43.437.850
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

Dodici letti per fermare l'apocalisse dell'ebola in Italia.

giovedì 9 ottobre 2014

Le agenzie stampa internazionali hanno messo in rete la seguente notizia: "L'epidemia di ebola rappresenta la sfida piu' grande dalla comparsa dell'Aids: e' l'allarme lanciato dalla massima autorita' sanitaria Usa, Thomas Frieden, direttore dei Centri americani per il Controllo e la Prevenzione della Malattia (Cdc) con sede ad Atlanta. "Direi che, in trent'anni di lavoro nella sanita' pubblica, l'unica situazione simile a questa e' stata quella con l'Aids", ha spiegato Frieden, sottolineando che il ritmo di diffusione della malattia e' simile a quello della fase iniziale della sindrome da immunodeficienza acquisita. Il numero uno della sanita' Usa parlava a Washington, al forum ad alto livello per fare il punto sull'epidemia a cui partecipano tra gli altri i vertici di Onu, Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale, oltre ai presidenti dei Paesi piu' colpiti dalla micidiale malattia. "Sara' una lunga battaglia", ha aggiunto, "e dobbiamo lavorare ora in modo che, per il mondo, non sia una nuova Aids". 

Paragonare l'ebola all'Aids, francamente, a me sembra un errore. E lo è per due motivi. Il primo: l'Aids si propagò in modo silente all'interno della comunità omosessuale mondiale per anni, prima di emergere con tutta la sua gravità. Il virus è silente, quando il malato è nella fase "sieropositiva". Quando la malattia diventa conclamata, non c'è (o non c'era) più nulla da fare. Quindi, l'Aids ha avuto dalla sua il fattore tempo, e si sa quanto conti in una malattia. La cui durata, nel caso dell'Aids e prima della creazione delle ultime classi di farmaci, poteva arrivare a 10 anni dall'inizio della sieropositività. Oggi, forse il doppio e anche più, prima che risulti fatale. L'ebola invece ha un'incubazione rapida - dalle due alle tre settimane - e un'aggressività impressionate: la morte arriva in meno di 10 giorni. 

Il secondo motivo è la trasmissione del virus. L'Aids non si trasmette con un bacio sulle labbra, nè con una stretta di mano, e tanto meno con un contatto fisico epidermico. Sangue, sperma, secrezioni vaginali, contatto interno di genitali non protetti da preservativi con mucose genitali o anali. Solo in questo modo, si viene colpiti dalla malattia. E c'è un altro fatto decisivo, per la trasmissione: il virus dell'Aids è fragile, fuori dal corpo umano muore in breve tempo, brevissimo tempo. L'ebola invece si trasmette a contatto, basta appunto una stretta di mano, un bacio, perfino appoggiare la mano dove prima era rimasta appoggiata quella di un malato, e la trasmissione accade. E' un virus resistente e maligno. Basta addirittura toccare un indumento indossato da un malato, per esserne colpiti senza scampo. 

Ora, voi capite che finchè l'ebola rimane confinato in Africa, per una serie di motivi la sua propagazione è lenta, rispetto quello che accadrebbe se anche un solo malato entrasse in una metropolitana di una grande città europea, americana, asiatica. Un solo malato infetterebbe centinaia di persone. Che a loro volta ne infetterebbero migliaia. Milioni nel giro di qualche mese, anche un solo mese. Uno, cento, diecimila, un milione. La progressione è questa.

Il virus, con buona pace die complottisti, venne scoperto (e non creato in laboratorio) nel 1976. Ma non fu considerato una minaccia per l'Occidente (e quindi nessuna ricerca per un vaccino) in quanto la globalizzazione NON esisteva. La virulenza dell'ebola unita all'assenza o quasi di interscambio mondiale di persone faceva dell'ebola una malattia "africana" dell'Africa nera. E ai colossi farmaceutici planetari un farmaco, un vaccino, interessa solo se c'è profitto nell'inventarlo e nel venderlo. Mentre i popoli dell'Africa equatoriale non possedevano  - e non possiedono - alcuna ricchezza individuale, tolte le caste dominanti, sanguinarie e corrotte.

La situazione è questa. Punto.

L'Occidente sta provando a correre ai ripari, ma è tardi. Sì, probabilmente tra non molto sarà disponibile un vaccino, ma un vaccino previene, non cura. E cure non ce ne sono.

Facciamo il caso dell'Italia. Il vice ministro degli Esteri del governo Renzi, tal Pistelli, è riuscito a dichiarare in Aula al Senato che non c'è da allarmarsi perchè allo Spallanzani di Roma ci sono pronti "12 posti letto per ammalati di ebola". Viene da piangere.  In Spagna tra il personale interno di un ospedale già si contano sei malati contagiati da un'infermiera che a sua volta si è infettata per una distrazione, s'è asciugata il sudore della fronte con la mano che indossava un guanto venuto a contatto col virus dell'ebola che stava per uccidere un malato ricoverato. Che infatti, poco dopo è morto. 

Già, dimenticavo. Anche i cadaveri dei morti da ebola rimangono altamente infettivi. Vanno cremati. E vanno trasportati e trattati con il massimo delle precauzioni, prima della cremazione. Capite?

Quando partirà l'epidemia in Europa, e sottolieno quando, non se, sarà un evento cataclismatico. Gli americani l'hanno capito e hanno alzato barriere alle frontiere: in ogni aeroporto USA dove atterrano aerei di rotte internazionali, da ieri sono attivi controlli sanitari, misurano la temperatura a chiunque sia sbarcato da voli dall'estero. Serve? Forse, certamente meglio che niente.

In Italia no, nessun controllo. E non mi riferisco a quelli negli aeroporti, che comunque andrebbero fatti da subito. Mi riferisco alle masse enormi di persone che sbarcano in Italia con la Mare Nostrum. 

Qua non si tratta del solito discorso dell'invasione, che pure c'è. Qua si tratta di considerare la minaccia mortale di un'epidemia catastrofica di ebola innescata da inconsapevoli malati arrivati sui barconi.

Ne basta uno, come nell'esempio della metropolitana. Ne basta uno per aver infettato tutti o quasi tutti quelli che si  sono trovati con lui o con lei su quell'imbarcazione di disperati soccorsa dalla Marina Militare italiana. Ne basta uno per creare dai 50 ai 500 malati contemporaneamente, molti dei quali sarebbero subito - come avviene tutti i giorni - liberi di circolare per l'Italia e per l'Europa.

E noi, abbiamo 12 letti pronti.

max parisi

 



 
Ultimi articoli pubblicati

AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI

AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI PERICOLOSI DELINQUENTI)
martedì 24 gennaio 2017
BERLINO -  Detto e fatto: come aveva promesso rivolgendosi alla Csu, componente di destra del blocco centrista Cdu che sorregge il suo governo, Angela Merkel ha dato il via alle espulsioni di massa dei "richiedenti asilo" che non hanno le credenziali per essere accolti. La Germania ha espulso
Continua
 

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''
lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe Grillo fa un netto endorsement alla coppia di capi Stato piu' 'discussa' in Occidente: l'americano
Continua

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)
lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto Matteo Salvini chiedono alla Corte Costituzionale di consegnare al Paese un sistema che sia subito
Continua
 

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE
lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop Operation Soros. In una conferenza stampa tenutasi lo scorso Martedi' il fondatore di SOS ha invitato tutti
Continua

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''
venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno più". Lo ha dichiarato il presidente Donald Trump durante il discorso di insediamento alla Casa
Continua
 

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''
venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal ministro dell'Economia italiano, Pier Carlo Padoan, a Davos per l'annuale forum economico. Il ministro
Continua

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''
giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime quarantotto ore. E c'è da dire che i toni, specialmente quelli del ministro degli Esteri
Continua
 

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)
mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo gennaio parigino, il quotidiano economico Les Echos commentando in esclusiva i risultati
Continua

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO
martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano economico francese "Les Echos", ricordando i recenti commenti dopo la caduta di Matteo Renzi ed il
Continua
 

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)
martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione Europea, dichiarando di non volere un accordo che lasci il paese "meta' dentro e meta' fuori". Le sue
Continua

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')
martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la valorizzazione delle nostre tradizioni, l'introduzione della preferenza nazionale nell'accesso ai
Continua
 

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!
lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo favorirebbe l'Italia col suo colossale debito pubblico, in realtà "chiagne e fotte" perchè la
Continua

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE
lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione fatta a ottobre. Nell'aggiornamento del World Economic Outlook, la buona notizia e' che gli esperti
Continua
 

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)
lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni critiche o comunque con problemi mpolto seri nel sistema bancario italiano sono molteplici. Se nel
Continua

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE DAL PESCECANE SOROS
lunedì 16 gennaio 2017
Mentre gli ultimi giorni della presidenza Obama consegneranno alla storia il peggior presidente che gli U.S.A. abbiano mai avuto, essendo impegnato allo spasimo a creare tensioni in mezzo mondo e verso la Russia in primis nonostante le elezioni abbiano chiaramente bocciato la sua linea politica e
Continua
 

WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO

WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO IMMAGINARIO MAI ESISTITO''
lunedì 16 gennaio 2017
WASHINGTON - "Le elezioni presidenziali statunitensi coincidono assai di rado con una svolta permanente dell'ordine politico in quel paese - scrive l'editorialista John Steel Gordon sul Wall Street Journal di oggi - ma l'ingresso di Donald Trump potrebbe entrare nel novero delle eccezioni. La
Continua
 

 
Editoriali

Vogliamo cambiare il futuro dell'Italia

Cari amici, cari lettori, la ragione del silenzio del Nord.it iniziato prima di Natale dell'anno scorso è presto detta: abbiamo fatto nascere - ed

Mi sento come Sarah Connor.

Più si avvicina la data, no, non del referendum, del fallimento - pardon, del bail in - di Mps e più mi viene in mente Sarah Connor quando disse

La lezione di Donald Trump per Matteo Salvini.

Donald Trump ha vinto perchè lo hanno votato tutti gli americani. Bella forza, direte, è ovvio. No, non è così ovvio: lo hanno

L'italiano medio e la troia...

L'italiano medio non ha neppure la vaga idea, di quanto accadrà da qui a un mese alle banche italiane. Pensa - ammesso ci abbia mai pensato almeno una

Gorino ha vinto perchè c'è la Lega Nord.

La ragione per la quale il prefetto di Ferrara - ovviamente su ordine del governo ed espressamente del ministro dell'Interno - non ha fatto attaccare dalle

Una delle ragioni per votare No.

Da oltre un anno, nessun telegiornale nazionale manda in onda un solo servizio sulle orde di migranti africani che sbarco dopo sbarco a migliaia come le

Perfetto, va tutto male.

E' passata l'estate, la "politica" ha ripreso l'attività - bontà sua il 13 settembre - in Parlamento, ma guardando il calendario ho l'impressione

Avete pronto un Piano B per la vostra vita?

Non mi sono dimenticato, ho fatto apposta. Dal massacro islamico di nove italiani - torturati e uccisi uno ad uno perchè "infedeli" cristiani - avvenuto

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!