63.982.949
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

Due parole per Salvini, Meloni e Grillo

giovedì 26 gennaio 2017

Posso dirlo con franchezza? Ma chi se ne frega, della legge elettorale. Non esiste una "buona" legge elettorale, perchè sarà sempre "buona" per qualcuno e pessima per qualcun altro. L'unico criterio per valutare una legge elettorale riguarda quanto essa rispetta la democrazia, la quale democrazia a sua volta è tale solo se la maggioranza del Parlamento eletto rispecchia la maggioranza degli elettori nella nazione dove s'è votato, avendo dato a ciascun elettore il diritto di scegliere liberamente tanto il partito quanto la persona che lo rappresenterà.

Tutto qui, ma non finisce qui.

Sì, perchè in Italia dal 1948 ad oggi abbiamo sperimentato tutti i possibili sistemi elettorali senza con questo averne deciso uno in via definitiva. Nell'ordine: proporzionale puro, maggioritario con quota proporzionale, proporzionale con sbarramento e liste associate, maggioritario con premio di maggioranza, maggioritario senza premio di maggioranza, proporzionale con sbarramento e proporzionale senza sbarramento.

Oggi, siamo al punto d'avere due sistemi elettorali differenti - per Camera e Senato - sia nel metodo sia nei principi ispiratori del metodo ed entrambi... non votati dal Parlamento, bensì scritti dalla magistratura, nella fattispecie la Corte Costituzionale.

E la Corte Costituzionale nel cassare la legge elettorale - dichiarata incostituzionale - con la quale è stato eletto l'attuale Parlamento, ha però precisato che gli eletti, parlo dei deputati del Pd oggi alla Camera unicamente grazie al premio elettorale derivato dalla suddetta legge dichiarata incostituzionale, pur tuttavia possono stare costituzionalmente in carica. 

Un pasticcio dell'altro mondo, anzi da Terzo Mondo.

E allora capite che la legge elettorale in Italia risponde ad altre logiche, che con la democrazia non hanno nulla da spartire: serve a permettere in ogni caso che non decada mai, neppure per sbaglio, il "sacro diritto" al mercanteggio. 

E così, anche stavolta il "sacro diritto" è salvo. Volete sapere perchè?

Lo dico subito. Alla Camera, ci sarà il premio di maggioranza al partito o alla coalizione di partiti che supererà la soglia del 40%, in caso contrario niente premio. In passato, solo la Dc superò il 40%, ma negli anni Cinquanta, Sessanta e un pezzetto di Settanta. Nessun altro partito arrivò mai a questo livello di consenso. Oggi, Beppe Grillo crede di potercela fare. Non deve aver capito che somiglia poco a De Gasperi e per niente ad Andreotti. La Dc regnò quasi mezzo secolo grazie al primo e per colpa del secondo. Specie degli amici degli amici, del secondo.

Quindi, il Movimento Cinque Stelle non ce la farà. Gli manca un 10% per riuscirci, ovvero un terzo del suo attuale elettorato in più. Da dove lo piglia? Da Marte?

Abbandonati i deliri di onnipotenza, passiamo al Centro Destra, che scrivo separato per il motivo che non esiste più il Centrodestra. C'è la destra di Meloni-Salvini e c'è il Centro di Berlusconi uno e trino. Secondo Roberto Maroni, l'alleanza rieditata su modello 2001 e "varianti in corso d'opera" ha i numeri per vincere e conquistare l'agognato premio elettorale perchè supererebbe il 40% e quindi governerebbe l'Italia. Ma l'aritmetica gli dà torto. Nella più suggestiva delle ipotesi, la Lega incasserebbe il 15% nazionale, Fratelli d'Italia il 4%, e Forza Italia? Dovrebbe superare il 21% nazionale, per la vittoria di questa alleanza. Probabilità che accada? Prossime allo zero perchè non basterebbe comunque. Difatti, mentre il 4% di Fdi è alla portata della Meloni, il 15% della Lega è possibile solo se sfonda davvero al Sud. E allo stato attuale non accadrà. Quindi, a Forza Italia servirebbe tra il 23 e il 27% perchè il "ritrovato" Centrodestra che Maroni pensa possa vincere, poi davvero vinca. 

In breve, penso che Maroni sia molto, molto ottimista. Troppo ottimista.

Passiamo dall'altra parte. Il Pd al 40% da solo non ci arriva neppure se resuscitasse la buonanima di Enrico Berlinguer. Andrà di lusso se arriverà al 26-27%. Quindi, tenterà la mossa della "coalizione con i moderati" che tradotto significa un pugnetto di alfani, una manciatina di "cattolici democratici" e una spolverata di verdiniani non ancora latitanti e di socialisti di varia virtù. Ma anche - per dirla col Mascetti - con questi "rinforzini" se fra tutti sfioreranno il 33% si preparino ad accendere più candele che a Lourdes.

E allora, ci siete arrivati? 

Esatto, non vincerà nessuno, quindi vinceranno tutti i peggiori. Dopo le elezioni - già mi pare di sentirli - partiranno i "cori" della "responsabilità nazionale" affinchè nasca un governo "di responsabilità" possibilmente "costituente" per le "vere riforme che attende il Paese". Vedrete Berlusconi a braccetto del Pd, vedrete anzi sentirete urla e strepiti a destra sormontati solo da urla e strepiti ancora più forti dei Cinquestelle. 

Dal punto di vista del calcolo delle probabilità, questo scenario a mio parere è in vantaggio. Ma si può impedire che si materializzi. Non serve un'alleanza, serve un programma che permetta una vera alleanza e questo programma - titolatelo come meglio vi aggrada affinchè venga accettato dai rispettivi partiti e Movimenti - vi deve mettere assieme, cari Salvini, Meloni e Grillo.

Quando c'è in gioco il destino di una nazione, di un popolo, chi davvero vuole difenderli deve far prevalere a qualsiasi prezzo le ragioni che uniscono su quelle che dividono. Altrimenti, cari "ragazzi", rassegnatevi al renzusconi. E poi non dite che non lo sapevate. Che vi riempio di sberle.

Max Parisi



 
Ultimi articoli pubblicati

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO
lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio che partecipa in Lussemburgo al Consiglio europeo dei Ministri dell'Agricoltura e della
Continua
 

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI IMPRENDITORI SONO D'ACCORDO)
lunedì 15 ottobre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di attacchi e critiche al governo sul DEF e sull’abolizione della legge fornero. Ovviamente lo spread ha iniziato a salire (ma siamo ancora a poco meno della metà di quanto raggiunto sotto il governo del “salvatore” monti ndr), la
Continua

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE
lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è controllato politicamente dalla sinistra -  fanno a gara per accusare di razzismo e ignoranza chiunque
Continua
 

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''
domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione Lega è ormai una realtà, e quanto prima si diceva a mezza voce per non urtare
Continua

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA''

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA'' (OLIMPIADI INVERNALI 2026)
giovedì 11 ottobre 2018
MOSCA - "Finché non avremo catturato l'orso, non saremo sicuri: incrociamo le dita". Così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, a margine di un incontro con il governatore della regione di Mosca Andrej Vorobiov, che secondo le parole dello stesso Fontana "è
Continua
 

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO CRISI BANCARIE''
giovedì 11 ottobre 2018
NEW YORK - La decisione del governo di fissare il rapporto deficit/Pil al 2,4 per cento ha colto di sorpresa quei fondi esteri che a settembre avevano comprato BTp sulla scommessa che l'esecutivo avrebbe adottato una linea prudente in tema di conti pubblici. Ma se in questi giorni alcuni
Continua

PULLMAN CADDE DAL VIADOTTO DELLA A16 DI AUTOSTRADE PER L'ITALIA: CHIESTI 10 ANNI PER GLI ATTUALI

PULLMAN CADDE DAL VIADOTTO DELLA A16 DI AUTOSTRADE PER L'ITALIA: CHIESTI 10 ANNI PER GLI ATTUALI VERTICI DELLA SOCIETA'
mercoledì 10 ottobre 2018
AVELLINO - Fu una strage immane, che precedette il massacro del ponte di Genova di cinque anni, ma con un bilancio di morti terribilmente simile. Ora, si è arrivati alla fine del processo con le richieste di condanna a carico dei vertici di Autostrade per l'Italia Spa, controllata dalla
Continua
 

DOMENICA 14 OTTOBRE VOTO IN BAVIERA: SPD CROLLERA' CSU CALERA' AL 35% AFD PRONTO AL PRIMO GOVERNO

DOMENICA 14 OTTOBRE VOTO IN BAVIERA: SPD CROLLERA' CSU CALERA' AL 35% AFD PRONTO AL PRIMO GOVERNO DI DESTRA IN GERMANIA
martedì 9 ottobre 2018
MONACO DI BAVIERA - Le elezioni nei land tedeschi non sono mai un evento locale, figuriamoci se questa volta alle urne va la potente e popolosa Baviera. Nove milioni di elettori bavaresi sono chiamati alle urne domenica 14 ottobre per il rinnovo del parlamento. Il voto nel Land più ricco
Continua

IN SVEZIA IL PARTITO NAZIONALISTA ANTI IMMIGRATI DOPO IL TRIONFO DEL 9 SETTEMBRE ALLE POLITICHE,

IN SVEZIA IL PARTITO NAZIONALISTA ANTI IMMIGRATI DOPO IL TRIONFO DEL 9 SETTEMBRE ALLE POLITICHE, ELEGGE ANCHE SINDACI
martedì 9 ottobre 2018
LONDRA - E' passato già un mese dalle elezioni svedesi che hanno visto il trionfo del partito anti-immigrati degli Sweden Democrats che hanno raggiunto il 18%. Al momento le trattative per formare un nuovo governo sono ancora in corso, ma nel frattempo gli Sweden Democrats possono
Continua
 

SPACCIATORI DI DROGA MAROCCHINI MINACCIANO DI MORTE IL SINDACO CHE COMBATTE LO SPACCIO DI

SPACCIATORI DI DROGA MAROCCHINI MINACCIANO DI MORTE IL SINDACO CHE COMBATTE LO SPACCIO DI STUPEFACENTI NEL SUO PAESE
lunedì 8 ottobre 2018
MONTORIO ROMANO (ROMA) - Minacciato di morte per aver dichiarato guerra aperta agli spacciatori che hanno gettato la sua piccola comunita' nel caos, creando un allarme mai visto prima in un paese di 1800 abitanti. E' accaduto a Domenico Di Bartolomeo, sindaco di Montorio Romano, piccolo Comune a
Continua

CLAMOROSO: ANCHE IN SPAGNA NASCE IL PARTITO DELLA NUOVA DESTRA NAZIONALISTA ANTI INVASIONE AFRICANA

CLAMOROSO: ANCHE IN SPAGNA NASCE IL PARTITO DELLA NUOVA DESTRA NAZIONALISTA ANTI INVASIONE AFRICANA E UE DEI BANCHIERI
lunedì 8 ottobre 2018
MADRID - Nasce in Spagna il partito della nuova destra nazionalista, senza legami col passato franchista. Si chiama Vox, la nuova formazione guidata da Santiago Abascal, che ha dimostrato ieri, in un gremito Palazzo di Vistalegre a Madrid, di non volere piu' essere un'alternativa marginale per un
Continua
 

AMBROSE EVANS PRITCHARD SUL TELEGRAPH: ''L'ITALIA NON E' COME LA GRECIA, JUNCKER RISCHIA DI FAR

AMBROSE EVANS PRITCHARD SUL TELEGRAPH: ''L'ITALIA NON E' COME LA GRECIA, JUNCKER RISCHIA DI FAR CROLLARE EURO E UE''
giovedì 4 ottobre 2018
LONDRA  - Il braccio di ferro ingaggiato sul bilancio statale italiano tra la Commissione europea di Bruxelles ed il governo di coalizione formato a Roma dai partiti populisti Movimento 5 stelle e Lega rischia di andare fuori controllo: e' questa l'opinione espressa dal quotidiano conservatore
Continua

NUOVO FARMACO PER IL TRATTAMENTO DELLA SCLEROSI MULTIPLA: UNA SOLA INIEZIONE OGNI SEI MESI. GRANDI

NUOVO FARMACO PER IL TRATTAMENTO DELLA SCLEROSI MULTIPLA: UNA SOLA INIEZIONE OGNI SEI MESI. GRANDI RISULTATI TERAPEUTICI
mercoledì 3 ottobre 2018
E' disponibile in Italia a carico del Sistema sanitario nazionale un nuovo farmaco che rappresenta una nuova soluzione terapeutica per il trattamento della Sclerosi multipla: si tratta di ocrelizumab, efficiente sia per il rallentamento della progressione della patologia sia per un miglioramento
Continua
 

IL MINISTRO SAVONA, VALENTISSIMO ECONOMISTA, ANALIZZA LE CONDIZIONI DELLA UE E LA MIOPIA DEI SUOI

IL MINISTRO SAVONA, VALENTISSIMO ECONOMISTA, ANALIZZA LE CONDIZIONI DELLA UE E LA MIOPIA DEI SUOI VERTICI ATTUALI
mercoledì 3 ottobre 2018
Il ministro per gli Affari europei, Paolo Savona, in un suo intervento su "Milano Finanza" scrive che si sente ripetere che la Francia puo' programmare un deficit di bilancio per il 2,8 per cento del suo Pil, mentre l'Italia non potrebbe, perche' il suo debito pubblico e' inferiore al nostro:
Continua

CARTE DI IDENTITA' FALSIFICATE MATRIMONI SIMULATI: COSI' IL SINDACO DI RIACE HA FAVORITO

CARTE DI IDENTITA' FALSIFICATE MATRIMONI SIMULATI: COSI' IL SINDACO DI RIACE HA FAVORITO L'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA
martedì 2 ottobre 2018
"Ha violato la legge con una allarmante naturalezza". Così si è espresso il procuratore di Locri, Luigi D'Alessio, parlando del sindaco di Riace, Domenico Lucano, finito agli arresti domiciliari con le accuse di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e fraudolento
Continua
 

MARINE LE PEN SUPERA MACRON NEI SONDAGGI PER LE EUROPEE (E INTANTO IL TRIBUNALE RENDE I SOLDI AL

MARINE LE PEN SUPERA MACRON NEI SONDAGGI PER LE EUROPEE (E INTANTO IL TRIBUNALE RENDE I SOLDI AL RASSEMBLEMENT NATIONAL)
lunedì 1 ottobre 2018
LONDRA - Quando lo scorso Luglio una sentenza del tribunale ordino' il sequestro di 2 milioni di euro di fondi appartenenti al Rassemblement National (questo e' il nuovo nome del Front National di Marine Le Pen) i mezzi di informazione hanno parlato di imminente fine di uno dei piu' importanti
Continua
 

 
Editoriali

L'epoca di Berlusconi è davvero finita.

Niente "pontieri" all'opera: la rottura personale tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi è nella sostanza, ben più solida delle operazioni di

LA LEGA DI MATTEO SALVINI E' NAZIONALE

La vittoria, anzi no, il trionfo della Lega di Matteo Salvini che ha ricevuto cinque milioni di voti, una massa enorme di consenso, raggiungendo quasi il 20%

4 MARZO: IL NOSTRO INDEPENDENCE DAY

Abbiamo deciso di fermare le pubblicazioni del nostro giornale innanzitutto per riflettere sul ruolo e se lo permettete, anche sui risultati che abbiamo

All'armi! Son fascisti! Il delirio Pd.

Walter Veltroni lancia l'allarme democrazia, che secondo lui è in pericolo esattamente come lo fu negli anni Trenta del secolo scorso. Veltroni è

Italiani, bevetevi un rosatellum...

Le leggi elettorali italiane hanno sempre un tocco culinario. Mattarellum della pasta, porcellum dell'affettato misto, e ora il rosatellum dei beoni. Ogni

Arriva l'onda nazionalista tedesca.

Le elezioni politiche in Germania, parlando dei clamorosi risultati emersi dalle urne, evidenziano innanzitutto quanto sia forte l'allarme della popolazione

Appunti di una sera di mezza estate.

E allora, va tutto bene, giusto? Mps salvata - e a chi frega sia stato fatto con denaro pubblico? A nessun italiano. -  Le banche venete salvate (si fa

TRE PARTITI, STESSA BASE SOCIALE

Più che un rompicapo, la questione alleanze & legge elettorale è una grandissima rottura di coglioni. La situazione non è affatto

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!