44.306.087
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

Il Paese è al capolinea con o senza il governo Letta. Serve un programma. Questo...

martedì 1 ottobre 2013

Ci sono politici ai quali difetta la memoria. E tra questi, il campione del momento è Enrico Letta. Il percorso che crede di poter seguire per "risolvere" la crisi in atto del suo esecutivo si basa su un presupposto.

E il presupposto è che il Pdl si spezzi in due con la fuoriuscita di un gruppo numeroso di senatori (dei deputati non interessa niente a nessuno, dato il premio di maggioranza e conseguente maggioranza bulgara alla Camera) capaci di costituire un nuovo gruppo e quindi dare corpo a una nuova maggioranza.

In pratica, Letta vorrebbe che si costituissero due Pdl, uno bravo-buono-accondiscendente e l'altro cattivo-delinquenziale da abbandonare alle fauci della magistratura (democratica). 

Un'operazione del genere, vista dall'estero, apparirebbe perfetta perchè ridarebbe corpo alla "stabilità" tanto voluta e tanto sperata per l'italia. Stabilità che nel concreto significa: un esecutore agli ordini della Commissione Europea, Troika compresa.  Un esecutore che faccia le "riforme" già "fatte" in Grecia, a Cipro, in Portogallo. Macelleria sociale, taglio delle pensioni, taglio degli stipendi, eliminazione della sanità pubblica per tutti, insomma, tutte le bellezze della schiavitù da euro.

Tuttavia, Enrico Letta ha poca memoria.

Altrimenti ricorderebbe cosa accadde al governo Prodi del 1996. Successe che dopo poco più di un anno Prodi finì a gambe all'aria per colpa dell'alleato rifondarolo, e al suo posto - dato che non vennero sciolte le camere dal fantasista del Quirinale - arrivò D'Alema e poi Amato e poi dal 2001 dieci anni di Berlusconi, più o meno. 

Letta dovrebbe ricordare che il centro sinistra pur di rimanere abbarbicato alla poltrona di palazzo Chigi nel 1998 fece esattamente quello che oggi lui vorrebbe rifare: operò perchè nascesse nelle Aule, non nelle urne, un partitino fantoccio degno di uno staterello sudamericano e adatto alla bisogna di portare voti. D'Alema all'epoca ci riuscì con l'Udeur (aiutato da Cossiga). Ma il prezzo elettorale che poi la sinistra pagò fu micidiale.

Letta potrebbe farcela stavolta esattamente come allora ci riuscì D'Alema, con la differenza che stavolta con ogni probabilità durerebbe fino alle europee del 2014 (a metà primavera). E sicuramente andrebbe a finire come poi andò a finire nel 2001: il centrodestra vicerebbe a mani basse.

Se Letta avesse memoria, quindi, eviterebbe come al peste questa strada. Ma l'alternativa quale sarebbe? Tornare alle urne per... perdere comunque? Già.

Tutti coloro che credono sia solo il Pdl a un passo dalla frantumazione, terremotato dallo scontro falchi-colombe e attanagliato dalla morsa "padronale" di un Berlusconi furioso e carcerabile, farebbero bene a considerare che il Pd non è stato in grado finora neppure di stabilire le regole del proprio congresso, decidere se il nuovo segretario sarà anche candidato premier, stabilire con quali criteri i candidati alla segreteria potranno gareggiare per vincere, definire almeno una prima rosa di candidature, e dulcis in fundo la data certa del congresso. Il Pd è nel caos tanto quanto il Pdl. E la minaccia di scissione è palpabile: se dovesse arrivare Renzi in cima, una fetta consistente del Pd lascerebbe il partito per formarne un altro "a sinistra". Se dovesse vincere invece un cadidato "di sinistra" e fosse Renzi ob torto collo il candidato premier, il sindaco piacione di Firenze sarebbe sotto ricatto continuo della direzione del suo partito. Insomma, un macello. 

Letta quindi che può fare? Poco. O forse niente.

L'immobilità dell'esecutivo appena caduto riflette semplicemente la paralisi del Paese. I partiti che hanno sorretto Letta sono gli stessi partiti che sono responsabili della paralisi del Paese conseguente alla devastazione di 20 anni di mala politica della quale sono stati artefici singolarmente, ma complici senza soluzione di continuità.

Lo dico chiaro e tondo: l'italia così com'è è arrivata al capolinea. Con o senza un nuovo governo Letta, con o senza le elezioni anticipate. Quello che serve non è semplicemente un nuovo voto. Serve un programma che porti questo Paese a imporre la rinegoziazione degli interessi sul debito pubblico, tagliandoli del 70%. Un programma che sfili l'italia dalla ghigliottina del Fiscal Compact. Un programma che imponga i costi standard alla spesa pubblica. Un programma che preveda la riduzione della spesa pubblica con una costante e graduale diminuzione del pubblico impiego. Un programma che tagli le pensioni, ma solo quelle superiori al 5.000 (cinquemila) euro mensili. Un programma che tagli del 50% immediato tutti gli emolumenti (chiamateli stipendi se preferite) di TUTTI coloro i quali direttamente o indirettamente lavorino con incarichi politici per lo Stato. Un programma che dimezzi il numero di deputati e senatori, dimezzi il numero di consiglieri regionali e provinciali e comunali.

Serve questo programma. E un partito che vinca le elezioni e lo realizzi.

max parisi. 

 



 
Ultimi articoli pubblicati

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI
venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito cooperativo fiorentino, la banca che Denis Verdini ha guidato dal 1990 al 2010, fallita nel 2012. Il
Continua
 

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)
venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente Usa Donald Trump, ha vissuto il suo vero debutto pubblico ieri, sul palco della Conservative Political
Continua

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE
giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel settore bancario, che ha lavorato a lungo negli Usa ed esperto dei mercati. "Patrick McHenry,
Continua
 

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)
giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali francesi. E' quanto emerge da un sondaggio BVA-Salesforce. A Marine Le Pen e' accreditato un 27,5%
Continua

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)
mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle francesi sono previste per primavera inoltrata, la Germania ed il suo braccio armato Ue stanno
Continua
 

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)
mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a detta della stessa Commissione - ripercussioni sulla stabilita' del resto della zona euro. Oggi
Continua

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA
mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di fabbricazione umana, sono state rilevate in tutto il Continente, a partire dal Nord della Norvegia,
Continua
 

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA
martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha portato a un calo delle domande di asilo e di conseguenza molte strutture di accoglienza cantonali sono
Continua

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)
martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale Bloomberg, notizia passata "inosservata" dalla stampa italiana, come se fosse un fatto da nulla che
Continua
 

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI
lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro: ha torto Uber, che continua ad evadere mentre noi gli mettiamo il tappeto rosso per terra. I
Continua

LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI,

LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI, LI USANO GLI OVER 45''
lunedì 20 febbraio 2017
PARIGI - Se in Italia trovare lavoro fisso e' molto difficile, non e' cosi' per i contratti da stagista il cui numero e' letteralmente esploso: e' questo l'aspetto degli ultimi dati sul mercato del lavoro italiano diffusi dal ministero del Lavoro che il quotidiano economico francese Les Echos
Continua
 

INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1°

INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1° PERICOLO MIGRANTI ISLAMICI
lunedì 20 febbraio 2017
LONDRA - Che l'opposizione all'Unione Europea sia in crescita e' un dato di fatto riconosciuto anche dai parassiti di Bruxelles ma come stanno realmente le cose? Alcuni giorni fa il centro studi Demos ha rilasciato un rapporto d'inchiesta ricco di sondaggi di ben 485 pagine sottolineando come in
Continua

INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI

INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI EUROPEI SENZA EURO
venerdì 17 febbraio 2017
I media di regime continuano a propagandare il mito che “fuori dall’euro c’è solo miseria, povertà disoccupazione”, unito al mantra che il Regno Unito sta collassando. Il tutto per farci digerire l’indigeribile, ovvero un rapporto di cambi fissi
Continua
 

LA CIA SPIO' MARINE LE PEN SARKOZY HOLLANDE INTROMETTENDOSI NELLE ELEZIONI PRESIDENZIALI DEL 2012

LA CIA SPIO' MARINE LE PEN SARKOZY HOLLANDE INTROMETTENDOSI NELLE ELEZIONI PRESIDENZIALI DEL 2012 SU ORDINE DI OBAMA
venerdì 17 febbraio 2017
WASHINGTON - Tutti i principali partiti politici francesi sono stati spiati dalla Cia durante l'amministrazione Obama, nei sette mesi che hanno portato alle elezioni presidenziali del 2012. Lo ha rivelato WikiLeaks attraverso il suo sito web, affermando che lo spionaggio è avvenuto
Continua

IL PD VUOLE ''STERMINARE'' I TAXISTI (CHE DA SEMPRE NON VOTANO PD). PER QUESTO, HA DATO DI FATTO IL

IL PD VUOLE ''STERMINARE'' I TAXISTI (CHE DA SEMPRE NON VOTANO PD). PER QUESTO, HA DATO DI FATTO IL VIA LIBERA A UBER.
giovedì 16 febbraio 2017
Monta la protesta dei taxisti contro il decreto Milleproroghe, che sospende per un altro anno l'efficacia di una serie di norme che dovrebbero regolamentare il servizio degli Ncc e contrastare le pratiche abusive. Una sanatoria che, secondo la categoria, favorisce Uber. La reazione dei taxisti e'
Continua
 

IL DIRETTORE DI FRONTEX: ''QUEST'ANNO L'ITALIA DEVE ASPETTARSI DALLA LIBIA ALTRI 180.000 AFRICANI

IL DIRETTORE DI FRONTEX: ''QUEST'ANNO L'ITALIA DEVE ASPETTARSI DALLA LIBIA ALTRI 180.000 AFRICANI SENZA DIRITTO D'ASILO''
giovedì 16 febbraio 2017
PARIGI - La notizia è riportata dai principali quotidiani francesi, ma in Italia non è stata resa pubblica perchè scatenerebbe una tale ondata di proteste da travolgere il governo Gentiloni e il Pd che lo sorregge. "L'Italia deve attendersi quest'anno l'arrivo di un numero di
Continua
 

 
Editoriali

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!