47.224.602
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

Salvini, usa la testa.

domenica 27 settembre 2015

Matteo Salvini dice di non tenere in molta considerazione i sondaggi (ma figuriamoci) e che invece il suo scopo è arrivare ad avere un voto in più di Renzi. Monsieur de La Palice, ancor che morto, sarebbe entusiasta di questa affermazione.

Tuttavia, nella sua semplicità racchiude una profonda verità: la vittoria va costruita con la concretezza, non con l'effimera ebrezza delle indagini statistiche. 

Da qui, derivano alcune questioni e una premessa.

Intanto, Salvini, se non vuole diventare uno sconfitto di grande successo alle prossime consultazioni elettorali deve categoricamente evitare due errori. Il primo: pensare di poter vincere da solo. Il secondo: pensare che, casomai perdesse, comunque avrebbe "vinto" la Lega.

La sindrome dell'uno contro tutti portò già al capolinea il Carroccio nel 1996, quando sì rastrellò più del 10%, ma poi dovette fare una lunga e nefasta retromarcia fino al 2001 quando Bossi ob torto collo dovette allearsi con "l'amico" Berlusconi ricevendo in cambio una legnata indimenticabile che affondò la Lega alle urne sotto il 4% nazionale, perdendo anche molti seggi, dato che fu mancata la quota proporzionale. 

Ugualmente, pensare che "comunque" la Lega dovesse perdere lo scontro finale contro la sinistra ne uscirebbe singolarmente vittoriosa, è una sciocchezza madornale. La sconfitta non premia, condanna. E la condanna in questo caso cadrebbe sulle spalle di un capitano, non del generale che fondò l'armata, come fu per Bossi nel 2001. Bossi ebbe la forza, ma preferisco dire la statura, per reggerla, nel 2001. Anche perchè entrò nel governo con l'incarico tutt'altro che marginale di ministro delle Riforme. Per Matteo Salvini non sarebbe altrettanto. 

Bene, sgombrato il campo da queste mine, vengo al dunque.

Se le allenze - quindi - sono decisive per vincere, l'impressione che ho è che a Matteo Salvini interessino poco, o per meglio dire non vi dedichi nè tempo, nè impegno. Perchè? 

Trovo sia già tardi ora, convocare gli stati generali della "grande destra" italiana, invitando alla partecipazione tutti coloro siano contro il governo del Pd. Volerli indire a ridosso delle elezioni è il modo sbagliato di fare la cosa giusta. Ne risulterebbe un'ammucchiata unita solo dalla necessità e non dalla volontà. E soprattutto dai programmi.

Già, perchè lo scopo degli stati generali di cui sopra è esattamente quello di scrivere - alla fine - una breve ma potente lista di azioni che il nuovo governo della Destra italiana metterà in atto non appena insediato. 

Ma non basta. Le alleanze sono tali solo se i "capitani"  delle varie formazioni si conoscono, si sperimentano, si uniscono fino a diventare loro stessi una squadra. 

Ecco, non mi pare che attorno a Salvini si stia formando, questa squadra. 

Tuttavia, alla questione di metodo si affianca la questione ancor più profonda del merito. E qua è bene essere molto chiari. Non è ancora evidente con quale legge elettorale si andrà alle urne, ma è evidente quale Renzi pensi sia la migliore per lui, e cioè l'italicum, che premia la lista e non la coalizione.

Così fosse, è bene che Matteo Salvini rifletta: cosa gli fa pensare che al ballottaggio arriverebbe lui e non Grillo, contro Renzi? Oggi, fine settembe 2015, non ci sarebbe partita. Salvini non ha neppure una sola possibilità di prendere più voti non del Pd, ma dell'M5S. 

Allora, come nel Gioco dell'Oca, rieccoci alla casella iniziale.

Caro Matteo Salvini, capisco che il compito fa quasi tremare le gambe, ma o inizi adesso a mettere insieme coloro che si oppongono al Pd, e lo fai pubblicamente, iniziando quel percorso che il giorno delle elezioni ti potrà far sperare di battere Renzi, oppure alla fine tocca dar ragione a Berlusconi, quando ha detto - poco fa - che "Salvini è utile perchè parla alla pancia della gente".

Smentiscilo. Usa la testa.

Max Parisi.

 



 
Ultimi articoli pubblicati

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA
lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul suolo libico, per l'altra metà da navi delle Ong in diretti rapporti con loro, saranno felici
Continua
 

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016
sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento e le contestazioni sono il motivo principale per cui lo Stato non ha pagato 46mld di euro nel 2016
Continua

SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO

SCIENZA / RICERCATORI UNIVERSITA' DI PADOVA INVENTANO TECNICA PER SCOPRIRE LE BUGIE ATTRAVERSO L'USO DEL MOUSE
venerdì 19 maggio 2017
PADOVA - Ricercatori dell'Università di Padova hanno messo a punto una tecnica che, analizzando le traiettorie percorse dal mouse, è in grado di indicare se chi è al computer dice la verità o no. Tecnica che potrebbe rivelarsi molto utile nella lotta al terrorismo per
Continua
 

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY
venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese: lo sostiene un sondaggio realizzato dalla societa' di rilevazioni statistiche Elabe pubblicato dal
Continua

SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E'

SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E' RIMASTO CONTRARIO
giovedì 18 maggio 2017
LONDRA - E' passato quasi un anno da quando il 52% dei cittadini britannici ha votato per far uscire la Gran Bretagna dalla UE, ma sarebbe un grave errore pensare che molti si siano pentiti di aver votato in questo modo. Nonostante il fatto che i giornali specie italiani continuino a scriverlo,
Continua
 

ANCHE IL NUOVO MINISTRO DELL'ECONOMIA DI MACRON ''TIENE FAMIGLIA'' (HA ASSUNTO LA MOGLIE IN

ANCHE IL NUOVO MINISTRO DELL'ECONOMIA DI MACRON ''TIENE FAMIGLIA'' (HA ASSUNTO LA MOGLIE IN PARLAMENTO COME FECE FILLON)
mercoledì 17 maggio 2017
Il parlamento francese potrebbe essere soprannominato il club delle mogli. Lo scandalo di François Fillon, che ha ingaggiato la sua sposa Penelope come assistente parlamentare, pagandola circa 500mila euro in otto anni, non è certo isolato. Secondo un calcolo del sito Mediapart il 20%
Continua

DATI AGGHIACCIANTI DIVULGATI OGGI: IN ITALIA DA GENNAIO A MARZO SONO FALLITE O HANNO CHIUSO 221

DATI AGGHIACCIANTI DIVULGATI OGGI: IN ITALIA DA GENNAIO A MARZO SONO FALLITE O HANNO CHIUSO 221 AZIENDE OGNI GIORNO
mercoledì 17 maggio 2017
C'è perfino chi riesce a sostenere che siano dati "positivi", ma i numeri sono invece agghiaccianti. Nei primi tre mesi del 2017 proseguono le chiusure aziendali, cioè i fallimenti e le chiusure volontarie o per concordato preventivo. Complessivamente, in Italia, sono  ben
Continua
 

ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6%

ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6% (+44,4 MLD IN 12 MESI)
martedì 16 maggio 2017
Il Pil italiano ristagna allo 0,2% nel primo timetre 2017 con una proiezione annua da incubo, allo 0,6%. L'eurozona nel medesimo trimestre ha segnato +0,5%. Nella classifica degli Stati membri dell'euro, peggio dell'Italia fa solo la Grecia con un -0,1%. Nel IV trimestre del 2016 il Pil
Continua

ABBIAMO LETTO IL PROGRAMMA DI MACRON, SEMBRA QUELLA FAMOSA GAG DEI ''DUE LOCALI A MILANO...VISTA

ABBIAMO LETTO IL PROGRAMMA DI MACRON, SEMBRA QUELLA FAMOSA GAG DEI ''DUE LOCALI A MILANO...VISTA MARE!'' (MEGA BUFALA)
martedì 16 maggio 2017
In Francia sembra essersi affermato un nuovo tipo di elettore: il menopeggista. Guardando i flussi elettorali, infatti, possiamo notare come il neo presidente Macron abbia vinto portando alle urne un ridotto numero di francesi rispetto alle aspettative, molti dei quali, hanno sbarrato il suo nome
Continua
 

INCHIESTA NDRANGHETA-AFRICANI / ECCO LA VERITA': MAFIA E ORGANIZZAZIONI RELIGIOSE IN SOCIETA' NEL

INCHIESTA NDRANGHETA-AFRICANI / ECCO LA VERITA': MAFIA E ORGANIZZAZIONI RELIGIOSE IN SOCIETA' NEL BUSINESS IMMIGRAZIONE
lunedì 15 maggio 2017
Piu' di 500 agenti tra Polizia, carabinieri e Guardia di finanza, su disposizione della Dda di Catanzaro hanno portato al fermo di 68 persone legate alla cosca Arena di Isola Capo Rizzuto. Le indagini hanno evidenziato l'infiltrazione della cosca arena nel tessuto economico crotonese e, in
Continua

SONDAGGIO TRA I GIOVANI DELLA UE: IL 79% NON VUOLE L'UNIONE POLITICA, MA SOLO UN'AREA DI LIBERO

SONDAGGIO TRA I GIOVANI DELLA UE: IL 79% NON VUOLE L'UNIONE POLITICA, MA SOLO UN'AREA DI LIBERO SCAMBIO ECONOMICO
lunedì 15 maggio 2017
LONDRA - Quando lo scorso anno la maggioranza dei cittadini britannici ha votato per uscire dalla UE molti hanno dichiarato che tale esito e' stato influenzato dagli anziani visto che la maggioranza di essi ha votato in favore della Brexit. Ma i giovani davvero amano l'Unione Europea? A tale
Continua
 

IL GOVERNO SPAGNOLO SCRIVE ALLA UE: L'EURO VA RIFONDATO! EUROBOND E CONTROLLO DEMOCRATICO

IL GOVERNO SPAGNOLO SCRIVE ALLA UE: L'EURO VA RIFONDATO! EUROBOND E CONTROLLO DEMOCRATICO SULL'ECOFIN O CROLLA TUTTO
lunedì 15 maggio 2017
MADRID - Un attacco inaspettato all'euro - che così com'è non va affatto - da parte del governo teoricamente più ossequioso e fedele alle tecnocrazie di Bruxelles e della Bce, quello di Madrid riempie oggi tutti i giornali spagnoli, ma anche europei. La Spagna propone di
Continua

PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ, OGGI ALLA NORMALE DI PISA: ''ITALIA ESCA DALL'EURO PER POTERE

PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ, OGGI ALLA NORMALE DI PISA: ''ITALIA ESCA DALL'EURO PER POTERE CRESCERE'' (BOOM!)
giovedì 11 maggio 2017
Se l'Italia non fosse nell'euro "potrebbe implementare politiche per la crescita". A dirlo, non è il solito euroscettico nazionalista ovviamente xenofobo di destra e a tratti se non del tutto razzista, ma a margine della lectio magistralis per il conferimento di un dottorato dal Sant'Anna di
Continua
 

DEPUTATO OLANDESE CHIEDE A DRAGHI: SE L'OLANDA ESCE DALL'EURO, LA BCE CI RENDE 100 MILIARDI? E LUI:

DEPUTATO OLANDESE CHIEDE A DRAGHI: SE L'OLANDA ESCE DALL'EURO, LA BCE CI RENDE 100 MILIARDI? E LUI: SCORDATEVELI
giovedì 11 maggio 2017
La notizia come come sempre accade in Italia quando è "scomoda" ovvero contraddice il pensiero unico a sinistra che pretende di imporre l'idea che la Ue sia paradisiaca e l'euro la manna caduta dal cielo sull'Italia e come tale una meraviglia di cui essere grati in eterno ai banchieri e ai
Continua

ADRIANO SEGATORI, PSICHIATRA E PSICOTERAPEUTA: ''COME TUTTI GLI PSICOPATICI, EMMANUEL MACRON E'

ADRIANO SEGATORI, PSICHIATRA E PSICOTERAPEUTA: ''COME TUTTI GLI PSICOPATICI, EMMANUEL MACRON E' ALTAMENTE PERICOLOSO''
giovedì 11 maggio 2017
Macron è pericoloso perché, come tutti gli psicopatici, ha una grandissima idea di sé. Non ama la Francia, e non lotta per il popolo francese. Macron ama se stesso, enormemente, e combatte per mantenere la sua fragile identità». Lo afferma il professor Adriano
Continua
 

CROLLO POLITICO IN AUSTRIA: SI DIMETTE IL VICE CANCELLERE, CAPO DEL PARTITO POPOLARE E LA DESTRA

CROLLO POLITICO IN AUSTRIA: SI DIMETTE IL VICE CANCELLERE, CAPO DEL PARTITO POPOLARE E LA DESTRA (FPOE) E' PRIMO PARTITO
mercoledì 10 maggio 2017
VIENNA - Terremoto politico in Austria. Reinhold Mitterlehner ha annunciato oggi le sue dimissioni da vice cancelliere, ministro degli Esteri e leader del partito Popolare (OeVP). "Penso di averne abbastanza", ha detto il 61enne Mitterlehner, aggiungendo che il suo lavoro era ormai diventato "senza
Continua
 

 
Editoriali

Macron sulla tolda del Titanic eurozona

Quando un'azienda fallisce, ci sono solo due possibilità: la prima, che l'imprenditore sia un incapace (trascuro l'ipotesi farabutto), la seconda, che

Diritto alla rivolta contro la tirannide

Per evitare il fallimento di Popolare di Vicenza e Veneto Banca servono - e subito - circa 6 miliardi di euro. Lunga vita alle due banche venete... Per evitare

L'Italia finirà nella primavera del 2018

Cos'è il cu-e che si scrive QE? Se state leggendo questo giornale, significa che sapete rispondere alla domanda, ma la domanda giusta è un'altra:

Berlusconi diventa nazionalista?

"Serve una nuova moneta per riprenderci la sovranità monetaria. Conservare l'euro per le importazioni e le esportazioni e con una nuova moneta interna

UE A DUE VELOCITA' = DUE EURO DIFFERENTI

La Germania propone - ma si può scrivere tranquillamente: impone - l'dea della Ue a due velocità. Una Ue, quindi, che si divide in due gruppi di

Due parole per Salvini, Meloni e Grillo

Posso dirlo con franchezza? Ma chi se ne frega, della legge elettorale. Non esiste una "buona" legge elettorale, perchè sarà sempre "buona" per

Vogliamo cambiare il futuro dell'Italia

Cari amici, cari lettori, la ragione del silenzio del Nord.it iniziato prima di Natale dell'anno scorso è presto detta: abbiamo fatto nascere - ed

Mi sento come Sarah Connor.

Più si avvicina la data, no, non del referendum, del fallimento - pardon, del bail in - di Mps e più mi viene in mente Sarah Connor quando disse

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!