47.276.404
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'estate è già finita. Siamo a ottobre.

lunedì 20 giugno 2016

Parto da tre fatti. Politicamente parlando, in Italia il "centro" non c'è più, la destra non c'è ancora e il Pd renziano ha perso così uniformente le elezioni amministrative, che solo Cossutta dei bei tempi potrebbe dire che s'è trattato d'un voto per i sindaci senza una vera valenza nazionale. 

In realtà ce l'ha eccome, e la coseguenza più evidente non riguarderà il governo fino ad ottobre, quando però l'M5S trionfatore di oggi più tutto l'elettorato di centrodestra e Lega che hanno fatto vincere le candidate grilline contro il Pd ma prima di tutto contro Renzi, voteranno "no" al referendum. E addio, Renzi cadrà per autoproclamata coglionaggine istituzionale, avendo accoppiato il voto referendario alla sua permanenza a Palazzo Chigi, come se la riforma della Costituzione - legge di tutti - fosse invece di una sola parte, la sua. 

Fin qua, direi che c'è ben poco da discutere, a meno che qualcuno creda che in Italia un presidente del Consiglio preso a calci dagli elettori nelle urne, tre mesi e mezzo dopo ne uscirà invece vittorioso benchè neppure tutto il suo partito voterà per farlo vincere. Nemmeno Cossutta ebbe il coraggio di dire che la caduta del Muro di Berlino fu un passo verso il trionfo del comunismo nel mondo. Cerchiamo di non essere ridicoli.

Quindi, facciamo che siamo a fine ottobre. Renzi la lasciato Palazzo Chigi, Mattarella ne ha preso atto, ma come gli impone la Costituzione, non può sciogliere le Camere senza aver prima verificato l'inesistenza di una maggioranza parlamentare in grado di esprimere un nuovo capo del governo.

E qua si aprono solo due possibilità che dipendono entrambe dalle percentuali della sconfitta referendaria di Renzi. Se sarà di poco, nascerà un governicchio di "unità nazionale" retto dalla solita "figura istituzionale" che nel caso sarà quasi certamente l'attuale Presidente del Senato, Grasso, giusto per portare a compimento la legislatura, in barba alla devastazione e al declino del Paese. 

Se invece Renzi verrà "asfaltato" al referendum, allora è certo si andrà a votare alle politiche tra febbraio e marzo del 2017. 

Ecco, lo scenario da qui all'autunno grossomodo è questo, e nella sostanza rappresenta un'Italia debole, con un governo debolissimo con a capo un Renzi a termine e con un'alternativa - per ora - costituita unicamente dal Movimento Cinque Stelle. Il quale M5S, tra l'altro, potrebbe approfittare alla grande della legge elettorale fortissimamente voluta da Renzi, vincendo da solo le elezioni politiche di primavera dell'anno prossimo. 

Sia chiaro a tutti che dal mio punto di vista il risultato del voto, democraticamente espresso, ha sempre ragione. Se gli italiani decideranno che il nuovo presidente del Consiglio sarà Cinque Stelle, non ho nè avrò mai alcunchè da obiettare. 

La questione è un'altra: se l'unica alternativa al Pd sfracellato da Renzi sarà il Movimento fondato da Grillo e Casaleggio, allora c'è poco da fare e niente da discutere. Finirà a quel modo.

Se invece verrà offerta un'alternativa rivoluzionaria da opporre a quella rivoluzionaria dell'M5S, allora ci sarà partita. Il tempo della moderazione è finito, e chi non ci credesse ancora, guardi a Torino. Fassino non aveva demeritato, lo dico francamente. Eppure, è stato travolto da una ragazza che si affacciava alla politica vera per la prima volta, andata in tv per pochi minuti in due mesi, sconosciuta all'opinione pubblica nazionale e perfino regionale. E' stato un voto rivoluzionario, non di semplice protesta.  

La verità profonda delle vittorie nettissime dei Cinque Stelle sta proprio nell'interpretare il desiderio dirompente di "rivoluzionare l'Italia". Proprio l'identica speranza ricoluzionaria che raccolse la Lega di Bossi nei primi anni Novanta, quando dal nulla conquistò il sindaco di Milano. 

Oggi, se Matteo Salvini vuole provarci, deve - deve - bruciare i ponti alle sue spalle. Deve rivoluzionare per prima la Lega. Deve dar vita al partito che rappresenti il nazionalismo italiano, e deve farlo adesso. Prima del referendum di ottobre, prima delle elezioni di primavera prossima, prima che passi il messaggio che l'unica alternativa "credibile" a Renzi sia il Movimento Cinque Stelle e deve farlo anche con l'obbiettivo che - se perdesse comunque le politiche - sarebbe alleato dell'M5S su due punti cardinali della politica tanto nazionalista quanto grillina: il referendum per uscire dall'euro e il referendum per rinegoziare i trattati Ue esattamente come ha fatto la Gran Bretagna. 

Al nazionalismo serve una guida. All'Italia serve il nazionalismo.

Max Parisi



 
Ultimi articoli pubblicati

IL KAMIKAZE ISLAMICO DI MANCHESTER HA UCCISO IN NOME DI ALLAH BAMBINI INNOCENTI ANDATI A SENTIRE UN

IL KAMIKAZE ISLAMICO DI MANCHESTER HA UCCISO IN NOME DI ALLAH BAMBINI INNOCENTI ANDATI A SENTIRE UN CONCERTO
martedì 23 maggio 2017
LONDRA - Un "attacco codardo contro persone innocenti e giovani indifesi". Cosi' la premier britannica Theresa May ha definito l'attentato kamikaze di ieri sera alla Manchester Arena, che ha provocato almeno 22 morti e 59 feriti. La premier ha detto che l'allarme resta alto e di temere altri
Continua
 

KAMIKAZE ISLAMICO FA STRAGE DI ADOLESCENTI A UN CONCERTO A MANCHESTER (22 MORTI) E SUL WEB ALTRI

KAMIKAZE ISLAMICO FA STRAGE DI ADOLESCENTI A UN CONCERTO A MANCHESTER (22 MORTI) E SUL WEB ALTRI ISLAMICI LO FESTEGGIANO
martedì 23 maggio 2017
MANCHESTER - La "massiccia esplosione" avvenuta la notte scorsa nella MANCHESTER arena, proprio alla fine del concerto di Ariana Grande, sarebbe avvenuta nel foyer dell'Arena, nella zona dell'ingresso, vicino alla biglietteria e poco distante dalla stazione Victoria dove si stavano recando migliaia
Continua

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA
lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul suolo libico, per l'altra metà da navi delle Ong in diretti rapporti con loro, saranno felici
Continua
 

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016
sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento e le contestazioni sono il motivo principale per cui lo Stato non ha pagato 46mld di euro nel 2016
Continua

SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO

SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO L'USO DEL MOUSE
venerdì 19 maggio 2017
PADOVA - Ricercatori dell'Università di Padova hanno messo a punto una tecnica che, analizzando le traiettorie percorse dal mouse, è in grado di indicare se chi è al computer dice la verità o no. Tecnica che potrebbe rivelarsi molto utile nella lotta al terrorismo per
Continua
 

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY
venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese: lo sostiene un sondaggio realizzato dalla societa' di rilevazioni statistiche Elabe pubblicato dal
Continua

SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E'

SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E' RIMASTO CONTRARIO
giovedì 18 maggio 2017
LONDRA - E' passato quasi un anno da quando il 52% dei cittadini britannici ha votato per far uscire la Gran Bretagna dalla UE, ma sarebbe un grave errore pensare che molti si siano pentiti di aver votato in questo modo. Nonostante il fatto che i giornali specie italiani continuino a scriverlo,
Continua
 

ANCHE IL NUOVO MINISTRO DELL'ECONOMIA DI MACRON ''TIENE FAMIGLIA'' (HA ASSUNTO LA MOGLIE IN

ANCHE IL NUOVO MINISTRO DELL'ECONOMIA DI MACRON ''TIENE FAMIGLIA'' (HA ASSUNTO LA MOGLIE IN PARLAMENTO COME FECE FILLON)
mercoledì 17 maggio 2017
Il parlamento francese potrebbe essere soprannominato il club delle mogli. Lo scandalo di François Fillon, che ha ingaggiato la sua sposa Penelope come assistente parlamentare, pagandola circa 500mila euro in otto anni, non è certo isolato. Secondo un calcolo del sito Mediapart il 20%
Continua

DATI AGGHIACCIANTI DIVULGATI OGGI: IN ITALIA DA GENNAIO A MARZO SONO FALLITE O HANNO CHIUSO 221

DATI AGGHIACCIANTI DIVULGATI OGGI: IN ITALIA DA GENNAIO A MARZO SONO FALLITE O HANNO CHIUSO 221 AZIENDE OGNI GIORNO
mercoledì 17 maggio 2017
C'è perfino chi riesce a sostenere che siano dati "positivi", ma i numeri sono invece agghiaccianti. Nei primi tre mesi del 2017 proseguono le chiusure aziendali, cioè i fallimenti e le chiusure volontarie o per concordato preventivo. Complessivamente, in Italia, sono  ben
Continua
 

ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6%

ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6% (+44,4 MLD IN 12 MESI)
martedì 16 maggio 2017
Il Pil italiano ristagna allo 0,2% nel primo timetre 2017 con una proiezione annua da incubo, allo 0,6%. L'eurozona nel medesimo trimestre ha segnato +0,5%. Nella classifica degli Stati membri dell'euro, peggio dell'Italia fa solo la Grecia con un -0,1%. Nel IV trimestre del 2016 il Pil
Continua

ABBIAMO LETTO IL PROGRAMMA DI MACRON, SEMBRA QUELLA FAMOSA GAG DEI ''DUE LOCALI A MILANO...VISTA

ABBIAMO LETTO IL PROGRAMMA DI MACRON, SEMBRA QUELLA FAMOSA GAG DEI ''DUE LOCALI A MILANO...VISTA MARE!'' (MEGA BUFALA)
martedì 16 maggio 2017
In Francia sembra essersi affermato un nuovo tipo di elettore: il menopeggista. Guardando i flussi elettorali, infatti, possiamo notare come il neo presidente Macron abbia vinto portando alle urne un ridotto numero di francesi rispetto alle aspettative, molti dei quali, hanno sbarrato il suo nome
Continua
 

INCHIESTA NDRANGHETA-AFRICANI / ECCO LA VERITA': MAFIA E ORGANIZZAZIONI RELIGIOSE IN SOCIETA' NEL

INCHIESTA NDRANGHETA-AFRICANI / ECCO LA VERITA': MAFIA E ORGANIZZAZIONI RELIGIOSE IN SOCIETA' NEL BUSINESS IMMIGRAZIONE
lunedì 15 maggio 2017
Piu' di 500 agenti tra Polizia, carabinieri e Guardia di finanza, su disposizione della Dda di Catanzaro hanno portato al fermo di 68 persone legate alla cosca Arena di Isola Capo Rizzuto. Le indagini hanno evidenziato l'infiltrazione della cosca arena nel tessuto economico crotonese e, in
Continua

SONDAGGIO TRA I GIOVANI DELLA UE: IL 79% NON VUOLE L'UNIONE POLITICA, MA SOLO UN'AREA DI LIBERO

SONDAGGIO TRA I GIOVANI DELLA UE: IL 79% NON VUOLE L'UNIONE POLITICA, MA SOLO UN'AREA DI LIBERO SCAMBIO ECONOMICO
lunedì 15 maggio 2017
LONDRA - Quando lo scorso anno la maggioranza dei cittadini britannici ha votato per uscire dalla UE molti hanno dichiarato che tale esito e' stato influenzato dagli anziani visto che la maggioranza di essi ha votato in favore della Brexit. Ma i giovani davvero amano l'Unione Europea? A tale
Continua
 

IL GOVERNO SPAGNOLO SCRIVE ALLA UE: L'EURO VA RIFONDATO! EUROBOND E CONTROLLO DEMOCRATICO

IL GOVERNO SPAGNOLO SCRIVE ALLA UE: L'EURO VA RIFONDATO! EUROBOND E CONTROLLO DEMOCRATICO SULL'ECOFIN O CROLLA TUTTO
lunedì 15 maggio 2017
MADRID - Un attacco inaspettato all'euro - che così com'è non va affatto - da parte del governo teoricamente più ossequioso e fedele alle tecnocrazie di Bruxelles e della Bce, quello di Madrid riempie oggi tutti i giornali spagnoli, ma anche europei. La Spagna propone di
Continua

PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ, OGGI ALLA NORMALE DI PISA: ''ITALIA ESCA DALL'EURO PER POTERE

PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ, OGGI ALLA NORMALE DI PISA: ''ITALIA ESCA DALL'EURO PER POTERE CRESCERE'' (BOOM!)
giovedì 11 maggio 2017
Se l'Italia non fosse nell'euro "potrebbe implementare politiche per la crescita". A dirlo, non è il solito euroscettico nazionalista ovviamente xenofobo di destra e a tratti se non del tutto razzista, ma a margine della lectio magistralis per il conferimento di un dottorato dal Sant'Anna di
Continua
 

DEPUTATO OLANDESE CHIEDE A DRAGHI: SE L'OLANDA ESCE DALL'EURO, LA BCE CI RENDE 100 MILIARDI? E LUI:

DEPUTATO OLANDESE CHIEDE A DRAGHI: SE L'OLANDA ESCE DALL'EURO, LA BCE CI RENDE 100 MILIARDI? E LUI: SCORDATEVELI
giovedì 11 maggio 2017
La notizia come come sempre accade in Italia quando è "scomoda" ovvero contraddice il pensiero unico a sinistra che pretende di imporre l'idea che la Ue sia paradisiaca e l'euro la manna caduta dal cielo sull'Italia e come tale una meraviglia di cui essere grati in eterno ai banchieri e ai
Continua
 

 
Editoriali

Andiamo a cercarli e ammazziamoli tutti.

Il governo Pd ha brindato l'altro giorno alla salute dei 50.000 e passa africani che ha fatto arrivare in Italia da gennaio, al costo - compresi gli altri

Macron sulla tolda del Titanic eurozona

Quando un'azienda fallisce, ci sono solo due possibilità: la prima, che l'imprenditore sia un incapace (trascuro l'ipotesi farabutto), la seconda, che

Diritto alla rivolta contro la tirannide

Per evitare il fallimento di Popolare di Vicenza e Veneto Banca servono - e subito - circa 6 miliardi di euro. Lunga vita alle due banche venete... Per evitare

L'Italia finirà nella primavera del 2018

Cos'è il cu-e che si scrive QE? Se state leggendo questo giornale, significa che sapete rispondere alla domanda, ma la domanda giusta è un'altra:

Berlusconi diventa nazionalista?

"Serve una nuova moneta per riprenderci la sovranità monetaria. Conservare l'euro per le importazioni e le esportazioni e con una nuova moneta interna

UE A DUE VELOCITA' = DUE EURO DIFFERENTI

La Germania propone - ma si può scrivere tranquillamente: impone - l'dea della Ue a due velocità. Una Ue, quindi, che si divide in due gruppi di

Due parole per Salvini, Meloni e Grillo

Posso dirlo con franchezza? Ma chi se ne frega, della legge elettorale. Non esiste una "buona" legge elettorale, perchè sarà sempre "buona" per

Vogliamo cambiare il futuro dell'Italia

Cari amici, cari lettori, la ragione del silenzio del Nord.it iniziato prima di Natale dell'anno scorso è presto detta: abbiamo fatto nascere - ed

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!