66.311.368
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

Il Paese è al capolinea con o senza il governo Letta. Serve un programma. Questo...

martedì 1 ottobre 2013

Ci sono politici ai quali difetta la memoria. E tra questi, il campione del momento è Enrico Letta. Il percorso che crede di poter seguire per "risolvere" la crisi in atto del suo esecutivo si basa su un presupposto.

E il presupposto è che il Pdl si spezzi in due con la fuoriuscita di un gruppo numeroso di senatori (dei deputati non interessa niente a nessuno, dato il premio di maggioranza e conseguente maggioranza bulgara alla Camera) capaci di costituire un nuovo gruppo e quindi dare corpo a una nuova maggioranza.

In pratica, Letta vorrebbe che si costituissero due Pdl, uno bravo-buono-accondiscendente e l'altro cattivo-delinquenziale da abbandonare alle fauci della magistratura (democratica). 

Un'operazione del genere, vista dall'estero, apparirebbe perfetta perchè ridarebbe corpo alla "stabilità" tanto voluta e tanto sperata per l'italia. Stabilità che nel concreto significa: un esecutore agli ordini della Commissione Europea, Troika compresa.  Un esecutore che faccia le "riforme" già "fatte" in Grecia, a Cipro, in Portogallo. Macelleria sociale, taglio delle pensioni, taglio degli stipendi, eliminazione della sanità pubblica per tutti, insomma, tutte le bellezze della schiavitù da euro.

Tuttavia, Enrico Letta ha poca memoria.

Altrimenti ricorderebbe cosa accadde al governo Prodi del 1996. Successe che dopo poco più di un anno Prodi finì a gambe all'aria per colpa dell'alleato rifondarolo, e al suo posto - dato che non vennero sciolte le camere dal fantasista del Quirinale - arrivò D'Alema e poi Amato e poi dal 2001 dieci anni di Berlusconi, più o meno. 

Letta dovrebbe ricordare che il centro sinistra pur di rimanere abbarbicato alla poltrona di palazzo Chigi nel 1998 fece esattamente quello che oggi lui vorrebbe rifare: operò perchè nascesse nelle Aule, non nelle urne, un partitino fantoccio degno di uno staterello sudamericano e adatto alla bisogna di portare voti. D'Alema all'epoca ci riuscì con l'Udeur (aiutato da Cossiga). Ma il prezzo elettorale che poi la sinistra pagò fu micidiale.

Letta potrebbe farcela stavolta esattamente come allora ci riuscì D'Alema, con la differenza che stavolta con ogni probabilità durerebbe fino alle europee del 2014 (a metà primavera). E sicuramente andrebbe a finire come poi andò a finire nel 2001: il centrodestra vicerebbe a mani basse.

Se Letta avesse memoria, quindi, eviterebbe come al peste questa strada. Ma l'alternativa quale sarebbe? Tornare alle urne per... perdere comunque? Già.

Tutti coloro che credono sia solo il Pdl a un passo dalla frantumazione, terremotato dallo scontro falchi-colombe e attanagliato dalla morsa "padronale" di un Berlusconi furioso e carcerabile, farebbero bene a considerare che il Pd non è stato in grado finora neppure di stabilire le regole del proprio congresso, decidere se il nuovo segretario sarà anche candidato premier, stabilire con quali criteri i candidati alla segreteria potranno gareggiare per vincere, definire almeno una prima rosa di candidature, e dulcis in fundo la data certa del congresso. Il Pd è nel caos tanto quanto il Pdl. E la minaccia di scissione è palpabile: se dovesse arrivare Renzi in cima, una fetta consistente del Pd lascerebbe il partito per formarne un altro "a sinistra". Se dovesse vincere invece un cadidato "di sinistra" e fosse Renzi ob torto collo il candidato premier, il sindaco piacione di Firenze sarebbe sotto ricatto continuo della direzione del suo partito. Insomma, un macello. 

Letta quindi che può fare? Poco. O forse niente.

L'immobilità dell'esecutivo appena caduto riflette semplicemente la paralisi del Paese. I partiti che hanno sorretto Letta sono gli stessi partiti che sono responsabili della paralisi del Paese conseguente alla devastazione di 20 anni di mala politica della quale sono stati artefici singolarmente, ma complici senza soluzione di continuità.

Lo dico chiaro e tondo: l'italia così com'è è arrivata al capolinea. Con o senza un nuovo governo Letta, con o senza le elezioni anticipate. Quello che serve non è semplicemente un nuovo voto. Serve un programma che porti questo Paese a imporre la rinegoziazione degli interessi sul debito pubblico, tagliandoli del 70%. Un programma che sfili l'italia dalla ghigliottina del Fiscal Compact. Un programma che imponga i costi standard alla spesa pubblica. Un programma che preveda la riduzione della spesa pubblica con una costante e graduale diminuzione del pubblico impiego. Un programma che tagli le pensioni, ma solo quelle superiori al 5.000 (cinquemila) euro mensili. Un programma che tagli del 50% immediato tutti gli emolumenti (chiamateli stipendi se preferite) di TUTTI coloro i quali direttamente o indirettamente lavorino con incarichi politici per lo Stato. Un programma che dimezzi il numero di deputati e senatori, dimezzi il numero di consiglieri regionali e provinciali e comunali.

Serve questo programma. E un partito che vinca le elezioni e lo realizzi.

max parisi. 

 



 
Ultimi articoli pubblicati

NUOVA LEGGE ANTI CORRUZIONE, UN GRANDE SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: ADESSO I CORROTTI FINIRANNO

NUOVA LEGGE ANTI CORRUZIONE, UN GRANDE SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: ADESSO I CORROTTI FINIRANNO DAVVERO IN GALERA
giovedì 13 dicembre 2018
La nuova legge anti corruzione, definita "spazzacorrotti" incassa anche il secondo via libera da parte del Senato, e si appresta a compiere l'ultimo giro di boa verso l'approvazione definitiva alla camera, prevista prima di Natale. Il provvedimento, infatti, e' stato modificato durante l'esame a
Continua
 

LA NUOVA LEGGE ANTI CORRUZIONE E' UN GRANDE SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: ORA I CORROTTI FINIRANNO

LA NUOVA LEGGE ANTI CORRUZIONE E' UN GRANDE SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: ORA I CORROTTI FINIRANNO DAVVERO IN GAL
giovedì 13 dicembre 2018
La nuova legge anti corruzione, definita "spazzacorrotti" incassa anche il secondo via libera da parte del Senato, e si appresta a compiere l'ultimo giro di boa verso l'approvazione definitiva alla camera, prevista prima di Natale. Il provvedimento, infatti, e' stato modificato durante l'esame a
Continua

IL PREMIER CONTE NEGOZIA CON LA UE, SPREAD AFFONDA A 261 PUNTI, I MERCATI PREMIANO L'ITALIA (E

IL PREMIER CONTE NEGOZIA CON LA UE, SPREAD AFFONDA A 261 PUNTI, I MERCATI PREMIANO L'ITALIA (E SMENTISCONO MOSCOVICI)
giovedì 13 dicembre 2018
"Continuiamo a sostenere con convinzione la nostra proposta. Piena fiducia nel lavoro di Conte. Siamo persone di buon senso e soprattutto teniamo fede a ciò che avevamo promesso ai cittadini, mantenendo reddito di cittadinanza e quota 100 invariati. Manterremo tutti gli impegni presi, dal
Continua
 

MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA LUI) SALVATO

MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA  LUI) SALVATO MACRON POTRA' AIUTARLO?
mercoledì 12 dicembre 2018
BRUXELLES - Per tentare di soddisfare le rivendicazioni dei gilet gialli e provare a porre fine alla loro protesta,Macron è stato costretto, pena una vera "rivoluzione" di piazza in tutta la Francia,  a tagliare le tasse sui carburanti che aveva deciso e varare un grande piano di aiuti
Continua

REGIONE LOMBARDIA STANZIA 26 MILIONI DI EURO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. FONTANA: ATTENZIONE A

REGIONE LOMBARDIA STANZIA 26 MILIONI DI EURO PER LE  PICCOLE E MEDIE IMPRESE. FONTANA: ATTENZIONE A PMI E' FONDAMENTALE
mercoledì 12 dicembre 2018
MILANO - Oltre 26 milioni di euro per rifinanziare importanti bandi a favore delle micro, piccole e medie imprese. La Giunta della Regione Lombardia, su proposta dell'assessore allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli, ha approvato una serie di delibere che confermano grande attenzione verso
Continua
 

LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO

LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO DI BILANCIO PRESENTATO''
martedì 11 dicembre 2018
BRUXELLES - Nella sostanza, la Commissione Ue ha dato del "parolaio" e implicitamente del bugiardo al presidente francese Macron.  "La situazione e' questa: in Francia per ora abbiamo un discorso, in Italia abbiamo una bozza di bilancio". E' quanto riferiscono fonti comunitarie,
Continua

CROLLATO L'INDICE DI FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI DELL'EUROZONA E' COME SE SI FOSSE TORNATI AL 2014,

CROLLATO L'INDICE DI FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI DELL'EUROZONA E' COME SE SI FOSSE TORNATI AL 2014, EPICENTRO DELLA CRISI
martedì 11 dicembre 2018
LONDRA - L'indice della fiducia degli imprenditori dei paesi dell'Eurozona in questo mese di dicembre e' sceso al livello piu' basso da quattro anni: lo riportano diversi quotidiani britannici, riprendendo i risultati di uno studio realizzato dal gruppo di ricerca tedesco Sentix. Il giornale
Continua
 

DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE PRENDERE LA STRADA

DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE  PRENDERE LA STRADA DEL FALLIMENTO''
martedì 11 dicembre 2018
BERLINO - Sic transit fortuna mundi, si potrebbe dire. Ma di sicuro Macron questa fucilata alle spalle non l'aveva prevista, sparata dal chi l'aveva sempre sostenuto, e cioè la Germania: "La reazione del presidente francese Emmanuel Macron alla protesta dei gilet gialli deve suonare come un
Continua

CARABINIERI SMANTELLANO DUE ORGANIZZAZIONI (ALGERINI E NIGERIANI): IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DROGA

CARABINIERI SMANTELLANO DUE ORGANIZZAZIONI (ALGERINI E NIGERIANI): IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DROGA SPACCIO PROSTITUZIONE
lunedì 10 dicembre 2018
Due organizzazioni criminali sono state smantellate dai carabinieri della Compagnia di Carbonia a conclusione di una vasta operazione, ribattezzata 'Arruga', contro l'immigrazione clandestina e lo sfruttamento della prostituzione. Nella rete degli investigatori dell'Arma sono finite una banda di
Continua
 

LA STRAGE DEL ''LANTERNA AZZURRA CLUB'' PROVOCATA DA UNA BANDA DI RAPINATORI? E' L'IPOTESI

LA STRAGE DEL ''LANTERNA AZZURRA CLUB'' PROVOCATA DA UNA BANDA DI RAPINATORI? E' L'IPOTESI PRINCIPALE DEGLI INVESTIGATORI
lunedì 10 dicembre 2018
Chi e' perche' ha scatenato il panico all'interno del locale, qual era la sostanza che ha reso l'aria irrespirabile, quante erano effettivamente le presenze all'interno della sala dove si sarebbe esibito Sfera Ebbasta, se c'e' stato il rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dalle norme
Continua

L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD

L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD APPOGGIARLO ALLE ELEZIONI''
lunedì 10 dicembre 2018
PARIGI - L'economista francese Jean-Paul Fitoussi, non fatica a trovare in una intervista a "Il Fatto Quotidiano" pubblicata oggi un aggettivo per definire il presidente Emmanuel Macron: "Imbecille". Poi l'analisi sui gilet gialli si fa piu' profonda: "Parigi non conosce la Francia, e chi abita a
Continua
 

RICHIEDENTI ASILO NIGERIANI SPACCIATORI DI DROGA AVEVANO LA BASE DENTRO UN CENTRO ACCOGLIENZA DELLA

RICHIEDENTI ASILO NIGERIANI SPACCIATORI DI DROGA AVEVANO LA BASE DENTRO UN CENTRO ACCOGLIENZA DELLA CROCE ROSSA!
giovedì 6 dicembre 2018
LUCCA - Africani spacciavano, come nulla fosse, addirittura dentro una struttura della Croce Rossa. Gli agenti della questura di Lucca hanno effettuato questa mattina un'operazione contro lo spaccio di droga al centro accoglienza gestito dalla Croce Rossa Italiana in zona Tagliate: tre richiedenti
Continua

IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON

IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON DEVE PIU' ACCADERE
mercoledì 5 dicembre 2018
ROMA -  Il governo italiano è pronto a dare l'alt all'operazione Sophia. Il piano operativo lanciato dall'Unione europea all'indomani dei naufragi avvenuti nell'aprile 2015 con lo scopo di controllare il traffico di esseri umani nel Mediterraneo, che ha sede proprio nella Capitale,
Continua
 

MACRON CEDE AI GILET GIALLI (6 MESI DI BLOCCO TASSE CARBURANTI) MA NON BASTA PIU': I FRANCESI

MACRON CEDE AI GILET GIALLI (6 MESI DI BLOCCO TASSE CARBURANTI) MA NON BASTA PIU': I FRANCESI VOGLIONO CHE SE NE VADA
martedì 4 dicembre 2018
PARIGI - Macron ha perso, ma i gilet gialli non hanno ancora vinto, dato che ormai chedono a viso aperto le dimissioni del presidente della Repubblica. Sei mesi di sospensione dell'aumento delle tasse sui carburanti, nessun aumento delle tariffe di gas ed elettricita' per tutto l'inverno: sono
Continua

ALLEN SINAI - ECONOMISTA DI FAMA MONDIALE - DA' RAGIONE AL GOVERNO ITALIANO: ''AUSTERITY STRADA

ALLEN SINAI - ECONOMISTA DI FAMA MONDIALE - DA' RAGIONE AL GOVERNO ITALIANO: ''AUSTERITY STRADA SBAGLIATA LA UE HA TORTO''
martedì 4 dicembre 2018
"Insistere con le politiche di austerity e' la strada sbagliata. A maggior ragione quando un Paese sta rallentando la sua crescita deve spendere molto, mettere soldi nelle tasche dei cittadini e tagliare le tasse". Lo ha detto in una intervista a "Il Messaggero" Allen Sinai, 77 anni, il guru di
Continua
 

LA DESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA DILAGA IN SVEZIA: CENTROSINISTRA

LA DESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA DILAGA IN SVEZIA: CENTROSINISTRA PERDE LE AMMINISTRATIVE
lunedì 3 dicembre 2018
LONDRA - Sono passati quasi 3 mesi da quando gli elettori svedesi sono andati alle urne per eleggere il parlamento ma ancora non si e' riusciti a formare un nuovo governo e questo perche' gli schieramenti di centrosinistra e centrodestra non vogliono fare alleanze con il partito anti-immigrati
Continua
 

 
Editoriali

Se usciamo dall'euro chi comprerà i Btp?

Notiziona dalla Cina: finalmente anche i cittadini potranno investire in obbligazioni di Stato cinesi! Eheeee? Lo so, detta così sembra una

''Dove eravate, Soloni?''

"Prof dott. Presidente Emerigo Ugo De Siervo, confrontiamoci coi numeri. Sulla legge Fornero, sulla disoccupazione, sulla precarietà, sulle tasse, sulla

L'epoca di Berlusconi è davvero finita.

Niente "pontieri" all'opera: la rottura personale tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi è nella sostanza, ben più solida delle operazioni di

LA LEGA DI MATTEO SALVINI E' NAZIONALE

La vittoria, anzi no, il trionfo della Lega di Matteo Salvini che ha ricevuto cinque milioni di voti, una massa enorme di consenso, raggiungendo quasi il 20%

4 MARZO: IL NOSTRO INDEPENDENCE DAY

Abbiamo deciso di fermare le pubblicazioni del nostro giornale innanzitutto per riflettere sul ruolo e se lo permettete, anche sui risultati che abbiamo

All'armi! Son fascisti! Il delirio Pd.

Walter Veltroni lancia l'allarme democrazia, che secondo lui è in pericolo esattamente come lo fu negli anni Trenta del secolo scorso. Veltroni è

Italiani, bevetevi un rosatellum...

Le leggi elettorali italiane hanno sempre un tocco culinario. Mattarellum della pasta, porcellum dell'affettato misto, e ora il rosatellum dei beoni. Ogni

Arriva l'onda nazionalista tedesca.

Le elezioni politiche in Germania, parlando dei clamorosi risultati emersi dalle urne, evidenziano innanzitutto quanto sia forte l'allarme della popolazione

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!