50.815.357
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'estate è già finita. Siamo a ottobre.

lunedì 20 giugno 2016

Parto da tre fatti. Politicamente parlando, in Italia il "centro" non c'è più, la destra non c'è ancora e il Pd renziano ha perso così uniformente le elezioni amministrative, che solo Cossutta dei bei tempi potrebbe dire che s'è trattato d'un voto per i sindaci senza una vera valenza nazionale. 

In realtà ce l'ha eccome, e la coseguenza più evidente non riguarderà il governo fino ad ottobre, quando però l'M5S trionfatore di oggi più tutto l'elettorato di centrodestra e Lega che hanno fatto vincere le candidate grilline contro il Pd ma prima di tutto contro Renzi, voteranno "no" al referendum. E addio, Renzi cadrà per autoproclamata coglionaggine istituzionale, avendo accoppiato il voto referendario alla sua permanenza a Palazzo Chigi, come se la riforma della Costituzione - legge di tutti - fosse invece di una sola parte, la sua. 

Fin qua, direi che c'è ben poco da discutere, a meno che qualcuno creda che in Italia un presidente del Consiglio preso a calci dagli elettori nelle urne, tre mesi e mezzo dopo ne uscirà invece vittorioso benchè neppure tutto il suo partito voterà per farlo vincere. Nemmeno Cossutta ebbe il coraggio di dire che la caduta del Muro di Berlino fu un passo verso il trionfo del comunismo nel mondo. Cerchiamo di non essere ridicoli.

Quindi, facciamo che siamo a fine ottobre. Renzi la lasciato Palazzo Chigi, Mattarella ne ha preso atto, ma come gli impone la Costituzione, non può sciogliere le Camere senza aver prima verificato l'inesistenza di una maggioranza parlamentare in grado di esprimere un nuovo capo del governo.

E qua si aprono solo due possibilità che dipendono entrambe dalle percentuali della sconfitta referendaria di Renzi. Se sarà di poco, nascerà un governicchio di "unità nazionale" retto dalla solita "figura istituzionale" che nel caso sarà quasi certamente l'attuale Presidente del Senato, Grasso, giusto per portare a compimento la legislatura, in barba alla devastazione e al declino del Paese. 

Se invece Renzi verrà "asfaltato" al referendum, allora è certo si andrà a votare alle politiche tra febbraio e marzo del 2017. 

Ecco, lo scenario da qui all'autunno grossomodo è questo, e nella sostanza rappresenta un'Italia debole, con un governo debolissimo con a capo un Renzi a termine e con un'alternativa - per ora - costituita unicamente dal Movimento Cinque Stelle. Il quale M5S, tra l'altro, potrebbe approfittare alla grande della legge elettorale fortissimamente voluta da Renzi, vincendo da solo le elezioni politiche di primavera dell'anno prossimo. 

Sia chiaro a tutti che dal mio punto di vista il risultato del voto, democraticamente espresso, ha sempre ragione. Se gli italiani decideranno che il nuovo presidente del Consiglio sarà Cinque Stelle, non ho nè avrò mai alcunchè da obiettare. 

La questione è un'altra: se l'unica alternativa al Pd sfracellato da Renzi sarà il Movimento fondato da Grillo e Casaleggio, allora c'è poco da fare e niente da discutere. Finirà a quel modo.

Se invece verrà offerta un'alternativa rivoluzionaria da opporre a quella rivoluzionaria dell'M5S, allora ci sarà partita. Il tempo della moderazione è finito, e chi non ci credesse ancora, guardi a Torino. Fassino non aveva demeritato, lo dico francamente. Eppure, è stato travolto da una ragazza che si affacciava alla politica vera per la prima volta, andata in tv per pochi minuti in due mesi, sconosciuta all'opinione pubblica nazionale e perfino regionale. E' stato un voto rivoluzionario, non di semplice protesta.  

La verità profonda delle vittorie nettissime dei Cinque Stelle sta proprio nell'interpretare il desiderio dirompente di "rivoluzionare l'Italia". Proprio l'identica speranza ricoluzionaria che raccolse la Lega di Bossi nei primi anni Novanta, quando dal nulla conquistò il sindaco di Milano. 

Oggi, se Matteo Salvini vuole provarci, deve - deve - bruciare i ponti alle sue spalle. Deve rivoluzionare per prima la Lega. Deve dar vita al partito che rappresenti il nazionalismo italiano, e deve farlo adesso. Prima del referendum di ottobre, prima delle elezioni di primavera prossima, prima che passi il messaggio che l'unica alternativa "credibile" a Renzi sia il Movimento Cinque Stelle e deve farlo anche con l'obbiettivo che - se perdesse comunque le politiche - sarebbe alleato dell'M5S su due punti cardinali della politica tanto nazionalista quanto grillina: il referendum per uscire dall'euro e il referendum per rinegoziare i trattati Ue esattamente come ha fatto la Gran Bretagna. 

Al nazionalismo serve una guida. All'Italia serve il nazionalismo.

Max Parisi



 
Ultimi articoli pubblicati

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE
domenica 20 agosto 2017
Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di casa e dovrete pagarlo. Eccome, se dovrete pagarlo. Il debito pubblico italiano ha toccato nuove
Continua
 

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.
giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi. Si tratta di Driss Oukabir, l'uomo che ha noleggiato il furgone utilizzato per l'attentato. I
Continua

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA
lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il populismo di Marine Le Pen. Peccato che subito dopo Macron si sia rivelato essere un nazionalista non
Continua
 

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA
sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona, che sono stati sbagliati i conti dello Stato per il 2017 e che mancano 5 miliardi
Continua

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE
lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato visto che altri paesi stanno applicando la medesima politica e a tale proposito e' interessante
Continua
 

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%
sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a crescere le sofferenze delle banche italiane: le rate non pagate da famiglie e imprese sono salite
Continua

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE
giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il futuro del nostro paese, soprattutto se dovesse passare la norma fortemente voluta dalla Germania di
Continua
 

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)
lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si sono affatto verificate. A tale proposito e' interessante notare come la BMW abbia deciso di
Continua

MATTEO SALVINI E UMBERTO BOSSI TROVANO ''LA QUADRA'' PER DARE A LEGA E CENTRODESTRA LA SPERANZA DI

MATTEO SALVINI E UMBERTO BOSSI TROVANO ''LA QUADRA'' PER DARE A LEGA E CENTRODESTRA LA SPERANZA DI VINCERE LE ELEZIONI
domenica 30 luglio 2017
"Oggi dico che ha ragione Berlusconi: il partito della nostra coalizione che raccogliera' alle urne piu' voti avra' diritto di prelazione. Non e' piu' tempo delle punture di spillo tra gli alleati: e' giunto il momento, Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia, di mettersi attorno a un tavolo e di
Continua
 

DOVE ANDARE ALL'ESTERO DA PENSIONATI E VIVERE FELICI: CANADA, PORTOGALLO, CANARIE, BRASILE, SANTO

DOVE ANDARE ALL'ESTERO DA PENSIONATI E VIVERE FELICI: CANADA, PORTOGALLO, CANARIE, BRASILE, SANTO DOMINGO (ZERO TASSE!)
venerdì 28 luglio 2017
Mentre il ducaconte renziloni - al secolo Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio targato Pd dell'Italia  - prende scoppole a destra ed a manca, soprattutto dal neopresidente francese, a favore del libero mercato quando le aziende da acquistare per un tozzo di pane sono quelle italiane, ma
Continua

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI
venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando un cantiere per impedire che finisse in mani italiane, una mossa che mostra i limiti del
Continua
 

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''
giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e soprattutto ha compiuto un altro passo nella sua campagna per limitare il flusso migratorio in Europa
Continua

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''
mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia ha rinunciato ad opporre il proprio veto, con cui pareva che il governo Pd volesse sollecitare i
Continua
 

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.
martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il picco raggiunto nel 2014 quando i fallimenti erano stati 15.336 (4.190 nel secondo trimestre),
Continua

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)
martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia orientale sostenuto dall'Egitto, ha spiazzato l'attuale governo italiano, che rischia di perdere
Continua
 

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA
lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare via tutti coloro che sono clandestini. A tale proposito e' utile notare come la Malaysia - paese
Continua
 

 
Editoriali

TRE PARTITI, STESSA BASE SOCIALE

Più che un rompicapo, la questione alleanze & legge elettorale è una grandissima rottura di coglioni. La situazione non è affatto

LA LEGA VINCE E CONVINCE.

Gli jettatori sono serviti: la Lega di Salvini vince e convince gli elettori italiani, chiamati in quasi dieci milioni alle amministrative di domenica 11

FREGOLA DI RENZI, BANCAROTTA DELL'ITALIA

L'Italia andrebbe a elezioni in ogni caso tra al massimo 8-9 mesi, alla scadenza naturale della legislatura iniziata nel febbraio del 2013, e invece Renzi

Andiamo a cercarli e ammazziamoli tutti.

Il governo Pd ha brindato l'altro giorno alla salute dei 50.000 e passa africani che ha fatto arrivare in Italia da gennaio, al costo - compresi gli altri

Macron sulla tolda del Titanic eurozona

Quando un'azienda fallisce, ci sono solo due possibilità: la prima, che l'imprenditore sia un incapace (trascuro l'ipotesi farabutto), la seconda, che

Diritto alla rivolta contro la tirannide

Per evitare il fallimento di Popolare di Vicenza e Veneto Banca servono - e subito - circa 6 miliardi di euro. Lunga vita alle due banche venete... Per evitare

L'Italia finirà nella primavera del 2018

Cos'è il cu-e che si scrive QE? Se state leggendo questo giornale, significa che sapete rispondere alla domanda, ma la domanda giusta è un'altra:

Berlusconi diventa nazionalista?

"Serve una nuova moneta per riprenderci la sovranità monetaria. Conservare l'euro per le importazioni e le esportazioni e con una nuova moneta interna

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!