52.870.141
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

Equitalia e la Repubblica di Weimar.

giovedì 6 febbraio 2014

I numeri dell'Italia, economicamente parlando, sono da Repubblica di Weimar. Pensiamo a Equitalia. Non più tardi di un mese fa, Befera, lo strapagato capo di questa società di riscossione, ha fatto sapere che dal 2000 al 2012 sono stati emessi ruoli (cartelle esattorali) per 807,7 miliardi di euro. Ma la somma effettivamente riscossa dallo Stato tramite Equitalia in questi 13 anni è di 69,1 miliardi di euro. 

Ci rendiamo conto che 807 miliardi rappresentano quasi la metà del debito pubblico italiano?

C'è qualcosa di grottesco in questi numeri: come è possibile?

La risposta è fin troppo semplice: tra multe, interessi di mora e quant'altro, rispetto quello che il cittadino avrebbe dovuto pagare ma non ha fatto, la cartella di Equitalia è dalle 5 alle 50 volte superiore. Risultato? 30.000 euro diventano 120.000, 10.000 si trasformano in 100.000 e così siamo arrivati alla iper-inflazione da cartella esattoriale.

E' fin troppo evidente che 740 e dispari miliardi di euro prodotti dal gonfiaggio punitivo dell'effettivo dovuto e non incassati dallo Stato italiano, valgono quanto i mille miliardi di marchi per una birra a Berlino nel 1930. E cioè, niente.

Ma fosse solo Equitalia a far sprofondare il Paese nel delirio delle astronomiche cifre senza senso, potremmo considerare la cosa come un pur grave episodio circoscritto.

Invece, la sindrome di Weimar è presente ovunque, nei conti pubblici. Fin quando c'era la lira italiana, il debito pubblico gravitava attorno ai 2,5 milioni di miliardi di lire. Boom, direte! Che somma enorme!  Di enorme quella somma aveva solo il numero formato da una sequela di zeri da spavento, se confrontata a quella di oggi: 2.094 miliardi sì, ma di euro.

In soli 13 anni il debito pubblico italiano è traslato di dimensione: è passato dal reale al metafisico. Duemila e novantaquattro miliardi di euro sono oltre il doppio del debito pubblico che l'Italia aveva accumulato fino al 2001 a partire dal 1947. Tanto quanto gli 807 miliardi di carta di Equitalia, anche questi quasi 2100 dal punto di vista della loro esigibilità sono carta straccia. Non valgono niente, come i famosi marchi tedeschi del 1930.

Perfino l'Unione Europea applica all'Italia la logica di Weimar: due giorni fa, ha accusato questo Paese di essere avvelenato dalla corruzione. Direte, si sa. Certamente, ma la UE precisa che vale 60 miliardi di euro l'anno. Questa somma non ha fondamento, la UE non spiega come l'ha calcolata, nè ha senso in quanto tale: se  ci fosse una spesa pubblica gravata da 60 miliardi di euro di tangenti, dovremmo affermare che in Italia lo Stato investe non meno di 300 miliardi l'anno. Fosse vero, l'talia non sarebbe in crisi, sarebbe in boom economico. Però, tant'è. 

Anche la corruzione in Italia è afflitta dalla sindrome di Weimar.

Perchè?

Perchè siamo nella Repubblica di Weimar.

max parisi



 
Ultimi articoli pubblicati

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI
lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory) negli Stati Uniti insieme al rilevatore Virgo
Continua
 

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA
lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa per creare un'agenzia di intelligence europea. A tale proposito a fine agosto il presidente del
Continua

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%
domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia mostra alcuni segnali di ripresa, ma non ha ancora recuperato il terreno perduto dal 2008 ne' per il
Continua
 

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO SCHIAVISMO CON L'OK DELLA UE
sabato 14 ottobre 2017
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti extracomunitari ottenuti dallo sfruttamento schiavista e spesso anche grazie alle agevolazioni
Continua

''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER,

''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER, INVENTORE DELLA FLAT TAX
mercoledì 11 ottobre 2017
“Sono molto preoccupato per l’unione europea. Francamente quando hai tutti quei paesi gestiti da un governo non eletto, finisci col rimetterci in termini di competizione, oltre che a perdere il vigore e la forza di una buona economia. Sa dirmi chi ha votato Mario Draghi e Christine
Continua
 

IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO

IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO DELL'AUSTRIA!'' MA E' UNA CALUNNIA
mercoledì 11 ottobre 2017
LONDRA - Il prossimo governo austriaco potrebbe avere al suo interno una componente di "estrema destra", quella che il quotidiano laburista britannico The Guardian oggi, in un articolo in prima pagina, definisce "neo-nazista", giudizio non solo falso, ma anche diffamatorio . Il sondaggio piu'
Continua

SONDAGGIO: IL 50% DEI GIOVANI ITALIANI E' CONVINTO CHE NELLA VITA GUADAGNERA' MOLTO MENO DEI PROPRI

SONDAGGIO: IL 50% DEI GIOVANI ITALIANI E' CONVINTO CHE NELLA VITA GUADAGNERA' MOLTO MENO DEI PROPRI GENITORI (DISASTRO)
martedì 10 ottobre 2017
Le aspettative salariali dei giovani, in Italia, sono sempre più pessimiste. E' quanto rileva un sondaggio globale realizzato da Monster sui guadagni potenziali dei giovani lavoratori rispetto ai genitori ha rivelato che un giovane lavoratore italiano su due (il 50% del totale) prevede di
Continua
 

SARA' BREXIT DURA, NIENTE ACCORDO CON LA UE. LA GRAN BRETAGNA LASCERA' L'UNIONE SENZA SOTTOSTARE AI

SARA' BREXIT DURA, NIENTE ACCORDO CON LA UE. LA GRAN BRETAGNA LASCERA' L'UNIONE SENZA SOTTOSTARE AI DIKTAT DI BRUXELLES
martedì 10 ottobre 2017
LONDRA - Theresa May ha messo in guardia i cittadini britannici, dicendo loro di prepararsi all'uscita dal Regno Unito senza un accordo. Mentre le speranze di un'intesa sembrano svanire in patria e all'estero, il primo ministro - per la prima volta - ha presentato dettagliate "misure per ridurre al
Continua

TASSA SUI SACCHETTI DEI SUPERMERCATI E ALTRE STUPIDATE: MANOVRA 2018 SCRITTA DAL PD PER NON PERDERE

TASSA SUI SACCHETTI DEI SUPERMERCATI E ALTRE STUPIDATE: MANOVRA 2018 SCRITTA DAL PD PER NON PERDERE (TROPPO) LE ELEZIONI
lunedì 9 ottobre 2017
Ottobre, mese di funghi e manovre finanziarie. Quella del governo italiano, da circa 20 miliardi (40.000.000.000.000 di vecchie lire) si appresta a passare alla storia come l’ennesima manovra elettorale, fatta per nascondere sotto il tappeto l’immensa mole di polvere dei conti
Continua
 

ELEZIONI NELLA REPUBBLICA CECA IL 20 E 21 OTTOBRE: FAVORITO ANDREJ BABIS, CONTRARIO ALL'EURO, AI

ELEZIONI NELLA REPUBBLICA CECA IL 20 E 21 OTTOBRE: FAVORITO ANDREJ BABIS, CONTRARIO ALL'EURO, AI MIGRANTI E ALL'ISLAM
mercoledì 4 ottobre 2017
LONDRA - I sinistri di casa stanno ancora rosicando per il grande successo avuto da AfD la scorsa settimana in Germania ma purtroppo per loro il vento dell'euroscetticismo soffia ancora molto forte e tra qualche settimana un'altra novita' di rilievo potrebbe venire dalla Repubblica Ceca. Infatti,
Continua

''NUOVO GRUPPO DI VISEGRAD BALCANICO'': ROMANIA, BULGARIA, GRECIA E SERBIA UNITE PER FARE MURO

''NUOVO GRUPPO DI VISEGRAD BALCANICO'': ROMANIA, BULGARIA, GRECIA E SERBIA UNITE PER FARE MURO CONTRO IMMIGRAZIONE E ISLAM
mercoledì 4 ottobre 2017
E' nato un nuovo "blocco balcanico" di stati che - nel silenzio assoluto delle istituzioni Ue e dell'informazione europea filo-Ue - si sono alleati contro l'invasione di clandestini e le minacce islamiche e per rivendicare un ruolo di peso nella Ue, oppure pronti a staccarsi dalla Ue. "La Romania,
Continua
 

SVIZZERA: VIETATO FINANZIAMENTO MOSCHEE E CENTRI ISLAMICI CON FONDI DALL'ESTERO E OBBLIGO USO

SVIZZERA: VIETATO FINANZIAMENTO MOSCHEE E CENTRI ISLAMICI CON FONDI DALL'ESTERO E OBBLIGO USO FRANCESE TEDESCO ITALIANO
mercoledì 27 settembre 2017
LONDRA - Qualche anno fa, tantissimi sinistroidi - specialmente quelli italiani - hanno criticato la Svizzera per il fatto che abbia permesso un referendum sul divieto di costruire minareti sulle moschee, ma la maggioranza degli svizzeri non si e' fatta intimidire e ha votato a favore di questa
Continua

IL 15 OTTOBRE SI VOTA IN AUSTRIA, SI VA VERSO UNA MAGGIORANZA CENTRO-DESTRA CON DESTRA NAZIONALISTA

IL 15 OTTOBRE SI VOTA IN AUSTRIA, SI VA VERSO UNA MAGGIORANZA CENTRO-DESTRA CON DESTRA NAZIONALISTA DI CHRISTIAN STRACHE
mercoledì 27 settembre 2017
VIENNA - Gli austriaci tornano alle urne il prossimo 15 ottobre per rinnovare entrambe le camere del Parlamento, il Nationalrat e il Bundesrat, con un anticipo di un anno sulla naturale fine della legislatura, dato il fatto che i due partiti che formano la "grande coalizione", popolari e
Continua
 

GRANDE STAMPA TEDESCA ED EUROPEA CRITICANO LA MERKEL E NON ATTACCANO LA NUOVA DESTRA DI AFD: HA

GRANDE STAMPA TEDESCA ED EUROPEA CRITICANO LA MERKEL E NON ATTACCANO LA NUOVA DESTRA DI AFD: HA VINTO DEMOCRATICAMENTE
lunedì 25 settembre 2017
BERLINO - Mentre in Italia la sinistra e il Pd guardano con spavento al clamoroso successo della nuova destra di AfD in Germania sventolando lo spauracchio di un ritorno del "nazismo", stupidaggine clamorosa ovviamente, la stampa tedesca ed europea invece analizzano il risultato elettorale con
Continua

AFD HA PORTATO A VOTARE 1,2 MILIONI DI ELETTORI CHE NEL 2013 AVEVANO DISERTATO LE URNE: QUESTA, LA

AFD HA PORTATO A VOTARE 1,2 MILIONI DI ELETTORI CHE NEL 2013 AVEVANO DISERTATO LE URNE: QUESTA, LA BASE DEL SUCCESSO
lunedì 25 settembre 2017
Chi ha votato per la nuova destra tedesca? Come leggere il voto di ieri in Germania che ha punito pesantemente la "Groko", la Grande Coalizione tra Cdu e Spd al governo e premiato il voto di protesta in favore della destra di Alternative fuer Deutschland? Lanalisi dei flussi elettorali è
Continua
 

IL PRESIDENTE TRUMP ALL'ONU: ''GLI STATI-NAZIONE RESTANO IL VEICOLO MIGLIORE PER L'ELEVAZIONE DELLA

IL PRESIDENTE TRUMP ALL'ONU: ''GLI STATI-NAZIONE RESTANO IL VEICOLO MIGLIORE PER L'ELEVAZIONE DELLA CONDIZIONE UMANA''
mercoledì 20 settembre 2017
NEW YORK - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha minacciato di radere al suolo la Corea del Nord, se quest'ultima dovesse intraprendere azioni offensive contro gli Usa o i loro alleati asiatici. Trump, che ieri sera ha tenuto il suo primo intervento di fronte all'Assemblea generale
Continua
 

 
Editoriali

Italiani, bevetevi un rosatellum...

Le leggi elettorali italiane hanno sempre un tocco culinario. Mattarellum della pasta, porcellum dell'affettato misto, e ora il rosatellum dei beoni. Ogni

Arriva l'onda nazionalista tedesca.

Le elezioni politiche in Germania, parlando dei clamorosi risultati emersi dalle urne, evidenziano innanzitutto quanto sia forte l'allarme della popolazione

Appunti di una sera di mezza estate.

E allora, va tutto bene, giusto? Mps salvata - e a chi frega sia stato fatto con denaro pubblico? A nessun italiano. -  Le banche venete salvate (si fa

TRE PARTITI, STESSA BASE SOCIALE

Più che un rompicapo, la questione alleanze & legge elettorale è una grandissima rottura di coglioni. La situazione non è affatto

LA LEGA VINCE E CONVINCE.

Gli jettatori sono serviti: la Lega di Salvini vince e convince gli elettori italiani, chiamati in quasi dieci milioni alle amministrative di domenica 11

FREGOLA DI RENZI, BANCAROTTA DELL'ITALIA

L'Italia andrebbe a elezioni in ogni caso tra al massimo 8-9 mesi, alla scadenza naturale della legislatura iniziata nel febbraio del 2013, e invece Renzi

Andiamo a cercarli e ammazziamoli tutti.

Il governo Pd ha brindato l'altro giorno alla salute dei 50.000 e passa africani che ha fatto arrivare in Italia da gennaio, al costo - compresi gli altri

Macron sulla tolda del Titanic eurozona

Quando un'azienda fallisce, ci sono solo due possibilità: la prima, che l'imprenditore sia un incapace (trascuro l'ipotesi farabutto), la seconda, che

Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!