45.047.307
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL PORTOGALLO SI RIBELLA: SCIOPERO GENERALE CONTRO IL GOVERNO SERVO DELLA TROIKA (ASSASSINA) UE-BCE-FMI

giovedì 27 giugno 2013

Lisbona - Quarto sciopero generale, oggi in Portogallo, contro i tagli e le politiche di austerita' realizzati negli ultimi due anni dal governo conservatore di Pedro Passos Coelho. Lo sciopero e' stato indetto dai due principali sindacati del Paese, la Cgtp e la Ugt, che tuttavia sfileranno in due cortei separati oggi a Lisbona.

Paralizzati i trasporti e la gran parte dei servizi pubblici, inclusi i tribunali, mentre gli ospedali garantiranno solo i servizi di urgenza. I sindacati auspicano un'adesione alla protesta dei lavoratori del settore privato superiore a quella delle ultime astensioni generali dal lavoro.

''Basta politiche di austerita', basta castigare un paese e violentare la gente che vi abita'', ha segnalato in dichiarazioni citate dai media il segretario generale della Ugt, Carlos Silva. Nonostante quattro giornate di sciopero generale, nei due anni in cui governa con la maggioranza assoluta, l'esecutivo del premier Pedro Passos Coelho non ha cambiato la politica di tagli della spesa pubblica, concordata con la troika (Commissione Europea, Fondo monetario Internazionale e Banca centrale europea) in cambio del salvataggio finanziario da 78 miliardi ricevuto.

Sforzi e sacrifici dei portoghesi non sono finora serviti a vedere la luce alla fine del tunnel della crisi.

Gli interessi sul debito portoghese, i bond a 10 anni, sul mercato secondario continuano in aumento ed hanno superato negli ultimi giorni il 7%. D'altra parte l'Unione Europea, in un rapporto relativo all'ultima visita della Troika, reso pubblico ieri, reclama al governo lusitano di ''accelerare le riforme'' incluse nel piano promesso da Passo Coelho per risparmiare 4,7 miliardi di euro in tre anni. Ieri in Parlamento il primo ministro ha ribadito che il governo non ha alternative alla politica di sacrifici e tagli e si e' detto convinto che la cosa migliore, per il Paese, e' pagare quanto prima e nei termini concordati gli interessi degli aiuti europei, per sgombrare il campo dallo spettro di un secondo salvataggio economico. ''Il paese non sta per scioperi, ma per il lavoro e il rigore'', ha detto Passos Coelho, pur riconoscendo che quello allo sciopero e' un diritto inalienabile dei cittadini. 


IL PORTOGALLO SI RIBELLA: SCIOPERO GENERALE CONTRO IL GOVERNO SERVO DELLA TROIKA (ASSASSINA) UE-BCE-FMI




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SCIOPERO IN GRECIA DEGLI IMPIEGATI DEL FISCO: ADDIO DICHIARAZIONI DEI REDDITI (TERMINE ULTIMO SCADE IN CONCOMITANZA...)

SCIOPERO IN GRECIA DEGLI IMPIEGATI DEL FISCO: ADDIO DICHIARAZIONI DEI REDDITI (TERMINE ULTIMO SCADE
Continua

 
STANDARD & POOR'S AFFONDA L'ITALIA (MA E' GIA' AFFONDATA) - LA RECESSIONE CONTINUERA' NEI PROSSIMI TRIMESTRI (ANNI) DICE

STANDARD & POOR'S AFFONDA L'ITALIA (MA E' GIA' AFFONDATA) - LA RECESSIONE CONTINUERA' NEI PROSSIMI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!