43.308.834
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ADUSBEF / UN TERZO DEI MUTUI DELLE BANCHE ITALIANE SONO USURAI E VANNO ANNULLATI CON PAGAMENTO DANNI AI CONTRAENTI

martedì 25 giugno 2013

Milano - A causa della crisi e dei tassi di interesse ''piu' elevati'' il 7,7% delle famiglie italiane, 254.000, non ce la fa piu' a pagare le rate dei mutui. E' il calcolo che giunge da Adusbef-Federconsumatori sulla base dei dati Bce riferiti ad aprile 2013.

Nel 2010 le famiglie in difficolta' con le rate erano pari al 5% (stime Bankitalia), rilevano le associazioni in una nota. I 3,3 milioni di mutui riferiti ad aprile 2013, secondo le elaborazioni Adusbef su dati Bce, hanno una consistenza di 364,183 miliardi di euro.

''I tassi di interesse - si legge nella nota - a conferma della voracita' delle banche italiane nell'imporre tassi sui mutui pari al 4,46% in media in Italia, contro il 3,34 della media Ue, con un differenziale di 112 punti base, costringono un italiano che ha contratto un mutuo di 100mila euro a 30 anni, a pagare una rata mensile di 64 euro piu' alta (768 euro in piu' all'anno) del mutuatario di Eurolandia, con un pizzo di 23.040 euro in piu' a conclusione del contratto di mutuo, rispetto ad un cittadino dell'area Euro''.

Nella nota le associazioni ricordano che ''quando il tasso di mora, le penali e le varie spese, tutte messe insieme superano il tasso soglia, stabilito dalla legge antiusura 108/96, anche i mutui diventano usurari e possono essere annullati con le relative procedure giudiziali''. Secondo Adusbef-Federconsumatori ''una quota del 33%'' dei 3,3 milioni di mutui, ''pari a 1,1 milioni, - spiegano le associazioni dei consumatori - eccede il tasso soglia della legge antiusura 108/96 e sono annullabili per usura''.  (AdnKronos)


ADUSBEF / UN TERZO DEI MUTUI DELLE BANCHE ITALIANE SONO USURAI E VANNO ANNULLATI CON PAGAMENTO DANNI AI CONTRAENTI




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PROTESTA ESTREMA A MILANO: INFERMIERI SALGONO SULLA TORRE DELL'OSPEDALE FATEBENEFRATELLI. NO ALLA CHIUSURA DI REPARTI

PROTESTA ESTREMA A MILANO: INFERMIERI SALGONO SULLA TORRE DELL'OSPEDALE FATEBENEFRATELLI. NO ALLA
Continua

 
BOSSI: ''BERLUSCONI NON E' UNA CATTIVA PERSONA COME L'HANNO PRESENTATO I GIUDICI, POVERACCIO...''

BOSSI: ''BERLUSCONI NON E' UNA CATTIVA PERSONA COME L'HANNO PRESENTATO I GIUDICI, POVERACCIO...''


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua
Precedenti »