76.629.438
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA SITUAZIONE DELLA CINA E' MOLTO PIU' GRAVE DI QUANTO VENGA RACCONTATO DAI MEDIA IL VIRUS STA UCCIDENDO L'ECONOMIA

martedì 18 febbraio 2020

L'epidemia causata dal nuovo ceppo di coronavirus Covid-19, originata nella Cina centrale e poi diffusasi a livello internazionale, ha posto la diplomazia di Pechino in una situazione di stress senza precedenti: il timore legato ad uno scenario di pandemia globale, alimentato dagli appelli via via piu' categorici dell'Organizzazione mondiale della sanita' (Oms), spingono sempre piu' paesi a troncare i collegamenti aerei, e a bloccare i flussi transfrontalieri di persone e merci con la prima economia asiatica. La Cina ha tentato di arginare questo processo di progressivo isolamento presentando la crisi come un test di fiducia e amicizia, specie nei confronti dei governi amici e dei numerosi paesi direttamente interessati dall'ambizioso progetto della nuova Via della seta.

Ogni misura di isolamento adottata nei confronti della Cina implica una bocciatura delle pur draconiane misure di contenimento e quarantena adottate dalle autorita' di quel paese, nonostante ad oggi pochi governi - primo tra tutti quello degli Stati Uniti - si siano permessi di mettere apertamente in discussione il tempismo della risposta cinese alla crisi sanitaria, e l'attendibilita' delle informazioni diffuse da Pechino. Ancor piu' preoccupanti, per la Cina, sono le implicazioni macroeconomiche dell'epidemia: la crisi sanitaria, e i danni gia' arrecati da quest'ultima alle catene di fornitura internazionali, hanno esposto infatti i limiti di una eccessiva dipendenza economica dalla prima economia asiatica, specie per le economie limitrofe del Sud-est asiatico.

Nelle scorse settimane il presidente cinese, Xi Jinping, ha assicurato ai leader mondiali che il suo governo non risparmiera' alcuno sforzo nella "guerra popolare" contro l'epidemia, che in Cina ha gia' causato oltre 1.800 vittime e 72 mila contagi. Il ministro degli Esteri, Wang Yi, ha tentato frattanto di diffondere un messaggio di calma e fiducia ai suoi omologhi e ad alti funzionari di almeno venti paesi nell'arco delle ultime settimane. Pechino insiste nel definire qualunque misura di blocco del traffico aereo ed evacuazione di cittadini stranieri come eccessiva, allarmistica e in ultima analisi ostile alla Cina: il portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying, ha ammonito gli interlocutori e i partner della Cina che "la vera amicizia emerge nelle avversita'". In linea di massima, questi ed altri appelli analoghi sembrano non aver sortito gli effetti sperati: le maggiori compagnie aeree degli Stati Uniti hanno gia' sospeso i collegamenti con la Cina, e altrettanto hanno fatto nei giorni scorsi le compagnie di bandiera di Francia, Regno Unito, Egitto, Qatar, Vietnam e altri paesi, Italia inclusa.

Un numero crescente di nazioni ha deciso di imporre restrizioni all'ingresso di cittadini cinesi o di visitatori internazionali che abbiano fatto precedentemente tappa in Cina: paradossalmente, tali misure sono state varate anche da alcuni tra i paesi che beneficiano maggiormente, in condizioni ordinarie, dell'afflusso di turisti dalla Cina. E' questo il caso, ad esempio, di Giappone e Corea del Sud: i governi di Tokyo e Seul non possono sottrarsi alle pressioni delle rispettive opinioni pubbliche, preoccupate anche dal progressivo aumento dei casi di infezione di cui e' impossibile stabilire l'origine diretta.

Come per lo sfilacciamento delle catene di fornitura internazionali che sta iniziando a causare danni produttivi giganteschi, l'emergenza sanitaria sembra dunque privare Pechino della straordinaria leva diplomatica garantitale sinora dalle relazioni di interdipendenza economica, che i partner della Cina si trovano improvvisamente costretti a rivalutare nelle loro implicazioni meno desiderabili.

Nei giorni scorsi, il ministero degli Esteri cinese ha convocato diplomatici di diverse ambasciate asiatiche e occidentali a Pechino, per contestare le risposte dei rispettivi governi alla crisi all'epidemia. Durante queste ed altre occasioni di confronto, i diplomatici cinesi si sono fatti forti delle linee guida per la risposta politica alla crisi formulate dall'Oms, che nelle scorse settimane si e' spesa moltissimo a sostegno della credibilita' di Pechino e contro il suo isolamento internazionale.

L'Organizzazione si e' espressa con forza contro l'imposizione di restrizioni al traffico internazionale di persone e merci dalla Cina, ma poi i toni d'allarme giunti dall'Oms stessa, il cui direttore ha definito il coronavirus una minaccia globale peggiore del terrorismo, hanno vanificato il messaggio di apertura alla Cina speso nelle scorse settimane, anche al costo di alimentare polemiche in merito all'influenza politica di Pechino su quell'agenzia internazionale.

L'Italia, primo paese europeo ad aderire formalmente al progetto cinese della nuova Via della seta col governo Pd-M5s, e' stata tra i principali destinatari delle pressioni diplomatiche cinesi: la scorsa settimana il viceministro degli Esteri cinese, Qin Gang, ha convocato l'ambasciatore a Pechino, Luca Ferrari, e sollecitato Roma a rivedere la decisione di sospendere tutti i voli diretti tra i due paesi, definita da Qin una reazione eccessiva che "ha causato gravi inconvenienti".

Dopo l'incontro, pero', il governo italiano ha smentito di voler riattivare alcuni voli con la Cina, e altrettanto hanno fatto gran parte degli interlocutori di Pechino.  La lista dei paesi che hanno optato per l'isolamento dalla Cina includono anche tradizionali alleati di Pechino, come la Corea del Nord: Pyongyang ha sigillato il confine con la Cina lo scorso gennaio, e pare essere addirittura ricorso al pugno di ferro contro il contrabbando di merci transfrontaliero, nonostante Pechino sia vitale per la sopravvivenza di Pyongyang sui piani della diplomazia internazionale e della sussistenza economica.

La Russia, altro paese amico della Cina, ha chiuso tutti i valichi di frontiera terrestri e sospeso il regime di esenzione dei visti per i viaggi tra i due paesi, e altrettanto ha fatto il Kazakhstan. L'Iran ha interrotto il traffico aereo, mentre Singapore ha negato il visto d'ingresso a cittadini cinesi e ai visitatori che abbiano recentemente fatto nel paese epicentro dell'epidemia. Il Pakistan ha sospeso brevemente i voli da e per la Cina, ma ha poi rivisto la propria decisione, dopo che il ministero degli Esteri cinese ha pubblicato il resoconto di una conversazione tra i rispettivi ministri degli Esteri, tramite una nota intitolata "Il Pakistan si erge con fermezza al fianco dei fratelli cinesi in questo momento di difficolta'". 

Pechino ha riservato le proprie posizioni piu' dure agli Stati Uniti, con cui e' impegnata sin dallo scorso anno in uno scontro aperto per la supremazia economica, tecnologica e geostrategica. Funzionari cinesi hanno piu' volte accusato Washington di inimicizia e antagonismo per la decisione di chiudere il consolato Usa a Wuhan, e per la decisione di Washington di emettere un allerta di viaggio di massimo livello nei confronti della Cina, affiancando quest'ultima a Siria, Iraq e Afghanistan. Secondo Natasha Kassam, ex diplomatica australiana e ricercatrice del Lowy Institute di Sidney interpellata dal "Wall Street Journal", la diplomazia di Pechino "sta probabilmente rispondendo a quello che percepiscono come un isolamento da parte di governi stranieri", ma i toni piu' accesi puntano soprattutto a "neutralizzare l'opinione pubblica domestica", in ebollizione a causa delle misure di quarantena sempre piu' rigide, e delle gravi conseguenze della crisi, a cominciare dall'impennata dei prezzi dei generi alimentari. 

Il quadro complessivo della situazione in Cina assume connotati sempre più foschi. Le maggiori aziende non hanno ripreso la produzione, le scuole sono tutte chiuse, la logistica dell'esportazione delle merci è ferma. Se queste condizioni sempre più estreme dovessero continuare per mesi, per la Cina sarebbe una catastrofe epocale. E per il resto del mondo un balzo in dietro dell'economia dalle conseguenze imprevedibili, tanto sarebbero gravi.

Redazione Milano


LA SITUAZIONE DELLA CINA E' MOLTO PIU' GRAVE DI QUANTO VENGA RACCONTATO DAI MEDIA IL VIRUS STA UCCIDENDO L'ECONOMIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CORONAVIRUS   CINA   ECONOMIA   ITALIA   EUROPA   USA   ESPORTAZIONI   MALATTIA   GOVERNO   SETA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA STAMPA BRITANNICA RIPORTA LA NOTIZIA CHE IL 65% DEGLI ITALIANI DISPREZZA LA UE. LA STAMPA ITALIANA LA CENSURA

LA STAMPA BRITANNICA RIPORTA LA NOTIZIA CHE IL 65% DEGLI ITALIANI DISPREZZA LA UE. LA STAMPA

lunedì 25 maggio 2020
  LONDRA - Alcuni giorni fa, in molti sono rimasti sorpresi dal fatto che George Soros si sia mostrato preoccupato per il fatto che l'Italia potrebbe presto uscire dall'Unione Europea e come
Continua
 
CI SIAMO: MULTINAZIONALE BRITANNICA ASTRAZENECA PREPARA 400.000.000 DI DOSI DEL VACCINO ANTI COVID. CONSEGNE A SETTEMBRE

CI SIAMO: MULTINAZIONALE BRITANNICA ASTRAZENECA PREPARA 400.000.000 DI DOSI DEL VACCINO ANTI COVID.

giovedì 21 maggio 2020
LONDRA - Ci siamo, il vaccino è pronto e la produzione su scala planetaria è al via. La multinazionale Astrazeneca ha concluso i primi accordi per la produzione di almeno 400 milioni di
Continua
GIAPPONE HA DECISO DI TRASFERIRE IN PATRIA TUTTE LE PRODUZIONI INDUSTRIALI DELOCALIZZATE IN CINA: GLOBALIZZAZIONE ADDIO

GIAPPONE HA DECISO DI TRASFERIRE IN PATRIA TUTTE LE PRODUZIONI INDUSTRIALI DELOCALIZZATE IN CINA:

martedì 12 maggio 2020
La battaglia intrapresa dal Giappone contro il coronavirus ha acceso a Tokyo un campanello d'allarme in merito alla dipendenza del sistema paese dalle catene di fornitura della Cina. Gia' da alcuni
Continua
 
COL GOVERNO CONTE L'ITALIA VA IN ROVINA: HA SOLO PROPOSTO AGLI ITALIANI DI FARE DEBITI IN BANCA E ADESSO VUOLE IL MES

COL GOVERNO CONTE L'ITALIA VA IN ROVINA: HA SOLO PROPOSTO AGLI ITALIANI DI FARE DEBITI IN BANCA E

lunedì 11 maggio 2020
Mentre l’Italia prova a ripartire con la Fase2, riprendiamo i nostri interventi e lo facciamo analizzando cosa ha fatto o meglio, cosa non ha fatto il governo pentapiddino per tenere a galla
Continua
IL 70% DELLE IMPRESE ITALIANE DA' UN GIUDIZIO MOLTO NEGATIVO SUL GOVERNO E 95% ATTENDE RISPOSTA DALLE BANCHE PER CREDITO

IL 70% DELLE IMPRESE ITALIANE DA' UN GIUDIZIO MOLTO NEGATIVO SUL GOVERNO E 95% ATTENDE RISPOSTA

martedì 5 maggio 2020
Ricavi quasi dimezzati nel 2020 con il turismo che prevede una contrazione del 66,3%, giudizi in grande prevalenza negativi sui provvedimenti finora adottati dal governo per contrastare la crisi
Continua
 
RIVOLTA DEI TITOLARI DI BAR RISTORANTI GELATERIE ABBIGLIAMENTO PARRUCCHIERI ESTETISTI! 3.000 DANNO CHIAVI NEGOZI A SALA!

RIVOLTA DEI TITOLARI DI BAR RISTORANTI GELATERIE ABBIGLIAMENTO PARRUCCHIERI ESTETISTI! 3.000 DANNO

mercoledì 29 aprile 2020
MILANO - Regole chiare su come riaprire. Questo chiedono, oltre alla riduzione delle tasse locali, i commercianti milanesi. Tremila di loro, per lo piu' titolari di bar, ristoranti e gelaterie, ma
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INCHIESTA / L'ALTRA FACCIA DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS: IL TRACOLLO DELL'ECONOMIA A LIVELLO PLANETARIO

INCHIESTA / L'ALTRA FACCIA DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS: IL TRACOLLO DELL'ECONOMIA A LIVELLO
Continua

 
MENTRE IL CORONAVIRUS SI AFFACCIA IN EUROPA, LA UE E' DILANIATA DALLA FAIDA SUI SOLDI PER COPRIRE IL ''BUCO'' BREXIT

MENTRE IL CORONAVIRUS SI AFFACCIA IN EUROPA, LA UE E' DILANIATA DALLA FAIDA SUI SOLDI PER COPRIRE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

INSEGNANTI PRECARI ILLUSI E TRADITI DAL GOVERNO CONTE, TUTTO

25 maggio - ''Polpetta avvelenata di Conte a Pd e LeU durante la trattativa sul
Continua

FONTANA:ZERO DECESSI IN LOMBARDIA E' DATO POSITIVO MA NON

25 maggio - MILANO - ''La cosa che mi rasserena e' il numero dei nuovi contagiati
Continua

L'ACQUISTO DI BTP ''ITALIA'' DEDICATI AI RISPARMIATORI PRIVATI HA

19 maggio - Gli ordini del retail per il nuovo BTp Italia hanno superato i 4
Continua

SALVINI: 120 NAZIONI DEL MONDO CHIEDONO SPIEGAZIONI ALLA CINA, E

19 maggio - ''Ci sono 120 paesi al mondo, in tutto il mondo, in tutti i continenti,
Continua

FONTANA: D'ACCORDO CON ZAIA, ABBIAMO DOVUTO FARE DA SOLI CONTRO IL

19 maggio - MILANO - Il governatore lombardo Attilio Fontana, in collegamento su Rai
Continua

IERI VENDUTI 4 MILIARDI DI BTP ''ITALIA'' AI RISPARMIATORI OGGI 1

19 maggio - MILANO - Parte forte anche la seconda giornata di collocamento, sempre
Continua

SALVINI: AVEVO RAGIONE, ALTRO CHE MES, BOOM ACQUISTI DEGLI ITALIANI

18 maggio - Il leader della Lega, Matteo Salvini, commenta la partenza ''a razzo''
Continua

TOTI: LIGURIA NON HA MAI CHIUSO, ADESSO RIAPRIRE I CONFINI

18 maggio - GENOVA - ''La Liguria non ha mai chiuso: i suoi porti hanno sempre
Continua

PERQUISIZIONI IN CORSO DEL ROS DEI CARABINIERI NELLA SEDE ONLUS

15 maggio - FANO - Perquisizioni in corso, da questa mattina, da parte dei
Continua

DIMISSIONI A CATENA AL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA: TUTTA GENTE DI

15 maggio - ''Prima le dimissioni di Basentini, capo del Dap, ora quelle di Baldi,
Continua

FONTANA: TEST SIEROLOGICI INUTILI PER SINGOLI, SONO TEST

15 maggio - MILANO. ''I test sierologici sono inutili per cittadini singoli che non
Continua

GOVERNATORE FONTANA: MES? E' PERICOLO ESTREMO, STESSI SOLDI IN

15 maggio - MILANO - ''La vedo come una situazione di estremo pericolo perche' le
Continua

IN GERMANIA IERI 101 MORTI DA COVID 913 NUOVI CONTAGIATI

15 maggio - BERLINO - I casi di coronavirus in Germania sono saliti a 173.152
Continua

IN GERMANIA DIMINUISCONO I MORTI DA COVID MA AUMENTANO I CONTAGI

14 maggio - BERLINO - La Germania registra 89 decessi per Covid-19 nelle ultime 24
Continua

QUESTO E' IL MOMENTO DI FARE LA FLAT TAX PER SALVARE L'ITALIA

14 maggio - ''La proposta di taglio fiscale l'abbiamo messa nelle mani del governo,
Continua

BANKITALIA: L'IMPATTO DEL CORONAVIRUS SULL'ECONOMIA SARA' ENORME

12 maggio - ROMA - ''I dati disponibili sulla fiducia e le aspettative di famiglie e
Continua

RIPRENDONO A CRESCERE I CASI DI COVID IN GERMANIA: DA 357 A 933 IN

12 maggio - BERLINO - Crescono i casi ed i decessi per coronavirus in Germania.
Continua

GERMANIA: SALE ANCORA LEGGERMENTE L'INDICE DI CONTAGIO, ADESSO R0 =

11 maggio - BERLINO - In Germania il tasso di riproduzione del contagio da
Continua

TOTI: LA DISOCCUPAZIONE POTREBBE RADDOPPIARE, ECONOMIA DEVE

11 maggio - GENOVA - ''La produzione industriale e' crollata del 30%. Turismo e
Continua

UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI: DATI ISTAT MOSTRANO UN DISASTRO

11 maggio - Secondo i dati resi noti oggi dall'Istat, la produzione industriale a
Continua
Precedenti »