67.621.866
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DAGOSPIA HA DATO MOLTO FASTIDIO IERI CON L'INCHIESTA SU DRAGHI E DERIVATI (CHE ABBIAMO RIPRESO) E OGGI E' OFF LINE

giovedì 27 giugno 2013

Milano - Dagospia è "pericoloso" secondo Google: "Solo perché diamo notizie scomode"  Dalle otto di sera del 26 giugno, il popolare sito di Roberto D'Agostino è marchiato come "pericoloso" da Google. "Molto probabilmente, qualcuno non ha gradito un articolo (uno in particolare) pubblicato ieri, e ha coordinato una serie di segnalazioni", dicono D'Agostino e i suoi. 

"Dagospia è un sito pericoloso, che distribuisce malware". Dalle otto di sera del 26 giugno, il popolare sito di Roberto D'Agostino è marchiato come «malevolo» dai firewall e dagli antivirus di Google, il più noto motore di ricerca. Da Dagospia reagiscono con malcelata rabbia: "Eppure se ieri si cliccava "perché questo sito è ritenuto dannoso" si leggeva che sul sito non era "mai stato trovato contenuto sospetto nel corso degli ultimi giorni", e che da "0 pagine è stato scaricato materiale dannoso senza l'autorizzazione dell'utente". Il che vuol dire che qualcuno aveva segnalato Dagospia, ma che Google non aveva riscontrato nulla. 

Nella mattina di giovedì il problema non è stato ancora risolto. Il sito continua a "non aver ospitato malware negli ultimi 90 giorni", dicono da Dagospia. "Dai controlli sui server e con gli antivirus non risultano software dannosi. Molto probabilmente, qualcuno non ha gradito un articolo (uno in particolare) pubblicato ieri, e ha coordinato una serie di "segnalazioni" contro Dagospia, affinché Google lo bloccasse a scopo cautelativo"  "Navigare sul sito non è rischioso. Purtroppo, è rischioso scrivere notizie scomode" chiosano D'Agostino e i suoi. 

Redazione Milano. 



DAGOSPIA HA DATO MOLTO FASTIDIO IERI CON L'INCHIESTA SU DRAGHI E DERIVATI (CHE ABBIAMO RIPRESO) E OGGI E' OFF LINE




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA CORTE DEI CONTI FA A PEZZI MONTI: LE SUE MANOVRA NEL 2012 NON HANNO DATO I RISULTATI CHE DICEVA.  (IL BALLISTA)

LA CORTE DEI CONTI FA A PEZZI MONTI: LE SUE MANOVRA NEL 2012 NON HANNO DATO I RISULTATI CHE DICEVA.
Continua

 
EMILIA ROMAGNA IN MANO ALLA SINISTRA DA 60 ANNI E' DEVASTATA: CHILOMETRI DI COSTE CEMENTIFICATE (DAI PALAZZINARI ROSSI)

EMILIA ROMAGNA IN MANO ALLA SINISTRA DA 60 ANNI E' DEVASTATA: CHILOMETRI DI COSTE CEMENTIFICATE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »