14 per cento delle banche irlandesi e l'8,3 per cento di quelle francesi. Nel frattempo, stando all'Autorita' bancaria europea il 16 per cento dei crediti italiani sono inesigibili, il triplo della media Ue.

Il drastico piano di riordino annunciato da UniCredit, sottolinea infine Legorano, non fa che esporre la misura della sottocapitalizzazione del sistema bancario italiano, in un contesto dove "le cattive notizie non hanno fatto che accumularsi: i prolungati problemi economici italiani spingono piu' aziende all'insolvenza, ma i profitti sottilissimi delle banche non bastano a coprire le perdite di una eventuale svalutazione dei crediti deteriorati". 

Redazione Milano


WALL STREET JOURNAL: MPS SARA' NAZIONALIZZATA, MA QUESTO NON RISOLVERA' LA CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

WALL   STREET   JOURNAL   MPS   UNICREDIT   BANCHE   CRISI   CREDITI   DETERIORATI   GOVERNO   GENTILONI   ITALIA   FRANCIA   IRLANDA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
AFD HA PORTATO A VOTARE 1,2 MILIONI DI ELETTORI CHE NEL 2013 AVEVANO DISERTATO LE URNE: QUESTA, LA BASE DEL SUCCESSO

AFD HA PORTATO A VOTARE 1,2 MILIONI DI ELETTORI CHE NEL 2013 AVEVANO DISERTATO LE URNE: QUESTA, LA

lunedì 25 settembre 2017
Chi ha votato per la nuova destra tedesca? Come leggere il voto di ieri in Germania che ha punito pesantemente la "Groko", la Grande Coalizione tra Cdu e Spd al governo e premiato il voto di protesta
Continua
 
IL PRESIDENTE TRUMP ALL'ONU: ''GLI STATI-NAZIONE RESTANO IL VEICOLO MIGLIORE PER L'ELEVAZIONE DELLA CONDIZIONE UMANA''

IL PRESIDENTE TRUMP ALL'ONU: ''GLI STATI-NAZIONE RESTANO IL VEICOLO MIGLIORE PER L'ELEVAZIONE DELLA

mercoledì 20 settembre 2017
NEW YORK - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha minacciato di radere al suolo la Corea del Nord, se quest'ultima dovesse intraprendere azioni offensive contro gli Usa o i loro alleati
Continua
E' IN CORSO IL GOLPE SPAGNOLO IN CATALOGNA: GUARDIA CIVIL ARRESTA 12 MEMBRI DEL GOVERNO CATALANO, PIAZZE IN RIVOLTA

E' IN CORSO IL GOLPE SPAGNOLO IN CATALOGNA: GUARDIA CIVIL ARRESTA 12 MEMBRI DEL GOVERNO CATALANO,

mercoledì 20 settembre 2017
BARCELLONA - Il braccio di ferro tra la Catalogna e il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy, pupillo della Ue e fedele servitore della Commissione europea.  e' entrato nella sua fase piu'
Continua
 
SOLIDARNOSC SCENDE IN PIAZZA A VARSAVIA CONTRO LA UE: GIU' LE MANI DALLA POLONIA! ABBIAMO GIA' BATTUTO L'URSS, ATTENTI!

SOLIDARNOSC SCENDE IN PIAZZA A VARSAVIA CONTRO LA UE: GIU' LE MANI DALLA POLONIA! ABBIAMO GIA'

lunedì 18 settembre 2017
LONDRA - Probabilmente nessuno e' a conoscenza del fatto che sabato scorso migliaia di polacchi hanno protestato davanti l'ufficio di rappresentanza della Commissione europea a Varsavia e la cosa non
Continua
UN SIRIANO (ARRIVATO DALL'ITALIA) E UN IRAKENO, I TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO TENTATO LA STRAGE A LONDRA NELLA TUBE

UN SIRIANO (ARRIVATO DALL'ITALIA) E UN IRAKENO, I TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO TENTATO LA STRAGE A

lunedì 18 settembre 2017
LONDRA - Ha un nome e un volto, almeno sulla stampa britannica, un dei due arrestati per la bomba sulla metropolitana di Londra di venerdì: si tratta di Yahya Faroukh, 21 anni, rifugiato
Continua
 
LA FRANCIA DICHIARA GUERRA AI MOTORI DIESEL DI AUTO E CAMION, SUPER INQUINANTI: NUOVA TASSA FINO A 10.500 EURO-ANNO

LA FRANCIA DICHIARA GUERRA AI MOTORI DIESEL DI AUTO E CAMION, SUPER INQUINANTI: NUOVA TASSA FINO A

lunedì 18 settembre 2017
PARIGI - La Francia dichiara guerra ai motori diesel. Il governo francese prevede un inasprimento della tassa "bonus-malus" sulle emissioni inquinanti degli scarichi delle automobili, soprattutto di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''LA CRISI DI MPS NON CONTEMPLA ALCUNA SOLUZIONE INDOLORE PER LA BANCA E PER L'ITALIA IN GENERALE'' (WALL STREET JOURNAL)

''LA CRISI DI MPS NON CONTEMPLA ALCUNA SOLUZIONE INDOLORE PER LA BANCA E PER L'ITALIA IN GENERALE''
Continua

 
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!