71.154.238
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA BUFALA / L'ULTIMO ''PENTITO DE NOARTRI'' DEL CASO ORLANDI E' IL SOSIA DI BENIGNI (SI PREGA DI NON RIDERE SUBITO)

mercoledì 1 maggio 2013

C'è un sedicente "pentito" che è tenuto in massima considerazione - in queste settimane - dalla Procura di Roma. E' tal Marco Fassoni Accetti, che in una mirabolante girandola di confessioni sul sequestro di Emanuela Orlandi, riesce a dire di tutto. Tira in ballo ovviamente i servizi segreti, lo Ior, il Papa, la banda della Magliana, preti sparsi e assortiti, insomma, tutti quelli che servono per imbastire una trama degna di una spy story di terza categoria.

Così, mi sono incuriosito. E ho voluto capire chi è - anzi chi è stato - questo Marco Fassoni Accetti nella vita. Sì, perchè il Corriere della Sera sta seguendo la notizia delle sue "rivelazioni" e lo presenta come "superteste" nonchè "regista indipendente". Ma davvero? 

Allora ho scovato qualche notizia sul "regista indipendente".

Ecco la prima, datata 3 giugno 1999:

ANSA - ROMA, 3 GIU - In piazza a Roma per un casting organizzato dall'Istituto Europeo di Design per cercare i modelli e le modelle del futuro, si sono presentati invece molti sosia dei personaggi dello spettacolo. Sulla pedana e sul set, insieme a circa cento giovani, quasi tutti romani, c'era l'attore livornese Marco Fassoni Accetti, sosia di Roberto Benigni e vincitore del concorso di sosia a ''Domenica In''; la sosia 57enne di Orietta Berti, in veste di aspirante modella per taglie forti (il concorso non aveva ne' limiti di eta' ne' di peso); Valentina Biancospino, sosia inconsapevole di Megan Gale, la bruna prorompente dello spot Omnitel, una ragazzona alta mt 1,84 che vedremo sfilare nella settimana dell'alta moda a Roma. Ma l'attenzione della giuria, composta tra gli altri da Stefano Dominella, presidente della Gattinoni, e di Raimondo Astarita, vicepresidente dell'Agenzia per la Moda, e' stata catturata da una passante, una ragazza rasata, tutta piercing, viso dolcissimo e sari arancione. Mentre gli altri concorrenti, vestiti in nero, uomini e donne, si affannavano a sfilare sulla pedana, Arianna De Benedetti, senza fatica, veniva trascinata sulla passerella e dichiarata vincitrice insieme ad altri undici giovani. A Dominella e' piaciuta al punto che ha promesso di farla sfilare in alta moda insieme con un'altra vincitrice, Adele Zito. In palio per tutti, c'e' la possibilita' di sfilare il 15 luglio al Foro Italico. 

E così, il "regista indipendente" in verità è un attorucolo che ha un'unica qualità - si fa per dire qualità - assomigliare a Roberto Benigni. Caspita. E però, ecco un dettaglio interessante: ha vinto un concorso televisivo a grande impatto di pubblico: il concorso dei sosia di Domenica In, che è come dire che la sua faccia è stata vista da milioni di persone. Strano comportamento, per un sequestrattore di Emanuela Orlandi, che dovrebbe - anche un cretino lo capirebbe - restare nell'ombra per tutta la vita, se gli preme la sua, di vita. Ma tant'è. 

Solo non è finita qui, anzi, siamo all'inizio.

Passiamo alla seconda notizia, che è di circa un mese e mezzo dopo, il 25 luglio 1999:

 

(ANSA) - NEW YORK, 25 LUG - E' Rosina Grosso, una studentessa di 18 anni appena uscita dal liceo, la giovane eletta a rappresentare gli Stati Uniti al concorso Miss Italia nel mondo. Occhi verdi e chioma castano chiara, alta 1,71 metri e del peso di 52 chilogrammi, Rosina e' scoppiata in lacrime la notte scorsa mentre veniva incoronata reginetta delle 20 concorrenti selezionate per rappresentare la bellezza e l'intelligenza muliebri di stampo italiano negli Stati Uniti. ''E' stata una scelta difficilissima'' ha commentato l'organizzatrice del concorso Joelle Sausa, Miss Italia d'America nel 1996, che oltre alle doti delle partecipanti ha sottolineato il loro ''fascino tutto italiano'', anche se spesso la conoscenza della lingua avita appariva quantomai sommaria. Oltre a un premio di 2.000 dollari, Rosina si e' guadagnata un posto al concorso per Miss Italia Nel Mondo, previsto assieme a quello per Miss Italia a Salsomaggiore, i contratti da modella che toccano a ogni vincitrice e una parte nel film ''Manifesto'' su cui sta lavorando il regista italoamericano John Lofuso. L'elezione, decisa da una giuria di cui faceva parte anche il sosia di Roberto Benigni, Marco Fassoni Acetti, in cerca di fortuna negli Usa, ha chiuso una vivace serata al ristorante Terrace on the Park del Queens, cui hanno partecipato centinaia di esponenti della comunita' italiana di New York e cui ha inviato il suo saluto il sindaco Rudolph Giuliani. Canti e danze hanno fatto da contrappunto alle sfilate delle belle d'origine italiana che sono state presentate e poi accompagnate sul palco per la presentazione finale in abito da sera da sottufficiali di un picchetto d'onore del corpo dei marines. Dietro Rosina si sono classificate: Rosalia Romano, 19 anni, borsista per un corso di farmacia, occhi e capelli castano chiari, altezza 1,66 metri e peso 50 chilogrammi, e Anastasia La Ragione, 18 anni, appena uscita dal liceo, occhi castani e capelli castano chiari, altezza 1,71 metri e peso 50 chilogrammi.(ANSA).

Quindi, ecco il nostro eroe sbarcato in Ammerrica e accolto come si conviene nella più strapaesana delle feste della Grande Mela, dove fece davvero bene il cronista dell'Ansa a descriverlo come "in cerca di fortuna negli Usa", perchè questo ci introduce alla terza, delle notizie che ho trovato su di lui.

E' di qualche giorno dopo, il 12 agosto di quel lontano 1999.

ANSA - NEW YORK, 12 AGO - C'e' il buontempone che gli fa il verso genuflettendosi sulla Quinta Avenue e c'e' la ragazza del locale di SoHo che lo rincorre urlando ''Roberto, Roberto''. L'oggetto di tanta attenzione a New York non fa pero' Benigni di cognome, ne' Roberto di nome. Mostra un accento toscano ma al secolo e' Marco Fassoni Accetti, sosia del popolare attore e regista, sbarcato da circa un mese in cerca di fortuna nella Grande Mela dove si e' gia' guadagnato l'epiteto ''impostor''. (bugiardo) Accompagnato da una piccola ma sinuosa bionda (la sua agente) e da finte guardie del corpo, il finto Roberto e' riuscito, almeno in parte, a ottenere quanto sperava, tanto che il tabloid 'Daily News' gli dedica un ritratto a tutto tondo. Del successo fanno fede del resto le espulsioni e i bandi a vita nei confronti di Accetti da parte dei gestori di alcuni locali. Pazienza finche' si sbraccia a Times Square ma se crea confusione tra i clienti puo' diventare un problema ed e' per questo che al Veruka e al Lot 61 non potra' piu' metter piede. Il vero problema, stando al tabloid, e' che a prima vista la somiglianza convince, ma poi il falso Benigni risulta volgare  e impaziente invece che effervescente come quello vero. Vedi il caso della coppia di cineamatori israeliani che voleva girare un documentario su lui e che l'ha presto abbandonato quando per far lo spiritoso, Accetti ha dato un ceffone alla donna, scusandosi poi profusamente ma senza riottenere la simpatia persa. (ANSA).

Ora che avete letto tutto ciò, costui - così, a naso - definito "impostor" dalla stampa americana (non fece fortuna, ovviamente, in Usa) può essere un teste attendibile in uno dei più oscuri misteri della storia italiana?

Mistero al quale il sottoscritto ha dedicato anni di ricerche e lavoro certosino sulle fonti, e sui fatti. Tanto che ho scritto e pubblicato (edizioni Koinè - Roma) non uno, ma due libri d'inchiesta tra il 2006 e il 2007. Guarda caso, alcune delle sedicenti "confessioni" del sosia di Benigni ricalcano pari pari quello che ho scritto.

Faccio fatica, ma molta fatica, a non pensare che Marco Fassoni Accetti sia un mitomane. Uno dei tanti, tra l'altro, di questa terribile storia. 

max parisi


LA BUFALA / L'ULTIMO ''PENTITO DE NOARTRI'' DEL CASO ORLANDI E' IL SOSIA DI BENIGNI (SI PREGA DI NON RIDERE SUBITO)




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
QUESTO L'AVREBBE SCRITTO LA LEGA, SE SOLO CI FOSSE ANCORA QUELLA LEGA

QUESTO L'AVREBBE SCRITTO LA LEGA, SE SOLO CI FOSSE ANCORA QUELLA LEGA

 
VIOLENZA ALLE DONNE / LA PICCHIA FINO A FARLE PERDERE IL BAMBINO CHE PORTAVA IN GREMBO

VIOLENZA ALLE DONNE / LA PICCHIA FINO A FARLE PERDERE IL BAMBINO CHE PORTAVA IN GREMBO


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

DIVENTANO 13 I SENATORI CHE LASCIANO IL PD E VANNO CON RENZI

18 settembre - Con l'aggiunta della senatrice Daniela Sbrollini, diventano 13 i
Continua

BERLUSCONI: MIEI PARLAMENTARI CON RENZI? NON MI RISULTA AFFATTO

18 settembre - ''Vedo che i giornali qualche volta dicono che c'e' questa possibilita',
Continua

RENZI MANTIENE QUANTO AVEVA DETTO IERI: DAVVERO 12 I SENATORI CHE

18 settembre - Questi, al momento, i senatori Pd che aderiranno a 'Italia Viva':
Continua

L'M5S MINACCIA RENZI: LO INVITIAMO ALL'ACCORTEZZA NON CI FIDIAMO DI

18 settembre - Se non è una minaccia, di sicuro è un avvertimento col pugnale
Continua

LA LEGA CRESCE ANCHE A CATANIA: ALESSANDRO LIPERA NOMINATO

18 settembre - CATANIA - Alessandro Lipera e' il commissario di Catania della Lega per
Continua

LEGA: STOP LAVORI DELLA CAMERA FINCHE' CONTE NON RIFERISCE SU

18 settembre - La Lega chiede nell'Aula della Camera la sospensione dei lavori
Continua

RENZI: VADO VIA E TORNANO BERSANI SPERANZA E D'ALEMA (CONTE

18 settembre - ''Italia viva vuole parlare alle persone non al Palazzo. Noi vogliamo
Continua

PARLAMENTO UE: LEGA VOTA CONTRO NOMINA DELLA LAGARDE A CAPO DELLA

17 settembre - ''Negli anni passati tutta l'azione della politica monetaria della Bce
Continua

ALLA PRIMA PROVA DI VOTO, PD E M5S SI SEPARANO. E NON SU UNA

17 settembre - ''Pd e M5s subito spaccati in Vigilanza. Alla prima prova del nove il
Continua

MACRON: MIGRANTI ECONOMICI VANNO RIMPATRIATI. REGOLA APPRODO PIU'

17 settembre - PARIGI - La Francia vuole un ''meccanismo stabile, prevedibile e
Continua
Precedenti »