89.391.881
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PER PROVARE A USCIRE DALLA CRISI, VA ABBATTUTA LA BUROCRAZIA (SIGNIFICA QUALCHE MILIONE DI IMPIEGATI PUBBLICI IN MENO)

martedì 18 giugno 2013

Milano - Negli ultimi 600 giorni, 530 dei quali governati da Monti, il numero delle imprese è calato dell’uno per cento, il Pil è diminuito del 3,4 per cento, il credito al sistema produttivo ha subito una flessione di 65 miliardi, il debito pubblico è aumentato di 122 miliardi, la pressione fiscale è cresciuta dell’ 1,8 per cento, la disoccupazione giovanile si è ingigantita dell’ 8,5 per cento. Il numero delle persone senza lavoro è lievitato di 728 mila unità. La pressione fiscale sulle imprese risulta ben più elevata di quella per le famiglie: è arrivata al 68,3 per cento. Misura che vale il primato europeo e la quindicesima piazza mondiale. In Francia, dove pure non scherzano, il total tax rate sulle imprese è del 65,7 per cento. Ma in Germania scende al 46,8 per cento, per calare ancora in Spagna al 38,7 e planare nel Regno Unito al 35,5 per cento. 

Da quando è cominciata la precedente legislatura, nella primavera del 2008, sono state varate qualcosa come 288 norme fiscali che hanno avuto come conseguenza quella di complicare la vita alle imprese. E’ un numero pari al 58,7 per cento di tutte le disposizioni di natura tributaria (491) introdotte attraverso 29 differenti provvedimenti. Oltre quattro volte superiore a quello delle 67 «semplificazioni» fatte nello stesso periodo: ogni norma approvata per snellire la burocrazia ne ha quindi portate con sé 4,3 capaci di riversare altra sabbia negli ingranaggi. Il costo della burocrazia per le imprese ammonta a “61 miliardi di euro: se riuscissimo a ridurlo del 25% avremo un aumento del pil dell’1,7%”.

Questi sono i fatti.

Adesso, passiamo alle considerazioni:

1. La morte di un parente, di un amico o di un conoscente è un evento drammatico vissuto con grande intensità. L’annuncio che cinquemila persone sono perite in un qualche catastrofico evento naturale é invece percepito come un dato statistico: asettico, da sommarsi ai precedenti, senza alcuna partecipazione affettiva. Similmente, la chiusura della ditta ove si lavora e la relativa lettera di licenziamento é un terribile dramma personale e famigliare. Leggere che il numero delle persone senza lavoro è salito di 728mila unità é percepito come in dato statistico: in modo freddo e distaccato, specie da parte di chi abbia un posto fisso ed inamovibile.

2. Si fa un gran parlare di sviluppo e di necessità di privilegiare il problema del lavoro. Posizione corretta e giusta. Tuttavia occorrerebbe ricordarsi che i posti di lavoro sono generati da aziende che abbiano bilanci in arrivo, ossia guadagnino. Ma il guadagno è eguale alla somme delle entrate meno la somme delle uscite. Certamente la qualità del management é fondamentale, ma nessuno può difendersi da spese fisse destruenti.

3. Con una pressione fiscale che raggiunge il 68.3% é impossibile competere con le aziende tedesche (46.8%), spagnole (38.7%) oppure inglesi (38.7%). É un gap incolmabile.

4. A ciò si aggiunga la complicatezza di una burocrazia spietata peggio degli aguzzini sulle galere, il cui costo ammonterebbe a 61 miliardi. Denari spesi inutilmente: con la burocrazia italiana il facile é reso difficile attraverso l’inutile.

5. Non da ultimo, la prolificità del Parlamento italiano é terrificante: 288 nuovi provvedimenti in cinque anni: circa uno alla settimana. In pratica, ogni azienda deve sobbarcarsi i costi di adeguarsi alle nuove norme ogni settimana che la Provvidenza manda. É la pacchia per la Guardia di Finanza: si esige che siano applicate norme inapplicabili.

 

E ora, le conclusioni:

Di questi tempi tutte le forze politiche si stanno interrogando su cosa possa e debba fare lo stato. É evidente che il problema è proprio l’opposto. Il problema consiste nel capire che lo stato non deve fare. Deve solo ritirarsi, ed a gambe levate, prima che tutte le aziende muoiano. Deve abbattere in modo radicale le dimensioni e i costi della burocrazia in Italia.

Fonte: Rischio Calcolato


PER PROVARE A USCIRE DALLA CRISI, VA ABBATTUTA LA BUROCRAZIA (SIGNIFICA QUALCHE MILIONE DI IMPIEGATI PUBBLICI IN MENO)




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
OLTRE ALL'IVA, DAL 1° LUGLIO AUMENTA LA BOLLETTA DELLA LUCE (MA IL GOVERNO NON DOVEVA RIDURRE LE TASSE?)

OLTRE ALL'IVA, DAL 1° LUGLIO AUMENTA LA BOLLETTA DELLA LUCE (MA IL GOVERNO NON DOVEVA RIDURRE LE
Continua

 
TOSI (DICE A ZAIA CHE) NON E' D'ACCORDO CON LO IUS SOLI: GLI IMMIGRATI MI CHIEDONO CASA LAVORO SERVIZI NON CITTADINANZA

TOSI (DICE A ZAIA CHE) NON E' D'ACCORDO CON LO IUS SOLI: GLI IMMIGRATI MI CHIEDONO CASA LAVORO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA RUSSIA CHIEDE ALLA UE LA REGISTRAZIONE DEL VACCINO ANTI COVID

20 gennaio - MOSCA - Il Fondo russo per gli investimenti diretti (Rdif) ha presentato
Continua

E' UFFICIALE: L'EUROZONA E' IN DEFLAZIONE, LE NAZIONI UE SENZA EURO

20 gennaio - A dicembre 2020, il tasso di inflazione annuo dell'eurozona si e'
Continua

CONFCOMMERCIO: PIL GENNAIO 2021 -0,8% E -10,7% DA GENNAIO 2020

19 gennaio - Confcommercio stima per gennaio un calo congiunturale del Pil, al netto
Continua

UDC: NO UNANIME ALLA FIDUCIA A CONTE AL SENATO

18 gennaio - ''La segreteria nazionale Udc, che si e' riunita nel pomeriggio, alla
Continua

AL CENTRODESTRA NON FU PERMESSO DA MATTARELLA FORMARE UN GOVERNO DI

18 gennaio - “Governo di minoranza accettabile? No, nel 2018 non fu permesso a
Continua

VERTICE DEL CENTRODESTRA ALLA CAMERA

18 gennaio - E' in corso a Montecitorio, il vertice del centrodestra per fare il
Continua

MATTEO SALVINI: ''CREDONO DI RISOLVERE QUESTA CRISI AFFIDANDOSI A

18 gennaio - Matteo Salvini: ''Renzi l'ha fatto nascere questo governo e adesso dopo
Continua

NEL 2020 ITALIA IN DEFLAZIONE E' LA TERZA VOLTA DAL 1954 (ALTRE DUE

18 gennaio - ''Nel 2020, la diminuzione dei prezzi al consumo in media d'anno (-0,2%)
Continua

TOTI: SE INVECE DEL CSX FOSSE STATO IL CDX A COMPORTARSI COSI' COME

18 gennaio - ''Vorrei capire cosa sarebbe successo se il centrodestra avesse dato
Continua

ARRIVA SAVIANO E PIERLUIGI BATTISTA LASCIA IL CORRIERE DELLA SERA

18 gennaio - ''Qui cane Enzo sta cercando le parole per dirci che si, dal 31 gennaio
Continua

SALVINI: SE CONTE NON HA IN NUMERI, DUE STRADE: VOTO O GOVERNO DI

18 gennaio - ''Oggi il problema per molte famiglie e' la salute con i vaccini che
Continua

FRANCESCHINI: ''NON BISOGNA VERGOGNARSI DI CERCARE VOTI IN AULA''

14 gennaio - ''In questa legislatura sono nati due governi tra avversari alle
Continua

CENTRODESTRA UNITO: CONTE VENGA IN PARLAMENTO E PRENDA ATTO DELLA

14 gennaio - ''Non c'e' piu' tempo per tatticismi o giochi di potere: il centrodestra
Continua

BERLUSCONI IN OSPEDALE NEL PRINCIPATO DI MONACO, CONDIZIONI SERIE.

14 gennaio - MILANO - E' stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio
Continua

NUOVO ESSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, GUIDO GUIDESI: RILANCIAMO

14 gennaio - MILANO - ''Dalla prossima settimana mi confronterò con tutti i
Continua

ZINGARETTI: ''IMPOSSIBILE QUALSIASI GOVERNO CON ITALIA VIVA,

14 gennaio - ''C'è un dato che non può essere cancellato dalle nostre analisi. Ed
Continua

IL PD HA DECISO CONTE DEVE VENIRE IN PARLAMENTO: VOTO DI FIDUCIA O

14 gennaio - MONTECITORIO - ''Come gruppo dei democratici vogliamo che la crisi venga
Continua

PD: ''I COSIDDETTI RESPONSABILI NON CI SONO, RISCHIO CONCRETO

14 gennaio - ''I cosiddetti responsabili non ci sono, la maggioranza dopo lo strappo
Continua

MATTEO SALVINI: ''L'UNICA STRADA SONO LE ELEZIONI''

14 gennaio - ''O trovano una nuova maggioranza, affidandosi ai Mastella, oppure la
Continua

FRATELLI D'ITALIA: ''CONTE RIMETTA IL MANDATO E SI VOTI''.

14 gennaio - ''L'atto conclusivo di questa esperienza fallimentare del governo Conte
Continua
Precedenti »