74.229.642
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ZITTA ZITTA, LA UE HA PREPARATO LA ''DIRETTIVA'' PER RAPINARE I DEPOSITI BANCARI DEI CITTADINI EUROPEI (TUTTI INCLUSI)

lunedì 17 giugno 2013

Voci autorevoli della comunità finanziaria si sono unite recentemente ai nostri avvertimenti sull'imminente scoppio del sistema in una forma più violenta del 2007-2008. Si stima che il volume dei contratti derivati aperti sia tra i 700 e i 1400 trilioni di dollari.

Ma coloro che hanno creato quel debito, le grandi banche, hanno scritto la direttiva UE che permetterà loro di rubare i soldi dei risparmiatori per pagarlo. Si tratta del sistema chiamato "bail-in", o "modello cipriota". Il Parlamento Europeo ne discute da tempo, e l'Ecofin ha iniziato ad esaminarla all'ultima riunione. Negli Stati Uniti lo schema fa parte della legge Dodd-Frank, e in Canada e Svizzera è già legge.

Sotto la direttiva UE nel caso di un fallimento bancario i depositi superiori a 100 mila euro saranno usati per pagare i creditori della banca. In realtà, nessun deposito è sicuro, nemmeno quelli al di sotto della soglia. Il sistema di bail-in funziona come un sifone: da una parte ci sono gli azionisti e i risparmiatori (equiparati agli azionisti) e dall'altra c'è la bolla dei derivati. Il sifone aspira in una sola situazione, dai primi ai secondi. L'entità del prelievo dipende dalla massa dei debiti.

Poiché la direttiva UE, trasmessa dalla Commissione al Parlamento e al Consiglio il 6 giugno 2012, esclude esplicitamente i derivati dal bail-in, l'importo finale è open-ended. Questo, perché la direttiva è stata scritta dall'International Swaps and Derivatives Association (ISDA), della quale fanno parte tutte le maggiori banche che speculano in derivati. Nel 2011, l'ISDA emise una raccomandazione accolta dalla Commissione, che l'ha annessa al testo della direttiva. L'argomentazione dell'ISDA è la seguente: "La difficoltà di applicare il bail-in alle transazioni derivate aperte aumenta col numero e la diversità dei titoli sottostanti e dei valori di riferimento nel portafoglio derivati (compresi i tassi, i prezzi e gli indici relativi ai tassi d'interesse, al tasso di cambio, alle azioni, alle cartolarizzazioni, al rischio di credito, ai prodotti energetici e altre commodities, all'oro, ai certificati di emissione, all'inflazione e altre statistiche economiche, dati atmosferici, tariffe di trasporto, larghezza della banda, longevità e così via)".

In altre parole, poiché questi strumenti sono complicati, i cittadini devono essere espropriati! Un tempo ci fu la Commissione Pecora che mandò i banksters dietro le sbarre, e oggi sono i banksters a dettare le riforme bancarie. Poiché i soldi dei cittadini sono inclusi nel bail-in (verranno usati per pagare i creditori) e i derivati non sono inclusi, i possessori dei contratti derivati diventano i creditori, e non ci si fermerà certo alla soglia dei 100 mila euro. Infatti, la situazione è talmente instabile che un crollo bancario di grandi dimensioni potrebbe accadere in qualsiasi momento e minacciare di buttare giù il sistema. Il crollo del 2007-2008 fu rifinanziato con decine di trilioni di dollari. Il prossimo presenterà un conto talmente salato che i risparmi mondiali non basteranno a pagarlo.

L'ironia è che affermando l'intenzione di confiscare i depositi, l'UE ha già provocato una fuga dei risparmiatori, accelerando il collasso.

Un articolo sul New York Times del 25 maggio conferma che l'industria dei derivati detta anche le regole della legge Dodd-Frank. La rubrica Dealbook del quotidiano newyorkese cita tre casi esemplari in cui le regole sono state scritte rispettivamente dall'ISDA, da Citigroup e da Wells Fargo. Tutti e tre i casi riguardano l'estensione ai derivati delle garanzie per i depositi.

L'attacco ai risparmi dei cittadini è una violazione dei diritti fondamentali protetti dalla costituzione e un atto di tradimento, ha sottolineato LaRouche. Di fatto, l'interesse pubblico o del Bene Comune, presente nella maggior parte delle costituzioni, è stato sostituito con la stabilità finanziaria. È il culmine di un processo iniziato con il famoso discorso di Tony Blair a Chicago sulla globalizzazione (1999). Da allora, su suggerimento di Londra, fu formato il G20, poi il Financial Stability Forum/Board che si è occupato di preparare le regole del bail-in.

I cittadini di tutte le nazioni devono mobilitarsi per fermare questo crimine.

Fonte notizia: Movisol - Movimento Internazionale per i diritti civili


ZITTA ZITTA, LA UE HA PREPARATO LA ''DIRETTIVA'' PER RAPINARE I DEPOSITI BANCARI DEI CITTADINI EUROPEI (TUTTI INCLUSI)




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IN SPAGNA SI CHIAMA BANKIA LA BANCA CHE HA DERUBATO DEL 75% I DEPOSITI E GLI INVESTIMENTI (IN ITALIA SI CHIAMERA' MPS?)

IN SPAGNA SI CHIAMA BANKIA LA BANCA CHE HA DERUBATO DEL 75% I DEPOSITI E GLI INVESTIMENTI (IN
Continua

 
IL GRAFICO DEFINITIVO CHE DIMOSTRA CHI HA PORTATO L'ITALIA AL FALLIMENTO DEI CONTI PUBBLICI: IL RESPONSABILE E' IL SUD.

IL GRAFICO DEFINITIVO CHE DIMOSTRA CHI HA PORTATO L'ITALIA AL FALLIMENTO DEI CONTI PUBBLICI: IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

PIRELLI: DUE DEI TRE STABILIMENTI IN CINA SONO CHIUSI, IL TERZO

19 febbraio - MILANO - L'impatto previsto del Coronavirus sui conti di Pirelli ''al
Continua

LA RUSSIA CHIUDE LE FRONTIERE AI CITTADINI CINESI, NON UNO ESCLUSO.

19 febbraio - PECHINO - ''Non e' un bando totale agli scambi tra persone dei due
Continua

BOLLETTINO DI GUERRA CORONAVIRUS: AD OGGI, 2004 MORTI E 74.000

19 febbraio - Sale a quota 2.004 il bilancio totale dei morti per malattia da nuovo
Continua

INCHIODATA DEL PIL DELLA CINA, FABBRICHE APERTE SONO SOLO IL

19 febbraio - La crescita del Pil in Cina potrebbe frenare a +3,5% nel primo
Continua

LA RUSSIA PREPARA UN PIANO PER RIDURRE DANNI DA BLOCCO FORNITURE

18 febbraio - MOSCA - La Russia sta preparando un piano d'azione per ridurre al minimo
Continua

ANCHE CHANEL CANCELLA LE SFILATE DEL PROSSIMO 21 MAGGIO A PECHINO

18 febbraio - Il CORONAVIRUS non risparmia l'industria della moda. Oltre a Prada, che
Continua

CORONAVIRUS: PRADA RINVIA A DATA DA DESTINARSI LE SFILATE IN

18 febbraio - Anche Prada, dopo la rinuncia di Chanel Metiers d'Art a sfilare a
Continua

GRANDI DIFFICOLTA' PER LE IMPRESE STRANIERE IN CINA: IMPIANTI FERMI

18 febbraio - PECHINO - Le imprese straniere stanno avendo grandi difficolta' nel far
Continua

STUDIO USA: 5.000.000 DI AZIENDE A RISCHIO NEL MONDO PER COLPA DEL

18 febbraio - Il coronavirus potrebbe avere un impatto sull'economia globale e
Continua

SALONE INTERNAZIONALE DELL'AUTO DI PECHINO RINVIATO A DATA DA

18 febbraio - PECHINO - Anche il Beijing auto show, il piu' grande evento dell'anno
Continua

INDICE ZEW PRECIPITA: LA GERMANIA VEDE NERISSIMO, CROLLO GLOBALE

18 febbraio - Brusco calo a febbraio dell'indice Zew, che è l'indice di fiducia delle
Continua

MEGA BOOM DELL'OCCUPAZIONE IN GRAN BRETAGNA GRAZIE ALLA BREXIT

18 febbraio - LONDRA - L'economia britannica ha creato posti di lavoro a un ritmo
Continua

542 MALATI DI CORONAVIRUS SULLA NAVE DA CROCIERA DIAMOND PRINCESS

18 febbraio - Altre 88 persone a bordo della nave da crociera Diamond Princess,
Continua

BENETTON PROVANO A VENDERE AUTOSTRADE PER L'ITALIA (CAUSE

17 febbraio - ''Fonti ben informate e vicine al dossier confermano che la famiglia
Continua

SECONDO IL PD, LA MAGGIORANZA VA ''STABILIZZATA'' ALLARGANDOLA

17 febbraio - ''Il ragionamento di Bettini, alias Zingaretti, secondo cui la
Continua

CINA: GOVERNO DECIDE CHE TUTTI I PEDAGGI NELL'INTERA RETE VIARIA

17 febbraio - PECHINO - Il governo cinese deve essersi reso conto che l'epidemia di
Continua

UN ITALIANO MALATO TRA I PASSEGGERI EVACUATI DALLA DIAMOND PRINCESS

17 febbraio - Un italiano che si trovava a bordo della Diamond Princess, la nave
Continua

EPIDEMIA CORONAVIRUS DILAGA SULLA NAVE DIAMOND PRINCESS: 454 MALATI

17 febbraio - TOKYO - I test hanno accertato altri 99 contagiati sulla nave da
Continua

SALVINI: VOGLIONO CANCELLARE I DECRETI SICUREZZA. PAZZESCO.

17 febbraio - ''Pazzesco. Con tutti i problemi che ci sono in Italia qual e' la loro
Continua

BMW CHIUDE TRE FABBRICHE IN CINA PER COLPA DEL CORONAVIRUS

30 gennaio - Bmw sta chiudendo tre delle sue fabbriche nella città cinese di
Continua
Precedenti »