55.029.252
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FUGA DAI GIORNALI: 3.600.000 LETTORI (CHE COMPRAVANO I QUOTIDIANI) IN MENO DAL 2012. MA NON E' DETTO C'ENTRI LA CRISI...

mercoledì 5 giugno 2013

Roma  - Per la prima volta, nel 2012, diminuiscono i lettori dei giornali. Fino al 2011, a fronte di vendite in calo si registrava una crescita o una sostanziale tenuta della lettura: la crisi induceva a risparmiare sull'acquisto del giornale, ma la gente non rinunciava a leggerlo in qualche modo.

L'ultima rilevazione (Audipress 2013/I) indica in 21,005 milioni le persone che ogni giorno leggono un quotidiano, con una diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2012 del 14,8% corrispondente a 3,663 milioni di lettori. E' quanto emerge dallo studio Fieg 'La stampa in Italia'. Parallelamente, l'indice di penetrazione e' calato dal 46,8% al 40,7%: in un solo anno sei persone ogni cento che leggevano un quotidiano non lo leggono piu'.

La riduzione del numero dei lettori si e' progressivamente accentuata. Nella prima rilevazione del 2012 si e' registrato un calo dell'1,0% rispetto alla precedente rilevazione, nella seconda il calo e' stato del 3,8%, nella terza del 5,1%; nella prima rilevazione del 2013 il calo registrato e' stato del 6,7% rispetto all'ultima rilevazione del 2012.

Redazione Milano


FUGA DAI GIORNALI: 3.600.000 LETTORI (CHE COMPRAVANO I QUOTIDIANI) IN MENO DAL 2012. MA NON E' DETTO C'ENTRI LA CRISI...




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
APPROFONDIMENTO / L’INIZIO DELLA FINE. COME E PERCHE' L'OCCIDENTE HA IMBOCCATO LA VIA DELL'AUTODISTRUZIONE.

APPROFONDIMENTO / L’INIZIO DELLA FINE. COME E PERCHE' L'OCCIDENTE HA IMBOCCATO LA VIA
Continua

 
ECCO IL REDDITOMETRO CHE STA PER ENTRARE IN AZIONE: GLI ITALIANI SPIATI ANCHE DENTRO LE MUTANDE. LEGGERE PER CREDERE

ECCO IL REDDITOMETRO CHE STA PER ENTRARE IN AZIONE: GLI ITALIANI SPIATI ANCHE DENTRO LE MUTANDE.
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!