47.323.105
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LUGLIO MOSCIO PER LE VACANZE: 2.000.000 DI ITALIANI IN MENO. AGOSTO ANCHE PEGGIO (E SI TAGLIANO LE STELLE DEGLI HOTEL)

sabato 6 luglio 2013

Roma - Quasi 2 milioni di italiani rispetto allo scorso anno rinunciano a partire questo mese di luglio che e' comunque scelto circa di una famiglia su tre in vacanza nell'estate 2013, perche' le scuole sono gia' terminate e si riesce a risparmiare un po' rispetto all'altissima stagione. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti in occasione del primo weekend di luglio che inaugura la stagione delle grandi partenze dopo un mese di giugno segnato dal tempo incerto, sulla base di una indagine Ipr marketing. Quest'estate sono solo quasi 32 milioni gli italiani adulti che si concedono almeno un giorno di vacanza fuori casa anche se con una tendenza al risparmio nella durata e nella distanza delle mete e con la caccia di saldi con le offerte last minute.

Il 32 per cento dei vacanzieri - continua la Coldiretti - sceglie localita' piu' vicine mentre il 25 per cento ha deciso di accorciare la durata ed il 18 per cento partira' in bassa stagione, mentre solo il 34 per cento non intende modificare le proprie abitudini. Tra le spese che si intende tagliare in vacanza per far quadrare i conti ci sono per il 33 per cento quelle dei divertimenti come cinema, parchi giochi, discoteche ma un consistente 25 per cento abbassa il livello qualitativo degli alloggi scelti con - rileva la Coldiretti - la disponibilita' ad accettare una stella in meno o a passare da un albergo alla pensione. La tendenza premia l'agriturismo dove alloggeranno il 9 per cento degli italiani in vacanza perche' garantisce un ottimo rapporto prezzo qualita' e che, proprio per contenere le spese, viene scelto dal 46 per cento degli ospiti attraverso internet su siti come www.terranostra.it o www.campagnamica.it. Solo l'11 per cento dei vacanzieri - prosegue la Coldiretti - e' disposto peraltro a rinunciare all'acquisto di prodotti tipici ed il 10 per cento a tagliare sulla possibilita' di mangiare fuori, con il cibo che si conferma come il vero valore aggiunto della vacanza Made in Italy anche in tempo di crisi.

Piu' della meta' degli italiani in vacanza (51 per cento) ne approfitteranno infatti per mangiare fuori in ristoranti, trattorie, agriturismi e pizzerie mentre solo una minoranza del 7 per cento si affidera' a bar o fast food, ma una percentuale elevata del 32 per cento prevede di cucinare da solo. Per risparmiare - conclude la Coldiretti - quasi 4 italiani su 10 (37 per cento) tornano a mani vuote dalle vacanze a causa delle difficolta' economiche ma chi decide di acquistare un souvenir per ottimizzare le spese sceglie il prodotto agroalimentare tipico del territorio (26 per cento) piuttosto che oggetti artigianali (11 per cento) o gadget, cartoline o magliette (7 per cento).

Agi


LUGLIO MOSCIO PER LE VACANZE: 2.000.000 DI ITALIANI IN MENO. AGOSTO ANCHE PEGGIO (E SI TAGLIANO LE STELLE DEGLI HOTEL)




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BORDELLI CINESI A VERONA PER CLIENTI LOCALI: 14 ARRESTI, 100 CLIENTI IDENTIFICATI (TARIFFE 40 - 120 EURO SENZA IVA...)

BORDELLI CINESI A VERONA PER CLIENTI LOCALI: 14 ARRESTI, 100 CLIENTI IDENTIFICATI (TARIFFE 40 - 120
Continua

 
L'AGENZIA DELLE ENTRATE DENUNCIATA: E' FALSO CHE LO STATO RIPAGA CON LE TASSE I CITTADINI IN SERVIZI! (VEDI 4MLD A MPS)

L'AGENZIA DELLE ENTRATE DENUNCIATA: E' FALSO CHE LO STATO RIPAGA CON LE TASSE I CITTADINI IN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!