42.274.299
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ZANONATO (PER IL GOVERNO): NON SO SE PAGHEREMO I DEBITI DELLO STATO QUEST'ANNO... E POI S'ALLARGA SULLE PROVINCE.

giovedì 4 luglio 2013

Roma - Il Governo e' impegnato a pagare i debiti della Pa il prima possibile ma non e' in grado di promettere che l'intero importo verra' saldato entro il 2013. "Mi piacerebbe tanto", ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, intervenendo a 'Radio Anch'io', "ma non so se si potra' fare. Non e' questione di cattiva volonta'", ha aggiunto, "ma tecnica: abbiamo rimosso gli ostacoli e ora tutte le fonti di spesa devono attivarsi per pagare. Stiamo monitorando". 

"La priorita' per rilanciare la crescita e' abbattere il cuneo fiscale. Per sviluppare l'economia - ha aggiunto - e' necessario allineare le condizioni in cui operano le imprese italiane a quelle di cui godono le imprese europee sotto il profilo fiscale, del credito, del costo dell'energia e delle semplificazioni".

Ma Zanonato a tutto tondo parla anche della Consulta: "Per abolire le Province c'e' un cambio di costituzione da attuare, non so se si puo' farlo senza i tempi previsti dalla Costituzione stessa" - ha detto dopo la bocciatura della Consulta della riforma delle Province contenuta nel decreto Salva Italia del governo Monti e il loro riordino.

Zanonato non vuole comunque fare polemica con il precedente esecutivo: ''non so se aveva percepito che fossero possibili cose che richiedevano tempi piu' lunghi''. Piu' duro ilo giudizio del leader della Cisl Raffaele Bonanni secondo cui ''il ceto politico non vuole modificare nulla e vuole mantenere lo stesso presepe di sempre. E' chiaro che c'e' tentativo di traccheggiare di non fare nulla''.

Redazione Milano


ZANONATO (PER IL GOVERNO): NON SO SE PAGHEREMO I DEBITI DELLO STATO QUEST'ANNO... E POI S'ALLARGA SULLE PROVINCE.




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BONDI E CAPEZZONE - CON 24 ORE DI RITARDO - SI ACCORGONO ANCHE LORO CHE LETTA HA FESTEGGIATO PERCHE' NON HA CAPITO

BONDI E CAPEZZONE - CON 24 ORE DI RITARDO - SI ACCORGONO ANCHE LORO CHE LETTA HA FESTEGGIATO
Continua

 
IL RACCONTO DI UN IMPRENDITORE ITALIANO TRASFERITOSI IN CILE E CHE ''PER SBAGLIO'' HA TROVATO UN CLIENTE ANCHE IN ITALIA.

IL RACCONTO DI UN IMPRENDITORE ITALIANO TRASFERITOSI IN CILE E CHE ''PER SBAGLIO'' HA TROVATO UN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SARDEGNA, LA GIUNTA REGIONALE VA IN PEZZI, TRAVOLTA DAL COLOSSALE

7 dicembre - CAGLIARI - Il Pd si sgretola in Sardegna. ''L'assessora regionale
Continua

IL TESORO SBUGIARDA (BUFALA) DELLA STAMPA DI TORINO: NIENTE FONDO

7 dicembre - ''Smentiamo che sia in preparazione una richiesta di prestiti al Fondo
Continua

LA LEGA CHIEDE UFFICIALMENTE CHE LA CORTE COSTITUZIONALE ANTICIPI

6 dicembre - ROMA - PARLAMENTO - La Lega - riunita con il segretario Matteo Salvini -
Continua

RENZI HA NOMINATO LA COMANDANTE DEI VIGILI DI FIRENZE ''CONSIGLIERE

6 dicembre - Nonostante il crollo del governo, ha una sorta di assicurazione a vita
Continua

CORTE COSTITUZIONALE: UDIENZA SU ITALICUM IL 24 GENNAIO (ADDIO

6 dicembre - La Corte costituzionale ha fissato per l'udienza del 24 gennaio 2017 la
Continua

SALVINI: ANDIAMO A COSTRUIRE UNA GRANDE ALLEANZA PER SCONFIGGERE

6 dicembre - ''Con Forza Italia ci sono stati contatti positivi. Noi andiamo a
Continua

''EFFETTO SCHIANTO RENZI'' COME ''EFFETTO BREXIT'': LA BORSA VOLA,

6 dicembre - MILANO - BORSA - Ora si può parlare apertamente di ''effetto Renzi''
Continua

LO SPREAD NON CRESCE, AL CONTRARIO CROLLA: OGGI A 158 PUNTI (1,92%)

6 dicembre - Altro sbugiardamento delle ''fosche previsioni'' dei soliti ''analisti''
Continua

LA MERKEL: ANCHE IN PROFUGHI VERRANNO RISPEDITI A CASA LORO (IN

6 dicembre - BERLINO - ''Non tutti'' i profughi entrati in Germania potranno
Continua

PROPOSTA M5S: APPLICHIAMO L'ITALICUM ANCHE AL SENATO E POI SUBITO

5 dicembre - ''Ora ci troviamo con due leggi elettorali tra Camera e Senato molto
Continua
Precedenti »