57.681.891
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

Il Paese è al capolinea con o senza il governo Letta. Serve un programma. Questo...

martedì 1 ottobre 2013

Ci sono politici ai quali difetta la memoria. E tra questi, il campione del momento è Enrico Letta. Il percorso che crede di poter seguire per "risolvere" la crisi in atto del suo esecutivo si basa su un presupposto.

E il presupposto è che il Pdl si spezzi in due con la fuoriuscita di un gruppo numeroso di senatori (dei deputati non interessa niente a nessuno, dato il premio di maggioranza e conseguente maggioranza bulgara alla Camera) capaci di costituire un nuovo gruppo e quindi dare corpo a una nuova maggioranza.

In pratica, Letta vorrebbe che si costituissero due Pdl, uno bravo-buono-accondiscendente e l'altro cattivo-delinquenziale da abbandonare alle fauci della magistratura (democratica). 

Un'operazione del genere, vista dall'estero, apparirebbe perfetta perchè ridarebbe corpo alla "stabilità" tanto voluta e tanto sperata per l'italia. Stabilità che nel concreto significa: un esecutore agli ordini della Commissione Europea, Troika compresa.  Un esecutore che faccia le "riforme" già "fatte" in Grecia, a Cipro, in Portogallo. Macelleria sociale, taglio delle pensioni, taglio degli stipendi, eliminazione della sanità pubblica per tutti, insomma, tutte le bellezze della schiavitù da euro.

Tuttavia, Enrico Letta ha poca memoria.

Altrimenti ricorderebbe cosa accadde al governo Prodi del 1996. Successe che dopo poco più di un anno Prodi finì a gambe all'aria per colpa dell'alleato rifondarolo, e al suo posto - dato che non vennero sciolte le camere dal fantasista del Quirinale - arrivò D'Alema e poi Amato e poi dal 2001 dieci anni di Berlusconi, più o meno. 

Letta dovrebbe ricordare che il centro sinistra pur di rimanere abbarbicato alla poltrona di palazzo Chigi nel 1998 fece esattamente quello che oggi lui vorrebbe rifare: operò perchè nascesse nelle Aule, non nelle urne, un partitino fantoccio degno di uno staterello sudamericano e adatto alla bisogna di portare voti. D'Alema all'epoca ci riuscì con l'Udeur (aiutato da Cossiga). Ma il prezzo elettorale che poi la sinistra pagò fu micidiale.

Letta potrebbe farcela stavolta esattamente come allora ci riuscì D'Alema, con la differenza che stavolta con ogni probabilità durerebbe fino alle europee del 2014 (a metà primavera). E sicuramente andrebbe a finire come poi andò a finire nel 2001: il centrodestra vicerebbe a mani basse.

Se Letta avesse memoria, quindi, eviterebbe come al peste questa strada. Ma l'alternativa quale sarebbe? Tornare alle urne per... perdere comunque? Già.

Tutti coloro che credono sia solo il Pdl a un passo dalla frantumazione, terremotato dallo scontro falchi-colombe e attanagliato dalla morsa "padronale" di un Berlusconi furioso e carcerabile, farebbero bene a considerare che il Pd non è stato in grado finora neppure di stabilire le regole del proprio congresso, decidere se il nuovo segretario sarà anche candidato premier, stabilire con quali criteri i candidati alla segreteria potranno gareggiare per vincere, definire almeno una prima rosa di candidature, e dulcis in fundo la data certa del congresso. Il Pd è nel caos tanto quanto il Pdl. E la minaccia di scissione è palpabile: se dovesse arrivare Renzi in cima, una fetta consistente del Pd lascerebbe il partito per formarne un altro "a sinistra". Se dovesse vincere invece un cadidato "di sinistra" e fosse Renzi ob torto collo il candidato premier, il sindaco piacione di Firenze sarebbe sotto ricatto continuo della direzione del suo partito. Insomma, un macello. 

Letta quindi che può fare? Poco. O forse niente.

L'immobilità dell'esecutivo appena caduto riflette semplicemente la paralisi del Paese. I partiti che hanno sorretto Letta sono gli stessi partiti che sono responsabili della paralisi del Paese conseguente alla devastazione di 20 anni di mala politica della quale sono stati artefici singolarmente, ma complici senza soluzione di continuità.

Lo dico chiaro e tondo: l'italia così com'è è arrivata al capolinea. Con o senza un nuovo governo Letta, con o senza le elezioni anticipate. Quello che serve non è semplicemente un nuovo voto. Serve un programma che porti questo Paese a imporre la rinegoziazione degli interessi sul debito pubblico, tagliandoli del 70%. Un programma che sfili l'italia dalla ghigliottina del Fiscal Compact. Un programma che imponga i costi standard alla spesa pubblica. Un programma che preveda la riduzione della spesa pubblica con una costante e graduale diminuzione del pubblico impiego. Un programma che tagli le pensioni, ma solo quelle superiori al 5.000 (cinquemila) euro mensili. Un programma che tagli del 50% immediato tutti gli emolumenti (chiamateli stipendi se preferite) di TUTTI coloro i quali direttamente o indirettamente lavorino con incarichi politici per lo Stato. Un programma che dimezzi il numero di deputati e senatori, dimezzi il numero di consiglieri regionali e provinciali e comunali.

Serve questo programma. E un partito che vinca le elezioni e lo realizzi.

max parisi. 

 



 
Ultimi articoli pubblicati

GIORGIA MELONI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO CHIUDEREMO CENTRI SOCIALI VIOLENTI. OGGI SQUADRISTI ROSSI

GIORGIA MELONI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO CHIUDEREMO CENTRI SOCIALI VIOLENTI. OGGI SQUADRISTI ROSSI A MILANO ROMA PALERMO
sabato 24 febbraio 2018
"Una delle prime iniziative quando andremo al governo sarà chiedere al ministro dell'Interno un decreto legge d'urgenza per far chiudere i centri sociali che si sono macchiati di violenza e che vivono in una situazione di illegalità. Ci sono dei centri sociali in questa Nazione, pensi
Continua
 

CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC.

CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC. SOSPETTI DI SPIONAGGIO
venerdì 23 febbraio 2018
WASHIGTON - I regolatori statunitensi hanno bloccato l'acquisizione da parte di un fondo cinese appoggiato dallo Stato della Cina dell'azienda texana Xcerra, produttrice di apparecchiature per il collaudo di semiconduttori. Xcerra ha annunciato ieri di aver concordato la rinuncia all'accordo da 580
Continua

VINCERE, E POI? PRIMO: CANCELLARE LA FOLLIA DEL FISCAL COMPACT E L'ASSURDO 3% DEBITO-PIL.

VINCERE, E POI? PRIMO: CANCELLARE LA FOLLIA DEL FISCAL COMPACT E L'ASSURDO 3% DEBITO-PIL. L'ALTERNATIVA? LASCIARE LA UE
giovedì 22 febbraio 2018
Uno dei punti principali dei partiti sovranisti riguarda la rinegoziazione degli accordi che reggono la ue e la sua profonda struttura antidemocratica o l’uscita del paese dall’unione medesima, attraverso l’attivazione dell’articolo 50 del trattato europeo. Di cosa stiamo
Continua
 

ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO

ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO GOVERNO DI CENTRODESTRA
mercoledì 21 febbraio 2018
ROMA - Matteo Salvini  ha "lanciato" oggi Umberto Rapetto, ex generale della Guardia di Finanza, per un ruolo di "super manager" della sicurezza informatica nel prossimo governo. Non un ruolo da ministro, ma una figura operativa che riassuma in sè le competenze, ora divise tra diversi
Continua

SQUADRACCIA ROSSA MASSACRA DI BOTTE MASSIMO URSINO, DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. IN 10 CONTRO 1

SQUADRACCIA ROSSA MASSACRA DI BOTTE MASSIMO URSINO, DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. IN 10 CONTRO 1 L'HANNO LEGATO E MASSACRATO
mercoledì 21 febbraio 2018
PALERMO - Almeno sei persone hanno accerchiato a Palermo il responsabile provinciale di Forza Nuova, Massimo Ursino, legandolo mani e piedi con nastro adesivo da imballaggio e pestandolo a sangue. E' accaduto nella trafficata e centrale via Dante, intorno alle 19 di ieri, coi negozi aperti e gente
Continua
 

CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE

CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI
lunedì 19 febbraio 2018
LONDRA - Il mese di maggio potrebbe rappresentare l'inizio della fine della UE visto che in questa data si decidera' il bilancio comunitario per il periodo 2021-2027 e i conti davvero non tornano. Di solito le discussioni sul bilancio comunitario non attraggono molta attenzione, ma questa volta e'
Continua

ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL

ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL VERTICE DELLA BCE
lunedì 19 febbraio 2018
La pesantissima accusa di corruzione si abbatte sulla principale istituzione finanziaria della Lettonia, ma allo stesso tempo sul vertice della Bce. Il Governatore della Banca centrale Ilmars Rimsevics, che e' anche membro del consiglio direttivo della Banca centrale europea, e' stato arrestato
Continua
 

IMOLA, ESEMPIO DELL'ITALIA CHE VUOLE IL PD: 70% DELLE CASE POPOLARI DATO AGLI AFRICANI, LE RESTANTI

IMOLA, ESEMPIO DELL'ITALIA CHE VUOLE IL PD: 70% DELLE CASE POPOLARI DATO AGLI AFRICANI, LE RESTANTI AGLI ITALIANI POVERI
mercoledì 14 febbraio 2018
IMOLA - Imola assunta ad esempio del razzismo contro i cittadini italiani praticato dal Pd. "Nel 2017 nel Comune di Imola ben il 70% delle case popolari sono state assegnate a cittadini stranieri: di questi il 5% provengono da paesi dell'Unione europea, mentre il 65% arriva da nazioni
Continua

SORPRESA: QUAL E' LA NAZIONE CHE VIOLA DI PIU' LE NORME DELL'UNIONE EUROPEA? L'ITALIA, FORSE? NO,

SORPRESA: QUAL E' LA NAZIONE CHE VIOLA DI PIU' LE NORME DELL'UNIONE EUROPEA? L'ITALIA, FORSE? NO, LA GERMANIA!
martedì 13 febbraio 2018
LONDRA - La domanda è molto semplice: qual e' il paese europeo che viola piu' norme comunitarie? Molti diranno che e' l'Italia e cosi facendo commetterebbero un colossale errore. Infatti, e questo sorprendera' parecchi lettori, il paese che viola piu' norme comunitarie e' la
Continua
 

NUMERI DELL'INVASIONE AFRICANA SONO ENORMI E IN PIU' 43.000 SI SONO DATI ALLA LATITANZA PREVENTIVA

NUMERI DELL'INVASIONE AFRICANA SONO ENORMI E IN PIU' 43.000 SI SONO DATI ALLA LATITANZA PREVENTIVA COME I KILLER MAFIOSI
martedì 13 febbraio 2018
Nel nostro Paese, l'italia,  le persone scomparse ancora da rintracciare sono 52.990, delle quale solo 9.380 sono italiani, mentre  43.610 sono stranieri, la stragrande maggioranza africani. Più di 43.000 "fantasmi" circolano per l'Italia senza che lo stato ne abbia controllo. E'
Continua

INCHIESTA EURO / L'EUROZONA VA PEGGIO DEL RESTO DELLA UE (SENZA EURO) E VA PEGGIO DI USA, COREA DEL

INCHIESTA EURO / L'EUROZONA VA PEGGIO DEL RESTO DELLA UE (SENZA EURO) E VA PEGGIO DI USA, COREA DEL SUD, INDIA E RUSSIA
venerdì 9 febbraio 2018
I media di regime in questi giorni stromabazzano i “prodigiosi” risultati della crescita del PIL italiano e delle nazioni della zona euro. Dati, secondo loro, splendidi, tali da far guardare al futuro della moneta unica con grandissimo ottimismo  e soprattutto da considerare le
Continua
 

FACEBOOK SOTTO ACCUSA DELLA COMMISSIONE ''DIGITALE E MEDIA'' DEL PARLAMENTO BRITANNICO: IMPEDISCE

FACEBOOK SOTTO ACCUSA DELLA COMMISSIONE ''DIGITALE E MEDIA'' DEL PARLAMENTO BRITANNICO: IMPEDISCE LA LIBERTA' DI SCELTA
venerdì 9 febbraio 2018
LONDRA - Nel 2018 giorno dopo giorno si registra uno schiaffo a Facebook, e uno più duro dell'altro. Dopo quelli di Roger McNamee, uno dei suoi principali investitori ed ex mentore di Mark Zuckerberg, che ha accusato la societa' di pensare solo ai profitti e non a risolvere la dipendenza che
Continua

MATTEO SALVINI: SENTO CHE LA LEGA SCAVALCHERA' FORZA ITALIA, POI SARANNO GLI ITALIANI A FARE IL

MATTEO SALVINI: SENTO CHE LA LEGA SCAVALCHERA' FORZA ITALIA, POI SARANNO GLI ITALIANI A FARE IL VERO SONDAGGIO: IL VOTO
giovedì 8 febbraio 2018
"Sento che la Lega scavalcherà Forza Italia, poi saranno gli italiani che faranno l'unico vero sondaggio, le elezioni". Lo ha detto Matteo Salvini a 24Mattino su Radio 24. "Io credo che il centrodestra supererà il 40% e non avrà bisogno in Parlamento di chiedere aiutini o
Continua
 

IL COMMISSARIO UE AVRAMOPOULOS (ALLE MIGRAZIONI) SOTTO INCHIESTA CON ALTRI 10 LEADER POLITICI GRECI

IL COMMISSARIO UE AVRAMOPOULOS (ALLE MIGRAZIONI) SOTTO INCHIESTA CON ALTRI 10 LEADER POLITICI GRECI PER CORRUZIONE
mercoledì 7 febbraio 2018
ATENE - L'invio del fascicolo d'inchiesta su gravissimi casi di corruzione dalla procura della Corte suprema di Atene al Parlamento greco, che coinvolgerebbero dieci tra ex premier e ministri greci e la casa farmaceutica Novartis, ha generato una spirale di dichiarazioni e polemiche sia all'intero
Continua

NIGEL FARAGE VA IN IRLANDA PER FAR NASCERE UN PARTITO SIMILE ALL'UKIP CON L'OBBIETTIVO DELL'IREXIT

NIGEL FARAGE VA IN IRLANDA PER FAR NASCERE UN PARTITO SIMILE ALL'UKIP CON L'OBBIETTIVO DELL'IREXIT (GRANDI CONSENSI!)
lunedì 5 febbraio 2018
LONDRA - Nigel Farage, fondatore ed ex leader dello United Kingdom Independence Party (UKIP), avrebbe tutte le ragioni per rilassarsi e godersi la vita visto che dopo anni di battaglie e' riuscito nel suo intento di far uscire la Gran Bretagna dalla UE. E invece non e' cosi'. Infatti,
Continua
 

CITTADINI TEDESCHI SI STANNO ARMANDO: +85% VENDITE DI PISTOLE IN GERMANIA. VOGLIONO DIFENDERSI DAI

CITTADINI TEDESCHI SI STANNO ARMANDO: +85% VENDITE DI PISTOLE IN GERMANIA. VOGLIONO DIFENDERSI DAI MIGRANTI CRIMINALI
giovedì 1 febbraio 2018
BERLINO - Per Ingo Meinhard, direttore generale dell'Associazione degli armaioli tedeschi, il novembre 2015 rappresenta una svolta: in Germania e' iniziato un cambiamento fondamentale. Le autorita' hanno iniziato a ricevere un'ondata di richieste per la licenza di porto d'armi. Prima di allora, la
Continua
 

 
Editoriali

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!