43.272.808
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
++++++ La Commissione Ue ha inviato all'Italia la lettera con la richiesta di aggiustamento dei conti ++++++

Libertà Eguaglianza Fraternità. Per la guerra.

domenica 15 novembre 2015

La domanda è molto semplice: che fare, adesso? L'attacco militare a Parigi, alla Francia, di venerdì sera sia per le modalità sia per il numero di vittime non è ascrivibile alle azioni terroristiche classiche. E' stata un'azione di guerra e chi lo negasse è un cretino. Poichè è un'azione di guerra, la risposta è una sola: guerra.

Guerra, a chi? A un nemico che ha nome e cognome e che ha rivendicato l'attacco: l'isis, tutti i suoi militanti, tutti i suoi simpatizzanti, tutta la sua struttura sociale, familiare, parentale, religiosa. Tutti loro. Vanno annientati tutti, dal primo all'ultimo. Neppure la cenere, deve restare, neppure una tomba dove qualcuno possa poi piangerli, perchè anche questo qualcuno, vi fosse, deve essere eliminato fisicamente, spazzato via dalla faccia della terra. 

Questa guerra, neppure essa, sarà una guerra classica: il nemico non va battuto, va spappolato. Non ci sarà una resa perchè non ci sarà qualcuno rimasto in vita per trattarla.

Francamente, non ho tempo da perdere neppure con le critiche ai "buonisti", alla sinistra italiana - e francese - formata da due categorie di persone: i vigliacchi, la maggioranza, i conniventi, il restante. E' una guerra, quella dichiarata dagli islamici all'Europa e all'Occidente, e la dichiarazione di guerra è stata firmata col sangue, la carne, di 130 persone due sere fa a Parigi.

I buonisti si preparino a vedere maciullate le loro famiglie e loro stessi nei prossimi attacchi militari dell'isis in Europa, cosa che le gerarchie militari islamiche dai territori iracheni e siriani in mano all'isis hanno già annunciato che presto faranno a Londra, a Washington e a Roma con altri commando addestrati e armati per compiere carneficine immani.

Non è il tempo di pregare e le candele sono finite. La parola passi alle armi: sia guerra.

Veniamo a noi. In Francia, a dicembre si voterà, forse, se non accadranno nel frattanto cose come un'apocalisse provocata da una bomba atomica sporca. I servizi segreti russi, inglesi e americani sanno bene che l'isis sta cercando disperatamente di mettere le mani su materiale atomico per mescolarlo a esplosivo tradizionale e farlo esplodere. Non è un'atomica tradizionale, ma se fosse fatta esplodere in centro a Londra, a Parigi, a Roma, cancellerebbe la città trasformandola in un cimitero radioattivo. Tutti gli studi militari al riguardo confermano che vi sarebbero da 50.000 a mezzo milione di morti per le radiazazioni, a seconda della densità abitativa, del vento, del tempo, se pioverà o no.

No, caro lettore, non è un incubo, è la realtà. Sei sveglio e stai leggendo quello che gli islamici dell'isis stanno preparando per tutti noi, tu e tutti quelli che ami e conosci, inclusi.

Quindi, in Francia si voterà, si spera, e che vinca la destra è l'ultima speranza dei popoli liberi, compresi noi italiani. Prima vincerà la destra, prima faremo la guerra a questi mostri.

E l'Italia? Purtroppo, l'Italia è l'epicentro dell'invasione islamica in Europa, voluta e attuata dal Pd già col governo Letta e portata all'ennesima potenza dal governo Renzi. Il nemico è in casa portato qui dalla sinistra italiana, che con la sinistra francese sono i mandanti morali della carneficina di Parigi. La loro follia ideologica terzomondista ha creato la base di massa della guerra islamica in Europa, ma c'è dell'altro e di peggio: la sinistra italiana ha un peccato orginale, quello di avere sempre strizzato l'occhio al terrorismo. Lo fece nel Sessantotto, lo fece perfino con le Brigate Rosse, ha continuato a farlo con i tagliagole palestinesi pensando come loro che l'unico ebreo buono fosse l'ebreo morto.

Ma stupidi loro, capiranno. Capiranno, quando il nemico islamico ucciderà - e lo farà tra poco - altri giovani, donne, bambini, per le vie delle nostre città. E questo governo cadrà di schianto, come è già caduta di schianto venerdì notte sui marciapiedi e nei locali pieni di sangue innocente di Parigi l'Unione Europea.

E' perfino banale scriverlo, ma Schengen non c'è più, il piano di "ricollocamento" dei "poveri migranti" non c'è più, a raffica nelle ultime 48 ore diversi stati hanno annunciato di rifiutarlo. 

Basta. L'ho detto poco fa: le candele sono finite. Vanno preparati gli eserciti. E si prepareranno presto, siatene certi anche voi ottusi, accecati buonisti.

Libertà. Eguaglianza. Fraternità. 

Max Parisi

 

 



 
Ultimi articoli pubblicati

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO
martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano economico francese "Les Echos", ricordando i recenti commenti dopo la caduta di Matteo Renzi ed il
Continua
 

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)
martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione Europea, dichiarando di non volere un accordo che lasci il paese "meta' dentro e meta' fuori". Le sue
Continua

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')
martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la valorizzazione delle nostre tradizioni, l'introduzione della preferenza nazionale nell'accesso ai
Continua
 

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!
lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo favorirebbe l'Italia col suo colossale debito pubblico, in realtà "chiagne e fotte" perchè la
Continua

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE
lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione fatta a ottobre. Nell'aggiornamento del World Economic Outlook, la buona notizia e' che gli esperti
Continua
 

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)
lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni critiche o comunque con problemi mpolto seri nel sistema bancario italiano sono molteplici. Se nel
Continua

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE DAL PESCECANE SOROS
lunedì 16 gennaio 2017
Mentre gli ultimi giorni della presidenza Obama consegneranno alla storia il peggior presidente che gli U.S.A. abbiano mai avuto, essendo impegnato allo spasimo a creare tensioni in mezzo mondo e verso la Russia in primis nonostante le elezioni abbiano chiaramente bocciato la sua linea politica e
Continua
 

WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO

WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO IMMAGINARIO MAI ESISTITO''
lunedì 16 gennaio 2017
WASHINGTON - "Le elezioni presidenziali statunitensi coincidono assai di rado con una svolta permanente dell'ordine politico in quel paese - scrive l'editorialista John Steel Gordon sul Wall Street Journal di oggi - ma l'ingresso di Donald Trump potrebbe entrare nel novero delle eccezioni. La
Continua

DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA

DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA BIANCA (TENETEVI FORTE)
lunedì 16 gennaio 2017
La Brexit "una gran cosa" e con la Gran Bretagna Donald Trump vuole firmare un accordo commerciale vantaggioso per entrambi i Paesi, mentre l'Ue perderà altri pezzi e questo principalmente a causa della crisi migratoria, su cui Angela Merel ha fatto "un errore catastrofico", aprendo le porte
Continua
 

IL PARTITO NAZIONALSITA OLANDESE ''FREEDOM PARTY'' IN TESTA A TUTTI I SONDAGGI E IL 15 MARZO 2017

IL PARTITO NAZIONALSITA OLANDESE ''FREEDOM PARTY'' IN TESTA A TUTTI I SONDAGGI E IL 15 MARZO 2017 ELEZIONI POLITICHE!
lunedì 19 dicembre 2016
LONDRA - Come nell'ex Unione Sovietica anche nell'Unione Europea le autorita' si servono della magistratura per perseguitare chi osa opporsi alle loro politiche migratorie e mondialiste e la lista di coloro che sono vittime di questa persecuzione si allunga di giorno in giorno. Uno dei politici
Continua

GOVERNO MERKEL TAGLIA GLI ASSEGNI FAMILIARI AI LAVORATORI UE OCCUPATI IN GERMANIA (COME HA FATTO LA

GOVERNO MERKEL TAGLIA GLI ASSEGNI FAMILIARI AI LAVORATORI UE OCCUPATI IN GERMANIA (COME HA FATTO LA GRAN BRETAGNA)
lunedì 19 dicembre 2016
BERLINO - Sterza sempre più a destra, la politica del governo Markel, per provare a sottrarre consensi ad Alternativa per la Germania. Oggi, il vicecancelliere e ministro dell'Economia tedesco, Sigmar Gabriel, annuncia che vuole tagliare gli assegni familiari per i cittadini della Ue, se la
Continua
 

LA GERMANIA E LA SVEZIA HANNO INIZIATO I RIMPATRI FORZATI IN AFGHANISTAN DEI MIGRANTI (MENTRE IN

LA GERMANIA E LA SVEZIA HANNO INIZIATO I RIMPATRI FORZATI IN AFGHANISTAN DEI MIGRANTI (MENTRE IN ITALIA ARRIVANO A ORDE)
venerdì 16 dicembre 2016
BERLINO -  Ridistribuzione dei "profughi" (che profughi non sono, trattandosi di 250.000 africani senza diritto d'asilo) come chiede l'Italia? Neanche per idea: la Germania ha deciso tutto al contrario di rispedirli a casa loro. E ha iniziato a farlo. Il ministro dell'Interno tedesco, Thomas
Continua

WALL STREET JOURNAL: MPS SARA' NAZIONALIZZATA, MA QUESTO NON RISOLVERA' LA CRISI DEL SISTEMA

WALL STREET JOURNAL: MPS SARA' NAZIONALIZZATA, MA QUESTO NON RISOLVERA' LA CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO
venerdì 16 dicembre 2016
NEW YORK -  Il settore bancario italiano, scrive Giovanni Legorano sul Wall Street Journal, e' oppresso da un'economia stagnante e da un modello di business ultra-tradizionale, e difficilmente, pertanto, il salvataggio di Monte dei Paschi di Siena bastera' a trarre d'impaccio l'intero settore
Continua
 

TUTTE LE PREVISIONI PER IL 2016 (DI UE E GOVERNO PD) SI SONO DIMOSTRATE CLAMOROSE BUFALE E ORA

TUTTE LE PREVISIONI PER IL 2016 (DI UE E GOVERNO PD) SI SONO DIMOSTRATE CLAMOROSE BUFALE E ORA ANCHE L'EURO PRECIPITA
giovedì 15 dicembre 2016
Dicembre: tempo di bilanci consuntivi, anche e soprattutto per la politica e per l’economia. Per un governo, le previsioni dell’andamento dell’economia e dell’occupazione sono elemento fondamentale sulla cui attendibilità si basa l’andamento delle casse dello
Continua

MENTRE GLI OLIGARCHI DELLA COMMISSIONE UE IMPONGONO ''L'AUSTERITY'' ALL'EUROPA SPENDONO 321 MILIONI

MENTRE GLI OLIGARCHI DELLA COMMISSIONE UE IMPONGONO ''L'AUSTERITY'' ALL'EUROPA SPENDONO 321 MILIONI PER LA LORO NUOVA SEDE
giovedì 15 dicembre 2016
LONDRA - Se c'e' una cosa che i parassiti di Bruxelles sanno fare bene e' quella di sprecare i soldi che ogni anno estorcono dalle tasche dei cittadini. Sarebbe logico pensare che con la crescita dei partiti nazionalisti gli eurocrati pensino di tagliare un po' di sprechi ma invece non e'
Continua
 

NEL SILENZIO PIU' ASSOLUTO DELL'INFORMAZIONE ITALIANA, LA NOTIZIA DI 15.000 AFRICANI RISPEDITI IN

NEL SILENZIO PIU' ASSOLUTO DELL'INFORMAZIONE ITALIANA, LA NOTIZIA DI 15.000 AFRICANI RISPEDITI IN ITALIA DALLA SVIZZERA
mercoledì 14 dicembre 2016
LONDRA - Anche se nessun telegiornale italiano ne parla la situazione degli immigrati africani accampati a Como e' esplosiva e il problema peggiora di giorno in giorno. Ernesto Molteni, segretario provinciale del sindacato autonomo di polizia (Sap) di como ha dichiarato che dall’inizio
Continua
 

 
Editoriali

Vogliamo cambiare il futuro dell'Italia

Cari amici, cari lettori, la ragione del silenzio del Nord.it iniziato prima di Natale dell'anno scorso è presto detta: abbiamo fatto nascere - ed

Mi sento come Sarah Connor.

Più si avvicina la data, no, non del referendum, del fallimento - pardon, del bail in - di Mps e più mi viene in mente Sarah Connor quando disse

La lezione di Donald Trump per Matteo Salvini.

Donald Trump ha vinto perchè lo hanno votato tutti gli americani. Bella forza, direte, è ovvio. No, non è così ovvio: lo hanno

L'italiano medio e la troia...

L'italiano medio non ha neppure la vaga idea, di quanto accadrà da qui a un mese alle banche italiane. Pensa - ammesso ci abbia mai pensato almeno una

Gorino ha vinto perchè c'è la Lega Nord.

La ragione per la quale il prefetto di Ferrara - ovviamente su ordine del governo ed espressamente del ministro dell'Interno - non ha fatto attaccare dalle

Una delle ragioni per votare No.

Da oltre un anno, nessun telegiornale nazionale manda in onda un solo servizio sulle orde di migranti africani che sbarco dopo sbarco a migliaia come le

Perfetto, va tutto male.

E' passata l'estate, la "politica" ha ripreso l'attività - bontà sua il 13 settembre - in Parlamento, ma guardando il calendario ho l'impressione

Avete pronto un Piano B per la vostra vita?

Non mi sono dimenticato, ho fatto apposta. Dal massacro islamico di nove italiani - torturati e uccisi uno ad uno perchè "infedeli" cristiani - avvenuto

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua

PRIMO MINISTRO BRITANNICO: ''MODELLO UE INCOMPATIBILE CON LA NOSTRA

17 gennaio - LONDRA - Il modello dell'Ue e delle istituzioni sovranazionali ''non era
Continua

THERESA MAY: ''VIA DAL MERCATO UNICO E DA CORTE DI GIUSTIZIA E

17 gennaio - LONDRA - L'atteso di scorso di Theresa May sulla Brexit è arrivato ed
Continua

TAJANI PUO' FARCELA, DOPO LA CAPRIOLA DEI LIBERALI CHE HANNO

17 gennaio - BRUXELLES - ''Da Grillo a Berlusconi in meno di una settimana'': i
Continua

RUSSIA PRONTA A COOPERARE CON USA, UE E NATO CON RISPETTO RECIPROCO

17 gennaio - MOSCA - La Russia e' pronta a cooperazione con gli Stati Uniti, l'Unione
Continua

SCANDALO MOTORI DIESEL SI ALLARGA ANCHE ALLA RENAULT

16 gennaio - PARIGI - Lo scandalo dei motori diesel ''truccati'' si allarga. Oltre a,
Continua

ISTAT: E' UFFICIALE, 2016 L'ANNO DELLA DEFLAZIONE IN ITALIA (DAL

16 gennaio - Italia in deflazione nel 2016. In media d'anno, i prezzi al consumo
Continua

BORIS JOHNSON: ''BREXIT, TRUMP PER UN ACCORDO RAPIDO CON IL REGNO

16 gennaio - BRUXELLES - ''Una gran bella notizia'': così il ministro degli Esteri
Continua

SETTE CLANDESTINI INDIVIDUATI AD ASTI SU UN TRENO PROVENIENTE DALLA

16 gennaio - ASTI - Sette uomini, cinque algerini e due marocchini, sono stati
Continua
Precedenti »