65.374.093
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

La vittoriosa sconfitta della Lega in Emilia Romagna deve portare a una svolta. Decisiva.

lunedì 24 novembre 2014

Quando accade che il 63% dell'elettorato dell'Emilia Romagna decida di restare a casa anzichè recarsi alle urne per le regionali, solo un cretino può archiviare la questione con un'alzata di spalle come ha fatto Matteo Renzi. Il candidato del Pd ha vinto sulle macerie del suo partito, terremotato dal segretario toscano. Chi non vede in questo la più clamorosa delle bocciature per il nuovo corso piddino, è in malafede oppure è terrorizzato dal dover ammettere di stare sbagliando tutto. 

Ma non solo l'elettorato di sinistra della regione più di sinistra d'Italia ha disertato. Nella stessa misura, non si sono presentati in cabina elettorale gli emiliano romagnoli che votavano Forza Italia. Se avessero confermato l'affluenza delle passate regionali, oggi il presidente sarebbe Alan Fabbri con un margine di vittoria altissimo: più del 15%. Fate bene i conti e lo scoprirete.

Questo porta a dire che la colpa della sconfitta di Fabbri - nonostante la vittoria davvero "storica" della Lega salita al 19,4% dal 5% del 2010 - è tutta del partito di Berlusconi: gli elettori lo hanno punito tanto quanto sul fronte opposto ha preso schiaffi in faccia il Pd. 

Inoltre, non è vero che l'M5S abbia fatto da terzo incomodo sfruttando la situazione, anzi. Ha seguito anche lui la disfatta dell'affluenza, se paragonata alle politiche. Tra l'altro, il 13% preso dai grillini non compensa affatto la mancanza di voti del Pd. Il totale alla fine è del 37% di votanti regionali contro un 70% precedente. Grillo non ha sottratto un bel niente a Renzi.

Bene, queste sono le carte in tavola. Adesso, che partita vuole giocare, Salvini?

Qualche tempo fa, Aldo Grasso ha definito l'altro Matteo "un perdente di successo". Se guardassimo al risultato di domenica 23 novembre e basta, avrebbe ragione. Un grande successo della Lega nella sconfitta del candidato leghista. E il punto è proprio questo. La luminosità e il limite di Salvini stanno entrambe dentro il recinto leghista, che più di tanto non si può estendere.

Non si può perché alla fine l'elettorato nazionale italiano per quanto possa riconoscersi nella linea politica - giustissima - della Nuova Lega salviniana, non darà la maggioranza assoluta a un partito che si chiama Lega Nord. E' vecchio. E' il passato, non il futuro. E' nordista, per quanto Salvini possa fare, incluso favorire una lista nuova di zecca al Sud. Il che non significa rottamarlo. Significa che va costruito un nuovo contenitore diretta emanazione di Salvini e del nuovo corso di destra. Significa che Salvini deve stupire ed entusiasmare gli italiani offrendo loro un nuovo, grande soggetto politico per una grande rinascita del Paese.

La prova sia giusto? Domandatevi: cosa ha spinto la gente dell'Emilia Romagna a votare Lega, stavolta? Cos'è? Sono stati tutti improvvisamente folgorati da Alberto da Giussano? Ma per favore!

La verità è che si sono aggiunti voti di destra a quelli leghisti, al famoso "zoccolo duro". E questi voti sono il 75% dei voti presi dal Carroccio in Emilia Romagna. L'elettorato indistinto di destra - che non va confuso con i rimasugli di Alleanza Nazionale di Giorgia Meloni -  ha provato a dare consenso a Salvini perchè ha capito che Salvini può diventare davvero "il capitano" che la destra italiana attende da tanto, da troppo tempo. 

E in questo nuovo "cartello" della destra - che rivendico d'aver battezzato Grande Destra - allora sì che può entrare il grande elettorato di Forza Italia che domenica scorsa è rimasto alla finestra a guardare la campagna emiliana. 

Salvini intervistato da Minoli a Radio24 (a proposito: strana in questo, la Rai. Ha lasciato andar via Minoli per dare Ballarò a un giornalista esterno di Repubblica) ha detto: "Forza Italia deve chiarirsi al suo interno, la punizione elettorale è stata grande. Ma sono problemi loro, anche noi un anno fa eravamo nei guai" che è come dire: o fate una rivoluzione dentro il partito o soccomberete. Corretto. L'ex governatore pugliese Fitto ha rincarato la dose: vanno azzerati tutti i vertici di Forza Italia. Corretto anche questo, anche se parecchio tardivo. E sempre da Minoli, Salvini ha aggiunto: "Le elezioni saranno presto e io voglio provare a vincerle, non mi batto per partecipare e basta, come diceva De Coubertin".

Per vincerle e per non essere - quindi - un perdente di successo, servono due componenti. Il primo componente è un programma vero, solido, vincente perchè realizzabile e quando si realizzasse, davvero in grado di salvare l'Italia coi fatti, non con le chiacchiere e gli annunci. 

E questo, grazie alla sua intelligenza politica, Salvini ce l'ha.

Il secondo componente è un soggetto politico che abbia una caratteristica imprescindibile: deve poter essere condiviso senza escludere, deve creare unità e non divisione, deve essere immediatamente percepito come punto di forza e non di debolezza dall'elettorato a cui si rivolge. E' un soggetto non per tutti, non per appartenza etnico-territoriale, ma per appartenenza ideale. E' la Grande Destra italiana, dove "grande" significa: c'è posto per chiunque stia da questa parte e non dall'altra e tanto meno in mezzo, nel centro del nulla. 

Ma questo soggetto politico, Salvini al momento non l'ha a disposizione.

E' probabile che Berlusconi abbia ancora per la testa l'ennesima riedizione della Casa delle Libertà, ennesimo disastro. E' possibile che proponga a Salvini la solita alleanza buona per tutte le sconfitte. Ma è anche possibile che l'ex cavaliere decida la cosa migliore: farsi da parte. E allora nella Grande Destra potrebbe arrivare un altro "capitano" che regga la bandiera forzitaliana. E fosse una donna, e si chiamasse Berlusconi di cognome, la vittoria sarebbe a portata di mano.

max parisi

 

 

 



 
Ultimi articoli pubblicati

CARABINIERI SMANTELLANO DUE ORGANIZZAZIONI (ALGERINI E NIGERIANI): IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DROGA

CARABINIERI SMANTELLANO DUE ORGANIZZAZIONI (ALGERINI E NIGERIANI): IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DROGA SPACCIO PROSTITUZIONE
lunedì 10 dicembre 2018
Due organizzazioni criminali sono state smantellate dai carabinieri della Compagnia di Carbonia a conclusione di una vasta operazione, ribattezzata 'Arruga', contro l'immigrazione clandestina e lo sfruttamento della prostituzione. Nella rete degli investigatori dell'Arma sono finite una banda di
Continua
 

LA STRAGE DEL ''LANTERNA AZZURRA CLUB'' PROVOCATA DA UNA BANDA DI RAPINATORI? E' L'IPOTESI

LA STRAGE DEL ''LANTERNA AZZURRA CLUB'' PROVOCATA DA UNA BANDA DI RAPINATORI? E' L'IPOTESI PRINCIPALE DEGLI INVESTIGATORI
lunedì 10 dicembre 2018
Chi e' perche' ha scatenato il panico all'interno del locale, qual era la sostanza che ha reso l'aria irrespirabile, quante erano effettivamente le presenze all'interno della sala dove si sarebbe esibito Sfera Ebbasta, se c'e' stato il rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dalle norme
Continua

L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD

L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD APPOGGIARLO ALLE ELEZIONI''
lunedì 10 dicembre 2018
PARIGI - L'economista francese Jean-Paul Fitoussi, non fatica a trovare in una intervista a "Il Fatto Quotidiano" pubblicata oggi un aggettivo per definire il presidente Emmanuel Macron: "Imbecille". Poi l'analisi sui gilet gialli si fa piu' profonda: "Parigi non conosce la Francia, e chi abita a
Continua
 

RICHIEDENTI ASILO NIGERIANI SPACCIATORI DI DROGA AVEVANO LA BASE DENTRO UN CENTRO ACCOGLIENZA DELLA

RICHIEDENTI ASILO NIGERIANI SPACCIATORI DI DROGA AVEVANO LA BASE DENTRO UN CENTRO ACCOGLIENZA DELLA CROCE ROSSA!
giovedì 6 dicembre 2018
LUCCA - Africani spacciavano, come nulla fosse, addirittura dentro una struttura della Croce Rossa. Gli agenti della questura di Lucca hanno effettuato questa mattina un'operazione contro lo spaccio di droga al centro accoglienza gestito dalla Croce Rossa Italiana in zona Tagliate: tre richiedenti
Continua

IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON

IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON DEVE PIU' ACCADERE
mercoledì 5 dicembre 2018
ROMA -  Il governo italiano è pronto a dare l'alt all'operazione Sophia. Il piano operativo lanciato dall'Unione europea all'indomani dei naufragi avvenuti nell'aprile 2015 con lo scopo di controllare il traffico di esseri umani nel Mediterraneo, che ha sede proprio nella Capitale,
Continua
 

MACRON CEDE AI GILET GIALLI (6 MESI DI BLOCCO TASSE CARBURANTI) MA NON BASTA PIU': I FRANCESI

MACRON CEDE AI GILET GIALLI (6 MESI DI BLOCCO TASSE CARBURANTI) MA NON BASTA PIU': I FRANCESI VOGLIONO CHE SE NE VADA
martedì 4 dicembre 2018
PARIGI - Macron ha perso, ma i gilet gialli non hanno ancora vinto, dato che ormai chedono a viso aperto le dimissioni del presidente della Repubblica. Sei mesi di sospensione dell'aumento delle tasse sui carburanti, nessun aumento delle tariffe di gas ed elettricita' per tutto l'inverno: sono
Continua

ALLEN SINAI - ECONOMISTA DI FAMA MONDIALE - DA' RAGIONE AL GOVERNO ITALIANO: ''AUSTERITY STRADA

ALLEN SINAI - ECONOMISTA DI FAMA MONDIALE - DA' RAGIONE AL GOVERNO ITALIANO: ''AUSTERITY STRADA SBAGLIATA LA UE HA TORTO''
martedì 4 dicembre 2018
"Insistere con le politiche di austerity e' la strada sbagliata. A maggior ragione quando un Paese sta rallentando la sua crescita deve spendere molto, mettere soldi nelle tasche dei cittadini e tagliare le tasse". Lo ha detto in una intervista a "Il Messaggero" Allen Sinai, 77 anni, il guru di
Continua
 

LA DESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA DILAGA IN SVEZIA: CENTROSINISTRA

LA DESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA DILAGA IN SVEZIA: CENTROSINISTRA PERDE LE AMMINISTRATIVE
lunedì 3 dicembre 2018
LONDRA - Sono passati quasi 3 mesi da quando gli elettori svedesi sono andati alle urne per eleggere il parlamento ma ancora non si e' riusciti a formare un nuovo governo e questo perche' gli schieramenti di centrosinistra e centrodestra non vogliono fare alleanze con il partito anti-immigrati
Continua

ELEZIONI IN SPAGNA: L'ANDALUSIA, DA 36 ANNI ROSSA, VIRA RADICALMENTE A DESTRA. I SOCIALISTI NON

ELEZIONI IN SPAGNA: L'ANDALUSIA, DA 36 ANNI ROSSA, VIRA RADICALMENTE A DESTRA. I SOCIALISTI NON GOVERNERANNO VOX TRIONFA
lunedì 3 dicembre 2018
MADRID -  Con le elezioni celebrate ieri, domenica, l'Andalusia, la regione piu' popolata della Spagna, compie un passo senza precedenti verso destra, mettendo fine al dominio dei socialisti, durato ben 36 anni, e spalancando le porte alla nuova destra nazionalista euroscettica di Vox. A
Continua
 

INCHIESTA ESPLOSIVA SU DEUTSCHE BANK: 170 TRA POLIZIOTTI E MAGISTRATI FANNO IRRUZIONE NELLA SEDE

INCHIESTA ESPLOSIVA SU DEUTSCHE BANK: 170 TRA POLIZIOTTI E MAGISTRATI FANNO IRRUZIONE NELLA SEDE CENTRALE DI FRANCOFORTE
giovedì 29 novembre 2018
FRANCOFORTE - Le autorità tedesche hanno perquisito  inziando questa mattina alle 8.00 gli uffici della sede centrale di Deutsche Bank a Francoforte per cercare prove relative a riciclaggio internazionale di denaro sporco. Un totale di 170 funzionari della Procura di Francoforte,
Continua

IL CONSIGLIO DEI MINISTRI APPROVA IL ''CODICE ROSSO'': IMMEDIATO INTERVENTO DELLO STATO A DIFESA

IL CONSIGLIO DEI MINISTRI APPROVA IL ''CODICE ROSSO'': IMMEDIATO INTERVENTO DELLO STATO A DIFESA DELLE DONNE IN PERICOLO
mercoledì 28 novembre 2018
ROMA - PALAZZO CHIGI - "Il Disegno di Legge sul codice rosso prevede tempi rapidi perche' non c'e' un minuto da perdere di fronte alla denuncia di una donna". Lo dice il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, in conferenza stampa oggi a palazzo Chigi dopo il Consiglio dei ministri, osservando
Continua
 

USA AUSTRALIA AUSTRIA POLONIA REPUBBLICA CECA UNGHERIA BULGARIA ISRAELE CROAZIA SLOVACCHIA: NO AL

USA AUSTRALIA AUSTRIA POLONIA REPUBBLICA CECA UNGHERIA BULGARIA ISRAELE CROAZIA SLOVACCHIA: NO AL GLOBAL COMPACT ONU
mercoledì 28 novembre 2018
L'accusa di "isolazionismo" scagliata contro il governo Conte per avere deciso di dare la parola al Parlamento circa l'adesione o meno dell'Italia alla proposta Onu sull'immigrazione è ridicola. Vediamo perchè. I primi a ritirarsi furono, quasi esattamente un anno fa, il 3 dicembre
Continua

IMPRENDITORE SVENTA IL 39° FURTO NELLA SUA DITTA SPARANDO AI LADRI. UNO, COLPITO A UNA GAMBA,

IMPRENDITORE SVENTA IL 39° FURTO NELLA SUA DITTA SPARANDO AI LADRI. UNO, COLPITO A UNA GAMBA, MUORE DISSANGUATO
mercoledì 28 novembre 2018
MONTE SAN SAVINO - (AREZZO) - Era esasperato dai furti che negli anni aveva subito: almeno 38. Per questo Fredy Pacini, gommista e rivenditore di biciclette, 57enne di Monte San Savino, piccolo comune in provincia di Arezzo, da tempo dormiva in ditta, in via della Costituzione, nella zona
Continua
 

MATTEO SALVINI PROMETTE: TUTTI GLI OBBLIGAZIONISTI CHE HANNO COMPRATO NELLE BANCHE (FALLITE)

MATTEO SALVINI PROMETTE: TUTTI GLI OBBLIGAZIONISTI CHE HANNO COMPRATO NELLE BANCHE (FALLITE) RIMBORSATI ALMENO AL 90%
martedì 27 novembre 2018
ROMA -  Tutti gli obbligazionisti delle Banche finite in risoluzione e in liquidazione che hanno comprato titoli allo sportello riceveranno rimborsi di almeno il 90% delle perdite subite. E' quanto hanno assicurato oggi alle associazioni dei consumatori in un incontro al Mef il vice
Continua

LA NUOVA LEGGE SU SICUREZZA E IMMIGRAZIONE: UNA VERA RIVOLUZIONE PER RIDARE TRANQUILLITA' AGLI

LA NUOVA LEGGE SU SICUREZZA E IMMIGRAZIONE: UNA VERA RIVOLUZIONE PER RIDARE TRANQUILLITA' AGLI ITALIANI (LEGGERE)
martedì 27 novembre 2018
Il decreto-legge sicurezza e immigrazione, firmata da Matteo Salvini, su cui oggi la Camera voterà la fiducia nell'ultimo passaggio alle Camere, dopo di che sarà legge dello Stato , abroga il permesso di soggiorno per motivi umanitari, sostituito dal rilascio di permessi di soggiorno
Continua
 

BORSA DECOLLA, SPREAD AFFONDA, MERCATI PREMIANO IL GOVERNO ITALIANO E TIRANO UNO SCHIAFFONE A PD E

BORSA DECOLLA, SPREAD AFFONDA, MERCATI PREMIANO IL GOVERNO ITALIANO E TIRANO UNO SCHIAFFONE A PD E FORZA ITALIA (ADDIO)
lunedì 26 novembre 2018
La Borsa di Milano letteralmente decolla, crescendo in un colpo solo del 3% ma è poco, rispetto la notizia parallela che mette in grande difficoltà la variegata e sgangherata armata delle opposizini al governo Lega - M5S: purtroppo per tutti loro, dai gufi di Forza Italia ai corvi del
Continua
 

 
Editoriali

Se usciamo dall'euro chi comprerà i Btp?

Notiziona dalla Cina: finalmente anche i cittadini potranno investire in obbligazioni di Stato cinesi! Eheeee? Lo so, detta così sembra una

''Dove eravate, Soloni?''

"Prof dott. Presidente Emerigo Ugo De Siervo, confrontiamoci coi numeri. Sulla legge Fornero, sulla disoccupazione, sulla precarietà, sulle tasse, sulla

L'epoca di Berlusconi è davvero finita.

Niente "pontieri" all'opera: la rottura personale tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi è nella sostanza, ben più solida delle operazioni di

LA LEGA DI MATTEO SALVINI E' NAZIONALE

La vittoria, anzi no, il trionfo della Lega di Matteo Salvini che ha ricevuto cinque milioni di voti, una massa enorme di consenso, raggiungendo quasi il 20%

4 MARZO: IL NOSTRO INDEPENDENCE DAY

Abbiamo deciso di fermare le pubblicazioni del nostro giornale innanzitutto per riflettere sul ruolo e se lo permettete, anche sui risultati che abbiamo

All'armi! Son fascisti! Il delirio Pd.

Walter Veltroni lancia l'allarme democrazia, che secondo lui è in pericolo esattamente come lo fu negli anni Trenta del secolo scorso. Veltroni è

Italiani, bevetevi un rosatellum...

Le leggi elettorali italiane hanno sempre un tocco culinario. Mattarellum della pasta, porcellum dell'affettato misto, e ora il rosatellum dei beoni. Ogni

Arriva l'onda nazionalista tedesca.

Le elezioni politiche in Germania, parlando dei clamorosi risultati emersi dalle urne, evidenziano innanzitutto quanto sia forte l'allarme della popolazione

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!