51.988.131
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DISASTRO IN BORSA A MILANO: -2,63% (MPS -8%) SPREAD IN STRATOSFERA +6,44% A 282 PUNTI. L'EUROPA DELL'EURO STA PER FINIRE

giovedì 6 giugno 2013

Milano - A Piazza Affari sono crollate le banche, con Banca Mps a -8%, Ubi Banca a -6%, Bper e il Banco Popolare in flessione del 5% e Unicredit di oltre il 4,5%. 

L'indice della Borsa ha chiuso a precipizio: -2,63%

Lo spread è schizzato verso l'alto come non accadeva da mesi: +6,44% a 282 punti base.

Motivo del terremoto? Più d'uno: la Bce che ha annunciato il Pil dell'Europa per il 2013 a -0,6%, Draghi che ha a sua volta annunciato che alcune banche europee (si pensa italiane, in verità) devono affrontare nuovi "stress test" perchè nessuno è certo che così come sono possano superare uan crisi di liquidità, inoltre due multinazionali americane finanziarie (Morgan Stalley la principale) hanno detto che Fiat dovrà ricorrere ad aumenti di capitale tra i 2 e 4 miliardi di dollari per acquisire il 100% di Chrysler. Fatto molto pesante, quest'ultimo, per il listino di Milano.

Ma soprattutto: l'Europa dell'euro non funziona. E la resa dei conti è sempre più vicina.

Da parte della Bce, oggi - inoltre - non c'è stato l'atteso taglio dei tassi, rimasti allo 0,50% senza in più voler in alcun modo soccorrere i mercati finanziari in tracollo. Anzi, il contrario: la Bce dev'essere intervenuta nel mercato dei cambi infatti l'euro - paraddossale - è salito a oltre 1,32 contro Usd. Una strategia suicida. La Bce al contrario avrebbe dovuto allentare il cambio, spingendo nelal direzione esattamente opposta.

Domani è un altro giorno, si vedrà. Ma nulla lascia indendere sia finita qui, la discesa all'inferno. 

max parisi


DISASTRO IN BORSA A MILANO: -2,63% (MPS -8%) SPREAD IN STRATOSFERA +6,44% A 282 PUNTI. L'EUROPA DELL'EURO STA PER FINIRE




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ISTAT / FATTURATO IN PICCHIATA PER TUTTI I SETTORI COMMERCIALI: INGROSSO, AUTO, MOTO, COMUNICAZIONE, BAR. UN DISASTRO.

ISTAT / FATTURATO IN PICCHIATA PER TUTTI I SETTORI COMMERCIALI: INGROSSO, AUTO, MOTO,
Continua

 
PER IL MINISTRO DEL GOVERNO LETTA (DI SINISTRA?) MEGLIO UN CACCIA BOMBARDIERE DEGLI ASILI NIDO PER L'INFANZIA

PER IL MINISTRO DEL GOVERNO LETTA (DI SINISTRA?) MEGLIO UN CACCIA BOMBARDIERE DEGLI ASILI NIDO PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

INPS, DATI ORRIBILI: 76% DEGLI ASSUNTI NEL 2017 HA UN POSTO DI

21 settembre - In Italia ''si registra un'ulteriore compressione dell'incidenza dei
Continua

LA BCE SCHIANTA IL GOVERNO PD SUL LAVORO: CALO DISOCCUPAZIONE NON

21 settembre - FRANCOFORTE - Il giudizio è tranciante e di sicuro non farà piacere al
Continua

STRANIERO CERCA DI VIOLENTARE UNA RAGAZZA IERI IERI SERA A MILANO

21 settembre - MILANO - Un romeno di 31 anni con numerosi precedenti, tra cui una
Continua

PORTUALI DI BARCELLONA RIFIUTANO SERVIZI A NAVI DELLA POLIZIA:

21 settembre - BARCELLONA - I lavoratori portuali di Barcellona hanno deciso di non
Continua

MATTEO SALVINI: ''TOTALE SOLIDARIETA' AI 14 ARRESTATI IN CATALOGNA.

20 settembre - ''Totale solidarieta' ai 14 cittadini arrestati in Catalogna dal governo
Continua

RESISTENZA PER LE VIE DI BARCELLONA: MIGLIAIA DI PERSONE OCCUPANO

20 settembre - BARCELLONA - Migliaia di persone sono scese in piazza a Barcellona per
Continua

APPELLO ALLA RESISTENZA DEL PRESIDENTE DELLA CATALOGNA CONTRO IL

20 settembre - BARCELLONA - Appello alla resistenza del presidente della Catalogna
Continua

GUARDIA CIVIL OCCUPA SEDI DEL GOVERNO CATALANO, FOLLA IN PIAZZA

20 settembre - BARCELLONA - Sono almeno dieci le persone arrestate - 12 dicono fonti
Continua

SPAGNA PRECIPITA NELLA DITTATURA: ARRESTATI 12 MEMBRI DEL GOVERNO

20 settembre - BARCELLONA - Arriva la notizia che la Guardia Civil spagnola ha
Continua

IL PRESIDENTE DELLA CATALOGNA CONVOCA D'URGENZA TUTTI I MINISTRI

20 settembre - BARCELLONA - Il presidente catalano Carles Puigdemont ha convocato una
Continua
Precedenti »