50.665.325
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

Il 2015 tra deflazione e variabili impazzite: 10 mesi da cardiopalmo.

martedì 24 febbraio 2015

Il valore degli immobili in Italia è calato del 10%, ha segnalato la Banca d'Italia. E dato che oltre il 70% degli italiani possiede la casa dove abita, la stragrande maggioranza dei cittadini di questo Paese ha perso il 10% della propria ricchezza. Ha perso ancor di più chi sta pagando il mutuo per un'abitazione acquistata anni fa - ne bastano 4 di anni indietro - a prezzi tra il 15 e il 20% più alti del valore attuale dell'immobile, che quando sarà definitivamente pagato varrà circa la metà di quanto sborsato per possederlo. 

Tutto questo si riassume in una parola: deflazione. E' di oggi il dato reso pubblico da Eurostat, l'Istituto di Statistica dell'Unione europea, ed è un dato che riguarda tutta la zona euro più tutto il resto della Ue, un dato drammatico: la deflazione trionfa ovunque, in Italia come in Germania, in Grecia come in Spagna e in Francia.

Solo che, vedete, la deflazione non è una causa, la deflazione è una conseguenza. E il paradosso assoluto della dinamica che sta producendo deflazione consiste nel fatto che non è provocata dalla politica, benchè la politica degli stati che usano l'euro sia completamente errata, come dimostrano altre conseguenze dell'austerità germanica imposta all'Europa: disoccupazione, povertà diffusa, licenziamenti, schianto degli investimenti produttivi, crollo delle vendite interne, diminuzione radicale della qualità della vita. 

La politica, cari voi, per una volta c'entra poco. La deflazione è il prodotto naturale della valuta euro, nata per essere forte, nata per essere stabile nel senso di inamovibile, nata per rappresentare certamente la nazione più potente d'Europa. La Germania, ça va sans dire.

E' l'euro rigido come un pezzo di ferro che ha provocato la deflazione. E' nella natura dell'euro, produrla. Quindi, non c'è proprio niente da fare. La deflazione quest'anno ruberà non meno del 20% della ricchezza degli eurozonisti, voi e noi tutti inclusi. 

Parliamo di crescita. Renzi sostiene che la svolta ci sarà dalle riforme, prima in assoluto delle quali, il Jobs Act. Renzi crede che cambiando le regole del lavoro si crei lavoro. Devo avere terminato l'elenco degli aggettivi, per definire quanto idiota sia questo pensiero. Ma guardiamolo da vicino. Un imprenditore dovrebbe assumere dipendenti perchè adesso li può licenziare come gli pare? No, cari. Un imprenditore investe quando l'azienda ha prospettive di produzione in crescita e ipotesi di utili tali da giustificare l'investimento. 

In sostanza, se il mercato tira, l'azienda va bene e pensa all'espansione, se il mercato è stagnante e per di più i prodotti (dalle materie prime ai semilavorati) calano di prezzo ogni mese per colpa della deflazione, l'azienda sta a guardare e aspetta, cercando di sopravvivere perchè anch'essa è costretta dalla deflazione ad abbassare i prezzi di vendita - in una spirale senza fine - e quindi non pensa affatto ad assumere manodopera, piuttosto a licenziarla per ridurre i costi, dato che è costretta dalla deflazione a ridurre i ricavi. 

Tutto chiaro, fin qui? Spero.

Ora, parliamo di risparmi. Sempre secondo la Banca d'Italia, la ricchezza degli italiani viene quantificata in 8.728 miliardi di euro ed è suddivisa in tre parti: attività reali, per lo più immobili (5.760 miliardi, il 60% del totale); attività finanziarie, cioè depositi in banca, titoli di Stato e risparmi veri e propri (3.848 miliardi, il 40%); meno le passività finanziarie, come i mutui e i prestiti (886 miliardi). Sono dati ufficiali.

Rispetto al 2012, la ricchezza complessiva risulta diminuita di 123 miliardi (meno 1,4%). Non solo. La Banca d'Italia ha calcolato che, nel primo semestre 2014, tale ricchezza risulta ulteriormente diminuita di un altro 1,2%.

Alt! Rileggiamo le cifre applicando la deflazione. Dato che il 60% della ricchezza totale degli italiani - alla data del 31 dicembre 2013, ultimi dati disponibili - ha un valore presunto di 5.760 miliardi di euro, (e affermo sia presunto perchè sono immobili, non contanti) applicando l'indice di deflazione Eurostat, solo nel mese di febbraio 2015 sono stati cancellati, distrutti, depennati, fate voi, oltre 30 miliardi di euro.

Qualcuno dirà: ma in compenso è aumentato il potere d'acquisto dei contanti, e quindi il rimanente 40% pari a 3.848 miliardi di euro ha compensato le perdite di valore delle case. Vero, se fossero davvero contanti, ma in realtà non lo sono affatto. Di quei quasi 4.000 miliardi di euro detenuti dai risparmiatori italiani, oltre l'80% è stato investito in massima parte in titoli di stato e obbligazioni, una fetta molto inferiore in fondi azionari e diversi.

Se il risparmiatore provasse a monetizzarli, questi investimenti, scoprirebbe di subire perdite ingenti proprio per colpa della deflazione. Il tutto, sempre senza tenere in alcun conto le tasse sulle rendite e le varie gabelle gravanti su questi cespiti., perchè il vero divoratore di ricchezza in questo caso non è lo Stato italiano, ma l'euro deflattivo in quanto tale.

L'euro è un pessimo affare, cari risparmiatori italiani. E come tutti i pessimi affari, è zero la probabilità che producano guadagni.

Ora, sono già trascorsi due mesi del 2015, l'anno che dovrebbe portare alla rinascita delle economie dell'eurozona. Non servono indagini sofisticate per capire che la rinascita non c'è e non ci sarà. Draghi da aprile inizierà il QE che non cambierà proprio niente, rispetto la spirale deflattiva. La Grecia ha comprato 4 mesi di tempo promettendo riforme che comunque andranno, non sposteranno di nulla i dati terrificanti della sua economia ormai defunta.

La Francia tra poco sarà alle urne come la Spagna e si rafforzeranno entrambi i partiti no-euro, il Front National e Podemos. In Gran Bretagna che vinca Cameron o vinca l'Ukip di Farage (i laburisti neppure per sbaglio) cambierà poco e niente, se non per il referendum per uscire dalla Ue, ma sul quadro economico dell'eurozona non influirà ne in bene ne in male.

Poi, esistono le variabili impazzite che potrebbero scardinare in un colpo solo tutto il futuro davanti a noi. Certo, Obama potrebbe armare Kiev e così scoppierebbe una vera guerra in Europa. Certo, l'isis potrebbe compiere terrificanti attentati con stragi immani in Italia, e allora è certa la guerra nel Mediterraneo. Ma sono variabili impazzite, appunto. 

O no?

Max Parisi

 



 
Ultimi articoli pubblicati

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA
lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il populismo di Marine Le Pen. Peccato che subito dopo Macron si sia rivelato essere un nazionalista non
Continua
 

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA
sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona, che sono stati sbagliati i conti dello Stato per il 2017 e che mancano 5 miliardi
Continua

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE
lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato visto che altri paesi stanno applicando la medesima politica e a tale proposito e' interessante
Continua
 

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%
sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a crescere le sofferenze delle banche italiane: le rate non pagate da famiglie e imprese sono salite
Continua

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE
giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il futuro del nostro paese, soprattutto se dovesse passare la norma fortemente voluta dalla Germania di
Continua
 

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)
lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si sono affatto verificate. A tale proposito e' interessante notare come la BMW abbia deciso di
Continua

MATTEO SALVINI E UMBERTO BOSSI TROVANO ''LA QUADRA'' PER DARE A LEGA E CENTRODESTRA LA SPERANZA DI

MATTEO SALVINI E UMBERTO BOSSI TROVANO ''LA QUADRA'' PER DARE A LEGA E CENTRODESTRA LA SPERANZA DI VINCERE LE ELEZIONI
domenica 30 luglio 2017
"Oggi dico che ha ragione Berlusconi: il partito della nostra coalizione che raccogliera' alle urne piu' voti avra' diritto di prelazione. Non e' piu' tempo delle punture di spillo tra gli alleati: e' giunto il momento, Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia, di mettersi attorno a un tavolo e di
Continua
 

DOVE ANDARE ALL'ESTERO DA PENSIONATI E VIVERE FELICI: CANADA, PORTOGALLO, CANARIE, BRASILE, SANTO

DOVE ANDARE ALL'ESTERO DA PENSIONATI E VIVERE FELICI: CANADA, PORTOGALLO, CANARIE, BRASILE, SANTO DOMINGO (ZERO TASSE!)
venerdì 28 luglio 2017
Mentre il ducaconte renziloni - al secolo Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio targato Pd dell'Italia  - prende scoppole a destra ed a manca, soprattutto dal neopresidente francese, a favore del libero mercato quando le aziende da acquistare per un tozzo di pane sono quelle italiane, ma
Continua

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI
venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando un cantiere per impedire che finisse in mani italiane, una mossa che mostra i limiti del
Continua
 

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''
giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e soprattutto ha compiuto un altro passo nella sua campagna per limitare il flusso migratorio in Europa
Continua

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''
mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia ha rinunciato ad opporre il proprio veto, con cui pareva che il governo Pd volesse sollecitare i
Continua
 

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.
martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il picco raggiunto nel 2014 quando i fallimenti erano stati 15.336 (4.190 nel secondo trimestre),
Continua

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)
martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia orientale sostenuto dall'Egitto, ha spiazzato l'attuale governo italiano, che rischia di perdere
Continua
 

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA
lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare via tutti coloro che sono clandestini. A tale proposito e' utile notare come la Malaysia - paese
Continua

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)
venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare l’incidente diplomatico per far cadere il governo formalmente sostenuto dal partito di cui lui
Continua
 

SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI

SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI SACRIFI DEI POLIZIOTTI
giovedì 20 luglio 2017
"Un sistema in cui la vita di un Servitore dello Stato vale poco o nulla, in cui chi si aggira armato in mezzo alla strada menando fendenti e aggredendo un poliziotto torna tranquillamente in libertà, in cui una persona che non ha i requisiti per restare in Italia viene espulsa sulla carta
Continua
 

 
Editoriali

TRE PARTITI, STESSA BASE SOCIALE

Più che un rompicapo, la questione alleanze & legge elettorale è una grandissima rottura di coglioni. La situazione non è affatto

LA LEGA VINCE E CONVINCE.

Gli jettatori sono serviti: la Lega di Salvini vince e convince gli elettori italiani, chiamati in quasi dieci milioni alle amministrative di domenica 11

FREGOLA DI RENZI, BANCAROTTA DELL'ITALIA

L'Italia andrebbe a elezioni in ogni caso tra al massimo 8-9 mesi, alla scadenza naturale della legislatura iniziata nel febbraio del 2013, e invece Renzi

Andiamo a cercarli e ammazziamoli tutti.

Il governo Pd ha brindato l'altro giorno alla salute dei 50.000 e passa africani che ha fatto arrivare in Italia da gennaio, al costo - compresi gli altri

Macron sulla tolda del Titanic eurozona

Quando un'azienda fallisce, ci sono solo due possibilità: la prima, che l'imprenditore sia un incapace (trascuro l'ipotesi farabutto), la seconda, che

Diritto alla rivolta contro la tirannide

Per evitare il fallimento di Popolare di Vicenza e Veneto Banca servono - e subito - circa 6 miliardi di euro. Lunga vita alle due banche venete... Per evitare

L'Italia finirà nella primavera del 2018

Cos'è il cu-e che si scrive QE? Se state leggendo questo giornale, significa che sapete rispondere alla domanda, ma la domanda giusta è un'altra:

Berlusconi diventa nazionalista?

"Serve una nuova moneta per riprenderci la sovranità monetaria. Conservare l'euro per le importazioni e le esportazioni e con una nuova moneta interna

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!